bicchieri colmi di pensieri rotti

18 marzo 2014 ore 10:04 segnala
Certezze che crollano:ero convinto che un trasponder trasmettesse sempre e comunque e non potesse essere spento.Evidentemente non è così.Resta incomprensibile come un aereo possa sparire così.

Putin,Gheddafi,Bush,Mangano,Dell'Utri,Craxi,Gelli,Lavitola,D'Addario,Mills,Squillante,De Gregorio and miss dama bianca.Le amicizie contano?

Gas,Petrolio e sbocco sul Mar Nero per la flotta russa. Troppo importante la Crimea.Ed infatti la Russia dell'amico Putin se la riprende nel disinteresse generale mentre grandi e presunti grandi fintamente alzano la voce ma in realtà si girano dall'altra parte. A me ricorda una certa Germania che zitta zitta si annetteva la Cecoslovacchia,l'Austria per poi catapultarsi in Polonia...

Odio gli alibi. Non sopporto il non sapersi prendere le responsabilità e scaricare le colpe sempre su qualcos'altro. Ora va di moda attaccare l'euro causa di tutti i mali a detta di tutti coloro che non hanno argomenti ma sanno fare populismo alla grande,da Berlusconi a Grillo passando per Renzi,la Lega e svariati altri cani sciolti. E' come se uno senza patente sale su una Ferrari e percorrendo una strada piena di buche e tortuosa si schianta contro un albero. Ovviamente la colpa sarà data all'albero!

Mi sono rotto il cazzo. Osservavo questa lista Tsipras e alla fine non vi ho visto nulla di nuovo. Mi chiedo se ce la farò a morire guardando una forza di sinistra che non sia leninista,i cui membri non vivano su Marte pretendendo di sparar cazzate valide vita natural durante. Una sinistra che guardi ai miei problemi e non faccia battaglie ideologiche inutili se non dannose. Una sinistra che difenda si i lavoratori ma anche i precari o gli over quarantenni di cui non parla mai nessuno e che non mi tiri fuori sempre Palestina ,No Tav e pale eoliche che deturpano che ci avete frantumato i coglioni!Sono pessimista. No. Non la vedrò mai. Sono rassegnato. Osservo Grillo e mi dico: non ci posso credere!

Non è questione di bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Il bicchiere è semplicemente rotto

A proposito di Crimea ma anche di Siria e di tutti gli altri conflitti più o meno da audience che ci sono...è da un po' che non vedo e sento pacifici pacifisti arcobaleni manifestare. Ecco perchè una certa sinistra non è più credibile. Dovreste meditare anche su queste cose...

Non c'è che dire...ha imparato molto bene a vendere. Ci ha venduto questi mille euro in più ed ora tutti ad osannarlo in sperticate lodi. Mi ricorda l'altro unto. Due facce della stessa moneta. Peccato che la moneta sia falsa. Mi chiedo quando se ne accorgeranno!
A proposito...quando nascerà un politico che non pronuncerà la parola riforme? Parola da abolire.

Alle parole da abolire oltre a riforme aggiungerei spread,selfie,spending review, femminicidio e endorsement.

