La pace non ha nè bandiera nè colore

14 gennaio 2009 ore 16:09 segnala
Sarò lungo quindi anche noioso ma vorrei provare ad esprimere un parere neutro,non fazioso e lontano da chi segue una corrente senza porsi altre domande o senza leggere la storia.

La storia è fatta dagli uomini si dice ma non è del tutto vero. La storia è fatta da certi uomini che in determinati momenti occupano i vertici delle piramidi. Son loro che fanno la storia e son sempre loro che muovono i popoli in determinate direzioni. Spesso gli interessi che spingono questi uomini fan si che i popoli vadano l'uno contro l'altro anche se non ve ne sarebbe bisogno. Spesso queste azioni seguono un apparente logica di causa ed effetto. Tu hai fatto questo ed io allora ti faccio questo. E la spirale innescata non si ferma mai. I popoli credono di combattere per un ideale,per un pezzo di terra o per una bandiera. Addirittura scendono in campo le varie chiese ed i vari dio a sostenere le tesi degli uni e degli altri. I popoli vengono manipolati e ciò a cui credono non sempre corrisponde ai loro interessi.

La cosa assurda è che spesso ai vertici di quelle piramidi siedono persone che non odiano affatto i vertici che siedono nelle piramidi avversarie! No,in genere essi costituiscono un mondo a se stante,lontano dalle loro genti che naturalmente ne sono all'oscuro. Prendiamo l'impero del male che dichiara guerra all'altro impero di satana: gli attori sedevano negli stessi consigli di amministrazione,si scambiavano dollari gli uni con gli altri eppure mai nessuno ha pensato di prendersela con Bush&Osama ed i loro accoliti. No,finti odi dichiarati,ignoranza pianificata nelle masse e nei mass media e via...occidente contro medioriente e via a perpetrare il solito teatrino della guerra mentre loro...loro vedono costantemente aumentare i loro profitti. Anche ora...anche ora che vi è finta recessione vi è chi già pone le basi per futuri nuovi affari,chi compra un pezzo li,chi un altro la e la loro vita dorata continua mentre le masse volutamente rese idiote continuano ad odiarsi gli uni con gli altri. Nord contro sud,est contro ovest tutti pronti ad odiare il nemico che vogliono farci odiare.

Chiaramente poi vi sono guerre e guerre. La maggior parte delle guerre combattute per altrettanti futili motivi ma che fanno morti veri(e tra i morti sempre innocenti)non interessano a nessuno. Sono guerre di serie b,guerre che non vanno nei tg,guerre per cui nessuno scende in strada a bruciare bandiere o a invocare la pace.Ve le mostro:
http://it.peacereporter.net/articolo/10083/
Dietro questo atteggiamento che per me è ipocrita si assume un atteggiamento colpevole. Si,colpevole perchè se si è per la pace allora lo si è sempre e comunque e non solo quando il nemico ci sembra più antipatico. In questi giorni ne ho sentite tante. Addirittura vi è chi giudica quasi giusto l'olocausto. Vi è chi paragona uno stato che,immune dalle sue colpe fa una guerra di rappresaglia certamente sbagliata e dura con la Germania nazista. Quanta confusione!Quanta disinformazione che vedo. Quanta faziosità!

Iniziamo col dire che la Germania nazista così come l'italia fascista ed il Giappone imperiale hanno dichiarato guerra a mezzo mondo perchè avevano nella loro ideologia il mito della superiorità della razza ed il desiderio di dominare il mondo. Diciamo anche che chi vi si opponeva non era certo l'ultimo dei santi e che l'imperialismo di paesi allora dominanti come Inghilterra e Francia non era certo meno odioso per i popoli che sottomettevano. Ma la storia come ho detto è fatta da quelli che in determinati momenti hanno le redini del comando e sono loro che per i loro interessi fanno e disfanno confini. A voler recriminare per ogni confine che il popolo avrebbe voluto in un modo ed invece è finito in un altro dovremmo fare guerra tutti. La realtà dei fatti è che nessuna guerra e nessuna rivoluzione risolve mai nulla. Di sicuro non si può paragonare Israele con la Germania di Hitler e non si possono paragonare i campi di sterminio con i campi profughi. Son cose diverse.Le une non giustificano l'esistenza delle altre.

