In effetti...

06 febbraio 2013 ore 13:00 segnala
Sia lunedì che nei giorni scorsi mi son imbattuto in due barzellette, l'una detta da un comico e l'altra che gira in rete) che mi hanno fatto riflettere e che comunque hanno risvegliato una considerazione che già da tanto tempo avevo fatto sul nostro paese. In pratica si parlava del fatto che non produciamo praticamente più nulla e, perfino nelle cose in cui per secoli ci hanno visti leader nel mondo, oggi siamo superati e compriamo da altri paesi.In effetti è parecchio estremizzata però ha un fondo di verità:

Mario inizio' la sua giornata molto presto, quando alle sei in punto suono' la sua sveglia MADE IN TAIWAN. Mentre attendeva che bollisse l'acqua nella sua bella teiera MADE IN CHINA, si raso' con il suo rasoio elettrico MADE IN HONG KONG. Indosso' una bella camicia a fiori MADE IN SRILANKA e un bel paio di pantaloni di marca MADE IN SINGAPORE, poi le comode scarpe MADE IN KOREA. Si preparo' un tost con il suo tostapane automatico MADE IN MALAYSIA e si mise a far conti con la sua calcolatrice MADE IN USA per verificare quanto avrebbe potuto spendere quel giorno. Sincronizzo' l'ora del suo orologio MADE IN JAPAN con il segnale orario della radio MADE IN INDIA, sali' nella sua bella auto MADE IN FRANCE e parti' - come peraltro tutti gli altri giorni - alla ricerca di un buon lavoro nella sua bella e amata Italia. Giunta sera, al termine di un'altra giornata avvilente ed infruttuosa, Mario decise di rilassarsi un po'. Indosso' le sue ciabatte MADE IN BRAZIL, prese dal frigorifero MADE IN THAILANDIA una bella birra ghiacciata MADE IN GERMANY e accese la televisione 26 pollici MADE IN INDONESIA. Mentre osservava stancamente il notiziario CNN, pensava e non riusciva a capire per quale maledetto motivo non riusciva a trovare un lavoro in Italia.


Allora partendo da li mi son messo a guardare nella mia quotidianità e...Iniziamo dal computer che è HP(Usa ma credo prodotto in Asia), il cellulare Samsung(Corea), orologio non lo porto ma, a casa ne ho uno svizzero, niente sveglia mentre i vestiti che indosso però sono italiani anche se, non son sicuro che tutto venga prodotto effettivamente qui. La macchina è anche lei italiana ma le gomme sono francesi mentre le scarpe che ho con me sono un paio made in China ed un altro italiano.I pantaloni da lavoro che uso sono made in Svezia ed il giaccone invece nostrano. Il tabacco che fumo è inglese, pigiama taywan e televisore giapponese.L'hi-fi idem.La birra che di solito bevo è scozzese mentre quel che mangio è quasi sempre italiano ma anche li a volte non ho la sicurezza assoluta. Ora mi trovo in una casa i cui mobili sono svedesi, tutte le lampade sono olandesi come pure il televisore.Forno italiano e cucina artigianale.

Insomma, grosso modo posso dire che laddove c'è una necessità di acquisto tecnologico inevitabilmente scelgo o scegliamo prodotti esteri ma non per altro...semplicemente perchè proprio non ce ne sono di italici e se ci sono hanno difetti enormi come il costare molto di più ed offrire qualità inferiore. Salvo eccezioni. Ultimamente produciamo uno smarthphone che non sembra malaccio e non costa tanto per esempio. Ma sono eccezioni. Per il resto resistiamo nel cibo e nell'abbigliamento ma perdiamo comunque terreno. Ora, mi chiedo: davvero non sappiamo far nulla di tutto ciò? E non rispondetemi con la balla del salario, dei sindacati e di mille altre scuse che ci ripetono politici incapaci perchè ricordo a tutti che Svezia, Germania, Olanda così come Giappone hanno salari decisamente superiori ai nostri, uno stato sociale certamente migliore ed in Germania i sindacati siedono addirittura nei consigli d'amministrazione delle aziende!Quindi se sto Mario si chiede perchè non lavora in italia...una risposta ci dovrà pur essere!!
f7a3c470-aa46-465d-ad54-11cd724043e9
Sia lunedì che nei giorni scorsi mi son imbattuto in due barzellette, l'una detta da un comico e l'altra che gira in rete) che mi hanno fatto riflettere e che comunque hanno risvegliato una considerazione che già da tanto tempo avevo fatto sul nostro paese. In pratica si parlava del fatto che non...
Post
06/02/2013 13:00:11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.