Dieci.

20 ottobre 2019 ore 13:40 segnala
Ella mi mostra una foto di cinque anni prima e quella che si presenta al primo appuntamento è lei, ma 10 Kg dopo.
L’armatura mi salta via come ad Arthur di Ghost ‘n’ Goblins.
Non che mi formalizzi per un po’ di pancia, ma almeno essere onesti.
Non che parlare con lei non fosse piacevole, ma la mancanza d’onestà potrebbe essere l’incipit per ritrovarselo pistato in culo.
Usciamo un paio di volte, ci baciamo bene e lei mi sfiora delicatamente come altre non han saputo fare, ma nulla mi accelera un po’ i battiti.
L’ansia di volerla rivedere e il desiderio di fare cose insieme non c’è, ergo ella non essendo scema, capisce da sola e decide di troncare.
Il problema non è quanto grosso hai il culo, ma è tentare di prendere per il culo.

Levare ogni dubbio.

23 agosto 2019 ore 20:16 segnala
Inutile sprecare tempo con intricati test per il Q.I. , quando il metro che misura l’intelletto di un uomo sono i contenuti delle sue conversazioni in palestra.
“Allora, ma un po’ di figa qui?! Son tutte vecchie…”
“Al locale una volta mentre facevo sicurezza, ho ammartucato di botte un tipo ubriaco nel parcheggio…”
“ (…)avevo chiesto a una figa della madonna informazioni ed ero così infoiato che, una volta arrivato al forno crematorio, ho chiesto al tipo se c’era qualcuna disponibile anche se morta.”

Immaginatevi un tizio con la corporatura di Bud Spencer, che abbisognerebbe una sbarbata da qualche giorno, la cui bocca è un’accozzaglia di denti mal ripartiti in cui purtroppo, è conservata una lingua.
Tolto che quelle “vecchie” benedicono il cielo di non esserti appetibili (come probabilmente buona parte della donne che ti stanno intorno) e che menare qualche nanerottolo alticcio fuori da un locale sia da pusillanime, fossi in te non considererei la necrofilia come una battuta un po’ sopra le righe, quanto seppur ripugnante, l’unica soluzione per trovarti una donna.
Credo che Madre Natura di fronte a tanto scempio, si senta come un ragazzino che ha sfondato una finestra con una pallonata.

These boots are made for walking.

23 luglio 2019 ore 18:54 segnala
Non sapevi se ero un amante o uno scopamico e in accordo con te, potevo interrompere quando volevo.
Ad un certo punto l’ho fatto, perché essere l’amante pregiudica trovarsi qualcuno per se.
Era un anno e mezzo fa.
Con tutta l’acqua passata sotto al ponte ancora ti assilli in pensierini, proposte per andare a bere un caffè e io puntualmente invento scuse per evitare.
Frenare l’incazzatura ed evitare di essere maleducato, diventa difficile.
Sono stato il tuo “scopamico” non il tuo fidanzato, ergo cercati altre scarpe in cui tenere il piede.

Narcisi recisi.

11 luglio 2019 ore 12:27 segnala
Tra di noi funzionava un’unica cosa che era il vero collante del nostro stare insieme.
Vero che altre affinità ci hanno permesso di conoscerci, ma la tua vanità mi accorciava la vita.
Vivevi per regole sociali senza comprenderle e avevi una relazione perché essere nubile è una croce insopportabile di fronte a colleghe, amiche e famigliari.
Incredibile come ogni cosa buona facessi, venisse calpestata dalla tua mania di protagonismo e di come ogni momento positivo dovesse incrinarsi con qualche cazzata.
Spesso sembrava tu godessi a farmi male.
Tranquilla che di fronte a tanta meschinità, ho imparato anche io a farmi furbo e a trarre i miei vantaggi.
Siamo stati a Londra, Parigi, Barcellona, Nizza, Aix en Provence, Perugia e tante volte al mare.
Rimpiango luoghi in cui avrei voluto vivere e abitudini che mi facevano stare bene.
Rimpiango soprattutto, di non averle vissute con qualcuno che mi volesse realmente bene.

c16d7dfc-4592-4b8b-a1e6-c7060ddcb1eb
Tra di noi funzionava un’unica cosa che era il vero collante del nostro stare insieme. Vero che altre affinità ci hanno permesso di conoscerci, ma la tua vanità mi accorciava la vita. Vivevi per regole sociali senza comprenderle e avevi una relazione perché essere nubile è una croce insopportabile...
Post
11/07/2019 12:27:04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Qui gladio ferit...

