Intermezzo.

14 luglio 2019 ore 20:58 segnala








091f8a62-86e9-47fe-8b7a-5d004b2b74a9
« immagine » « immagine » « immagine » « immagine » « immagine »
Post
14/07/2019 20:58:14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

...e il toastar m'è amaro in questa merda.

30 giugno 2019 ore 21:57 segnala
Quando la fetida marea marrone della vita si alza, si ringrullonisce.
Si hanno tresche sul lavoro anche quando si è single e si ha casa propria, si dribblano i lavori più duri perché l’onestà del sudore è demodé , si lavora a gruppetti a tenuta stagna o peggio, ci si cerca un/a collega cui attaccarsi a patella.
Volano pettegolezzi acuminati nei gropponi, ci si tramuta in stronzi dall’oggi al domani senza un processo mentale normale (ma roba toasta, ai limiti della schizofrenia eh!) e chi coordina, incattivita dalle cose di casa, ci manca solo ti faccia pompare di flessioni urlandoti “PALLA DI LARDO!”.
Ergo, non me ne vado via perché me l’hanno imposto, me ne vado via perché in mezzo a tanto sterco non esiste faro, bensì un scoglio che sfonderà la mia pazienza.
Anzi,a dirla tutta,sto già imbarcando acqua.
680b9fbf-fc86-4a75-bcb3-08cdca03cee6
Quando la fetida marea marrone della vita si alza, si ringrullonisce. Si hanno tresche sul lavoro anche quando si è single e si ha casa propria, si dribblano i lavori più duri perché l’onestà del sudore è demodé , si lavora a gruppetti a tenuta stagna o peggio, ci si cerca un/a collega cui...
Post
30/06/2019 21:57:08
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Father and toast.

09 giugno 2019 ore 00:02 segnala
“Prima o poi mollo te, la mamma e me ne vado!” a 13 anni è peggio di un manrovescio mollato da un fabbro.
Ricordo che fino ai 12 anni ti volevo bene, poi tutto deperì man mano che mi crescevano barba e peli.
Presumibilmente ti sentivi come un contadino di fronte ad una terra che non dava i frutti che speravi e io sfortunatamente, non capivo cosa volessi coltivare.
Nulla di quello che tentavo di fare sembrava meritare un incoraggiamento e ogni volta che tentavo di parlare con te , deragliavi fuori argomento alzando la voce.
Tutto questo tumulò toastamente il nostro colloquiare: non ci siamo parlati per vent’anni e quando abbiamo ricominciato, ci siamo massacrati verbalmente.
Disgraziatamente ho capito che ti stavi ammalando e il tempo che hai speso al servizio del sistema sanitario nazionale come infermiere professionale, è stato vano: l’indifferenza e l’incompetenza mostrata da ospedali, ASL e medici di fronte al tuo ingrigire, è stato emotivamente devastante.
Il solo lato positivo in tutto questo è che vederti in quelle condizioni mi ha fatto riavvicinare a te nonostante in vita mia in più di un’occasione, ti abbia rifilato dei vaffanculi che manco in un film poliziesco americano.
Ciao pà!

dc4f44e9-0c11-4945-9d93-960ca10e463d
“Prima o poi mollo te, la mamma e me ne vado!” a 13 anni è peggio di un manrovescio mollato da un fabbro. Ricordo che fino ai 12 anni ti volevo bene, poi tutto deperì man mano che mi crescevano barba e peli. Presumibilmente ti sentivi come un contadino di fronte ad una terra che non dava i frutti...
Post
09/06/2019 00:02:30
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Toast is cheap.

08 maggio 2019 ore 23:40 segnala
Tutto come ai bei vecchi tempi: cena da mammà, 40 minuti di superstrada, pioggia battente e gli afros che fumano spliffoni delle dimensioni di un sigaro in una sala dirimpetto la biblioteca.
Attappo (sì,ho scritto “attappo”) le narici, bypasso la camera a gas che si è venuta a creare e seguendo una rimbombante traccia musicale, arrivo alla saletta concerti.
Ingroppato da un pelame d’ansietà memore di qualche traversia fa, in un primo momento mi sembra di udire il roboare di una drum machine. Fortunatamente scopro essere i Madball quelli in sottofondo e dopo un sospiro di sollievo, mi compro una bibita attendendo l’inizio del concerto.
Apre un gruppo senza infamia e senza lode, seguito da un pirico quartetto mirabolante, autori di una scudisciata hardcore davvero niente male.
Però ero lì per i Bold che, nonostante li consideri i più light della loro scena, quando mettono il NOS detonano il culo.
Con il dimenarsi degli astanti per le sferragliate hardcore dei Bold, lo smottare delle transenne mi fa sognare una rivolta generale con la rimozione delle suddette, che malauguratamente non avviene.
Ottima scelta di pezzi proposti e una toasterrima cover dei Minor Threat e dei Crippled Youth (col turbo), abbelliscono un concerto assassinato da un luogo troppo innamorato della cannabis e poco dell’impetuosità del punk hardcore.
Hardcore, hardcore, sei stato il primo ammmore.

