Quante bugie che ci dicono

11 maggio 2011 ore 20:06 segnala
Troppe volte mi imbatto in persone che davvero credono a quel che dicono e non per sola colpa loro(informarsi è un dovere comunque)ma perchè tutto un sistema di potere e di informazione ha portato la gente a credere a determinate cose. Una di queste riguarda l'energia elettrica con tutto ciò di cui ho in altre occasioni parlato riguardo il nucleare. Parli con la gente e ti senti rispondere che: noi importiamo la corrente dalla Francia che non ce la regala e che per questo dobbiamo diventare autosufficenti e produrla da noi!! Sti cazzi!Dei geni!! Uno potrebbe anche essere d'accordo!!Il guaio è che queste persone non sanno che:

1)essere autosufficienti non significa produrre energia elettrica ma produrla partendo da risorse che sono naturalmente presenti nel nostro paese!

2)noi produciamo corrente elettrica con la possibilità di arrivare ad un "picco" di circa 100 GW mentre il nostro fabbisogno "medio" si attesta intorno alla quarantina di Gigawatt con punte di consumo che in momenti particolari hanno toccato i 70!

3)l'energia elettrica non è statale ma privata e come tale(ahimè...con lo zampino della sinistra :))oggi è regolata da un mercato dell'energia che come con qualunque prodotto compra e vende energia da vari "produttori" ed intermediari per cui questi "affari" non seguono logiche di consumo ma semplici logiche speculative. Esempio...se io Enel ho bisogno a tele ora di 100 ma il costo per produrre quei 100 è x mentre gli stessi 100 in quel momento mi costano x-qualcosa che faccio?Semplice,riduco la produzione delle mie centrali rivendendo quella corrente in sovrappiù al mercato e compro la stessa corrente che comunque ero in grado di produrre. All'utente finale cosa cambia? Nulla!! Che la corrente l'abbia prodotta o comprata la bolletta sempre tanto la paghi.I guadagni invece rimangono alle società per azioni che gestiscono l'energia.

4)il terrorismo psicologico che fa credere alla gente che rischiamo di non avere la corrente per far funzionare l'i-pad nuovo è ingiustificato.La verità è che andrebbe rivisto tutto il sistema energetico cominciando a ridare agli stati nazionali il controllo di una risorsa evidentemente strategica. Non ci servono ne nuove centrali ne siamo in pericolo ma ci serve una politica etica di eco sostenibilità che punti sul risparmio energetico(risparmio = massimizzazione dei rendimenti energetici e non privazione!!) e sulle fonti rinnovabili che fino a prova contraria sono le uniche di cui disponiamo mentre petrolio,gas,carbone,uranio e plutonio non sono presenti comunque a sufficienza sul nostro territorio.

5)Oggi noi produciamo corrente sulla base di un 80% di materie prime che importiamo e cambiando la distribuzione di queste percentuali comunque non varia la dipendenza dalle fonti di altri paesi.

Insomma,credo che sarebbe il caso quantomeno di informarsi e di non accettare queste semplificazioni che mirano unicamente all'interesse dei soliti gruppi di potere finanziari speculativi.Francamente non ne posso più di sentire la gente affermare cose non vere come il futuro avvento del paradiso in terra grazie al nucleare che bla bla bla ci consentirà di pagare meno bla bla bla!!La verità è che già pagheremmo meno se si fossero fatte altre politiche e soprattutto se si buttasse via tutta sta gente che rappresenta un vero cancro della società.Gente che non fa nulla se non speculare sul nostro lavoro,sulla nostra salute e sulle nostre ignoranze.

Autorità per l'energia elettrica e il gas

produzione energia
0cf22166-d6ee-43a5-95b2-a5290484b02e
Troppe volte mi imbatto in persone che davvero credono a quel che dicono e non per sola colpa loro(informarsi è un dovere comunque)ma perchè tutto un sistema di potere e di informazione ha portato la...
Post
11/05/2011 20:06:50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. jalisse64 20 maggio 2011 ore 17:25
    :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.