Commozione sportiva

22 settembre 2014 ore 12:08 segnala
Non parlo volentieri di sport nei miei post ma non lo faccio perchè esso non mi piaccia o per una qualche forma di snobismo radical chic.No, semplicemente non ne parlo perchè in italia manca un certo tipo di cultura sportiva(figlia della mancanza di una cultura generale!) per cui son tutti allenatori,professori ecc ecc ma di fatto non si è sportivi e l'evento in se diventa una questione di stato, un qualcosa per cui partono crociate mediatiche, chiacchiere da bar su fatti ed episodi che esulano dal fatto sportivo in se.

Ecco, questo essere tifosi ad oltranza tipico soprattutto del calcio è una cosa che non sopporto. Vado in visibilio quando vedo come nelle moto o nel rugby tifosi di opposte squadre o di diversi piloti stare gli uni accanto agli altri. Quello mi piace. Lo stesso accade nella pallavvolo. Ma non nel calcio dove per ogni partita la città che ospita l'evento si trasforma fino ad assumere una connotazione da stato d'assedio. Sono cose assurde ed inconcepibili per me eppure accadono. Per cosa poi?Per il pane?Per il lavoro?Per la salute? No...per uno spettacolo!

Va beh, comunque ieri, sportivamente parlando mi sono quasi commosso perchè mentre guardavo la finale di pallavvolo del campionato del mondo tra Brasile e Polonia(paese ospitante la manifestazione) ho assistito ad una specie di favola. E a volte nelle favole vince anche il più debole.Ad inizio torneo nessuno avrebbe ipotizzato che la Polonia potesse arrivare tra le prime sei squadre. Oltre allo strafavorito Brasile(vincitore degli ultimi 3 mondiali) c'erano la Russia(campione d'Europa e olimpico), gli Stati Uniti(vincitori world league),l'italia e squadre in crescita come Iran e Germania.

Ed invece Usa e Italia hanno fatto un mondiale pessimo ritornando mesti mesti a casa anzi tempo e la Polonia che nessuno pensava potesse andare così avanti zitta zitta cacchia cacchia toma toma ieri era in finale a giocarsela. Primo set perso ma poi...poi ha iniziato a giocare e gli stratosferici brasiliani hanno iniziato a perdere le loro certezze mentre 15 mila polacchi erano in visibilio. Beh, che dire,delusione per l'italia sicuramente epperò un grande applauso ai vincitori!Non sempre vince il più forte e lo sport è bello anche per questo.Bisogna imparare a perdere ed a applaudire gli avversari se son stati più bravi.
3ae81dbf-f6aa-4b77-bd96-3307eb6231bd
Non parlo volentieri di sport nei miei post ma non lo faccio perchè esso non mi piaccia o per una qualche forma di snobismo radical chic.No, semplicemente non ne parlo perchè in italia manca un certo tipo di cultura sportiva(figlia della mancanza di una cultura generale!) per cui son tutti...
Post
22/09/2014 12:08:48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. stregaxamore.VE 22 settembre 2014 ore 23:12
    A me piace anche il calcio oltre al basket e la pallavolo , sono tifosissima del milan , da quando ero piccola.Ti do ragione che il calcio è stato rovinato dai soldi è diventato una guerra invece di uno sport.Ma quando il milan gioca bene per me è una vera gioia , peccato che ultimamente non capiti spesso.
  2. demonio 23 settembre 2014 ore 01:13
    Ma lo seguo anche io il calcio anche se non da maniaco come quelli che ne parlano tutti i giorni a tutte le ore!Se c'è una partita e non ho nulla di meglio da fare la guardo e se giocano bene resto fino alla fine altrimenti cambio canale!Sul Milan due pensieri!Per tornare ad un Milan che giocava bene bisogna tornare a Van Basten & company mentre...il fatto che ora giochi male ...beh...vedere la faccia di Berlusconi incazzato non ha prezzo e ciò penso non sia un comportamento antisportivo ma di pura giustizia! :clap
  3. stregaxamore.VE 23 settembre 2014 ore 10:21
    @Demonio

    :many :many :many :many :many
  4. demonio 23 settembre 2014 ore 11:02
    oh yesss!!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.