Toast control-parte 2

21 aprile 2019 ore 00:10 segnala
I capelli sono diventati corti, le v**s in tela han preso il posto degli scarponi, la maglia è quella dei 7 Seconds e no, non sono più sballato.
Amici e conoscenti sono scivolati nel cesso della vita e spero sempre che qualcosa o qualcuno, non tiri l'acqua.
Tra chi non è arrivato ai venticinque anni per un ago, chi non è arrivato ai cinquanta per un bicchiere e chi è finito in comunità o è semplicemente ridotto male, “No, grazie” è la locuzione che in tanti anni ho pronunziato più spesso nei confronti di chi mi offrisse qualcosa che non fosse un caffè.
Ergo, se sei “wine addicted” e non ti fidi di un astemio, fai bene: ti dico il cazzo che penso senza spendere un centesimo, le enoteche mi odiano, assicuratori e meccanici pure.
Ma soprattutto considera cosa ho vissuto,prima di non fidarti di me.
28639730-ba6c-4e4a-8777-44420bb28b54
I capelli sono diventati corti, le v**s in tela han preso il posto degli scarponi, la maglia è quella dei 7 Seconds e no, non sono più sballato. Amici e conoscenti sono scivolati nel cesso della vita e spero sempre che qualcosa o qualcuno, non tiri lo sciacquone. Tra chi non è arrivato ai...
Post
21/04/2019 00:10:55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Toast control - parte 1

10 aprile 2019 ore 12:59 segnala
Ero tutto capelli,Doc Martens Oxblood 15 buchi,t-shirt formato pigiama degli Agnostic Front e un po’ sballato.
Avvolto dal fumo di una M***bo* Medium , tracannavo birre rosse e aspiravo qualche cyloom nascosto in un parchetto:passai la mia minore età sottoponendo il mio esile copricino ad un regolare stato d’ebbrezza.
Un bel giorno dopo un aperitivo, tornai a casa storto e in un barlume di lucidità, palesai che i soldi spesi erano stati gettati nel water a danno di una spesa migliore, magari un bel vinile hardcore (punk).
In realtà Bacco con me ci andò leggero, perché al liceo conoscevo chi a pastiglie, speed, cartoni o coca, stava già danzando sullo scivoloso bordo del cesso della vita.
La mia fortuna fu auscultare le parole di un toasto chiamato Kevin Marvelli, il quale mi fece capire che “Drugs make you turn on me-Drugs will not set you free!” e che non volevo un “buzz inside my head”.
Per cui il "buzz" celebrale di Bacco, Tabacco e Maria Giovanna, lo lasciai ad altri, con somma incredulità dei miei amicuzzi.
(continua)
adaad40b-0288-4c19-871d-54b74fedf909
Ero tutto capelli,Doc Martens Oxblood 15 buchi,t-shirt formato pigiama degli Agnostic Front e un po’ sballato. Avvolto dal fumo di una M***bo* Medium , tracannavo birre rosse e aspiravo qualche cyloom nascosto in un parchetto:passai la mia minore età sottoponendo il mio esile copricino ad un...
Post
10/04/2019 12:59:29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Agent Toaster.

04 aprile 2019 ore 12:05 segnala
Mi scrive un’avvenente tizia hipster con tatuaggi, piercings e vestiti chic della nonna, facendomi uno strano indovinello a proposito di un lavoro eroico che si occupa di servire lo stato.
Non essendo il sottoscritto troppo sveglio, non mi viene in mente nulla e “Non so, dimmelo tu” è l’unica cosa che riesco a sfornare.
Ella mi risponde :”il poliziotto”.
Continua dicendomi d’essere una police woman come la toastissima Pepper Anderson, che sono carino e annuisce ad ogni mia interrogazione con “Yessa!”.
Me la immagino spolverare la Beretta calibro 9 con un panno a cuoricini comprato da Tiger, sorseggiando una tazza di thé nero e ascoltando i Franz Ferdinand, pronta ad arrestare chiunque non possegga una scatto fisso.
Verosimilmente dall’altra parte c’è un trollone disoccupato con la canotta unta di sugo, per cui le (gli?) rispondo che ho appena ultimato l’iscrizione ai terroristi e che la nostra storia non s’ha da fare.
Non ci sono più gli artigiani del fake di una volta.

0ec23ad8-0f84-4c61-a63e-1d4ffa390da0
Mi scrive un’avvenente tizia hipster con tatuaggi, piercings e vestiti chic della nonna, facendomi uno strano indovinello a proposito di un lavoro eroico che si occupa di servire lo stato. Non essendo il sottoscritto troppo sveglio, non mi viene in mente nulla e “Non so, dimmelo tu” è l’unica cosa...
Post
04/04/2019 12:05:32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1