Li chiamano “peccati”

09 febbraio 2017 ore 17:18 segnala
Li chiamano “peccati”. Ma davvero si possono definire così quei momenti che trascorri con quella persona capace di farti sentire viva più che mai? Che riesce a farti sentire la sua necessità anche quando non si è vicini. Che si vorrebbe abbattere tempo e distanza per poter solo incrociare solamente il suo sguardo?
abd1df42-5580-4edf-acb2-4dc91e355f78
Li chiamano “peccati”. Ma davvero si possono definire così quei momenti che trascorri con quella persona capace di farti sentire viva più che mai? Che riesce a farti sentire la sua necessità anche quando non si è vicini. Che si vorrebbe abbattere tempo e distanza per poter solo incrociare solamente...
Post
09/02/2017 17:18:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. leggendolamano 09 febbraio 2017 ore 17:29
    certo ....peccato...peccato mortale non vivere certi momenti.
  2. vagarsenzameta 09 febbraio 2017 ore 17:55
    Il peccato e' un nemico duro a confinarlo. :incazzato :nono1 :gelato
  3. luc.ariello 09 febbraio 2017 ore 18:00
    Per le altre cose posso pagare,
    posso aver pelli che s'increspan,
    schiene che s'incurvan e unghie nella carne
    Per tutte le altre cose, si, posso pagare,
    e restar calmo e quieto mentre scelgo la merce,
    posso chiamarla con il tuo nome o non guardar il colore dei suoi occhi,
    posso guardar la pioggia e vederci solo acqua,
    o non fermarmi su una autostrada per sentire la tua voce.
    Posso pagare tutto,...
    non ciò che sognavo,
    per quello, a sera, ho mille e più scritti:
    basteranno,....

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.