Il cuore che ride

16 agosto 2017 ore 20:41 segnala

La tua vita è la tua vita.
Non lasciare che le batoste la sbattano nella cantina dell'arrendevolezza.
Stai in guardia.
Ci sono delle uscite.
Da qualche parte c'è luce.
Forse non sarà una gran luce ma la vince sulle tenebre.
Stai in guardia.
Gli dei ti offriranno delle occasioni.
Riconoscile, afferrale.
Non puoi sconfiggere la morte ma puoi sconfiggere la morte in vita, qualche volta.
E più impari a farlo di frequente, più luce ci sarà.
La tua vita è la tua vita.
Sappilo finché ce l'hai.
Tu sei meraviglioso, gli dei aspettano di compiacersi in te.

Charles Bukowsky
ccc78dfa-dda6-4bee-91d0-4bfc63a26707
« immagine » La tua vita è la tua vita. Non lasciare che le batoste la sbattano nella cantina dell'arrendevolezza. Stai in guardia ci sono delle uscite. Da qualche parte c'è luce. Forse non sarà una gran luce ma la vince sulle tenebre. Stai in guardia. Gli dei ti offriranno delle occasioni. Ricono...
Post
16/08/2017 20:41:07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Sui mezzi pubblici

16 agosto 2017 ore 12:01 segnala

Non ho problemi a cedere il posto a sedere alle persone anziane sui mezzi pubblici, ci mancherebbe altro! Se non fosse che, sistematicamente, appena si siedono prima ringraziano, e poi mi attaccano un pippone di dimensioni bibliche raccontandomi per filo e per segno tutti i loro acciacchi, tutto quello che hanno fatto durante la giornata e quello che faranno il giorno successivo. Ecco come una gentilezza si trasforma in tortura. Ovviamente rispondere con un "non me ne frega un cazzo" pare brutto, quindi resto lì, ascolto annuendo, rispondendo con le frasi di circostanza più adatte al momento, facendo attenzione a non provocare ulteriori discorsi, ma intanto la nonnina di turno è partita in quarta e non si fema. E mentre continuano a parlare, e dentro di me sbuffo come un bufalo esasperato, mi sento un vero stronzo perchè penso che con ogni probabilità quella sarà la fine che farò io, solo che ai poveri cristi che mi cederanno il posto racconterò di quella volta che ho sfidato la foresta immerso nel fango per vedere il mio gruppo preferito, o quando per scavalcare una transenna mi sono quasi spezzato una gamba, o quando mi sono visto David Gilmour a meno di un metro. Li vedo già, faranno finta di ascoltarmi e intanto penseranno "ma quando s'azzitta sto vecchio? e poi, chi cazzo è 'sto "David Gilmour?". Eh sì, ci vuole pazienza, prima o poi avremo bisogno anche noi di qualcuno che ci ceda il posto, qualcuno a cui raccontare i cazzi nostri perchè "in famiglia" non li vuole più ascoltare nessuno.


I vecchi sulle panchine dei giardini
succhiano fili d'aria a un vento di ricordi
il segno del cappello sulle teste da pulcini
i vecchi mezzi ciechi
i vecchi mezzi sordi

( Claudio Baglioni - I vecchi)

d5051382-8b47-4cd8-8332-40de6a1e5447
« immagine » Non ho problemi a cedere il posto a sedere alle persone anziane sui mezzi pubblici, ci mancherebbe altro! Se non fosse che, sistematicamente, appena si siedono prima ringraziano, e poi mi attaccano un pippone di dimensioni bibliche raccontandomi per filo e per segno tutti i loro accia...
Post
16/08/2017 12:01:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Sognare

16 agosto 2017 ore 09:59 segnala

Chissà stanotte se sognerai una donna, che sulle ali del cielo ti porti verso un sogno da realizzare.


Nessuna fata stanotte ha abitato i miei sogni. Quanto lo avrei desiderato. Invece di nuovo quel viso del passato...

