un quarto

21 maggio 2011 ore 00:47 segnala
e si arriva al mitico quarto, ci siamo passati tutti o alcuni ci devono arrivare.
Vorrei dire che ci si guarda troppo indietro, si pensa troppo al passatoe non si vive bene il presente , che è già passato nell'attimo che si realizza , quindi nessuno di noi vive bene il proprio futuro.
Ci sono rimpianti, frasi fatte, convenevoli, amici che vanno e vengono e l'amore... quella cosa che ti fa pensare più di tutte. Credo che il pensiero pricipale è questo e non solo per una persona, si può amare una passione, si ama un lavoro, si ama un animale.. l'uomo è fatto per amare e non è sempre una cosa bella, perchè ti rende incapace di vedere le cose da un punto di vista razionale, non si è obbiettivi e a volte quando si torna con i piedi a terra arrivano grandi delusioni...
ma siamo uomini e questo amore ci accompagnerà per tutta la vita, quindi l'unica soluzione è amarsi, perchè volendosi bene possiamo essere più razionali con gli altri e con noi stessi...e alle volte la razionalià è l'unica cosa buona quando si è circondati da ipocriti e falsi

e tutto va...

19 dicembre 2010 ore 15:57 segnala

O per lo meno così dicono....

Un applauso a chi ci ha creduto fino in fondo, a chi ha dato l'anima per i suo sogni, a chi pensa sempre prima alle persone che ama e poi a se, a chi è rimasto male , a chi è stato deluso , a chi ci crede , a chi vuole qualcosa di più, a chi spera sempre, ai sognatori ... vorrei ringraziare chi, anche se se l'è prese in quel posto, è felice di essere stato sincero , felice di aver dato l'anima, felice di essere stato sempre se stesso, felice di non aver mai tradito.-... felice perchè per prima cosa non ha tradito se stesso! L'importante è non tradirsi mai, la persona con cui devi condividere la tua vita sei sempre e solo te, quindi anche se ce la prendiamo nel posto sbagliato, se veniamo delusi, lasciati, spiazzati , attoniti, arrabbiati... per  prima cosa pensiamo a come ci siamo comportati e se voi siete sempre stati leali con voi stessi.. fatevi un applauso, ringraziate che non siete cambiati per nessuno, ringraziate di essere veri e sinceri....  e tutto va come deve andare o per lo meno così dicono!

cado dalle nubi..

13 ottobre 2010 ore 00:52 segnala

più che cadere a volte ci si schianta al suolo! Quando sei li in quel bel sogno, che credi essere speciale, l'impatto con la cruda realtà ti mostra le cose per ciò che sono e niente altro. Si dice che i sogni non esistono.. non sono daccordo i sogni esistono, ma solo quelli creati dal singolo.. bagianate ed ipocrisia, pensare che in due si è fatto lo stesso sogno! L'uomo è subdolo dei suoi desideri, delle sue paure e sì anche dei suoi sogni, quindi due individui non possono avere lo stesso sogno o per lo meno non identico.. e il ritorno alla realtà ti fa capire proprio questo, che tu vedevi altro. e quando capisci, inizzi a comprendere di più te stessa e non comprendere più gli altri.. un pò per paura di ridare fiducia, un pò per non accettare la realtà, dove nel tuo sogno tutto o quasi tutto era perfetto ed invece ora lo vedi per quello che è....

mi chiedo in questi casi come comportarsi... la delusione, le spiegazioni, le bugie... ed è così difficile dirsi prima i propri sogni per vedere se coincidono.. per vedere se si può camminare in un bel sogno sapendo cosa vuole uno e cosa vuole l'altro... sincerità è alla base di tutto... basterebbe così poco...

sbagliare di nuovo...

09 ottobre 2010 ore 12:27 segnala

E pensi che cosa hai che non va, pensi se è giuu sto o no.... e poi rifletti... cadi in quel mondo dove esisti solo tu , le tue emozioni, i tuoi pensieri contorti. Penso che capiti un pò ad ognuno di cadere nel "limbo" delle decisioni difficili. Quelle che ti fanno venire un nodo allo stomaco, che proprio non riesci a scogliere! Quelle che sai cambieranno tutto, cambieranno anche te... Vorrei poter credere che andrà tutto bene, sperare di farcela, sperare che a forza di mandare giù i bocconi amari, passi... ed invece ti ritrovi solo con un bel maldistomaco.

è così strano ricordarsi in un modo, pensare di essere rimasti sempre gli stessi e poi , come nel risveglio da un lungo sonno, accorgersi che non è così, quello che c'era non lo trovi, certi momenti non sai neanche che colore avessero, ti mancano, ti viene da urlare e non sai cosa fare. Ti ritrovi solo con te stesso, il cuore e la mente non concordano mai, il cuore è ingannevole, giustifica tutto, come direbbe mio nonno:"non vede al di la del suo naso...e non è perchè ha un naso grosso!".. Quando ci sei dentro, non sei mai razionale, sei troppo emotivo ed il cuore ha quasi sempre la meglio. La ragione dal canto suo è debole, a volte però ci sono quegli attimo... quelli in cui neanche ci pensi che ti fanno vedere la realtà.. che ti danno una scossa, ti urlano in faccia sperando che tu capisca. ed in quei momenti ti crolla tutto ... in quei momenti devi avere la forza di mettere da parte quel cuoricino sognatore e irrazionale... in quei momenti ti svegli

illusioni

13 marzo 2009 ore 18:49 segnala

Christian Mestole Bovee: Nessuno è felice senza un'illusione di qualche tipo. Per essere felici, le illusioni sono necessarie quanto la realtà.

 

come è vero, a volte pur necessario per noi stessi credere in illusioni, credere in false speranze, credere in ciò che ci appare e non ciò che sia realmente...  Difficile essere razionali e saggi in alcuni casi, anche quando le risposte paiono così plausibili davanti ai nostri occhi... e poi accade, quando come una doccia fredda appare sotto el vere sembianze, ed ecco che ti ritrovi sotrdità da una verità che è sempre stata lì ma che tu non riuscivi a vedere con occhi razionali....

Luigi Pirandello : La facoltà d'illuderci che la realtà d'oggi sia la sola vera, se da un canto ci sostiene, dall'altro ci precipita in un vuoto senza fine, perché la realtà d'oggi é destinata a scoprire l'illusione domani. E la vita non conclude. Non può concludere. Se domani conclude, è finita.