Nuove tecnologie:interessano qualcuno?

30 maggio 2008 ore 10:36 segnala
La tecnologia e il progresso che la ricerca scientifica compie hanno sempre attirato la mia curiosità. Soprattutto negli ultimi cinquant'anni la tecnologia ha prodotto risultati inimmaginabili soltanto un centinaio di anni fa. Se pensiamo ai circa 4 milioni di anni di evoluzione umana,ciò è ancora più clamoroso: in milioni di anni i progressi sono stati lenti...il fuoco...la ruota...l'agricoltura...le costruzioni...la scrittura...ma solo negli ultimi due secoli l'accellerazione del progresso umano ha prodotto questa mole di risultati che,nella stragrande maggioranza dei casi,restano sconosciuti ai più. Questo aspetto della vicenda è alquanto pericoloso. Può delineare almeno due possibili scenari alquanto inquietanti. Uno scenario possibile è quello della creazione di una specie di nuova cerchia o casta in cui il "potere scientifico e tecnologico" è detenuto ed esercitato alla stregua di nuovi e futuri "stregoni",personaggi che risultando eruditi agli occhi delle masse sempre più ignoranti e distanti,vengono visti come un tempo si guardava a sciamani e sacerdoti. Certo,oggi viene difficile da immaginare un Rubbia travestito da prete,ma lo scenario ipotetico futuribile non è poi del tutto improbabile.

Assai più realistico ed in parte attuale è invece il secondo scenario. Uno scenario in cui la scienza e la tecnologia proseguono il loro cammino e,tranne in rare eccezioni, cedono il controllo ad altri poteri,poteri commerciali e sovranazionali che ne indirizzano(dando e togliendo i fondi) gli obiettivi. Questo scenario è ancora più inquietante poiche l'ignoranza generale in materie scientifiche fa si che la politica stessa che dovrebbe rappresentare i popoli nazionali,diventano essi stessi vittime di quel sistema affaristico che oggi governa il mondo.
Ciò implica che determinate scelte strategiche non vengono compiute poichè risulterebbero svantaggiose a chi ha i cordoni della borsa. Se io sono una multinazionale del petrolio e finanzio la ricerca e questa ricerca mi prospetta un mondo in cui posso far a meno del petrolio...è palese che mi si drizzeranno i capelli(anche a me!!) e che quelle ricerche le farò naufragare dipingendole come inutili o troppo costose o troppo svantaggiose o troppo difficili ecc ecc ecc.

Se tu poi multinazionale controlli anche la politica e controlli anche l'informazione...beh allora il gioco è fatto: la gente ignora i progressi scientifici...viene fatto un annuncio da un gruppo di scienziati e...non succede nulla...nessuno capisce che quella determinata scoperta potrebbe essere importante, tutti pensano a Sarcozy e Carla Bruni e le solite multinazionali continuano a mettercelo nel culo a tutti!!Allegria!!
Nel nostro paese poi la situazione è drammatica: dal punto di vista scientifico e tecnologico siamo messi davvero male. I nostri politici...beh...temo che al massimo conoscano i cellulari e le tv al plasma. Raramente essi provengono da scuole ed università di tipo tecnico e scientifico.Infatti i risultati sono che la ricerca in italia è praticamente ferma e quel poco che c'è viene bistrattato. Non è cambiato poi molto da quando Meucci inventò il telefono e qui nemmeno venne preso in considerazione: e che mai sono queste inutili diavolerie avranno pensato all'epoca. Oggi nemmeno le vogliono vedere certe inutili diavolerie...risolvono alla radice e non danno fondi pubblici alla ricerca. E così quel poco di ricerca la si fa fuori ed è per lo più privata. E non va bene.