La vita è bella

15 agosto 2017 ore 22:21 segnala

“Bella... diciamo simpatica”. Pensò tra sé e sé. Ma il suo sorriso era contaggioso, e rimase in silenzio ad ascoltarla. Sarà che alle volte una risata regalata fa meglio di un bicchiere di vino e il suo sapore sembra più dolce di un “Bacio Perugina”. Rinfresca l’arsura dei pensieri, distende le rughe scavate dalla stanchezza. “Credo proprio che sto per innamorarmi...” si disse sottovoce. Rimase così, a bere le sue parole trasparenti come il suo sguardo. La luna li trovò abbracciati. E il sole, svegliandosi, fece più piano del solito per non disturbarli.
bcf58f83-db29-4a0f-a1db-079b72e63c8b
« immagine » “Bella... diciamo simpatica”. Pensò tra sé e sé. Ma il suo sorriso era contaggioso, e rimase in silenzio ad ascoltarla. Sarà che alle volte una risata regalata fa meglio di un bicchiere di vino e il suo sapore sembra più dolce di un “Bacio Perugina”. Rinfresca l’arsura dei pensieri, d...
Post
15/08/2017 22:21:55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Asocial network

15 agosto 2017 ore 20:08 segnala

Dopo tanto girare a vuoto nel nulla della rete torno sulla mia pagina nera, lontana dai vari "a cosa stai pensando?", "mi piace questo elemento", "sei stato taggato" e "diventa fan". Intendiamoci, Facebook è divertente, se sei uno che ama avere 4015 amici, se non vedi l'ora di riallacciare rapporti con persone che non vedi da una decina d'anni, se il termine social si sposa con il tuo carattere.
Io al massimo posso far parte di un asocial network, di amici ne ho pochi pure nella vita reale e mi rammarico che non esista l'opzione "sti cazzi" oltre a "commenta". Tutto sommato la novità, dopo tutto questo tempo a girovagare, è che non ci sono novità, se devo sfanculare qualcuno/qualcosa tanto vale continuare a farlo qui... dopo tutto questa è casa mia e qui comando io!
bae2692d-75ae-418b-9d64-962aabfea8ac
« immagine » Dopo tanto girare a vuoto nel nulla della rete torno sulla mia pagina nera, lontana dai vari "a cosa stai pensando?", "mi piace questo elemento", "sei stato taggato" e "diventa fan". Intendiamoci, Facebook è divertente, se sei uno che ama avere 4015 amici, se non vedi l'ora di riallac...
Post
15/08/2017 20:08:14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Un giorno

15 agosto 2017 ore 09:08 segnala

Un giorno i tuoi occhi incontreranno quelli di un uomo che ti farà sobbalzare il cuore, più di quell'arcobaleno svanito di già. Perchè è cosi che stanno le cose, un giorno il tuo cuore avrà un altro nome da custodire, un'altro volto da figurare nella penombra della tua cameretta. Altre braccia ti faranno sentire al sicuro, un'altra voce ti sussurrerà ciò che meriti di sentirti dire. Un giorno, spero non molto lontano, ti risveglierai felice perchè nessun demone avrà invaso i tuoi sogni per rubarti la luce degli occhi belli che hai. E quel giorno l'arrivo del nuovo arcobaleno farà sembrare miseri e sbiaditi i colori del primo.
482c1e47-db77-4351-baf2-268e6a922bfe
« immagine » Un giorno i tuoi occhi incontreranno quelli di un uomo che ti farà sobbalzare il cuore, più di quell'arcobaleno svanito di già. Perchè è cosi che stanno le cose, un giorno il tuo cuore avrà un altro nome da custodire, un'altro volto da figurare nella penombra della tua cameretta. Altr...
Post
15/08/2017 09:08:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

