Se si risparmiasse davvero...

22 giugno 2007 ore 13:21 segnala
In questi giorni,ma non è certo una novità,si discute sempre più animatamente di tasse:sono troppe dicono gli imprenditori…le paghiamo solo noi dicono i dipendenti. Discorsi triti e ritriti in cui una cosa è certa:i servizi che lo stato fornisce in cambio delle entrate fiscali è insufficiente e in alcuni casi disastroso. La domanda che uno si pone allora è:come mai?? Forse che il nostro paese è povero? Che non abbia le risorse economiche per avere uno stato efficiente? Direi di no…povero possono essere il Burundi,lo Zimbawi stati i cui redditi procapite sono davvero miseri. Eppure pur essendo ricco questo paese affonda. Paesi come la Danimarca,con una popolazione di molto inferiore alla nostra(ma anche Svezia,Norvegia ecc) hanno meno risorse ma uno stato sociale ad elevata efficienza. Quindi mi pare di poter affermare che qui il problema sia la gestione pubblica del danaro e che se tale gestione fosse più oculata,probabilmente anche la pressione fiscale potrebbe scendere o…rimanendo a questi livelli,potrebbe dare in cambio servizi inimmaginabili. L’attuale governo sta deludendo anche per la mancanza di idee davvero innovative in tal senso e tralascio la delusione legata ad aspetti politici che è ancora maggiore. Qualche idea Pecoraio Scanio te la do io và…perché mi sono un po’ stufato di sentirti sproloquiare sempre su risparmi,riduzione consumi,riduzione inquinamento e sull’andare a piedi o a dorso di mulo:devi anche dire concretamente COME intendi risparmiare. L’estate è ormai qui e tra poco vi sarà l’aumento di richiesta energetica per i condizionatori e qualcuno proporrà di nuovo centrali nucleari;ma tu imperterrito continuerai a blaterare e non dirai nulla come del resto non dicono i verdi da anni in quanto sembra che per loro il nemico sia la tecnologia e guardano sempre in direzione sbagliata. Ti faccio un esempio,perché è un ramo che conosco discretamente bene:l’illuminazione. A tutt’oggi per la sola illuminazione pubblica e stradale,comprese le gallerie,ville e monumenti vengono usate lampade a vapori di sodio ad alta e/o bassa pressione. Lampade che hanno un consumo medio sui 250W . Ok…abbiamo idea di quante milioni di tali lampade ogni notte stiano accese oltre alle gallerie perennemente illuminate? Non conosco la cifra,però,leggendo ho trovato un'altra bella statistica riguardante gli Stati Uniti:vi sono 6 milioni di semafori che consumano 500 Megawatt di corrente. Ora se solo volessimo occuparci dei semafori,diciamo che in italia ce ne sono 1 decimo,significa che anche solo noi abbiamo un consumo di 50Megawat. Mentre tu predichi male,la tecnologia va avanti ed oggi abbiamo la possibilità di impiegare lampade a tecnologia LED. Tali lampade ormai garantiscono flussi luminosi pari alle altre lampade ma con potenze decisamente inferiori,si parla di riduzioni fino all’80%. Faccio un esempio:nello spettacolo fari da 1000Watt oggi possono essere sostituiti da analoghi fari con potenza compresa tra i 75 ed i 150 Watt. Bene,considerato che siete al governo…perché dal primo giorno non avete enunciato un piano per sostituire tutte le lampade al sodio,mercurio,alogene e quelle semaforiche con l’obiettivo concreto di risparmiare almeno il 50% dell’energia elettrica?? Tra l’altro ciò comporterebbe risparmi anche di manutenzione in quanto lampade a LED assicurano durate comprese tra le 50.000 e le 100.000 ore. La installi ora e la cambi diciamo tra 10 anni… Ma non è finita…basta pensare agli edifici dell’amministrazione pubblica…insomma…basterebbe davvero poco per ridurre i costi della pubblica amministrazione. Altra idea…e qui entro in un campo anche politico:sempre nella pubblica amministrazione…abbiamo decine di computer e tutti,ma dico proprio tutti equipaggiati con programmi della Microsoft che paghiamo uno sproposito. Parliamoci chiaro…nel 90% dei casi quando hai un word processor,un foglio elettronico un data base,un programma di presentazione e l’immancabile solitario con un bel messenger…altro non ti serve!! Ed allora perché non risparmiare milioni di euro installando sistemi open source come linux che hanno programmi analoghi e forse anche migliori nel loro corredo?? E’ necessario continuare ad arricchire Bill Gates pagando licenze per ogni singola macchina usata tra l’altro perennemente infestate da virus? E tornando ancora sul politico…è necessario davvero trasferire così tanti soldini ad uno Stato che è già ricco di suo?? Parlo del Vaticano naturalmente e di una cifra equivalente al 40-45% di ogni finanziaria fatta in questo paese che transita in direzione vaticana. Azzerare tali somme significherebbe non solo risparmio,meno tasse e maggiori risorse per il pubblico,per la ricerca ed il sociale,ma darebbero una reale svolta a questo paese. C’è qualcuno ancora in grado di dire e fare davvero qualcosa di sinistra?? Ad esempio dire che,con tali risparmi lo stato riprende il controllo di tutte le reti infrastrutturali del paese a partire da ferrovie,strade,reti telematiche,gasdotti,frequenze televisive nell’interesse finale del consumatore e delle aziende costringendo le aziende che si appoggiano ad esse e che forniscono servizi,a comportarsi secondo regole trasparenti di concorrenza come avviene nei paesi un po’ più civili di noi. Ripeteva Giobbe Covatta un tormentone:basta poco che cè vò!! Probabilmente è troppo facile per essere vero e ci sono altri interessi che prevalgono..ma di sicuro non sono i nostri,non dello stato,non del popolo,non della sinistra che è tutta presa a pavoneggiarsi a ha del tutto perso il contatto con la realtà.
7881721
In questi giorni,ma non è certo una novità,si discute sempre più animatamente di tasse:sono troppe dicono gli imprenditori…le paghiamo solo noi dicono i dipendenti. Discorsi triti e ritriti in cui...
Post
22/06/2007 13:21:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.