Commemorazione o semplice esercizio di ipocrisia?

28 gennaio 2015 ore 12:15 segnala

La giornata di ieri a mio avviso si inserisce perfettamente nella logica che porta milioni di persone a festeggiare il Natale,che ne ha portate anche di più a "jesuischarlare" a vanvera per giorni e che tanto per citarne un altra in cui trionfa l'ipocrisia come l'8 Marzo,porterà di nuovo milioni di persone a fingere di credere in qualcosa in cui, in realtà non credono affatto.

Questa io la chiamo ipocrisia. Questa è ipocrisia.

Sia ben chiaro,non sono certo contro la giornata della memoria.

Personalmente non ne ho semplicemente bisogno perchè determinati valori io li ho nel DNA.Fanno parte di me e non mi serve doverli rispolverare pubblicamente in determinate circostanze.

Certe cose le senti dentro sempre.Tutti i giorni.

Così come non sparerei mai a qualcuno perchè una stupida ideologia me lo ordina allo stesso modo rispetto le persone tutte(a meno che non siano loro a non rispettare me per prime...)tutti i giorni.

E rispettare le persone tutte e tutti i giorni significa non considerare una donna inferiore nei fatti tanto per cominciare.

Ma significa anche non considerare un profugo un terrorista o un criminale.

Significa credere nella convivenza reciproca di popoli e persone.

Significa non credere in nessuna superiorità razziale.

Ecco perchè non credo in queste manifestazioni. Perchè esse stesse diventano strumento per mettersi in mostra da parte di qualcuno.

Ma soprattutto non credo in queste manifestazioni perchè la stessa gente che se ne riempie la bocca poi non ne coglie il senso. Non riflette.

E nei fatti, il giorno dopo, si comporta esattamente come si comportavano i nazisti ed i fascisti.

Da vigliacchi e da ipocriti.

Ed a me tutto ciò da il voltastomaco.

21770be8-9c12-40c8-bd63-c51a98730b1b
« immagine » La giornata di ieri a mio avviso si inserisce perfettamente nella logica che porta milioni di persone a festeggiare il Natale,che ne ha portate anche di più a "jesuischarlare" a vanvera per giorni e che tanto per citarne un altra in cui trionfa l'ipocrisia come l'8 Marzo,porterà di nu...
Post
28/01/2015 12:15:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. cignonero999 28 gennaio 2015 ore 15:13
    Incrementassero l'insegnamento della storia e della convivenza civile invece...
  2. demonio 28 gennaio 2015 ore 17:28
    @cignonero999 quello sarebbe già un passo avanti ma in quanto a sti personaggi...se tacessero farebbero molto meglio!Alemanno ...uno che stava in mezzo ai picchiatori fascisti nelle manifestazioni...Salvini...uno che parla di ributtare a mare gli stranieri e che si oppone alla costruzione di moschee...è come se Cicciolina spiegasse la verginità ad un convegno di suore...
  3. VirPaucisVerbo 29 gennaio 2015 ore 11:10
    Pienamente in sintonia con le tue parole. Aggiungo una cosa. Certa "politica" e gran parte di noi italiani decontestualizza il "giorno della memoria". Infatti questo nasce per commemorare le vittime della Shoa, le leggi razziali, e le vittime non ebree uccise in conseguenza della loro opposizione alle suddette leggi. Tutto il resto (frasi tipo "tutte le discriminazioni" eccetera) tendono solo a buttare nel calderone della follia umana una ricorrenza particolare.
    Perché è palese a tutti che di genocidi non vi è stato solo quello ebraico ma, piaccia o non piaccia, il 27 gennaio quello si ricorda, pertanto sarebbe gesto intelligente pensare a 6 milioni di civili innocenti uccisi nel modo più turpe da un popolo occidentale e civile senza alcun rimorso di coscenza in nome di una superiorità razziale che - come anche tu dici - esiste solo nel cervello malato di chi afferma queste cose.
    Grazie. E buona giornata.
  4. demonio 29 gennaio 2015 ore 16:07
    @VirPaucisVerbo Si certamente la giornata è particolare ed andrebbe rispettata per quel che significa.Il problema è che quel che significa ai più non entra nel cervello e l'indomani sono pronti a far soprusi contro chiunque. A quanto pare non siamo proprio capaci di capire che stiamo tutti sulla stessa terra,minuscolo granello di polvere nell'immenso spazio.
  5. LaRosaBendata 07 febbraio 2015 ore 00:19
    concordo sull'ipocrisia di chi sfrutta la situazione e la posizione per propagandare se stesso arrivando a fare affermazioni talmente lontane dal corrispondere al vero da rasentare il (tuffarsi nel) ridicolo, ciò non toglie che nonostante le distorsioni il messaggio deve arrivare... il ricordo deve rimanere ed essere spiegato e tramandato... per dare la possibilità di conoscere e quindi di imparare a scegliere che è sempre possibile fare "la cosa giusta".
  6. demonio 07 febbraio 2015 ore 11:19
    @LaRosaBendata ma sai, più che il ricordo mi piacerebbe vivere in un mondo in cui si ha la consapevolezza che siamo tutti diversi e pertanto tutti abbiamo il diritto di vivere in pace.Il messaggio è giusto che ci sia e che arrivi ma a patto che non resti fine a se stesso.Insomma non sopporto quelli che a Natale siamo tutti più buoni...e il resto dell'anno?
  7. demonio 07 febbraio 2015 ore 11:19
    ps gran film comunque!
  8. LaRosaBendata 07 febbraio 2015 ore 11:23
    io non sono buona mai... ma ho dei principi... w:-)
  9. demonio 07 febbraio 2015 ore 11:29
    @LaRosaBendata ecco,nemmeno a me appartiene il buonismo.Buono lo sono a scelta, a seconda dei casi e di chi ritengo lo meriti.Ma ho anche io dei principi...non elargisco bontà ma nemmeno cattiveria gratuita...è già qualcosa no?

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.