Una mattinata insolita

16 marzo 2009 ore 14:37 segnala
Non mi capita spesso di decidere di fare una lunga passeggiata e a ben pensarci non ne capisco nemmeno il motivo!Potrebbe essere pigrizia è difficile da spiegare,di certo in me scatta, al ritorno da ogni lavoro, la necessità del non far nulla,di recuperare quelle energie sia fisiche che mentali che svaniscono non appena rientro in una normale quotidianità. Invece quando si lavora difficilmente si ha il tempo e la voglia di far passeggiate. E' difficile da credere...lo ripeto da anni agli amici ma che vuoi farci...per loro io sono quello che va sempre in giro,che vede tanti posti,tante città e che a loro dire ho donne ovunque che stanno li apposta ad aspettare me non avendo nulla da fare. La realtà invece è ben diversa e solo chi fa il mio mestiere sa come stanno le cose e che raramente hai del tempo libero.


Ieri invece ne avevo. Una intera mattinata a disposizione. Cose davvero rare! D'altronde ero andato a dormire presto...beh...presto rispetto agli altri che hanno deciso di far notte per i locali. Ma io avevo lo stomaco a pezzi ed ero davvero stanco così a mezzanotte,finito di smontare me ne ero tornato a letto in albergo. E così ieri mattina alle sette e mezza ero già sveglio: doccia,colazione e...fuori l'inizio di una bella giornata! E allora me ne sono andato fuori: tanto fino a mezzogiorno avevo tempo,poi bisognava per forza lasciare la stanza e alle tre,dopo pranzo si sarebbe partiti di nuovo.

Mi sono così inoltrato per le stradine osservando come spesso faccio i particolari che ai più sfuggono. Particolari che ,a mio avviso denotano il livello di civiltà di un popolo.


E così,mentre camminavo,ammirando quei bei palazzi le cui pareti son tutte decorate con piastrelle colorate e disegni geometrici osservavo anche la pulizia delle strade(e non solo quelle principali) e l'ordine. Molte aiuole ben tenute,l'erba tagliata e i fiori. Le strade senza buche ed i marciapiedi sempre liberi ed altrettanto puliti. Insomma,pensavo che questo paese sta crescendo in fretta. L'avevo già notato prima: aeroporti moderni ed efficienti,autostrade nuove,in duecento chilometri circa percorsi da Lisbona a Figueras nessun rallentamento per lavori in corso,lunghi tratti a tre corsie,ai lati dell'autostrada enormi distese di alberi piantati da poco e moltissime pale eoliche. Insomma,tanti indizi di un paese in crescita. Si vede che i soldi pubblici qui li spendono bene.


E camminando camminando infine prendo una stradina che inizia a scendere. Immagino dove porti e la imbocco senza esitazione. Poca gente ancora in giro ma la temperatura inizia a salire quindi mi levo il giubbino e resto in maniche corte. Stavo una favola,quel caldo non eccessivo che a me piace!E finalmente arrivo al lungo mare: una spiaggia immensa,dalla strada all'oceano ci saranno stati quattrocento metri almeno. Guardo la spiaggia: tutta pulita!! Un lungomare anch'esso curato e pulito e davanti l'oceano. Da lontano non te ne accorgi. Sembra il nostro mare...azzurro,quel profumo dell'aria...tutto molto simile. Ma da vicino,quando vi arrivi davanti te ne accorgi di quanto sia immenso. Lo vedi già dai segni lasciati dalla marea. Da noi al massimo ti accorgi che il mare sale di un metro entrando nella spiaggia per tre,quattro metri a seconda della pendenza.


L'oceano no,l'oceano sale di molto vedi che entra in spiaggia per cinquanta metri almeno il che a occhio e croce significa che sale di almeno quattro cinque metri. Capisci quanta forza abbia. E lo vedi anche dalle onde: onde lunghe,non è mosso il mare ma i cavalloni saranno almeno di un metro e mezzo. E si,pensi a quelli che secoli fa lo affrontarono su navi non certo come le nostre e che si sono trovati a lottare con una forza incredibile. Una barca capovolta col fasciame a pezzi che è li poco distante sembra esser li apposta a far capire quanta potenza vi sia in quel blu. Inizia ad uscire anche la gente,in poco tempo sono circondato da gente che corre,a piedi e in bicicletta,gente che porta a spasso il cane, gente che come me si fa solo una passeggiata. Chissà a cosa pensano. Io penso tante cose,penso che ho sete e che da tanto non camminavo così tanto!!E penso che non sono abituato al sole...ormai è già alto...prima che mi ustiono me ne torno in albergo: c'è da rifare la valigia e ripartire di nuovo.

10655050
Non mi capita spesso di decidere di fare una lunga passeggiata e a ben pensarci non ne capisco nemmeno il motivo!Potrebbe essere pigrizia è difficile da spiegare,di certo in me scatta, al ritorno da ogni lavoro, la necessità del non far nulla,di recuperare quelle energie sia fisiche che mentali...
Post
16/03/2009 14:37:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. LOUISEMAY 16 marzo 2009 ore 15:38
    finito così? accidenti  eri quasi riuscito a scivolare dalla solita polemica alla poesia e poi mi ti blocchi cosi??????? :-*
  2. demonio 16 marzo 2009 ore 15:57
    ahahah poi?Poi sono tornato in albergo...ho fatto la valigia e sono andato a mangiare.Ho mangiato una zuppa di frutti di mare ,gamberoni e granchio. Bevute due birre quindi alle 3 sono ripartito! :picche
    Buona giornata!!


    ps...però non è vero che faccio solo polemica!!
  3. maraxsempre 17 marzo 2009 ore 10:20

    ciao certo che porti il paragone di lisbona una bellissima città e dei portoghesi che sono disponibili in una maniera incredibile ma anche di gente che nn guarda solo alle apparenze come facciamo noi qua ..ma che si da fare..che nn e cosa da poco mara

  4. demonio 17 marzo 2009 ore 12:39
    Ciao Mara,in realtà ero a Figueras de Faz e a Lisbona ci vado Giovedì.Sicuramente Lisbona è bella,ma a me comunque indipendentemente da dove sono interessa guardare aspetti che ai più sfuggono. E così,con mia enorme piacere ho constatato che il Portogallo da paese molto arretrato che era invece ora è molto cresciuto. Allo stesso modo,giorno per giorno constato come noi italiani regrediamo. Prima o poi la gente dovrà accorgersene invece che credere alle favole...
    Buona giornata
  5. maraxsempre 18 marzo 2009 ore 18:23
    ciao si certo però bisogna tenere presente che il portogallo e abitato dai portoghesi ...noi siamo in italia e siamo italiani e forse abbiamo quello che ci meritiamo spiace di dirlo ma e cosi ciao
  6. demonio 18 marzo 2009 ore 22:04
    ...anzi,se leggi altri blog mie allora capisci che la penso come te e che sono molto deluso e amareggiato per come la maggioranza degli italiani si comporta.Ho sempre sostenuto che la politica non ci cade dall'alto ma è essa stessa l'espressione di ciò che siamo ed è innegabile che la maggioranza degli italiani è egoista,è arrivista e non ama le regole,soprattutto se quelle regole vanno ad impedire tanti piccoli interessi personali come una casa abusiva,una raccomandazione,un favore ecc ecc.Abbiamo quel che ci meritiamo perchè per la maggior parte degli italiani lo stato è un nemico. Ma ,nonostante ciò,nonostante il mio pessimismo e nonostante il mio realismo spero che prima o poi le cose possano cambiare. Ma che non sarà domani di sicuro lo so...

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.