Ipocrisia

08 settembre 2012 ore 09:30 segnala
Non conoscevo l'etimologia della parola per cui me la sono cercata. Come spesso accade la parola deriva dal greco e stava ad indicare gli attori che per l'appunto simulavano di essere qualcun altro. E così oggi l'ipocrita è colui il quale simula di essere ciò che non è, fa il portatore di buoni sentimenti, quello che ha buone intenzioni verso chiunque, quello che salverebbe il mondo intero ecc ecc, tutto insomma sto recitare per apparire diversi da ciò che si è col fine di trarre in inganno (tipico di molti politici!) o per ottenere simpatia o favori o seguito.

Ed è una cosa che non sopporto tanto più che i miei buoni sentimenti sono ormai ridotti al lumicino. Salvare il mondo? Me ne frego del mondo! Prendermela a cuore per i miei connazionali? Me ne fotto di gran parte di loro, soprattutto di quelli che so per certo non esiterebbero a mettermela nel culo o pugnalarmi alle spalle. No, decisamente non sono un ipocrita e nemmeno un buonista. Lascio i buoni sentimenti per chi li apprezza e merita. Per il resto prevale spesso una voglia di distruzione di massa del tipo: mi tagli la strada facendomi rischiare l'incidente e mi mandi pure affanculo? Bene...avessi davanti il pulsante magico lo premerei senza esitazione e ti disintegrerei. Un attimo. Nessun pentimento. Essere umano quello? Non meritava l'appellativo. Terminato.

Questo sono io. Sempre più intollerante. Ed intollerante lo sono con gli ipocriti. Una delle cose che più mi fa incazzare ad esempio è sentire il cantante per cui lavoro(non farò il nome per rispetto alla mia etica professionale e non per altro) che durante il concerto si fa i suoi comizi. Uno li sente e dice: cazzo che tipo in gamba questo...c'ha ragione!! Che bella persona! Bla bla bla. E tu sei li e lo senti che ricorda due tecnici morti durante le fasi di allestimento di due altri concerti di due altri cantanti, e lo senti che parla di sicurezza e di dignità del lavoro e di tante belle parole. E lo ascolti mentre fa il "comunista" e...e t'incazzi.

Per carità, non ho rapporti di conoscenza diretta, magari è davvero una brava persona però cazzo...fai il "comunista" sessantottino che parla di donne e liberazione delle donne e ti sbatti una diciottenne che potrebbe essere figlia di tua figlia! Fai quello che racconta di precarietà e ti metti in tasca settantamila euro (che cazzo ci devi fare con tutti sti soldi alla tua età che solo di diritti di S.i.a.e. potresti campare di rendita per due vite? ) e permetti che i tuo tecnici si facciano il culo lavorando con 40 gradi o sotto la pioggia e le cui misere paghe sono ferme da dieci anni!Arrivi e manco li saluti i "tuoi" tecnici.

La verità è che non te ne frega nulla e tutto ciò che dici lo dici per clichè, sei solo un simulacro di te stesso, ad ogni concerto ripeti ad uso e consumo di chi ti ascolta la solita recita, ipocritamente tieni banco e una moltitudine di ipocriti ti applaudono senza nemmeno rendersi conto di quello che fanno. Odio questo mondo di falsità. Odio soprattutto dover ammettere a me stesso che sono diventato cinico ed intollerante e che, sopporto solo per il quieto vivere e perchè, onestamente non dispongo di quelle armi di distruzione di massa istantanea che spesso invoco. E attenzione...non crediate che esiterei ad usarla anche su me medesimo: non credo affatto di essere migliore!Ho un unico merito: non sono un ipocrita.
303d4bc0-8ed1-4d8a-a24c-de86decdbe7a
Non conoscevo l'etimologia della parola per cui me la sono cercata. Come spesso accade la parola deriva dal greco e stava ad indicare gli attori che per l'appunto simulavano di essere qualcun altro. E così oggi l'ipocrita è colui il quale simula di essere ciò che non è, fa il portatore di buoni...
Post
08/09/2012 09:30:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. zakspadaccino 08 settembre 2012 ore 13:26
    sfogo il tuo + che comprensibile,se devo dirla tutta sono daccordo con te,purtroppo si vive in una società dove x poter andare avanti si è costretti a dei compromessi. Buona giornata zak
  2. demonio 10 settembre 2012 ore 10:14
    personalmente i compromessi li digerisco male e quando li accetto mio malgrado esprimo comunque sempre il mio eventuale disaccordo. Insomma,credo che basti poco per non essere ipocriti!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.