Mi si obietterà che allora la guerra al nazifascismo è stata giusta. Idealmente parlando si ma dato che la storia ci dice che per i popoli non cambia nulla,anche se avessero vinto loro il popolo sarebbe rimasto al suo posto,avrebbe continuato a produrre,lavorare,divertirsi,vivere e morire. Magari vi sarebbe stato un altro sviluppo etico e morale,magari altre guerre,ma la massa tutto sommato avrebbe continuato a servire dei padroni. Ma alla massa non puoi dire ciò,alla massa devi dare degli ideali in cui credere altrimenti la massa non ti segue...si disperde e non la controlli.
La verità poi non interessa a nessuno e nemmeno interessa il fatto che mentre si parteggia per gli uni gli altri crepano. E' un po' il paradosso di Robin Hodd:se rubasse ai ricchi per dare ai poveri poi questi ultimi diventerebbero ricchi e gli altri poveri così dovrebbe poi rubar a questi per ridare agli altri. Non se ne vien più fuori.

Ma brevemente andiamo alla questione palestinese di cui tanti si riempiono ora la bocca senza nemmeno conoscere il perchè la gente è arrivata ad odiarsi e farsi la guerra.
Tutto nasce con la fine dell'impero Ottomano che controllava quella zona. Fino ad allora nella zona di Gerusalemme,ma in tutto il mondo arabo era più o meno così,vivevano insieme ebrei ed arabi e financo cristiani. Sembra impossibile eppure non è difficile pensare che chiunque pensi solo a farsi i cazzi propri ed alla sua famiglia non abbia nessuna difficoltà a vivere a fianco ad un altro che pensa le stesse cose ma che venera un dio secondo altre modalità. Se non fosse per altri interessi superiori noi ancora staremmo ad odiare gli austriaci,francesi e tedeschi ancora starebbero a combattere per l'Alsazia e spagnoli e inglesi si azzufferebbero per Gibilterra!Ed invece ciò che solo 70 anni fa era utopia qui è realtà. Nessuno qui ha più confini. Perchè non dovrebbe accadere anche altrove?

Comunque l'impero si dissolve sotto le bordate dell'occidente e Francia ed Inghilterra assumono il controllo di quella che sarà in futuro una zona strategica sia per la presenza del canale di Suez che per le riserve petrolifere presenti in medioriente. Questo a me,questo a te...e inizia il risiko e la tragedia dei palestinesi che ancora non lo sanno però. Quel che sanno è che molti ebrei sparsi per il mondo hanno deciso di riunirsi ed iniziano a comprarsi pezzi di terra. Terra che beninteso ai palestinesi nemmeno interessa,zone semi desertiche prive di ogni importanza. Zone che però il danaro che è in possesso a quei primi coloni rende abitabile. Ma fin li nessuno dice nulla. I guai iniziano con i tentativi di cambio di dominazione. Infatti arrivati alle soglie della seconda guerra mondiale Italia e Germania aspirano al controllo del mediterraneo e del medioriente.

E chiamali fessi...li c'era il petrolio. Ma se non fessi questi sono idioti poiché parallelamente hanno intenzione di prendersi anche i soldi di quelle famiglie ebraiche che per anni avevano accumulato fortune in Europa grazie alle banche. E si perchè la morale cattolica e protestante impediva alle persone “normali” di fare certe attività che finirono tutte in mano ebraica. E questi di soldi ne fecero tanti. Ma non si poteva dire che erano i loro danari che facevano gola. No,si inventò la questione razziale,una grande puttanata in seguito alla quale furono sterminati milioni di innocenti. Ed oggi c'è anche chi nega o minimizza...pazzesco!)Ma attenzione!!Molti stessi gerarchi nazi fascisti erano essi stessi di origine ebrea!!Quisquillie! Ciò non fermò gli interessi dell'asse. E quegli interessi infatti vennero perseguiti ed usati anche per scardinare dall'interno il controllo Inglese in medioriente.E visto che li ormai vi era un cospicuo numero di ebrei usarono i palestinesi e gli arabi intorno per agitare le acque ponendo le basi per una finta questione palestinese,popolo di cui agli arabi confinanti non è mai importato una mazza.

