_TOASTY!_

14 febbraio 2019 ore 16:27 segnala

Tutte le api vengono al pettine.

Toast ma non troppo.

14 febbraio 2019 ore 16:09 segnala
Una manciata di mesi mi hanno chiarito quanto essere eticamente affini, serva a un toastato cazzo.
Credo che un tale raggruppamento di caratteri di merda ego-pompati di non averlo mai visto manco in “Uomini e Donne”.
Tra quella che vuole un reggi borse cui farla annusare ma con la bernarda a tenuta stagna chiusa a doppia mandata, quella che dopo un cortese “NO” sciacquerebbe l’onta col sangue, quella che “frequento un gruppo di single così, tanto per” e quella che “vengo da una zona depressa e mi attacco al primo pene che passa pur di trasferirmi” , d’esser sempre più convinto che l’eremitaggio non sia un’idea tanto bislacca.
Conversare per il resto dei propri giorni con un pallone da volley su cui sì è dipinto un volto credo dia maggior soddisfazione rispetto il frequentare chi ti invita per qualcosa tanto per raccogliere fondi, ma che nei tuoi confronti nutre lo stesso interesse che una mucca può avere per un palo della luce.
Se poi ci aggiungiamo le penose serate a sessi separati manco fossimo in un oratorio del dopoguerra, direi che tra i tanti dubbi ho una sola certezza: non mi mancherete.

Nazi toast fuck off!

14 febbraio 2019 ore 12:34 segnala

Meno male che crescendo, ha capito che quella maglietta dei "Cacciavite" era buona solo per pulire il pavimento.
MAAAADBAAAL!

Toastus ad canem.

30 gennaio 2019 ore 18:44 segnala
“Lei ha stima del tuo modo di lavorare”.
Avrei voluto rispondere con un’altra frase fatta (tipo ”lo dice a tutti”), ma ho evitato.
Credo che Dante avrebbe dovuto aggiungere un girone per chi adopera frasi fatte, perché sono linguisticamente insopportabili e moralmente deprecabili. I frasifattari tanfano di panzana e annaspano nella contraddizione e normalmente trattano i loro simili come McEnroe trattava la sua racchetta.
Chi ti stima non ti toasta le chiappe a forza di pedate perché a casa si scopa poco, non allontana persone da un gruppo di lavoro a seconda della scorreggia craniale che gli scuote l’encefalo e se proprio deve richiamare qualcuno, lo fa ricordandosi di aver davanti una persona e non un secchio dell’umido.
Ciò nonostante, c’è chi scondinzola felice del proprio masochismo lavorativo.
“Allora, cane, goditi tu i bei pasti.”
e98c4c17-7441-42ab-b2e5-fbc049037b0a
“Lei ha stima del tuo modo di lavorare”. Avrei voluto rispondere con un’altra frase fatta (tipo ”lo dice a tutti”), ma ho evitato. Credo che Dante avrebbe dovuto aggiungere un girone per chi adopera frasi fatte, perché sono linguisticamente insopportabili e moralmente deprecabili. I frasifattari...
Post
30/01/2019 18:44:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Toastoglionito.

07 dicembre 2018 ore 00:28 segnala
Memorizzare non é mai stato il mio forte, la logica qualcosa che il mio cervello non riesce a mettere insieme ed essere sbadato, la seconda sicurezza della vita dopo la morte.
Ripensando a quelle volte in cui essere rinco mi ha portato a vivere toastissime situazioni di comicità involontaria, la scorta di risate esaurisce quando i tuoi svarioni mentali ti portano a fare cazzate su cose importanti.
“Sbadato” è una parola fallica su cui si atterra a chiappe larghe dopo uno scivolone nella doccia delle responsabilità. Sentirsi per l’ennesima volta un idiota e non avere nemmeno una buona scusa con cui farsi scudo ( tipo: “Sai, sono anziano”) , duole parecchio.
Morale: finisco di far la spesa e la cassiera mi allunga una carta del supermercato che non è la mia. Esco dal market e trovo il tizio prima di me informandolo che probabilmente aveva dimenticato la card alla cassa.
Egli controlla il portafogli e palesa che la tessera é la sua.
Penso tra me e me :“Non ringraziarmi, che se tra storditi non ci aiutiamo, possiamo chiudere bottega.”
fe00c407-40cb-4999-bf8a-620e9b130741
Memorizzare non é mai stato il mio forte, la logica qualcosa che il mio cervello non riesce a mettere insieme ed essere sbadato, la seconda sicurezza della vita dopo la morte. Ripensando a quelle volte in cui essere rinco mi ha portato a vivere toastissime situazioni di comicità involontaria, la...
Post
07/12/2018 00:28:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

I'm the toast!

