Come mai non siamo in grado di apprendere dal passato?

03 ottobre 2014 ore 13:52 segnala
Questa domanda in fondo riguarda molteplici aspetti delle nostre esistenze. A cominciare da quello personale. Commettiamo errori e, a distanza di tempo ne commettiamo di uguali.Identici.Poi se ci spostiamo nel campo allargato del sociale, del politico, dello storico le cose non cambiano. Ogni errore commesso inevitabilmente si riproporrà. Mi viene da pensare che l'essere umano è decisamente incapace di apprendere dai propri errori e dal commetterne di simili. Capirei di nuovi ma di simili no. E' assurdo eppure è così.

Uno guarda la situazione attuale e vede che c'è una crisi economica che è partita dalla speculazione di pochi.Guarda indietro e va a leggersi quel che accadde nel '29 e negli anni seguenti e cosa vede?Vede le stesse cose che si ripropongono oggi come allora. Senti gli "esperti" e ti dicono di rifare le stesse cose che allora portarono ad immani disastri.Idem i politici.Non siamo per nulla furbi eppure se una volta metti la mano sul fuoco a rigor di logica la seconda volta eviti. Se lo fai o sei scemo oppure sei masochista.O entrambe.

Tra i tanti errori commessi nel passato dall'uomo di sicuro uno fra i più idioti è quello della censura. In passato sono stati censurati o messi a tacere scienziati, filosofi,scrittori, scultori e giornalisti.E le motivazioni non hanno alcuna importanza.Quel che importa è che la censura è sempre un atto limitante della nostra libertà. Eppure non lo abbiamo capito. Lo avessimo capito non esisterebbe più ed invece ancora oggi esiste. E non esiste solo in quei paesi considerati "inferiori" o nemici o distanti come i paesi islamici,la Cina o altri. No esiste in varie forme anche in occidente. Esiste in tv,in internet, sui social.

Ed è qualcosa che mi fa incazzare.A prescindere dai contenuti.Non sopporto che ci debba essere qualcuno che si arroga il diritto di decidere al mio posto cosa sia lecito che io guardi o legga o senta e cosa no. Prima leggevo una lista di libri censurati che se non fossero in qualche modo sopravvissuti non avremmo mai potuto leggere (VEDI QUI)ma tanti altri sono andati perduti per sempre. Così come tanti altri capolavori artistici. Oppure penso a quel che la Chiesa e l'Islam hanno fatto nel loro passato bloccando e rallentando il progresso.

Non so ma io lo trovo semplicemente assurdo.Eppure stiamo ripiombando in un mondo del genere in cui, quel che si sta affermando, è una sorta di pensiero unico a cui tutti orwellianamente parlando si debbono attenere. E tutti lo fanno, senza quasi fiatare. Nessuno ha mosso un dito per Assange ad esempio.Ed anzi, molti (ad esempio sui social network) diventano essi stessi censori oscurando altre persone ed i loro contenuti. La stessa italia ha approvato una censura subdola che consente ad un ente come l'Agcom(nemmeno alla magistratura)di chiudere un intero sito qualora con la scusa della violazione del diritto d'autore contenuti sgradevoli non vengano rimossi.Tutto avviene nel silenzio più totale. Mi sto convincendo di una cosa: noi non siamo fatti per la democrazia e la libertà. Noi vogliamo essere dominati e vogliamo che ci dicano cosa fare e come pensare.
b2ae4f68-e068-4b1a-8ac9-3480213e6587
Questa domanda in fondo riguarda molteplici aspetti delle nostre esistenze. A cominciare da quello personale. Commettiamo errori e, a distanza di tempo ne commettiamo di uguali.Identici.Poi se ci spostiamo nel campo allargato del sociale, del politico, dello storico le cose non cambiano. Ogni...
Post
03/10/2014 13:52:40
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. cignonero999 03 ottobre 2014 ore 15:22
    E sì... il Re è Re non per sè ma perchè i cittadini si sentono sudditi...
  2. demonio 03 ottobre 2014 ore 19:00
    La differenza sta nel fatto che il re è furbo mentre i cittadini credono di esserlo!
  3. Hamsho 04 ottobre 2014 ore 13:00
    E' stato piacevole ieri osservare il Tg
    e da Lampedusa ascoltare lo slogan
    "Vergogna !".
    Erano trenta, erano pochi, d'accordo, ma
    l'eco nel cuor d'ognuno
    è arrivatoo.
  4. demonio 04 ottobre 2014 ore 13:17
    Da tempo ho smesso di guardare i tg in cui,trovo irritante,il modo di confezionare l'informazione. Ma se come dici tu, per una volta è riuscito a passar un messaggio non conforme ben venga anche se, ormai, non credo più che questa nazione si possa risollevare.
  5. autopoietica 05 ottobre 2014 ore 11:04
    La cosa che mGgiormente mi lascia basita è il fatto che codesti censori so credono intelligenti, dotati di una mente superiore...
    No, non siamo pronti per la libertà, non la vogliamo; l'unica cosa libera e realmente personale è il pensiero e noi preferiamo che a farlo per noi sia qualcun'altro. È aberrante.
  6. demonio 06 ottobre 2014 ore 12:47
    Si,aberrante è la parola giusta.A volte mi sembra che l'unica libertà che la gente vuole esercitare sia quella del lamento da bar. Ricordo tanti anni fa quando nessuno era democristiano ma tutti li votavano e tanti venivano assunti senza averne ne titoli ne meriti. Noi siamo così.Per lo meno lo è la stragrande maggioranza.
  7. Matt.ssx 11 ottobre 2014 ore 12:36
    POST INTERESSANTE...QUESTA DOMANDA ME LA SONO FATTA ANCHE IO UN SAKKO DI VOLTE..CIAO DEMON
  8. demonio 11 ottobre 2014 ore 12:42
    E son le risposte che mancano! :testata :testata
  9. Matt.ssx 11 ottobre 2014 ore 12:57
    :many
  10. demonio 11 ottobre 2014 ore 12:59
    :lol

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.