I pericoli della trombamicizia

06 luglio 2019 ore 21:38 segnala
La trombamicizia, di tutti i rapporti che ci possono essere tra un uomo e una donna (o più uomini ed una donna o più donne ed un uomo) è quello migliore.
E si, certo, anche tra uomo e uomo, donna e donna, ecc.

Almeno secondo me.

Consente di mantenere la propria indipendenza e di scegliere se e quando scopare.
E poi scopi una persona con la quale hai un buon rapporto, che conosci e che sa capirti, sa farti ridere o ti sa ascoltare come solo un vero amico è in grado di fare.
E, come un vero amico, ti vuole bene e desidera la tua felicità ma...non sempre è così.

Secondo due ricercatori, che anni fa condussero uno studio su alcuni studenti della Michigan State Università, la trombamicizia è pericolosa perché "alla fine uno dei due inizia sempre a provare il famoso "qualcos’altro" che mina l'equilibrio instaurato e porta alla difficoltà di comunicare, a scapito del feeling che li ha tenuti uniti per tanto tempo e reso l’amicizia così speciale."

Io ho iniziato la mia carriera di trombamico piuttosto tardi.
Fino al 2005 le mie relazioni extra erano più che altro delle "one night" con tipe conosciute in discoteca o magari qualcosa di un pochino più duraturo con ragazze che pensavano di accasarsi e, infatti, di quelle storie non ho più traccia.
Quando sono diventato ufficialmente un trombamico, invece, le cose sono cambiate.
Ho avuto storie di sesso durate anche anni con ragazze single che cercavano l'amore della vita.
Loro sapevano che io non ero single e che non avrei lasciato la Morosa.
Mi hanno confessato tutte, sia le single che le impegnate, che mi avrebbero voluto come uomo "ufficiale" (tranne una che non mi avrebbe voluto solo perché avrebbe poi dovuto sopportare troppe corna) ma alla fine il rapporto è rimasto sui binari della trombamicizia.

È stato pericoloso?
No, almeno non per me e credo nemmeno per le mie trombamiche.
Mai rotto il cazzo o messo il naso nella loro vita.
Loro mi chiamavano quando volevano uscire: una cena, un paio di drink e poi sesso e coccole fino all'alba, tutto molto semplice.
Credo mi trovassero piacevole come persona con la quale chiacchierare e anche fare sesso.
Poi le nostre strade si sono separate: molte di loro hanno trovato un fidanzato e io sono stato il primo a complimentarmi con loro e in modo sincero.
Altre, magari, sono diventate mamme o semplicemente non se la sono più sentita di tradire il proprio uomo o hanno trovato di meglio, non lo so.

Per un momento smetto i panni di "Calimero" e dico che si, penso di essere stato, tutto sommato, un buon trombamico, infatti oggi con molte di loro sono rimasto un amico anche se non scopiamo più.
E non credo di essere così speciale; ho semplicemente fatto quello che mi piaceva:
mi piace chiacchierare e anche ascoltare, ad esempio, non do consigli se non sono richiesti, non giudico, sono discreto nel senso che i cazzi nostri restano cazzi nostri, non sono geloso o possessivo e non pretendo nulla.
Sono sinceramente interessato alla persona che frequento, al suo benessere ed ai suoi orgasmi.

Alla fine, grazie al sesso, ho trovato persone con le quali ho instaurato un'amicizia vera e sincera e, grazie all'amicizia, ho scoperto doti nascoste di alcune persone e anche loro, a quanto pare, sono rimaste soddisfatte.
Quindi riesco ad essere un buon trombamico...ed a guardarmi non si direbbe eh…

187a9d86-aede-429b-b4ff-23961b83f27e
La trombamicizia, di tutti i rapporti che ci possono essere tra un uomo e una donna (o più uomini ed una donna o più donne ed un uomo) è quello migliore. E si, certo, anche tra uomo e uomo, donna e donna, ecc. Almeno secondo me. Consente di mantenere la propria indipendenza e di scegliere se e...
Post
06/07/2019 21:38:47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. Evelin64 06 luglio 2019 ore 21:50
    Un racconto onesto, di uno stile di vita certo, ma sicuramente meno discutibile di coloro che usano le persone solo per egoismo... quindi si', se rimane in questi parametri, di pericoloso non vi è nulla :-)
  2. Cunnitheone 06 luglio 2019 ore 22:07
    Se provi piacere nel dare piacere, non necessariamente o non solo sessuale, concordo con te: nulla di male.
    Credo a volte ci sia molto più egoismo in alcuni rapporti "seri", regolati non da un rapporto di amicizia e di reciproca soddisfazione sessuale ma dal timore di stare soli o dalla necessità di formare una famiglia per una sorta di convenzione sociale.
  3. Evelin64 06 luglio 2019 ore 22:09
    ...chiamiamola anche ipocrisia va'.... poichè tale è :ok
  4. Cunnitheone 06 luglio 2019 ore 23:06
    Definizione esatta :ok
  5. liquirizya 07 luglio 2019 ore 11:42
    E' più rilassante, più divertente, si ride di più, si parla di più e non è stressante, non ci si chiede, se il lui o la lei non sta con noi, "che starà facendo? mi pensa? con chi è? e stronzate simili che avvelenano il rapporto!
  6. Cunnitheone 07 luglio 2019 ore 12:09
    Esatto liqui, prendi solo il bello del rapporto. Un po' come con gli/le amanti.
    E visto che stare con qualcuno deve essere piacevole...;-)
  7. liquirizya 08 luglio 2019 ore 13:03
    ...così è se vi pare! :-p

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.