30 novembre 2018 ore 12:49 segnala
Quando manca qualcuno che gestisce le varie et avariate anime di una comunità di persone,fosse essa un posto di lavoro o un gruppo di ballerini di liscio, inevitabilmente l'iniquità, la prepotenza, lo sbraco e il fottersene del vivere civile diventano i quattro cavalieri dell'apocalisse.
Indi ragion per cui in situazioni simili, un sacco di capetti non autorizzati formano le proprie schiere di amici/lecchini con il fine di imporre le proprie regole sul resto della comunità.
Poi un bel giorno, il Capo quello vero, capisce che invece di starsene in ufficio a mangiare toasts e a guardare il muro, é il caso di organizzare una riunione e se ne salta fuori con un roboante: "Il capo non é Tizia, il capo sono io".
Tutto questo ha qualcosa di mistico: minacci l'apocalisse dopo che i tuoi "figli" si sono scannati facendosi la guerra.
I capetti avranno anche le loro colpe, ma é molto peggio chi doveva essere il capo,ma ha preferito passare il tempo ad arricciarsi i peli pubici.

Prenderla sul toast.

23 novembre 2018 ore 21:11 segnala
"Non prenderla sul personale" é la frase più cretina che si possa pronunziare in una stanza colma di animi surriscaldati più di un toastapane attaccato direttamente ad un cavo dell'alta tensione.
Il chioppo che ne deriverà,sarà di proporzioni nucleari e chi stava alzando la voce, si sgolerà ancora più forte e i pensieri smetteranno di essere ragionati a dovere prima di essere espulsi dal cavo orale.
Alla fine, come volevasi dimostare, c'è chi zerbinando i piedi giusti si é accaparrata una fetta di paradiso in cui ogni fancazzismo é concesso.
Peggio però chi attaccando homo zerbinus per mesi, in tempi recenti ha adottato gli stessi comportamenti tentando addirittura di divenirne amica.
Indi ragion per cui non prenderla sul personale, ma dai da mangiare alla coerenza ogni tanto, che la vedo sciupata.
03ac75f4-336b-448a-9588-75421a41440a
"Non prenderla sul personale" é la frase più cretina che si possa pronunziare in una stanza colma di animi surriscaldati più di un toastapane attaccato direttamente ad un cavo dell'alta tensione. Il chioppo che ne deriverà,sarà di proporzioni nucleari e chi stava alzando la voce, si sgolerà ancora...
Post
23/11/2018 21:11:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

The toast sense.

18 novembre 2018 ore 14:51 segnala
Dubbioso se andare ad allenarmi, ho optato per farlo e un brutto toast da mandar giù è arrivato secco come un coppino.
Palesare che allenarmi forse non è più cosa è dura da mandar giù: 10 anni per arrivare alla fine di un percorso sono tanti e probabilmente il continuo rimandare il termine dell’ultimo passo da parte del maestro, doveva forse farmi comprendere che dovevo piantare lì già da tempo.
La testa dura come una minchia in viagra é come raccogliere una saponetta in una doccia dove sono detenuti criminali sessuali, più che una virtù.



Indeciso se andare o meno, ho optato per andare e circa a metà strada ho avuto il dubbio di star facendo una cazzata. Al mio arrivo infatti, il rimbombare di una drum machine e non di una grancassa di batteria, hanno levato ogni dubbio.
Faccio per tornare all’auto quando scopro che due rinco hanno parcheggiato così male da rendere difficile il transito delle auto parcheggiate dopo di loro.
C'é di buono che nel farmi assistere sulla manovra da una tizia, le auto ne sono uscite senza reciproci ricordi sulle fiancate.

Ci son giorni in cui a quel sesto senso che ti suggerisce di stare a casa, conviene alzargli il volume e non metterlo a tacere.
04550669-4609-4340-8ecb-bc99bdc073bf
Dubbioso se andare ad allenarmi, ho optato per farlo e un brutto toast da mandar giù è arrivato secco come un coppino. Palesare che allenarmi forse non è più cosa è dura da mandar giù: 10 anni per arrivare alla fine di un percorso sono tanti e probabilmente il continuo rimandare il termine...
Post
18/11/2018 14:51:27
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment