Io provo vergogna.E voi?

07 febbraio 2009 ore 10:10 segnala
Era una questione di cui non volevo parlare.Non volevo che in questa vicenda dolorosa un altra voce si aggiungesse a disturbare quella che dovrebbe essere solo una dolorosa vicenda privata. Invece,anche grazie alla complicità dei media, il dolore privato e la ragionevole necessità di riservatezza sono state messe da parte in nome dell'audience ed in nome di ipocrisie tutte italiane per le quali bisogna solo provare vergogna ed indignazione.E' contro ciò che me la prendo. Mi viene il voltastomaco quando pur di accontentare una figura viscida come il pontefice io debba assistere a 10 minuti di tg1 vaticano che mostra continuamente foto di una persona che non esiste più da 17 anni;foto mostrate e rimostrate per suscitare nella gente un sentimento di pietà,un pò come se si volesse far pensare alla gente di essere complice in un omicidio quando invece le cose non stanno così.

Ma qualcuno ha mai provato ad immaginare come possa ridursi una persona che da anni è ridotta in stato vegetativo?A parte quel figlio di puttana di premier che ci ritroviamo naturalmente. Lui si...lui ci ha pensato...

“Una persona che potrebbe anche in ipotesi generare un figlio in stato vegetativo”spiega il dottor Berlusconi, dopo avere esaminato la cartella clinica della signorina Eluana Englaro. Fantastica e illuminante ammissione involontaria, questa del Presidente del Consiglio: una donna, per i talebani e per gli opportunisti, è una fotocopiatrice biologica, un apparecchio di riproduzione, semplice terra nella quale buttare un seme e poi vederlo germogliare, senza che la terra stessa, fertile, ma sorda, possa obbiettare. La sua volontà non conta. Le donne, come la terra, non possono decidere se e quando generare, nella visione di questi seminatori assoluti. Il solo fatto che questa ipotesi sia stata pensata, senza avere visto le immagini di quei resti umani che rendono disumano il solo pensiero di una gravidanza, dimostra la desolazione morale e la insensibilità di chi l’ha formulata. Ora quel corpo è stato anche, figurativamente, violentato nella sua intimità più vulnerabile."
(cito V.Zucconi in un articolo appena letto)

Si fa tra l'altro un gran parlare,spesso a sproposito di un altra grande questione che è la violenza sulle donne. Ora mi domando: ma questa cosa che cos'è se non un ennesima violenza? E' una violenza su una donna perchè violenza significa ledere e limitare la libertà di scelta di un individuo ed in questo caso si sta limitando e calpestando la volontà di questa povera  e sfortunata ragazza di essere lasciata morire. Qui si sta davvero esagerando e si arriva a calpestare ogni diritto individuale in nome di una religione disumana.

Non ho un filo logico in questi pensieri lo so,non potrei averli di fronte a quello che sta succedendo prevalgono altri sentimenti. Rimane una certezza(e me ne strafotto se qualcuno mi dirà che certe cose non si augurano a nessuno...)ovvero il desiderio e l'augurio di vedere Berlusconi,il Papa,Formigoni e tutta la pletora di quaquaraqquà imbecilli e servili che li circondano morire tra atroci dolori e sofferenze di una lenta agonia ma da soli in modo che a nessuno possa venire in mente di provare per loro un sentimento di pietà ed arrivare a staccare la spina. Mi vergogno ogni giorno di più di essere cittadino di questo paese.

Ps. per chi non l'avesse capito questo è solo l'ennesimo tassello di un meccanismo che sta giorno dopo giorno limitando e diminuendo la nostra libertà in un continuo percorso che porta alla restaurazione di un totalitarismo subdolo ma non per questo meno reale.Le libertà individuali ogni giorno perdono un tassello ed ora è in atto l'ultimo scontro dove si punta a distruggere l'ultimo baluardo della democrazia ovvero la magistratura. Questo episodio è ancora una volta usato in maniera strumentale per mettersi contro 2 sentenze del Tar del Lazio,uno della corte costituzionale e due della cassazione.Ricordiamoci che avevamo una Costituzione,una delle migliori al mondo e che la stanno stracciando con il consenso di tutti quegli italiani che hanno affidato questo paese nella mano di questi figli di puttana. Vergognatevi tutti e soprattutto...domane non piangete ma fottetevi in silenzio tra di voi,idiote pecore che non siete altro.
10541846
Era una questione di cui non volevo parlare.Non volevo che in questa vicenda dolorosa un altra voce si aggiungesse a disturbare quella che dovrebbe essere solo una dolorosa vicenda privata. Invece,anche grazie alla complicità dei media, il dolore privato e la ragionevole necessità di riservatezza...
Post
07/02/2009 10:10:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.