Femministe contro. Sta avvenendo semi silenziosamente in alcuni paesi europei. Leggi qui. Tra cui l'Inghilterra. Da una parte un femminismo invasato, convinto a torto, di avere un mandato quasi divino da compiere in difesa di qualsiasi donna, comprese quelle che non vogliono saperne di essere difese perchè a loro volta convinte che esser donne significa prima di tutto essere persone libere,senzienti e autodeterminate; quest'ultime appunto difese da quell'altro femminismo che è sempre più in minoranza. Le prime che inconsapevoli si prestano al gioco della restaurazione mentre le seconde che stremate lottano per conservare quelle libertà a fatica conquistate. Sto con le seconde. Indubbiamente. Le prime sono pericolose oltre che ottuse. Non c'è dialogo. Ma stanno vincendo. Non c'è nulla da fare. Mi trovo sempre dalla parte dei perdenti.
34f4b968-1c5b-4bfa-8085-f3d75139aa24
Certezze che crollano:ero convinto che un trasponder trasmettesse sempre e comunque e non potesse essere spento.Evidentemente non è così.Resta incomprensibile come un aereo possa sparire così. Putin,Gheddafi,Bush,Mangano,Dell'Utri,Craxi,Gelli,Lavitola,D'Addario,Mills,Squillante,De Gregorio and...
Post
18/03/2014 10:04:13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. dealma 18 marzo 2014 ore 21:25
    L'unica cosa che mi sento di dire riguarda il concetto di femminismo. Purtroppo un termine abusato, snaturato, manipolato ad arte per permettere la demonizzazione di ciò che in decenni (secoli?) di battaglie è stato conquistato.
    Le prurigini son certamente da evitare. E tuttavia la pornografia ha toccato livelli di diffusione e di rappresentazione mai toccati prima. La pornografia sta provocando anche tra i minorenni (parlo di bambini e puberi) una vera e propria rivoluzione verso la disumanizzazione dei rapporti. Perciò, pur senza prurigini di sorta, sono consapevole dei danni che la pornografia provoca. E ciò senza mettere in discussione la libertà sessuale e il diritto di autodeterminazione degli adulti.
    Per tutti gli altri argomenti, sì, bicchieri rotti
  2. demonio 25 marzo 2014 ore 11:00
    io non credo che la disumanizzazione dipenda dalla pornografia quanto invece da una serie di fattori sociali e familiari che influiscono pesantemente sulla crescita dei ragazzi.Onestamente io posso dirti che avevo 15 anni quando con i miei compagni ci guardavamo i giornali porno.Li guardavamo tutti i giorni e la notte del sabato appuntamento fisso con le nascenti tv locali che facevano film porno. Nessuno di noi è cresciuto disumano. Certo oggi c'è internet ed è più immediata ma lo era anche prima solo che bisognava alzarsi da una sedia e cercare nel cassetto nascosto dei genitori o scendere all'edicola!In ogni caso resta il fatto che una persona e quindi una donna deve poter essere libera anche di poter scegliere di spogliersi,di far un film porno o la prostituta e che nessun altra persona(uomo o donna che sia) deve poterglielo impedire sulla base di imposizioni morali,religiose o di qualsiasi altra natura.Il punto purtroppo è questo: esistono sempre delle persone che si arrogano il diritto di imporre ad altre persone la loro visione del mondo e questo è ingiusto oltre che profondamente sbagliato.
  3. dealma 25 marzo 2014 ore 11:27
    Ripeto, nessuna prurigine né giudizio morale sulle scelte individuali di adulti consapevoli.
    Il mio intervento riguardava il fatto che la pornografia è ormai accessibile a chiunque e senza nemmeno dover scendere in edicola. Che al limite offriva un filtro.
    Se gli adulti sono liberi di compiere le proprie scelte, i minori (e parlo anche di bambini) non hanno gli strumenti per poter operare tali scelte e per poterle gestire su un piano emotivo.
    Quanto alla disumanizzazione, io credo dipenda anche dalla estrema e incontrollata diffusione della pornografia. Non dalla sua esistenza, nota bene.
    A mio parere vanno operati dei distinguo.
    Io sarei per il libero amore, ma sottolineo il concetto di amore, che è strettamente connesso con quello di rispetto verso l'altro. La pornografia reifica il corpo, e l'altro non esiste come persona ma come oggetto fatto di carne. E' questa la disumanizzazione che viene insegnata a menti non ancora formate.
    Se ci fosse un'educazione sessuale ed emotiva, condotte insieme, allora non ci sarebbero problemi di questo tipo, ma un armonioso sviluppo della persona senza bisogno di imporre regole morali (?). Purtroppo questo non accade.
  4. demonio 28 marzo 2014 ore 12:48
    Mi dai tanti spunti.Comincio dall'ultimo se. Siamo o pretendiamo di essere civili ed evoluti.Mi pare che una cosa del genere non dovrebbe nemmeno essere più discussa ma semplicemente fatta,senza alcun limite religioso.Ieri leggevo che nel Regno Unito il ministero della salute ha dato la direttiva di distribuire nelle scuole preservativi e di permettere che le minori possano accedere all'uso della pillola del giorno dopo anche senza consenso dei genitori. Siamo un paese in cui si può far ciò?
