Non capisco.

05 luglio 2011 ore 10:27 segnala
Mi piacerebbe che a rispondere fossero persone del Piemonte,magri proprio della Val di Susa.In genere ho delle convinzioni e sostengo fino in fondo le mie idee.Stavolta,pur avendole sono pieno di incertezze. Da un lato mi dico che dotare il paese di una rete di trasporti moderna sia una necessità e anzi,penso che la necessità andrebbe estesa anche alla dorsale adriatica,ad una ramificazione che colleghi anche Palermo a Roma in AV e alla necessità che si realizzi se non un alta velocità almeno una velocità normale e non ottocentesca nei collegamenti Adriatico -Tirreno. Queste sono le mie convinzioni per altro nate da una necessità logica di diminuire in un ottica di sistemi di trasporto integrato il traffico su gomma e il traffico aereo per le tratti brevi.

E allora mi domando perchè ci si oppone a questo genere di infrastrutture? Io non lo capisco. Potrei capire se chi si oppone lo facesse perchè vi sono irregolarità amministrative,tangenti,di progettazione,perchè non vi è un adeguato studio di impatto ambientale,perchè l'opera sarebbe una cattedrale nel deserto e quindi inutile ma da quel che sento chi vi si oppone non cita nessuno di questi motivi se non un semplice NO TAV...semplicemente non la vuole. Ma se io dico un no a qualcosa ne spiego i motivi e la motivazione è il risultato di una analisi tra vantaggi e svantaggi. Come per il nucleare.Ero da sempre contrario ma sulla base di valutazioni obiettive ed inconfutabili.

Bene,su questa infrastruttura invece non trovo una motivazione plausibile e quindi non capisco. Capirei di più se mi dicessero: siamo contrari all'opera così com'è perchè la gestirà Trenitalia e la condotta di questa società è vergognosa tanto più che i suoi treni sono abbastanza "normali",altro che alta velocità mentre i suoi costi sono alti a fronte di servizi scadenti.Ecco,questo si che lo capirei. Ma nemmeno questa motivazione ho sentito. Quindi mi piacerebbe sapere perchè no.Attendo fiducioso di capirci qualcosa...
e2e8a38c-4d08-4b2e-9aa6-2687c1b8ce8d
Mi piacerebbe che a rispondere fossero persone del Piemonte,magri proprio della Val di Susa.In genere ho delle convinzioni e sostengo fino in fondo le mie idee.Stavolta,pur avendole sono pieno di...
Post
05/07/2011 10:27:19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. Mel56 17 luglio 2011 ore 19:11
    Credo sia una causa meramente politica, oltre che di provincialismo imperante molto marcato nel popolo italiano. Qui tutti badano al proprio orticello, vogliono la modernizzazione, ma che non li tocchi direttamente ed è questo che foraggia l'ottica politica. Se una persona sente che questa innovazione crea problemi (veri o presunti che siano) non sta molto a pensarci, dice subito NO. e pensano: "Al diavolo la TAV, se la vogliono che se la facciano a casa loro" Questo non è altro che il provincialismo sopra citato che magari involontariamente fa comodo a chi ha altri obiettivi. Dobbiamo capire che l'Italia è un Paese da svecchiare se non vogliamo diventare il ripostiglio d'Europa.
    Mel*:)
  2. demonio 17 luglio 2011 ore 20:33
    Sono fra i pochi che credono che prima che prendersela con i nostri politici noi tutti dobbiamo prendercela prima di tutto con noi stessi.
  3. Mel56 17 luglio 2011 ore 21:27
    Prendersela con la politica ed i politici va benissimo, se questa e questi non rispettano le aspettative di chi li ha votati o semplicemente non fa gli interessi del proprio Paese, e concordo con te sul fatto che si deve aprire la mente. Come la classe politica deve imparare a farlo, noi dobbiamo comportarci da cittadini responsabili. Chimera? Ho paura di si!
    Mel*
  4. demonio 17 luglio 2011 ore 23:27
    molti,forse troppi penso che sono proprio come chi li rappresenta ed è per quello forse che siamo in pochi ancora a prendercela con gli uni e gli altri!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.