Ottantacinque: Uno sfogo

24 febbraio 2019 ore 11:13 segnala
Ho sempre tenuto fuori dal mio blog argomenti delicati come politica e religione per non urtare la suscettibilità di qualcuno e per preservare le mie idee da inappropriate polemiche ma ciò che sto seguendo questi giorni mi induce ad uno sfogo, più che ad una riflessione. Lavoro da anni con coloro che vengono additati come "diversi" e questo mi ha permesso di arricchirmi e considerare la diversità, in qualsiasi ambito la si voglia misurare, come un valore aggiunto, una ricchezza infinita....ricchezza che purtroppo nel nostro Paese non tutti sono disposti a contemplare.
L’esperimento pedagogico del maestro di Foligno dice molto su come sta messa la scienza in questo Paese.
Un filone scientifico di eminenti stronzi per l’esattezza, che vorrebbe sui banchi di scuola bambini di razza caucasica, bianchi, possibilmente non vaccinati - che’ i vaccini, si sa, fanno male - e con mense separate.
Ma d’altra parte questo accade quando un governo mette in cima alle sue priorità impegni assistenziali di difficile applicazione da un lato e politiche inneggianti all’odio razziale dall’altra.
Questo succede quando la parola scuola non viene minimamente menzionata in un programma elettorale, figuriamoci poi parole come sanità e salute pubblica che a furia di tagli non c’hanno neanche il filo per autosuturarsi.
Meritate tutto questo perché siete ignoranti e presuntuosi.
Siete quelli che ancora c’hanno le bandiere francesi tra le foto del profilo e gli stessi che hanno insultato Macron per i gilet gialli e i francesi per mancanza di bidet.
Proprio voi, che non ve lo siete mai pulito il cesso di casa perché tanto c’avete l’extra comunitario nero e a nero che vi toglie la merda e dalla merda.
Siete quelli che appena hanno mezzo dolore alla cervicale chiamano l’amico per scavalcare la lista d’attesa.
Se avessi potuto scegliere io chi rimpatriare, vi avrei spediti tutti su quei banchi di scuola che avete scaldato poco e male sperando nella raccomandazione di vostro zio o nel voto clientelare per arrivare dove non meritate di stare seduti.
Sono diventata razzista pure io ed è la vostra razza di ladri, furbi, parassiti, accattoni, razzisti, sessisti e ignoranti che vorrei vedere affogare in quegli abissi.
Vi volete interessare di scienza, economia, sociologia e politiche migratorie e sociali come se nella vita bastasse interessarsi e non studiare; parlate come consumati statisti.
Il tutto come se non si vedesse che avete il livello culturale della zia Cosima di Avetrana e l’ampiezza di vedute di un paraocchi.
ps: chiedo scusa per alcuni termini e per la "romanità" con cui ho espresso alcune considerazioni

99de9823-e4e0-4f35-aecc-9d34a5d1a9a4
Ho sempre tenuto fuori dal mio blog argomenti delicati come politica e religione per non urtare la suscettibilità di qualcuno e per preservare le mie idee da inappropriate polemiche ma ciò che sto seguendo questi giorni mi induce ad uno sfogo, più che ad una riflessione. Lavoro da anni con coloro...
Post
24/02/2019 11:13:04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.