    Si, è accessibile a chiunque ma, lo sono anche tante altre cose per cui perchè demonizzarla?Perchè dovrebbe essere più disumanizzante per un ragazzo vedere un film porno piuttosto che un condannato che si reca dal presidente della repubblica a fare delle consultazioni?Io credo che la prima cosa è finalizzata ad uno scopo,si guarda,ci si eccita e finisce li.La seconda invece(ed è solo un esempio(altri?Genitori che litigano,gente che aggredisce impunemente,guerre più o meno giustificate,religioni ecc ecc)è destabilizzante,costituisce un esempio negativo e, da input essi si disumanizzanti perchè, insegna ad esser disonesti,a non rispettare gli altri e a farla franca.Si la religione insegna anche questo...puoi commettere qualsiasi cosa ma se ti penti poi sarai perdonato. Leggere la Bibbia in alcune parti ad esempio è 1000 volte più destabilizzante che non guardare un film porno!Da una parte si insegna la sofferenza,il dolore,la vendetta,l'ira(si,anche qualche messaggio buono,non lo nego...ma che suona fasullo però)e dall'altra si insegna a divertirsi senza pudore ,a godere di momenti di gioia.Che male può fare ciò?
    Capitolo minori. Anche qui io credo che dobbiamo liberarci di alcuni paraocchi e convincimenti che abbiamo. Uno di questi è che per far sesso o guardar sesso un ragazzo deve diventare maggiorenne.Ma perchè?Dove sta scritto se quella è una cosa che la natura ha deciso che si può far prima?E soprattutto se è una cosa che riguarda una scelta individuale?Io credo che noi si debba distinguere i minori da gli impuberi. E' una distinzione biologica secondo me fondamentale. I primi sono curiosi,sono naturalmente portati ad esplorare e curiosare(lo abbiamo fatto tutti,i nostri nonni ci si sposavano a 16 anni e non erano pedofili...)e a mio avviso gli dobbiamo dare gli strumenti per poter capire,per poter decidere e per poter sopravvivere ma non dobbiamo criminalizzarli o allontanarli dal sesso perchè cosa sporca.I secondi invece che sono di fatto ancora bambini beh...li il discorso a mio avviso è un altro da fare. Non tanto il coprirgli gli occhi(odiavo mia madre per questo quando mi copriva gli occhi davanti a scene giudicate "imbarazzanti")quanto gradualmente abituarli a considerare la sessualità come una cosa normale.Faranno domande,riceveranno risposte e, avranno altri interessi perchè biologicamente e mentalmente ancora non saranno pronti a voler approfondire.Saranno essi stessi insomma che se ne allontaneranno così come si allontanerebbero da una lezione di diritto.Insomma io credo che ci si preoccupi troppo per qualcosa che non dovrebbe preoccupare affatto.
    In quanto alla pornografia credo che ve ne sono di mille tipi e gusti.Ci sarà quella più portata all'esaltazione del corpo ,quella più orientata alla reciprocità.Quella solo esplicita e quella più erotica ma è una questione di gusti personali.Non credo che sia in antitesi all'amore.Non credo nemmeno che debba per forza essere sempre denigrata perchè li non c'è amore.L'amore può benissimo non esserci e con ciò non credo che questo significa che se non c'è amore allora c'è odio e violenza!Se c'è non è nemmeno sesso quindi non ne parliamo.Va condannato e basta. Ma il rispetto ci deve essere e c'è solo che, a volte, in certe dinamiche ci si lascia andare a giochi o si "interpretano" ruoli che ad un occhio esageratamente critico può dar da pensare che non c'è rispetto per l'altro ma non è affatto così!Persino in una cosa lontana da me come il sadomasochismo le persone in questione si rispettano!
    Ma detto ciò sono d'accordo con te ancora una volta che c'è necessità di insegnare ma questi insegnamenti non deve certo darli la pornografia quanto la famiglia,la scuola e la società.Se questi tre gradi di livello insegneranno ai ragazzi che l'essere umano va sempre rispettato allora un ragazzo saprà che se guarda un film e l'eroe ammazza tutti quello è solo un film, che se compra un fumetto e diabolik seduce la contessa per rubarle la collana è solo un fumetto ,se gioca ad un videogame li è solo finzione e se guarda un film porno sta solo guardando una rappresentazione!Ma cosa abbiamo insegnato in questi vent'anni ai ragazzi?Che se rubi e corrompi la fai franca,che se ammazzi esci presto dal carcere,che un immigrato lo ributti in mare,che un senzatetto perde ogni diritto,che più truffi e più sei figo,che l'inganno è lecito, che mentire aiuta ad essere amati e vincenti(da Rubi nipote Mubarak a Letta stai sereno...)e che chi sbaglia pagano gli altri.Questo è quello che ci ha reso disumani.
  5. dealma 28 marzo 2014 ore 13:05
    Hai messo troppe cose insieme, a mio parere, e la cosa può creare confusione.
    Io mi limito (e a questo voglio limitarmi) a parlare della pornografia e dell'influenza che essa può avere su menti troppo giovani e non pronte.
    Lo dico perché lavoro coi minori e vedo l'effetto che la pornografia ha su di loro. Tutte le connessioni sull'etica sociale che tu fai tirando in ballo la triste esperienza politica (e sociale ed etica...) di questi ultimi 20 anni io le condivido, ma da adulta. I ragazzini della "politica" capiscono niente, con pareri che derivano solo dalle posizioni dei genitori. La pornografia, invece, quella sì che li colpisce, portandoli ad avvicinare una dimensione assolutamente naturale, per l'essere umano, ma che loro approcciano attraverso una lente deformante. Questo non vale per tutti, alcuni hanno genitori che li aiutano a capire, insegnanti che li guidano, altri invece hanno esattamente il contrario.
    Solo, ripeto, solo, da questo punto di vista ritengo che la pornografia possa essere profondamente deleteria e andare a peggiorare situazioni già degenerate.
  6. demonio 28 marzo 2014 ore 13:21
    Non so,tu hai sicuramente un ottica professionale e non ho gli strumenti per poterti ribattere.Mi baso solo sulla mia esperienza personale di uno che è stato minorenne e che guardava la pornografia senza mai arrivare a pensare che fosse una cosa brutta così come già allora mi volevano far credere.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.