Il tanga secondo Luciana Littizzetto....

15 giugno 2007 ore 15:03 segnala
Ahahah girando tra le mie vecchie cose ho trovato questo appassionato invito della Lucianona nazionale e dato che si avvicina l'estate e ormai il freddo è alle spalle immagino tutte le signore alle prese coi problemi della moda che le vuole tutte belle in forma e somiglianti a veneri brasiliane!!

Donne. Giulive oche giulive. Parti buone delle mele marce che sono gli uomini. Campionesse mondiali di miopia sentimentale. Mi rivolgo a voi e in nome vostro supplico , chiedo e invoco l'abolizione e il divieto assoluto di vendita dei tanga in Italia. Uno stato democratico dovrebbe tutelare la salute mentale della femmina.
Dovrebbe farsi carico di sciagure sociali di questa portata.
Perché i tanga, credetemi, sono un vero flagello per nervi.
Sono un colpo basso al sistema nervoso. Tu prova ad indossare un tanga. Due secondi e sglurb... non lo trovi
più, perché lui va giù, giù,giù, sprofonda come il filo per tagliare la polenta, si inabissa nel dirupo delle chiappe e sparisce all'orizzonte. Risucchiato per sempre. Ma io ve lo dico col cuore : un tanga inghiottito dalle carni è in grado di togliere la voglia di vivere tutto il giorno.
Se, la mattina al posto della bella braga ascellare, quella di cotone con il fiocchettino al centro, quella che era rosa ma col candeggio sbagliato è diventata tortora, e poi rilavata ha assunto un'inspiegabile tinta ardesia e
si è ammollato l'elastico, se al posto della mutanda slandronata in cui ci infili dentro la canottiera, tiri in basso e ci fai sbucare due belle mezzelune, se al posto di tutto questo, indossi spensierata il perizoma, tu sei una
donna rovinata, figlia mia.
Sei una femmina finita che passerà tutta la giornata a disincastrarsi la filura e a suonare col mignolo l'aria sulla quarta corda di Bach. Il tanga, lo dico con cognizione di causa, è un'arma di distruzione di massa.
Il tanga di pizzo poi, quello crivellato di smerli, una vera piaga sociale. E' proprio lo strazio supremo. Perché è urticante. Pizzica, irrita, punge. D'altra parte, son anche 20 centimetri di filo spinato in mezzo alle chiappe.
Come indossare un gambo di rosa. Come infilarsi al posto dello slip un gnocco di cuki alluminio.
E l'aggravante è che sti rosicanervi son pure cari come il fuoco. Minimo 20 euro. Al mercato qualcosa meno, se li compri di simil legno. Altrimenti 20 euro. Quaranta mila lire per un cordino. Per uno spaghetto alla chitarra. Ma a me bastano due euro. Ma io con due euro mi compro un chilometro di corda per le tapparelle e mi faccio le mutande come i lottatori di sumo.
Ma la tristezza vera consiste nel fatto che mentre noi puciunin, per far le favolose soffriamo le pene dell'inferno, loro, i maschi, sotto i calzoni cosa mettono? I boxer.
Bastardi pidocchi. I boxer. Mezzo metro di lenzuolo con il grande cocomero che balla la lambada. I boxer. Una tavella di maglina molle con la feritoia per le uscite di emergenza.
Li odio. Noi dobbiamo andare in giro con un filo del telefono al posto delle mutande e loro belli comodi coi
mutandoni da Stanlio e Ollio. Donne. Fulgide stelle che rilucete nel firmamento delle idiote. Non vale la pena. Non volete desistere?
Allora proverò per voi una pietà infinita.
Luciana Littizzetto
7864858
Ahahah girando tra le mie vecchie cose ho trovato questo appassionato invito della Lucianona nazionale e dato che si avvicina l'estate e ormai il freddo è alle spalle immagino tutte le signore alle prese coi problemi della moda che le vuole tutte belle in forma e somiglianti a veneri...
Post
15/06/2007 15:03:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. yaara 18 giugno 2007 ore 14:12
    Giorno Demonio più che Lucianona nazionale … data la fisicità della Littizzetto .. sia Lucianina ina ina … io penso che il saggio che hai citato sia per lei un un paradosso col quale ricavarci alcuni soldini ... dai è ilare da morire … lei è l’antidonna per antonomasia e su questo ci gioca ma vendendo all’oggetto del tuo post non penso che il tanga sia questo strumento di tortura per noi donne; oltre d essere un indumento molto sensuale (anche se questo è opinabile) anche lei dovrebbe usarlo il suo stacco di cosce risulterebbe più lungo :-)) ma già lo sa, esso è molto utile nella stagione calda ad esempio sotto i pantaloni binchi di lino o cotone … anche se l'unico limite della Littizzetto sia il suo luogo comune verso le belle donne: donna bella uguale oca giuliva ... ma noooooooooooooo su questo ci gioca la Littizzetto è una donna intelligente :ok Un caro saluto ;-) Yaara
  2. demonio 18 giugno 2007 ore 14:43
    Ahahah pure su questo mi devi contraddire!!Ed io allora ti rispondo!!Hai ragione sul fatto che la Letizzetto sia un anti personaggio e giochi proprio sulle sue "debolezze" ma nel caso specifico io mi sono fatto anche una mia idea. Credo che la scelta del tanga o altro sia un fatto che attualmente è indotto dalla moda ma ciò non toglie che ad un determinato tipo di donna non piaccia o addirittura dia fastidio.Per carità...ad ognuna la sua libera scelta però metto in discussione che indossarlo o meno rende una donna necessariamente più appetibile migliorando "lo stacco di coscia".Che sia sensuale a prescindere idem:per me una donna può essere sensuale anche indossando degli stracci. Ciò non toglie che alcune donne con cui ho parlato in vari anni,mi confermano il fastidio e molte lo limitano a poche occasioni. Che una di queste occasioni sia quella in cui si indossano pantaloni lino semitrasparenti...sinceramente a me fa ridere. Faccio questa osservazione:indossi quel pantalone e sotto un normale slip:ok...si vede...tutti sanno che hai le mutande.E' da vergognarsi?Credo di no!!Caso contrario...indossi il filo interdentale...chi guarda non vede che c'è sotto...tutti immaginano o si chiedono se porti le mutande.Mi sembra solo provocatoria come cosa..un deliberato atto pubblicitario in cui una freccia (follow me) ti segue perennemente e lancia il quiz:ma yaara stamattina le mutande le ha messe oppure no??Ahahah...e se uno indovina cosa vince? Infine...il luogo comune verso le belle donne oche...sinceramente da ciò che accade tutti i giorni(vedi vicenda Rai-vallettopoli ecc)uesto non è poi così tanto luogo comune...per carità nulla contro le belle donne...ma è evidente che spesso,troppo spesso le oche vanno avanti e magari belle donne ma intelligenti restano al palo...e le altre il palo invece se lo prendono ar culo...quindi,ben venga la Litizzetto che ci scherza su,ma è anche capace di farsi apprezzare per la sua intelligenza e arguzia in mezzo a tante Marini-Vento-Moric-Blasi-Mertz-Fabiani ecc ecc che apprezzerei un pochino di più se almeno sapessero mettere in fila 4 parole arrivando a costruire una frase elementare di senso compiuto!!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.