che incubo...

07 maggio 2009 ore 12:53 segnala
Nel paese di zi Peppe tutto andava come sempre.Le stagioni si susseguivano e si pensava solo al raccolto.A lui la politica non interessava.Per tanti anni al paese le cose andavano bene.Il negozio di mastro Nicola aveva tutto quello che poteva servire.Zi Peppe comprava li le sementi,il concime.Era una brava persona mastro Nicola.Quando zi Peppe non poteva pagare gli prestava i soldi e zi Peppe stava tranquillo.Mastro Nicola era anche il sindaco,una brava persona.Poi però si scoprì che poveretto faceva interessi da usura(così dicevano!)e teneva i prezzi più alti di quelli praticati nei paesi vicini. Il parroco sapeva tutto ma riceveva sempre da mastro Nicola tante offerte e dell'ottimo vino per fare la messa. E così tutti erano contenti,che importava se mastro Nicola si faceva i suoi affari prendendosi lutti gli appalti,a zi Peppe bastava che i suoi raccolti gli dessero da mangiare!

Ma poi al posto di mastro Nicola arrivò dalla città don Pasquale. Era simpatico a tutti. Aveva comprato pure le divise alla squadra di pallone e fatto sistemare il campo di bocce del paese. Si prese anche il negozio di mastro Nicola. I prezzi non cambiarono. Aveva anche la corriera del paese che portava in città. In realtà vi era stata un altra corriera ma inspiegabilmente un giorno era finita nel burrone e così era rimasta solo quella ora. Al paese vicino le sementi costavano la metà ma per andarci dovevi comunque prendere la corriera e con quello che spendevi di viaggio alla fine non conveniva. Si stava bene al paese. Il bar di don Pasquale era sempre pieno.Aveva un pò tutto don Pasquale:la farmacia,la clinica ed anche i trattori per arare. Faceva prezzi buoni e come prima con mastro Nicola ti aiutava se non potevi pagare.Si prendeva anche i pezzi di terra che nessuno voleva!Il frantoio faceva un buon olio che in città vendeva bene.Ma le spese di gestione erano tante quindi si pagava il giusto.Qualcosa rimaneva anche ai contadini che erano contenti così!

Iniziò anche a far pagare giustamente l'acqua perchè dicevano che costava e si disperdeva. D'altronde sarebbe stato un peccato se la piscina di don Pasquale nuova di zecca fosse rimasta a secco!Ma per l'irrigazione dei campi lui ti aiutava sempre e se non potevi pagare al limite si prendeva lui la terra e te la lasciava coltivare. Una gran brava persona!!D'altronde gli affari sono affari e solo i più capaci e meritevoli come lui sapevano cosa fare. La gente come zi Peppe doveva solo preoccuparsi di lavorare e mangiare;la politica era cosa per gente istruita,non interessava a nessuno. Spesso le malelingue dicevano che don Pasquale faceva cose illegali ma non era vero!!Era un bravo costruttore,e del resto le case costruite al posto del parco erano il vanto del paese. Prima c'era il parco ma era tutto in abbandono,spesso prendeva fuoco d'estate ed era un pericolo.Ora che non c'era più tutti erano contenti e felici. C'era scritto anche sul giornale!Si,anche il giornalino del paese era suo. Prima ce n'era anche un altro ma per incuria un giorno andò tutto a fuoco e così ne rimase solo uno. Ma il giornalino diceva che anche quest'anno il raccolto sarebbe andato bene.

Del resto tutto ciò che comprava don Pasquale garantiva sempre pagamenti puntuali.Pagava il giusto e tutti erano contenti.Anche il negozio di alimentari era il suo e c'erano sempre dei prezzi giusti,quando non potevi pagare ti dava lo stesso quello che ti serviva e ti faceva credito.A qualcuno che non poteva pagare gli aveva preso la casa ma dato che era di buon cuore glie la lasciava tenere in cambio di un ridicolo affitto.Anche il veterinario lavorava per lui,ottima persona,appena poteva andava sempre ad aiutare tutti. Prima era del comune ma poi si scoprì che non aveva nient'altro che debiti e le attrezzature ed il furgone erano tutte rotte. Così ci penso don pasquale anche se ora faceva pagare gli interventi. Ora si pagava tutto,ma tutti erano contenti,del resto se non potevi pagare don Pasquale trovava sempre il modo di aiutarti!Lui era sempre sorridente e dava a tutti fiducia.E lui dava lavoro. Pare che avrebbe fatto costruire addirittura un ponte tra i due paesi!Lavoro assicurato per tutti e la fine di tanti disagi.

Certo,per costruire il ponte avrebbe dovuto aumentare le tasse,ma una volta costruito tutti sarebbero stati contenti e lui avrebbe preso i soldi dei pedaggi.Ma del resto alla gente del paese cosa importava?A loro bastava che mangiassero tutti i giorni. La scuola era stata chiusa perchè avevano detto era inagibile e a pericolo di crollo. Ma don Pasquale che era buono aveva messo i suoi locali e li aveva affittati al parroco che adesso li gestiva e faceva studiare di nuovo i bambini!E così tutti erano contenti,del resto quei pochi spiccioli che davano al parroco servivano per mantenere in ordine la chiesa. Era bella la chiesa!Negli anni avevano costruito un bel campanile che si vedeva da molto lontano.E tutti erano contenti.Il signore vegliava su di loro e a nessuno mancava mai da mangiare. Qualcuno malignava che don Pasquale frequentasse molte mogli,ma erano solo calunnie belle e buone. Lui era buono ed aiutava tutti.Anche le mogli.

Spesso le donne andavano da lui a chiedere dei prestiti o dei favori e lui le accontentava sempre.Anche la moglie era buona e del resto non diceva nulla,lei spesso era in città e si sa,gli affari sono affari ed il marito non le faceva mancare nulla!Non si vedevano spesso insieme,ma solo perche lavoravano tanto e gli impegni erano troppi.Non è mica facile stare dietro a tutti ed accontentare tutti!
Anche il maresciallo era contento!Spesso don Pasquale gli faceva dei bei regali...il figlio lavorava al cantiere di don Pasquale come geometra.L'appuntato si doveva sposare ma già don Pasquale per regalo di nozze gli aveva regalato un viaggio tramite la sua agenzia di viaggi!Che brava persona!!Quando qualche maligno metteva in giro strane voci il maresciallo faceva giustamente finta di nulla: si sa,spesso è solo l'invidia che fa parlare la gente!
Anche quando si scoprì che nella cava erano arrivati dei camion con delle cose strane,nessuno disse o fece nulla,del resto il fiume a valle risultava pulito: l'aveva detto il giornale che lo aveva chiesto al maresciallo che aveva fatto fare le analisi da Gennaro. Gennaro lavorava per don Pasquale e stava bene,aveva ance lui una bella casa e sua figlia aveva sposato il figlio di don Pasquale. Tutte brave persone...

Poi mi sono svegliato...per fortuna era solo un incubo!!Per fortuna non vivo in un paese così!!Come sono contento che era solo un incubo!!
10808069
Nel paese di zi Peppe tutto andava come sempre.Le stagioni si susseguivano e si pensava solo al raccolto.A lui la politica non interessava.Per tanti anni al paese le cose andavano bene.Il negozio di mastro Nicola aveva tutto quello che poteva servire.Zi Peppe comprava li le sementi,il concime.Era...
Post
07/05/2009 12:53:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.