Le bugie ed il potere...

18 maggio 2007 ore 13:23 segnala
Non solo in italia abbiamo chi racconta bene le bugie,certo il nostro nano è un campione di razza,ma anche fuori non scherzano(i vari Bush,Blair,Putin ne sono gli emblemi). In questo caso però me la prendo con una delle famose multinazionali(corporation) che coi loro fatturati ormai hanno un potere sovranazionale e influiscono sulle nostre vite. La famosissima Microsoft in questo caso. Probabilmente non interessa a nessuno,ma forse vi sfugge il pericolo rappresentato da un colosso monopolista mondiale che non solo ha di fatto il controllo dell'informatica mondiale,ma con le ultime acquisizioni e tentativi(yahoo) di fatto cerca il controllo della rete. Tralascio naturalmente le critiche al suo winzozz visto che è sotto gli occhi di tutti il suo palese non funzionamento cronico. Ma sulle bugie che raccontano è bene fare un pò di chiarezza,perchè ora che alzano la voce contro la violazione dei loro brevetti e dell'open source...rasentano il ridicolo!! Tanto per cominciare...dovrebbero spiegare al mondo che loro per primi hanno fondato la loro fortuna partendo da un atto di pirateria informatica bella e buona!!All'inizio,sui primi PC,girava solo il loro DOS che era un discreto sistema operativo senza pretese,fatto di oscure istruzioni per iniziati. Poi però,la Apple presentò il suo rivoluzionario concetto di GUI ovvero un interfaccia grafica che potesse aiutare l'utente medio. Fu un successo iniziale,ma fini presto in quanto il loro sistema operativo(innovativo e migliore) aveva un prezzo. Furono aggrediti da Microsoft che copiò tale soluzione,rivestendo il Dos di una grafica accattivante e invadendo il mercato con copie pirate. Se vi ricordate,all'inizio il windows era reperibile anche in farmacia o al mercato,non costava nulla e nessuno ti chiedeva royality o ti controllava licenze!!Era tutto studiato... Nel tempo,si sono appropriati di ogni programma che altri avevano fatto(gestione posta,navigazione,editor di testo,data base...tutto!!!) e pian piano hanno iniziato a foraggiare le ditte produttrici di computer costringendole di fatto ad una simbiosi macchina-software che significa monopolio assoluto e significa privare il mercato di un vero confronto a favore di sistemi migliori. Ora,dopo anni di pirateria(quella vera,non quella di chi scarica una canzoncina!!)sono arrivati al punto che decidono loro cosa tu devi fare col tuo pc,decidono loro come limitare la tua licenza d'uso,decidono loro che se cambi sistema operativo perdi garanzia hardware,assistenza e molte cose non ti funzioneranno,decidono loro il prezzo finale di ogni macchina. Per inciso,sappiate che windows pre-installato non è un regalo,ma lo state pagando e anche se nel contratto di licenza d'uso(che nessuno di voi mai vedrà)c'è scritto che potete andare dal venditore e chiedere il rimborso dei soldi se non siete d'accordo con l'utilizzo del loro prodotto...in realtà,ciò è un operazione impossibile!! Certo,l'utente medio queste cose non le sa e non le deve sapere(e l'informazione ci pensa benissimo a non dare notizie)e la politica è sempre in prima fila quando foraggiata da tangenti può strillare contro il mondo dell'open source. Adesso,la battaglia è iniziata e si prevedono tempi duri visto che schiere di avvocati,giudici e politici corrotti sono ormai tutti schierati per decretare la vittoria di questa banda di ladri e la sconfitta di tanti onesti programmatori che mettono a disposizione del mondo il loro lavoro e la loro passione per migliorarsi di continuo. Va ricordato che open source non è sempre sinonimo di gratis,ma significa condivisione del sapere. Microsoft invece non condivide un bel nulla e l'unica cosa a cui è interessata è il controllo totale del pianeta ed un conto corrente sempre più astronomico. Ecco comunque la prima mossa e le ridicole affermazioni in cui il bue grida cornuto all'asino: Steve Ballmer accusa: "La comunità del software libero deve stare alle regole del gioco". E minaccia un'azione legale per le "royalties" Microsoft attacca il mondo open source "Hanno violato 235 nostri brevetti" [Ahahahah 235 brevetti??Ma quando mai ne avete fatto solo uno!!] Steve Ballmer ROMA - "Viviamo in un mondo che rispetta la proprietà intellettuale, e la comunità open source deve stare alle regole del gioco. Il cosiddetto free software infrange 235 brevetti appartenenti alla Microsoft. Questa situazione deve finire". In un'intervista rilasciata al magazine Fortune, Steve Ballmer, Ceo della Microsoft, lancia un'offensiva senza precedenti contro il mondo del software libero. E minaccia di ricorrere alla legge per far rispettare i brevetti e far pagare le "giuste royalities" a chi usa Linux e molti altri programmi rilasciati sotto licenza Gpl. Se la Microsoft dovesse proseguire su questa linea, il software "libero" rischia di cessare di esistere. [CONTINUA:http://www.repubblica.it/2006/09/sezioni/scienza_e_tecnologia/microsoft4/microsoft-brevetti-open/microsoft-brevetti-open.html]

7809531
Non solo in italia abbiamo chi racconta bene le bugie,certo il nostro nano è un campione di razza,ma anche fuori non scherzano(i vari Bush,Blair,Putin ne sono gli emblemi). In questo caso però me la prendo con una delle famose multinazionali(corporation) che coi loro fatturati ormai hanno un potere...
Post
18/05/2007 13:23:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.