Questa premessa per sottolineare alcune cose che sono successe ultimamente e che sono passate inosservate mentre per contro le fanfare del nucleare hanno avuto un eco incredibile ed il popolo pecora inizia a convincersi che quella è la soluzione. Gli dicono una montagna di palle,loro ci credono e qualcuno farà affari. Certo non noi italioti. Prima scoperta molto importante in un settore strategico per il futuro in cui noi italioti siamo praticamente fuori: le nanotecnologie ovvero materiali microscopici che sfuggono alle normali leggi fisiche e meccaniche permettendo di fare cose incredibili. In pratica sono stati scoperti dei nanoconduttori che applicati ai pannelli fotovoltaici(solari) triplicano la produzione di energia solare. Questo significa che a parità di costi con un pannello attuale si triplica il guadagno e rende ancora più competitiva questa forma energetica pulita,infinita e gratis visto che il sole non devi andartelo a comprare altrove.Interessa a qualcuno? No...è evidente che noi dobbiamo fare affari con l'amico Putin quindi agli italioti bisogna dire che è il nucleare la soluzione (al massimo il gas l'alternativa) ed il resto è svantaggioso,non adatto,ha costi alti..bla bla bla e ci crediamo pure!!

http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/08_maggio_27/energia_solare_b8ecaf8a-2bf7-11dd-9d26-00144f02aabc.shtml

Un altra bella ed interessante notizia è che un italiano ha annunciato un nuovo progetto per lo sfruttamento del mare. In pratica il mare in continuo movimento dà la possibilità di trasformare la sua immensa energia meccanica in energia elettrica. Questo italiano ha annunciato di aver trovato un nuovo sistema:

http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/08_maggio_29/onde_progetto_energia_90c82ade-2d96-11dd-913b-00144f02aabc.shtml

Questo sistema si aggiunge a quelli già in sperimentazione(dove??In italia??...ma nooo...altrove...)che sfruttano le maree,le correnti e le onde marine. Due di queste tecnologie sarebbero interessantissime per l'italia. In particolare la tecnologia che sfrutta le correnti sottomarine adattissima ad esempio allo stretto di Messina e la tecnologia della colonna d'acqua oscillante che può essere anche abbinata a progetti di difesa dell'erosione delle coste che ci sta affliggendo da anni.Questa tecnologia è all'apparenza semplicissima: si immerge un tubo(una camera d'aria insomma) in acqua e mentre l'acqua naturalmente sale e scende comprime l'aria che sale e scende con la marea. Se l'aria è convogliata in un tubo più piccolo la velocità aumenta e se vi è applicata una turbina questa produce elettricità.Interessa qualcuno qui? NO!!

http://www.energoclub.it/doceboCms/page/12/idroelettrico_energia_dal_mare.html

Ora... anche ammettendo che sono prototipi...anche ammettendo tutte le difficoltà tecniche(ad esempio in acqua vi sono erosione,corrosione e manutenzione difficile)è pur vero che ogni tecnologia nuova ha uno sviluppo direttamente proporzionale al suo impiego. Se mai cominci mai la sviluppi. Faccio un esempio: i telefoni cellulari derivano dai radiotelefoni militari(quasi tutte le tecnologie purtroppo sono prima appannaggio militare e poi...quando son vecchie diventano civili) che erano dei marcantoni di apparecchi da una quindicina di chili...scomodi da tenere nel taschino no?Poi li iniziarono a mettere nelle auto...qualche chilo in meno...poi i primi portatili che sembravano mattoni...ma già appunto portatili...poi sempre più piccoli...innovativi...accattivanti.
Ecco,noi invece ci apprestiamo ad usare tecnologia nucleare...perchè l'uranio ce lo regalano,le centrali anche e le scorie le regaleremo ai nostri pronipoti che ci stramalediranno per quanto nel 21 secolo siamo stati stupidi.
9431000
La tecnologia e il progresso che la ricerca scientifica compie hanno sempre attirato la mia curiosità. Soprattutto negli ultimi cinquant'anni la tecnologia ha prodotto risultati inimmaginabili soltanto un centinaio di anni fa. Se pensiamo ai circa 4 milioni di anni di evoluzione umana,ciò è ancora...
Post
30/05/2008 10:36:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.