Qualità della vita...

25 ottobre 2007 ore 11:47 segnala
Eccomi qui,inizio a scrivere che sono le 10:55 e sono rientrato a casa da circa una decina di minuti. Prima sono uscito. mi direte:e a noi che ce ne fotte? In effetti nulla!!Non è che mi metto a raccontare i fatti miei così tanto per! Diciamo che appena rientrato mi è subito venuto da pensare alla diversa qualità della vita che c'è tra una piccola cittadina ed una grande città.
Uscito di casa alle 9 e un quarto circa,ho preso la macchina,mi sono recato in centro,ho cercato parcheggio dove volevo(vicino ad una macchina per fototessere) e naturalmente l'ho trovato,ho fatto le mie foto,sono risalito in macchina,percorso circa 700 metri,trovato un parcheggio a tempo,messi 30 centesimi,andato in comune,ufficio carte d'identità,fatta fila di 5 minuti(3 persone davanti),rinnovata carta d'identità all'istante,uscito e visto che avevo un avanzo di 10 minuti circa sullo scontrino del parcheggio. Ok,sono ripartito,fatto il giro della città in una strada secondaria,andato dal medico,trovato parcheggio,salito,visita,ricetta,risalito in macchina,un chilometro circa e trovato parcheggio vicino la farmacia. Preso ciò che mi serviva...rieccomi a casa.

Beh,questo intendo io per qualità della vita...magari qui ci sono altri problemi(disoccupazione,infrastrutture deficienti ecc) ma la qualità della vita è nettamente superiore. Nei giorni scorsi sono stato a Milano e posso dire(senza paura di essere smentito da nessuno)che se ciò che qui io ho fatto in meno di 2 ore lo avessi dovuto fare li....a quest'ora ero ancora fermo in qualche coda in attesa che un semaforo diventasse verde!!!O fermo in una qualche tangenziale. Parcheggi?Seee...manco a parlarne!!E in quanto all'aria...beh...penso a tutte quelle auto e camion fermi e alla gente che respira a pieni polmoni per ore intere tutto ciò...

Da qui la mia riflessione che mi porta(ma già ne ero convinto da tempo) a pensare che una delle peggiori cazzate che l'uomo moderno ha fatto è stata quella di concentrarsi in un unico posto dando vita alle metropoli. Sono convinto che per ottenere una qualità della vita accettabile una città non dovrebbe mai superare i duecentomila abitanti,meglio se sotto i centomila. Le nostre due grandi metropoli si aggirano sui 3 milioni di abitanti,tutti stressati e ugualmente imprigionati da uno stile di vita innaturale. E se pensiamo che esse non sono le più grandi al mondo in quanto oltre alle metropoli esistono le cosiddette megalopoli,con decine di milioni di persone tutte concentrate(Città del Messico,Hong Kong,New York,Rio ecc) mi chiedo perchè uno deve accettare certi inferni.

Vi sono poi città come Parigi o Londra dotate di servizi adeguati ed una rete di metropolitane che se non altro ti porta ovunque:ma mi chiedo lo stesso perchè non dovrei preferire una piccola cittadina ad una metropoli che comunque non è e non sarà mai a misura d'uomo.
La Roma imperiale era la più grande città dell'impero,era il centro del potere e se non ricordo male,nel momento di massima espansione sfiorò il milione di abitanti. Eppure,urbanisticamente parlando era una città vivibile in cui aristocrazia e persone influenti amavano esserci. Certo,non c'erano le auto...ma non lasciatevi trarre in inganno. Anche allora v'erano i problemi d'inquinamento!!Ci si spostava a cavallo e questi di certo non andavano alla toilette a fare i loro bisogni!! Ai nostri occhi non sarebbe stato piacevole camminare per quelle strade credo!! Però,nonostante tutto,la città era conformata in modo che si stesse bene.Oggi invece le grandi città sembrano tanti inferni e(gli architetti mi correggeranno se sbaglio) l'urbanistica recente ha fatto sì che vivere in città sia di fatto impossibile.

Lo è perchè a me sembra di capire che, chi vive in città,...va a lavorare fuori mentre chi vive fuori si reca in città per lavoro,studio,svago. In definitiva la città non è per i suoi cittadini che infatti appena possono se ne allontanano!
Inoltre la corsa sconsiderata degli anni sessanta alla costruzione selvaggia di palazzi dormitorio,non ha rispettato nessun piano urbanistico e si è data libertà al caos di vie piene di macchine senza che nessuno avesse previsto il trend.
E gli errori poi vengono non solo fatti ma anche ripetuti. Tipo grande raccordo anulare a Roma:anni di lavori e la gente continua ad essere in coda!!
E ma Milan l'è semper Milan mi dicono...oppure mi dicono che Roma è bella ed eterna(si per i turisti è bellissima!) ma io..beh,io mi tengo ben stretta la mia residenza qui,dove 80mila abitanti,seppur con tanti problemi,almeno non devono combattere con lo stress di un semaforo che in 100 metri di coda diventa rosso almeno 4 volte prima che tu riesca a superarlo!!!!Pazzescoooo!!!
8274782
Eccomi qui,inizio a scrivere che sono le 10:55 e sono rientrato a casa da circa una decina di minuti. Prima sono uscito. mi direte:e a noi che ce ne fotte? In effetti nulla!!Non è che mi metto a raccontare i fatti miei così tanto per! Diciamo che appena rientrato mi è subito venuto da pensare alla...
Post
25/10/2007 11:47:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.