05 luglio 2019 ore 11:28 segnala
Più che una principessa, una schermitrice .
Affrontare di petto quel branco di stronzi oziosi dei tuoi ex-colleghi, più impegnati a organizzare aperitivi che a prestare servizio decentemente, non ti ha certo impensierita.
Amavo i tuoi capelli corvini, il tuo corpo magro e la tua eleganza, ma poi mi sono ricordato che non ho 27 anni, non so corteggiare e che ho una reputazione di villanzone da difendere.
Mi fa sempre piacere rivederti ,sapere che stai bene e scollarmi dai tuoi abbracci mi riesce sempre difficile.
E’ stato un grande insegnamento il tuo. Del resto, le vere donne con le palle, non sono quelle dei meme.

b3221840-85f2-4a0e-b193-551fa842b656
Più che una principessa, una schermitrice . Affrontare di petto quel branco di stronzi oziosi dei tuoi ex-colleghi, più impegnati a organizzare aperitivi che a prestare servizio decentemente, non ti ha certo impensierita. Amavo i tuoi capelli corvini, il tuo corpo magro e la tua eleganza, ma poi mi...
Post
05/07/2019 11:28:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

The joke's on you.

03 luglio 2019 ore 15:19 segnala
Eccola lì: paladina del sarcasmo, con le sue freddure puntute contro maldestri corteggiatori, fanatici del fitness e delle “panterone” del tacco 12, manco fossero raccapriccianti figure Lovercraftiane.
Peccato che , sotto tutta questa crosta di autocompiacimento, si nasconda una tigre di carta zoppa.
Le infinite chat e il continuare a nascondersi dimenticandosi di avere le palle, è grave quanto gli svarioni grammaticali di quelli che massacra nei meme.
“Eh, ma io ho dei kili di troppo!” : se ne lamenta, non fa nulla e si beffa degli altri.
Da un anno per me é il girone delle “curvy”: Denise, Alessandra, Chiara e Laura.
Tutte morbide, steatopigiche , sicure del proprio essere, vivono un armistizio col proprio corpo pur non amandolo del tutto.
Yoga, personal training e sport, gli strumenti con cui tentano di ricavare salute ed endorfine.
Lei invece, nulla: si infila una maschera da spaccaculo, lancia i suoi velenosissimi dardi e schiatta nella solitudine.
Del resto il nascondiglio del vigliacco, si chiama arroganza.

8aafde33-a998-4d9f-9e42-9ee8f7cb5574
Eccola lì: paladina del sarcasmo, con le sue freddure puntute contro maldestri corteggiatori, fanatici del fitness e delle “panterone” del tacco 12, manco fossero raccapriccianti figure Lovercraftiane. Peccato che , sotto tutta questa crosta di autocompiacimento, si nasconda una tigre di carta...
Post
03/07/2019 15:19:29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Selfishit.

29 giugno 2019 ore 20:29 segnala
Decifrarti è stato piuttosto semplice: quale essere umano organizzerebbe tre giorni di festeggiamento per il proprio compleanno?
Presumibilmente qualcuno con qualche serio problema di egotismo.
Due frasi sono state cruciali:
1. “Oh, ma quante storie ti fai?! Lo sai che per uscire con me, c’è la fila?”
2. “Dai, io sono più bella di Serena!”

