Un cognome...una garanzia!

25 ottobre 2011 ore 14:57 segnala
Ci sono cognomi e cognomi.Tutti possono essere più o meno illustri.Alcuni possono suscitare una naturale simpatia,altri terrore,altri ribrezzo,altri ispirare ammirazione o stima. In genere quelli per cui prevale un senso di positività tutti proviamo comunque una sorta di orgoglio nazionale. Che so...un Rubbia premio Nobel mette tutti d'accordo. Invece...invece esiste un nome che ormai nel mondo fa solo ridere. Ma non è una risata benevola.Tutt'altro!E' una risata che esprime disprezzo,che individua in quel nome un qualcosa di ridicolo,di fuori luogo e fuori posto.

E' come se ad una convention di cardiologi o di fisici si presentasse Pulcinella! Per carità...Pulcinella fin quando resta maschera,in un contesto di scherzi carnevaleschi è simpatico,piace a tutti.Quello è il suo posto e come tale chi ne ride ne ride perchè riconosce l'arte nel personaggio!Ma se Pulcinella vuole fare il Pulcinella anche in altri contesti e per giunta pretende anche di rappresentarci tutti beh...semplicemente non fa più ridere. Da italiano vedere che gli altri ridono di noi mi da fastidio proprio perchè non è un riso benevolo ma è un riso che ci umilia.

Guardare una scena del genere in cui due capi di Stato,quando un giornalista fa un nome e cognome ben preciso si guardano imbarazzati e contemporaneamente a tutta la sala stipata di giornalisti mondiali iniziano a ridere fa male. La maggioranza di questo paese ha consegnato il paese in mano a Pulcinella e questi sono i risultati. Una massa di idioti governata da uno il cui scopo dichiarato è solo sfuggire alla giustizia ci hanno resi più ridicoli di quel che già eravamo.Pizza,mandolino e mafia ormai sono stati inglobati da una sola parola: Berlusconi e tutto il mondo ride di un popolo che più in basso di così non poteva proprio cadere.

guarda video
048da52e-5e13-4906-a630-2ac32ce0db29
Ci sono cognomi e cognomi.Tutti possono essere più o meno illustri.Alcuni possono suscitare una naturale simpatia,altri terrore,altri ribrezzo,altri ispirare ammirazione o stima. In genere quelli per...
Post
25/10/2011 14:57:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. cosillo 25 ottobre 2011 ore 15:42
    In effetti un po' di disagio me l'ha procurata quella scena, tuttavia all'estero ridono di lui non degli italiani.
    Te lo assicuro l'italiano da fuori è visto bene e anche invidiato.
    Lo sanno tutti che il nostro passato e persone eccellenti del presente, dallo sport alla scienza, dall'arte al pensiero, ci qualificano come popolo estroverso e geniale.
    In ultimo, comunque e purtroppo, tanti italiani l'hanno votato.
    Non si può essere un popolo di soli geni.
    :bye
  2. demonio 26 ottobre 2011 ore 00:50
    purtroppo io all'estero ci vado abbastanza spesso per lavoro e si,ridono certamente di lui ma la considerazione globale verso noi italiani ti assicuro che è ai minimi termini.Poi le eccellenze che pur ci sono le sanno ben riconoscere ed apprezzare ma la mediocrità è quella che ci contraddistingue. Ti farei un esempio citandoti un aneddoto in cui mi trovai a lavorare in un contesto in cui era la Warner Bros a comandare. Avevano i diritti ed un format da rispettare per uno spettacolo. Quello spettacolo in tutto il mondo è stato rispettato nei minimi dettagli compresi paesi come Messico per farti un paragone. Beh...solo qui,sin dal primo giorno nulla è stato rispettato.Non una scheda tecnica,non una richiesta...a qualsiasi cosa loro(americani ed inglesi)facessero riferimento la produzione locale rispondeva con un > e non arrivava mai nulla...alla fine lo spettacolo si fece,noi tecnici italiani fummo all'altezza e stimati ma per il resto...loro ridevano con noi ripetendo la battuta "domani...domani..." come un mantra e noi ci sentivamo davvero sconsolati perchè nel nostro piccolo quello era uno specchio del paese.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.