Rispetto:se contesto un idea esso viene meno?

09 gennaio 2008 ore 01:23 segnala
Dal dizionario Treccani prendo in prestito alcune definizioni date a proposito della parola “rispetto”,parola che a mio avviso spesso viene usata a sproposito,per esempio nel caso in cui qualcuno afferma una cosa e successivamente pone la questione del rispetto affinchè quella data cosa non venga in alcun modo contestata;se la contesti o ne metti in discussione le basi,spesso ti senti accusare di mancanza di rispetto.

Rispètto (ant. respètto) s. m. [lat. respĕctus -us “il guardare all'indietro; stima, rispetto”]. – 1. a. Sentimento e atteggiamento di riguardo, di stima e di deferenza, devota e spesso affettuosa, verso una persona: r. verso o per i genitori, i superiori, le persone anziane (anche, meno come, ai genitori, ecc.)...Anche con riferimento a istituzioni civili o religiose o alle cose che le simboleggiano: r. per l'autorità dello stato, per la religione e per le cose sacre, per le forze armate e per la bandiera. b. ... 3. Osservanza, esecuzione fedele e attenta di un ordine, di una regola, di una norma o di una prescrizione....Modo di considerare, di guardare, punto di vista...

Ora la domanda che io mi pongo è la seguente:rispettare un punto di vista,una istituzione o una religione deve sempre presupporre deferenza incondizionata ed accettazione senza riserve oppure in un ottica che è laica e di cultura illuminista(per lo meno io mi rifaccio a quei principi)è lecito,porsi domande su tutto e mettere in discussione qualunque cosa,religione compresa, se la logica dimostra come determinate cose non sono dimostrabili e per tanto la sola fede non può essere motivo di cieca accettazione,pena la negazione di ogni progresso?
Se qualcuno non avesse messo in discussione che la terra fosse piatta è lecito pensare che avremmo continuato ad accettare una verità per fede e quindi non ci sarebbe stato progresso.

Ora la questione è la seguente:se io da laico e da agnostico,formulo delle ipotesi per cui metto in discussione determinate cose che sono il fondamento di una religione o addirittura da ateo arrivo a negare l'esistenza di talune “verità”,io manco di rispetto alla persona che invece quelle idee le difende oppure no? Beh,a mio avviso,il rispetto per una persona è una cosa,mentre il rispetto per le idee o le affermazioni,presuppone anche che vi sia discussione e qualsiasi discussione,se fatta nei modi leciti e senza prevaricazione,non dovrebbe mai essere vista come mancanza di rispetto.
In pratica dico:tu hai una tua idea,ma io non la condivido ma con ciò il rispetto nei tuoi confronti non viene intaccato a patto che tu accetti la discussione. Ma se l'interlocutore si trincera dietro la mancanza di rispetto è ovvio che in quel caso la discussione finisce in quanto egli accetta senza riserve il suo credo e chiunque mette in discussione la fede è considerato irriguardoso e irrispettoso.

Tutto questo mio ragionare è nato da una discussione che è partita da molto lontano dove il mio interlocutore afferma che la base ed il fondamento della nostra cultura ha come punto imprescindibile i valori della cristianità in quanto quei valori sarebbero universali. Per contro io sostengo invece che per il solo fatto che quei valori hanno radici cristiane,non possono essere considerati universali e che personalmente ritengo che la mia cultura attuale sia stata molto più influenzata dai valori nati dall'illuminismo. Concetti come libertà,uguaglianza e fraternità, la presa di coscienza di diritti,l'introduzione della laicità dello stato e la libertà di ricerca e di scienza hanno influenzato notevolmente l'Europa. Questi concetti,proprio perchè sono esclusivi dell'uomo e non hanno bisogno di nessuna entità per essere affermati,sono molto più universali.

Se non ci fosse stato l'illuminismo la nostra società non sarebbe stata la stessa e non credo che vi sarebbe stata molta differenza con una società di tipo islamica in cui lo stato coincide con ciò che è una verità non opinabile: o la si accetta o si è nemico dello stato e della divinità.
In pratica io dico che se qualche principio della cristianità(che pure ha influenzato la nostra cultura anche se spesso in negativo) è giusto,ciò non significa che tutti gli altri principi siano da prendere come modello per una società moderna e laica. Preferisco uno stato in cui nessun editto stabilisce l'obbligatorietà di avere un crocefisso negli edifici pubblici ma,rivendico la libertà di chiunque ad appendere,qualora lo voglia,crocefissi,altri simboli,il poster di Bonovox o qualsiasi altra cosa. In pratica dico,se qualcuno crede nei suoi valori,che eserciti il suo diritto di esporre i suoi simboli,ma contesto che debba essere lo stato a farsene carico in quanto quel simbolo rappresenterebbe le basi della nostra società. Non credo affatto sia così.

Non lo credo perchè concetti come il perdono,la giustizia divina e l'uguaglianza davanti ad un dio,fanno a mio avviso a cazzotti con l'uguaglianza tra individui che secondo me dovrebbero essere considerati uguali sempre e comunque e non in un ipotetica resurrezione in cui gli ultimi saranno i primi e tutti incondizionatamente godranno della benevolenza e del perdono divino. In pratica credo che quella sia una visione che accetta un po' troppo le cose così come sono, affidando l'uomo ad una divinità per vederne finalmente attuata l'uguaglianza solo in un altra vita ma trascura la presente.
In questo ragionamento,io sostenevo anche che la laicità di uno stato non dovrebbe essere basata su un messaggio che,seppur di amore e fratellanza,presuppone sempre e comunque la presenza di una divinità che ne guida la vita. Molto meglio a mio avviso,stabilire che tutti gli uomini sono uguali nel rispetto delle libertà individuali e dei diritti:a parole dovrebbe essere così,invece a tutt'oggi,siamo ancora molto lontani dal vedere un mondo del genere.
8626570
Dal dizionario Treccani prendo in prestito alcune definizioni date a proposito della parola “rispetto”,parola che a mio avviso spesso viene usata a sproposito,per esempio nel caso in cui qualcuno afferma una cosa e successivamente pone la questione del rispetto affinchè quella data cosa non venga...
Post
09/01/2008 01:23:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.