A Francesca

14 agosto 2017 ore 16:29 segnala

Sei la mia miglior amica, lo sei da così tanto tempo che non rammento momenti importanti della mia vita in cui tu non sia stata presente, di persona o di cuore.
Quello che ci lega non può essere raccontato, ce lo ripetiamo in ogni abbraccio, attraverso i miei occhi che sanno, attraverso i tuoi che comprendono.
Non ci siamo mai giudicati, mai rimproverati: viaggiamo insieme, semplicemente.
Compagni di cadute e di voli.
Sei la donna migliore che conosco, te lo scrissi in un biglietto di auguri di molti natali fa.
Ieri sera, mentre accarezzavi tuo padre che pativa nel suo letto di dolore, mentre lenivi il suo male fisico con le tue dita di figlia ho ringraziato Dio per due doni: di averti incontrato sulla mia strada e di non essermi mai innamorato di te, nemmeno ai tempi dell’adolescenza, sai perché?… perché se il mio bene di amico tracima l’argine dell’immaginabile, il mio amore di uomo non sarebbe mai potuto finire.
Stà accadendo qualcosa che non possiamo impedire, putroppo sta accadendo di nuovo.
Una volta mi scrivesti che “ Insieme ” è la nostra unica alternativa.
Ed io allargo le braccia.
Eccomi: il tuo dolore troverà ad attenderlo anche le mie spalle.
b7685d99-875e-4921-ad34-2c88519f9ba8
« immagine » Sei la mia miglior amica, lo sei da così tanto tempo che non rammento momenti importanti della mia vita in cui tu non sia stata presente, di persona o di cuore. Quello che ci lega non può essere raccontato, ce lo ripetiamo in ogni abbraccio, attraverso i miei occhi che sanno, attraver...
Post
14/08/2017 16:29:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Nuvole... sempre in movimento...

14 agosto 2017 ore 09:51 segnala

Una mattina dai contorni tenui, in una cornice di verde e azzurro, un uomo ubriaco stava sdraiato su un prato guardando il cielo. Sembrava borbottare qualcosa mentre si asciugava il sudore dalla fronte. Un bambino, passando lì vicino e vedendo la strana scena, si sedette a fianco all’ubriaco e disse: “Buon giorno signore, cosa sta facendo?”. L’uomo non rispose.
“Dico a lei. Disturbo?”
L’uomo smise di borbottare. Girò piano la testa guardando il bambino con faccia cupa.
“Marmocchio, non sai quello che hai fatto. Sto contando le nuvole e con il tuo stupido chiacchiericcio mi hai fatto perdere il conto...”
“Ma come si possono contare le nuvole?”
“Basta fissare il cielo e iniziare a contare. Ma da qualche tempo sta diventando sempre più difficile. Quelle maledette non smettono mai di muoversi e di confondermi le idee... Ok. Ora sta zitto. Ricomincio. 1, 2, 3...”
Il bambino restò un attimo silenzioso a pensare. Poi si sdraiò anche lui. E iniziò a contare.
Dopo qualche minuto, un uomo distinto passò di lì, e vedendo quella scena, anche lui, non potè fare a meno di chiedere cosa succedesse. Quando ebbe spiegazioni dal ragazzino, si sdraiò e anche lui iniziò a contare le nuvole.
Dopo qualche tempo passò un gruppo di corridori che si fermarono anche loro rapiti dal conto delle nuvole. Poi una donna... poi un altro uomo...
25da55d4-9f91-4524-9050-28d90bf4444f
« immagine » Una mattina dai contorni tenui, in una cornice di verde e azzurro, un uomo ubriaco stava sdraiato su un prato guardando il cielo. Sembrava borbottare qualcosa mentre si asciugava il sudore dalla fronte. Un bambino, passando lì vicino e vedendo la strana scena, si sedette a fianco all’...
Post
14/08/2017 09:51:31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

