Profezìa

30 agosto 2017 ore 21:06 segnala
Si dirà poi che, quell’estate (2017) fu più calda del sòlito.
Fatto è che,complice la poca piovosità,unitamente alla forte evaporazione, l’acque dell’Adige calarono, tanto da por in visione due bombe, ”rimembranza” di bombardamenti mèssi in atto,dalla (perfida,Ei dixit) Albione sul finir dell’ultimo conflitto mondiale, bombardamenti perpretati coll’ l’intento di rallentar la ritirata delle teutòniche truppe, dal vèneto suolo.
Caso vòlle che, legnaghesi ne’ prèssi passanti, dalle fattèzze, ne riconobbero l’intènto distruttore, le fotografarono, le postarono (ah i social network) menandone vanto.
L’autorità cittadina, venutane a conscenza, pensò bene interpellar chi di dovere, sì da disinnescarle, nell’interèsse (primario,va da sé) della cittadinanza TUTTA.
Il comune, predispose il “Bombe days” , in accòrdo con la protezione civile,la prefettura e la provincia, per i giorni 17-18/9/17.
Fu contattato il reggimento guastatori paracadutisti Folgore,ivi stanziali.
Particolarmente si pregnava d’attenzione,la domenica 17 che, dalle 8:30,nella zona definita “rossa” , dovean esser evacuati TUTTI gli edifici.
All’uopo, in Via Fusinato, in località Terranegra e gli impianti sportivi di Via Albero in località San Pietro, venivano approntati centri “di accoglienza”
(SIC!)
La notizia fe’ ‘l giro, tra l’oti di chi interessato (Ah la politica! Ah ‘l vil peculio)
Consapevoli dell’andàzzo giudiziario-legislativo, misero in atto il passa-parola.
Fu così (nòn in altro modo, checchè ne dica chiunque) che, una masnàda silènte e furtiva, armata di piede-di-pòrco, cacciaviti,martèlli e màzze, prese possèsso degli allòggi (per delibera) vuoti!
Fatti brillare l’ordìgni, i titolari fecero ritorno alla magione…
Nòn è dato sapere come finì.
E’ comunque accertato che, gli “occupanti” han avuto la premura d’aver tra loro, un minorènne (anche più d’uno) e che, i legittimi (a rigor di tasse pagàte) proprietari, ancor s’arrovèllano sul come rientrar in possèsso della proprietà, posto che la legge sugli sgombri, è giudiziariamente “interpretata”
per la serie:
“Costruiremo i ponti”, Promise il questuante di voti.
“Ma nòn abbiamo fiumi” Ribattè uno degli astanti
“ Li porteremo in ‘ste terre” Gli fu rispòsto!

(G.C. Scripsit)
98c14db3-4285-49c5-9c0b-fa5c10109458
Si dirà poi che, quell’estate (2017) fu più calda del sòlito. Fatto è che,complice la poca piovosità,unitamente alla forte evaporazione, l’acque dell’Adige calarono, tanto da por in visione due bombe, ”rimembranza” di bombardamenti mèssi in atto,dalla (perfida,Ei dixit) Albione sul finir...
Post
30/08/2017 21:06:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.