pirateria:una parola usata a sproposito...

14 maggio 2009 ore 10:31 segnala
E' in grado oggi la tecnologia di creare un supporto multimediale che possa essere letto/visto/ascoltato/giocato solo e soltanto da una persona? Qualcosa che proietti direttamente i contenuti multimediali all'interno del nostro cervello e che in qualche modo riconosca solo e soltanto quello che ha acquistato il medesimo contenuto multimediale?Un qualcosa insomma che sia strettamente personale,non cedibile,non prestabile e non rivendibile?

Al momento non credo che sia possibile ma di certo sarebbe il sogno di chiunque produce del materiale multimediale: un pò come fa Microsoft per il suo scadentissimo sistema operativo Windows ovvero su ogni PC una sola copia ed una sola licenza: se sei a casa tua ed hai due PC,devi avere due copie,se vuoi che tuo figlio non smanetti sul PC su cui hai la contabilità gli devi comprare un altra copia.E sappiatelo che quando comprate un PC voi pagate anche il sistema operativo che c'è dentro! Questo è ciò che vogliono i grandi colossi. E' giusto? Per me assolutamente no.

A mio avviso soprattutto per quanto riguarda i contenuti multimediali esiste un punto sul quale tutte le rivendicazioni delle major cadono ed è lo stesso caso per cui chiunque di noi ha registrato in passato una canzone dalla radio o un film dalla tv. E' reato farlo? No,anche se ricordo che anni fa ci provarono..
Allo stesso modo molti di voi hanno chiesto all'amico,al cugino a qualcuno di fargli una copia di quella canzone o di quel film: è reato ciò? Secondo questa scuola di pensiero si,lo è. Per me assolutamente no.

Pirati li chiamano(con la solita esagerazione dei media) quelli che semplicemente scambiano file multimediali. E la differenza è lampante. Scambiare non è rubare. Chi usa un programma di Peer to Peer(P2P) per ottenere un film o un cd musicale non "entra" in un negozio o in un deposito o in un sito di una major per "rubare" un prodotto. Dov'è il reato? Pirateria de che? Chi si collega e scarica semplicemente trova una persona che ci da una copia e tecnicamente quella persona potrebbe essere chiunque,anche un parente. Mi volete impedire di scambiare film con mia sorella?

Io vi dò ragione se con le copie che masterizzo successivamente prendo e vi metto su delle copertine e le vado a vendere. Ecco,questo è reato: reato perchè vendo un prodotto contraffatto,reato perchè non pago tasse,reato perchè non pago SIAE(che sarebbe anche giusto ma è un altro discorso...),reato perchè ho preso una cosa non mia e la sto vendendo al posto del proprietario. Ma se io non faccio nulla di tutto ciò ma mi scarico un film che per altro,comunque non andrei a comprarlo o a guardarlo al cinema manco se mi pagassero...che reato commetto?

Eppure,dietro la pressione delle major e con la complicità di questi meedia che tra l'altro sono di una ignoranza tecnica colossale,sta passando il concetto che copiare un qualcosa che è ceduto gratuitamente da un altra persona è reato. Ed allora torniamo all'inizio: care major,cari Berlusconi e Sarcozy,fino a quando non vi inventerete un supporto One by One,fino a quando copiare o usare un prodotto comprato da un altra persona sarà ancora umanamente possibile noi continueremo a farlo e non pensiamo affatto di essere criminali e tanto meno pirati...quelli al massimo siete voi...quindi andatevene affareiculo voi e le major che tanto per iniziare potrebbero benissimo abbassare i prezzi.

Inoltre,invece di scassare la minchia con proposte oscene e ridicole come quella francese che (mi voglio fare due risate quando i consumatori intenteranno milioni di cause...)tendono solo al proibizionismo ed al controllo della rete,se proprio volete "indennizzare" sti poveri morti di fame delle major e delle rock star costringete i provider ad offrire una scelta tra una navigazione base ed una libera: la differenza quantifichiamola in due,tre euro,massimo cinque e quei soldi(tanti soldi) li date alla Siae come per altro già avviene quando ognuno di noi compra un cd o un dvd vergine...
10828963
E' in grado oggi la tecnologia di creare un supporto multimediale che possa essere letto/visto/ascoltato/giocato solo e soltanto da una persona? Qualcosa che proietti direttamente i contenuti multimediali all'interno del nostro cervello e che in qualche modo riconosca solo e soltanto quello che ha...
Post
14/05/2009 10:31:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.