Ma la guerra poi la vinsero gli altri,con l'aggiunta di due terzi incomodi che però avrebbero preso loro le redini del nuovo ordine mondiale. Con la vittoria dei nuovi”eroi” sovietici ed americani fu ridisegnato ancora una volta il mondo...questo a te,questo a me...questo lo controllo io questo tu. E fu anche detto che doveva nascere lo stato di Israele e che a fianco avrebbe avuto quello di Palestina. Questo fu detto sulla carta,ratificato dalle nazioni unite. Un mondo nuovo forse? Ma che,vecchi interessi e nuovi padroni si sono fatti avanti. Ora non sono più gli stati o i re a comandare ma sono nuove e potenti multinazionali che comandano su tutti. E usano le stesse strategie. Mettono gli uni contro l'altro per ottenere vantaggi. E così hanno deciso che quella zona deve rimanere turbolenta perchè solo così possono speculare su petrolio e armi. Ed allora ecco che si semina odio,si armano e addestrano gruppi terroristi e si semina morte all'interno di Israele.

Questi che fanno?Questi reagiscono e lo fanno più volte prendendosela con chi?Con i veri responsabili forse? No,sono gli stessi che vendono anche a loro le armi! Se la prendono naturalmente con chi non c'entra nulla così come fanno i terroristi che piazzano bombe in mezzo alla gente comune. Ma non contenti quelli che seminano odio spingono altri imbecilli a costruire case nelle zone occupate,zone che dovrebbero essere restituite ma che se lo fossero provocherebbero una sciagura ovvero la pace. Nessuno vuole la pace ed allora si ammazza uno come Rabin che la pace la voleva. Si fa in modo di cambiare maggioranze e si torna alla destra che come al solito cieca e stupidamente stolta attacca chi certo non può reagire e la spirale di odio riprende vita,con gli israeliani che torneranno indietro e i terroristi di Hamas o di Hezbollah che subito dopo metteranno altre bombe e lanceranno nuovi missili.

La domanda che nessuno si pone e che ame da molto fastidio è: possibile che la gente normale non si accorge di essere presa per il culo? Possibile che anche qui vi è gente che inneggia ad una parte o all'altra e non si rende conto che tutto ciò è deleterio per chi invece avrebbe bisogno di pace vera?
Possibile che questi due popoli debbano continuare a pagare per colpe non loro un prezzo che è altissimo per una guerra stupidissima? Possibile che non si riesca a capire che la terra è una ed i confini che ci siano o non ci siano non ha nessuna importanza se chi vi vive non impara a vivere e non impara che i suoi nemici sono sempre e comunque quelli che sono in cima alla piramide e non quelli che sono a fianco? No,l'uomo non imparerà mai perchè l'uomo è pecora e senza un pastore che lo guida si perde. Non imparerà mai perchè non ha voglia di imparare.Tante parole,tanta retorica ma la verità è che l'uomo ama odiare.L'uomo vive per odiare. E allora si,bruciate bandiere,prendete anche voi parte a questo carnevale organizzato e odiate perchè solo così vi sentirete assolti e partecipi.

A me non me ne frega un cazzo,io sto con la povera gente sempre e comunque ed alla povera gente non interessa nessuna bandiera,la povera gente vuole solo vivere,come te,come me,come tutte le persone normali di questo mondo e se ne strafregano se ti chiami abdullah o yosueh!
10454241
Sarò lungo quindi anche noioso ma vorrei provare ad esprimere un parere neutro,non fazioso e lontano da chi segue una corrente senza porsi altre domande o senza leggere la storia. La storia è fatta dagli uomini si dice ma non è del tutto vero. La storia è fatta da certi uomini che in determinati...
Post
14/01/2009 16:09:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.