Il nulla

04 ottobre 2008 ore 15:29 segnala
Siamo abituati ormai a leggere ed ascoltare di tutto. Molte notizie a volte sono inquietanti e ci lasciano un senso di disgusto o di amarezza. Spesso di impotenza. Allora si cerca di "razionalizzare" l'accaduto per cercare di sopravvivere. Uno deve comunque vivere la propria vita e cercando di non essere noi stessi causa di altrui dolore dobbiamo anche cercare di non diventare noi stessi i ricettori di tutto il dolore del mondo. Insomma,per quanto mi è possibile provo a non ammazzare nessuno,a non bombardare nessuno e a non picchiare nessuno. E poco?E quel che posso: facessero tutti così magari sarebbe un altro mondo.

Ma purtroppo non è così e quindi il risultato è che altri uccidono,picchiano,violentano,bombardano e di conseguenza ogni giorno noi siamo di fronte ad un dolore che inevitabilmente colpisce gli altri. Ci dispiace,ne restiamo comunque amareggiati ma sappiamo che non possiamo fare nulla di concreto per porre fine nell'immediato a tutto ciò. E allora con uno sforzo che può apparire cinico andiamo avanti e coltiviamo la speranza che non accadano più determinate cose. Ma la speranza ogni giorno diminuisce e aumenta invece il pessimismo. Leggi la storia e senza alcun dubbio ti convinci che l'umanità è questa: bene e male che convivono da millenni. Come ho detto l'unica è scegliere da che parte provare a stare.

Poi però vi sono delle notizie diverse,del genere che non ti aspetti. Al resto ci sei abituato,in qualche modo le digerisci e le somatizzi. Ma notizie come quella appena letta ( http://www.repubblica.it/2008/10/sezioni/esteri/folla-incita-suicidio/folla-incita-suicidio/folla-incita-suicidio.html )in cui si racconta di come un ragazzo suicida sia stato incitato dalla folla a compiere il gesto minacciato...beh qualche riflessione uno la fa. In questo caso mi chiedo: ma quelle persone che erano li,festose,urlanti e pronte a riprendere la scena nelle loro teste cosa avevano? Qui credo che si vada ben oltre la lotta tra bene e male. Ho l'impressione che tra queste due entità in questi anni se ne stia aggiungendo un altra: il nulla. Magari sbaglio,ma episodi del genere denotano a mio avviso la mancanza di ogni briciolo di umanità.

Non c'è pietà,non c'è compassione,non c'è sensibilità,non c'è etica,non c'è morale,in altre parole non c'è nulla. Un pò come chi lancia oggetti da un cavalcavia o va in strada a picchiare la gente senza motivo. Perchè lo hai fatto? Di solito non ti sanno rispondere o al massimo parlano di noia. Poi il fatto che questa gente spesso e volentieri filma le proprie azioni a me fa pensare proprio che non hanno il minimo contatto con la realtà. Sembrano tutti essere dei personaggi inventati che solo rivedendosi possono dire a loro stessi di esistere. Non so,magari la mia spiegazione è banale ma una cosa è certa: questo nulla che avanza inizia a far paura. Oggi non basta più far qualcosa per provocare il male,oggi anche se non fai nulla rischi di trovarti qualcuno che senza pensare nulla ti massacra e ti mette in rete mentre agonizzi.

Ora,fermo restando che non è certo la rete il colpevole(l'ultima cosa che desidero sentire è una stupida accusa ad internet) bisognerebbe invece riflettere sul perchè tutta una nuova generazione sta crescendo in questo modo. Perchè la vita non ha più nessun valore? Perchè e come mai è venuto meno il rapporto consequenziale tra causa ed effetto di un azione? Sono domande semplici eppure non trovo risposte. Rimane però un profondo senso di disgusto che è aggravato dal fatto che naturalmente non posso far nulla mentre se avessi potuto avrei preso quella gente,messa su un isola(non dei famosi)e gli avrei detto: non sai che fare?Ti annoi?Bene...rimani qui,arrangiati e sopravvivi senza paghetta di papà,senza macchinona,senza cibo e senza medicine: arrangiati ora e vediamo se apprezzerai la vita e ciò che hai!! IDIOTA.

10029636
Siamo abituati ormai a leggere ed ascoltare di tutto. Molte notizie a volte sono inquietanti e ci lasciano un senso di disgusto o di amarezza. Spesso di impotenza. Allora si cerca di "razionalizzare" l'accaduto per cercare di sopravvivere. Uno deve comunque vivere la propria vita e cercando di non...
Post
04/10/2008 15:29:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.