10 di cuori

13 agosto 2017 ore 19:01 segnala

Credo proprio ora tocchi a me. Mi giro Alberto dice “Vedi?”. Sì tocca a me. Alberto se n’è andato, aveva un tris di jak. Non male se si gioca in quattro. Si può bluffare. Ma Alberto non è il tipo che sa bluffare, tantomeno giocarsi bene quel poco che ha.
Alla sua sinistra Sandro, pure lui uscito. Sandro aveva una scala minima. Un bel punto. Dà sicurezza, ma non tanta per darti la sensazione di essere invincibile. Lui, che non fa un passo senza che la moglie gli ponga il piede sul pavimento, ha deciso che era meglio non rischiare. Sandro non rischia...
Ancora più a sinistra, di fronte a me, il Pircibaldi, l’avvocato Pircibaldi. Lui sì che è un giocatore. Gli basta una grattata sospetta ad un orecchio, la pupilla dilatata, e lui ti legge dentro. Lui sa quello che vuole, e sa prenderlo. Mi guarda dritto negli occhi quando dice “Duemila”. Indosso il mio sguardo "nonmifaipaura" e abbasso gli occhi sulle carte. Ho due dieci, due assi, un sette di fiori. Scarto il sette e pesco. Sento una scossa attraversarmi la spina dorsale, quando da dietro il bordo bianco dell’asso, sbuca un silenzioso dieci di cuori. Full di dieci. Non male. Pircibaldi osserva muto i micromovimenti del mio viso. “Questa volta caro amico,” inizio a pensare, “questa volta non ce la farai. Te lo smonto io quel sorriso sicuro. Te lo faccio vedere io chi sono. Già pregusto il tuo sguardo sgomento, il tuo volto umiliato...”. Mai come in questo momento ho avvertito il gusto di sentirmi capace, mai come in questo momento mi sono sentito vincente, sicuro di me. Se chiudo gli occhi suona nella mia testa “Nino non aver paura, di tirare un calcio di rigore...” Ed è così dolce questo sapore di vittoria che viene dal basso, da chi ha sudato per imporsi. Nella vita in fondo, basta solo volerle le cose, lottare per averle. E io ho scartato quel sette. Io ho preso la decisione di puntare a fare un full. Ho voluto la vittoria.
Sguaino un sorriso a serramanico.
“Vedo. Full di dieci”.
“Mi dispiace, full di donne. Coglionazzo”.
35b4e0d3-74d1-4440-8708-ab137aac0a73
« immagine » Credo proprio ora tocchi a me. Mi giro Alberto dice “Vedi?”. Sì tocca a me. Alberto se n’è andato, aveva un tris di jak. Non male se si gioca in quattro. Si può bluffare. Ma Alberto non è il tipo che sa bluffare, tantomeno giocarsi bene quel poco che ha. Alla sua sinistra Sandro, pure...
Post
13/08/2017 19:01:27
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    1

La foto

13 agosto 2017 ore 08:30 segnala

La foto mi ritrae mentre passeggio con aria naturale davanti ad una chiesa di chissà quale paese. Guardo sorridendo l'obiettivo, in uno scatto racchiuso in un'inquadratura diagonale, che esaspera la dinamicità dei miei movimenti. Sembra il racconto di un momento felice di vacanza. Ma il protagonista di questa foto non sono io, né la chiesa dietro di me, né le persone che mi scorrono intorno. Il soggetto di questo scatto si trova nella distanza che c'è tra l'obiettivo e me, tra i migliaia di pensieri che come un mare allagano lo spazio che circoscriviamo. Tu hai scattato di sbiego per distrazione, noncuranza. Chissà a cosa pensavi... E io sorrido di noi, non della vacanza. La foto questo non lo racconta. Lo so io. E la magia, è tutta lì.
ea6d4625-417e-4712-bc89-8475d51a73e9
« immagine » La foto mi ritrae mentre passeggio con aria naturale davanti ad una chiesa di chissà quale paese. Guardo sorridendo l'obiettivo, in uno scatto racchiuso in un'inquadratura diagonale, che esaspera la dinamicità dei miei movimenti. Sembra il racconto di un momento felice di vacanza. Ma ...
Post
13/08/2017 08:30:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    2