Avere amiche tanto per sentirti meglio di loro, indossare tacchi anche se devi andare a far funghi, uscire con un uomo tanto per fargli reggere borse e sentirti corteggiata (tradotto: ”fargliela solo annusare”).
Ah dimenticavo: volontariato e attivismo.
Importanti tasselli della parte che interpreti: del resto ogni persona di successo si spende per una causa, perché non sia mai che ti si possa accusare di non avere un cuore.
Quello sicuro ce l’hai, ma è ancora da capire in quale angolo della cabina/armadio l’hai lasciato a prender polvere.
ce66b83d-62d2-48db-b21a-a32ff2b75f24
Decifrarti è stato piuttosto semplice: quale essere umano organizzerebbe tre giorni di compleanno? Presumibilmente qualcuno con qualche serio problema di egotismo. Due frasi sono state cruciali: 1. “Oh, ma quante storie ti fai?! Lo sai che per uscire con me, c’è la fila?” 2. “Dai, io sono più bella...
Post
29/06/2019 20:29:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

Princifessa.

18 giugno 2019 ore 12:24 segnala
“SE tua mamma ti fa ancora il bagno e ti chiama otto volte al giorno Se non ti radi , sei sovrappeso(troppo) e per arrivare a 180 cm devi mettere i tacchi 12 di tua sorella Se usi il rossetto . Se sul petto hai un tatuaggio di Padre Pio Se sei un poveraccio, un vecchio playboy Se la tua libido è settimanale allora NON sei il mio Principe !”

Ah,bene.
Tu invece, tanto perfetta, a trentasette anni sei ancora sola come un neurone nella testa di un terrapiattista.
Complimenti per l’uso della punteggiatura: sembra mitragliata in mezzo alle parole da un M60 usato da un marine in acido. Nemmeno io saprei fare di peggio.
Maschilismo,omofobia,classismo e violenza grammaticale tutto in una sola presentazione.
Vado a prendere un Imodium.

2a4f3f53-feb5-4cf7-8a95-c0bc2de4c3b0
“SE tua mamma ti fa ancora il bagno e ti chiama otto volte al giorno Se non ti radi , sei sovrappeso(troppo) e per arrivare a 180 cm devi mettere i tacchi 12 di tua sorella Se usi il rossetto . Se sul petto hai un tatuaggio di Padre Pio Se sei un poveraccio, un vecchio playboy Se la tua libido è...
Post
18/06/2019 12:24:31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    8

Hilton night.

16 giugno 2019 ore 12:51 segnala
Dopo tanto chiacchierare, ci siamo trovati.
Fu piuttosto impattante, considerando che mi hai messo ripetutamente in difficoltà e che sei una delle 48enni più belle con cui sia mai uscito.
C’è stato un momento in cui non capivo se era il vino che hai bevuto o se eri così di tuo, scoprendo in seguito che era la seconda.
Dopo una serata in cui mi hai sapientemente tenuto sulle spine, ci siamo addormentati. Ancora dovevo capire a cosa puntavi, mentre la tua graziosa testa bionda accoccolata sulla mia spalla destra si perdeva nel sonno.
Al risveglio tanta attesa è stata premiata e spesso ci penso ancora.

9ecce542-b25a-474a-bcd7-95b64eca608f
Dopo tanto chiacchierare, ci siamo trovati. Fu piuttosto impattante, considerando che mi hai messo ripetutamente in difficoltà e che sei una delle 48enni più belle con cui sia mai uscito. C’è stato un momento in cui non capivo se era il vino che hai bevuto o se eri così di tuo, scoprendo in seguito...
Post
16/06/2019 12:51:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Good guys don't wear Hogan.

14 giugno 2019 ore 13:02 segnala
"Metro e ottanta, amante del vino, senza risvoltini e con un lavoro ben remunerato con tanto tempo libero, che gli garantisca ogni volta che vuole di andare in viaggio.
Che sia uno che ha tanta voglia di fare, che esce sempre, sociale e sorridente.
Tatuaggi che siano carini e colorati."


Ah, il buon vecchio conformismo: sexy e rassicurante.


(Mi mancano i tempi in cui si mangiava una pizza e bastava tu fossi un bravo ragazzo)