Cinquantasette: Scrivere..

11 luglio 2018 ore 16:28 segnala
Il mio approccio con la scrittura è stato molto precoce, è avvenuto alle elementari, anche se non saprei dire in che anno, quando una ricerca sull'ermellino si è trasformata nel mio primo tema. Eh si, perchè alla bambina qui scrivente sembrava che raccontare di questo furetto magro che d'estate è rosso e d'inverno bianco sembrava troppo banale, e così ci aveva imbastito una storia con i fiocchi sopra ed aveva stabilito il suo stile narrativo : introduzione - svolgimento - conclusioni.
Alle medie ho avuto una pausa. Ho scoperto il piacere di leggere. Di non finire un libro perchè ti era stato dato come compito per le vacanze, ma perchè ne rimanevi rapita, catturata nella storia e fra i personaggi. Da allora l'amore per la lettura è sempre stato una costante della mia vita. A volte più, a volte meno incisivo, talvolta così forte da costringermi ad una bulimia di pagine, ma sempre presente. Tanto che la mia libreria trasuda testi di ogni genere. Ancora oggi leggo e pensando scrivo. La scrittura filtra con il mio pensare tutta la realtà, tutte le mie emozioni, leggere invece è sommare vita alla propria.
Modello i miei pensieri come li avessi letti da qualche parte, con la loro sintassi, la loro punteggiatura e farlo mi porta in altri mondi mentre scrivere mi porta a spasso dentro la “mia io”.
Leggere è succhiare altra energia, come un vampiro. Scrivere è fare e disfare un’immensa tela e lo faccio per necessità, per timidezza, perché ne ho bisogno.
Spesso è l'unico modo che ho per far uscire le mie parole. Molto di me rimane ancora nascosto ma ascolto e scrivo. Scrivo di volti, di persone passate nella mia vita, chi per un soffio, chi per molto o chi per poco perché non hanno voluto guardare l’oltre.
Scrivo perché non so disegnare e avrei voluto e perché non ho tempo di imparare a fotografare.
E' il mio desiderio verso le immagini, la mia forza analitica, la mia tentazione di uscire allo scoperto che di persona mi fa arrossire. E’ il modo di sciogliere il groviglio che ho dentro.
Questo blog non parla di libri, ne di cinema, ne attualità, ne di politica.
Il mio blog parla di me: intensa, dolorosa, profonda, intelligente, maliziosa e parla in genere di rapporti umani uomo - donna...dell'amore anche, quando c'è...e quando non c'è, faccio che ci sia...e parla di passione, di sesso..di tutto ciò che si riassume in un unica parola: Vita.
Non lo so se sono simpatica, antipatica, stupida, amorale e non m'interessa.
A me piace scrivere, scrivo quello che mi passa per la testa, forse sono autocelebrativa e ho una buona opinione di me stessa (anche questa è una grazia ricevuta) in quanto è più facile incontrare persone che ti rendono insicura e ti cazzottano l'ego, piuttosto che il contrario, in generale per tutti intendo.
Insomma, io sono questa! Coraggiosa nel mio espormi.
Scrivere è un modo per dire “io ci sono”, è il mio modo di difendermi, è un modo per farmi amare.
Come una bella donna quando indossa un vestito di seta e una collana di perle. La donna può tutto quando indossa una collana di perle.
Si guarda allo specchio, si mette i tacchi e si strofina gli occhi di un colore intenso, sorridendosi.
E' anche il mio modo di andare in giro, di ondeggiare sulle anche, di sentirmi addosso un bel corpo anche se non lo sento bello.
Scrivere è la mia voce.
E non m'importa di essere letta, di avere un qualche successo, di scrivere una vera storia, mi abbandono solo a quello che sento dentro.
Come un passatempo all'infinito, un contenitore dove all'interno c'è sempre una scatolina più piccola e dai colori sgargianti, una piccola bambolina, una matrioska. Me.

c91cf4fb-9935-4ce1-9811-7ebfda6a3699
Il mio approccio con la scrittura è stato molto precoce, è avvenuto alle elementari, anche se non saprei dire in che anno, quando una ricerca sull'ermellino si è trasformata nel mio primo tema. Eh si, perchè alla bambina qui scrivente sembrava che raccontare di questo furetto magro che d'estate è...
Post
11/07/2018 16:28:09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. angolodiluce 11 luglio 2018 ore 16:41
    bello leggerti ,e a volte un po di vanità è cosa sana e giusta venga fuori per migliorarti sempre piu e accrescere la tua passione ,il tuo fermento in quello che ti piace fare...
  2. devilwoman1985 11 luglio 2018 ore 21:23
    @angolodiluce Grazie per il tuo passaggio e le tue parole...Ci sono alcuni scritti che “amo”, pagine che mai avrei pensato d’esser capace di scrivere, emozioni e sentimenti che per molti possono essere indecifrabili e insulsi nel loro contorto pensiero, ma per me importanti...Scrivere è vita, la mia storia, nonostante la mia irrequietezza, la mia follia. Ho imparato a volermi bene anche attraverso i miei scritti.
  3. angolodiluce 12 luglio 2018 ore 15:17
    leggero con piacere altri tuoi scritti! :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.