Le Pene Dell'Anima

13 marzo 2017 ore 15:17 segnala


C'è chi si nutre di anime ed è questo l'unico modo di saziare la sua fame d'amore! Ma poi, sarà davvero amore? Dubbio credo, più che fondato !
Se tornare al passato è come tornare dove siamo già stati e scoprire che non esiste più niente di quanto è stato è solo per anime che non credono più in se stesse, nella loro autostima. Ed è per questo che alcune non vogliono più tornarci, non vogliono più pensarci. Il motivo è che per esse sarebbe troppo doloroso oppure si vergognano di ciò che hanno fatto o subìto, ma non basta, oltre a non tornare al passato fuggono anche il presente, semplicemente spariscono dalla circolazione nascondendo se stesse ad altri occhi.
Anime che sono state ferite, calpestate nei sentimenti ce ne sono state e ce ne sono tutt'ora, le delusioni portano chi non riesce a reagire alla sofferenza allo stato di annullamento del proprio ego.

Mentre le anime innocenti pure e coraggiose restano sulle loro posizioni andando avanti orgogliosamente a testa alta ovunque e di fronte a chiunque.

Per finire questo mio pensiero credo che solo coloro che hanno fatto del male agli altri devono nascondersi, non chi ha amato o ama in modo sincero.

Male non fare paura non avere … chi scrisse questa frase ha tutta la mia stima!

807ba3bb-7192-4d3d-abd2-981b0b75e871
« immagine » C'è chi si nutre di anime ed è questo l'unico modo di saziare la sua fame d'amore! Ma poi, sarà davvero amore? Dubbio credo, più che fondato ! Se tornare al passato è come tornare dove siamo già stati e scoprire che non esiste più niente di quanto è stato è solo per anime che non cre...
Post
13/03/2017 15:17:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Io Sto Con La Plebe

07 marzo 2017 ore 09:54 segnala


Perchè entrò? Forse per rivalsa contro qualcuno? Ed ora, dopo essersi accorta di non avere ottenuto il sospirato e desiderato riscontro a quanto si era riproposta, nello stesso modo in cui entrò se n'è andata. Non voleva solo dialoghi intelligenti con gente intelligente ed a pari cultura no, era altro a cui aspirava e questo altro non è riuscita ad ottenerlo quindi, inutile continuare a sostare in un luogo che più non soddisfaceva il suo super-ego. Troppa plebe al confronto del suo status di presunta nobiltà.
Lei, la plebea, la poco colta con cui avrebbe voluto disquisire magari in maniera forte non le ha mai concesso questa opportunità non dandole così il modo di poter ottenere quella soddisfazione che si sarebbe aspettata. E così ha pensato...perchè sostare ancora qui?
Sicuramente legge e considerando che oltre ad essere super colta è anche super intelligente ed essendosi sempre dimostrata così sicura nel suo fare e soprattutto nel suo dire ha ritenuto opportuno, nella sua personalità e vena così tanto creative, svignarsela insieme a tutto il gotha.

Buon sangue non mente ed io sto orgogliosamente in compagnia della plebe!

20ba5bc5-0078-47b1-8685-3dde3822dc1f
« immagine » Perchè entrò? Forse per rivalsa contro qualcuno? Ed ora, dopo essersi accorta di non avere ottenuto il sospirato e desiderato riscontro a quanto si era riproposta, nello stesso modo in cui entrò se n'è andata. Non voleva solo dialoghi intelligenti con gente intelligente ed a pari cul...
Post
07/03/2017 09:54:16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

La Tela Del Ragno

04 marzo 2017 ore 08:50 segnala


Il ragno tesse la sua tela gettandosi da un punto fisso verso il basso secernendo dalle sue ghiandole quei fili di seta che poi riporta al punto di partenza e poi ancora giù e poi ancora su fin quando la ragnatela sarà pronta. Quei fili di seta sono più forti dell'acciaio e potremmo quindi paragonare la stessa ad un vero e proprio strumento di morte per gli insetti che vi si avvicinano. Eppure è così bella a vedersi soprattutto al mattino quando la rugiada imperla i suoi fili d'argento, possiede un ché di magico e magnetico ed è forse per questo che mosche ed insetti vari vengono attirati da quei bagliori fosforescenti e luminosi. Essi però non sanno quanto sia pericoloso avvicinarsi ad essa. Il ragno aspetta con pazienza la sua preda e quando questa resta impigliata potrà anche
usare tutta la sua forza per districarsi ma altro non le resta se non l'essere piano piano divorata. Poi, il ragno attenderà la seconda preda e così via fin quando non avrà soddisfatto la sua famelica ingordigia.

Deve essere triste per quelle povere bestiole che rimangono impigliate ancora vive non avendo una speranza di potersi liberare. La stessa libertà desiderata da coloro che essendo prigionieri di un qualcosa o di un qualcuno vedono sfuggire dalla loro vita quella remota possibilità.

2889f1bf-493f-438d-9ed9-fb4f8822fd22
« immagine » Il ragno tesse la sua tela gettandosi da un punto fisso verso il basso secernendo dalle sue ghiandole quei fili di seta che poi riporta al punto di partenza e poi ancora giù e poi ancora su fin quando la ragnatela sarà pronta. Quei fili di seta sono più forti dell'acciaio e potremmo ...
Post
04/03/2017 08:50:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Sorridere...

03 marzo 2017 ore 11:32 segnala


L'odio è una brutta bestia, ma se riesci a sorridere a quelle persone di cui sai che provano questo sentimento nei tuoi confronti è un qualcosa di sublime e veramente meraviglioso. Saper sorridere sempre è la bellezza dell'anima...

d1fce04a-88c9-4136-8b67-3bc54de2a3eb
« immagine » L'odio è una brutta bestia, ma se riesci a sorridere a quelle persone di cui sai che provano questo sentimento nei tuoi confronti è un qualcosa di sublime e veramente meraviglioso. Saper sorridere sempre è la bellezza dell'anima... « video »
Post
03/03/2017 11:32:19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Non dimentico niente ma.....

01 marzo 2017 ore 18:16 segnala


Oggi ho aperto altre pagine del mio diario. A caso ne ho aperta una, offese ricevute da una blogger accompagnate dalla foto di una vecchia, mi son detta che non valeva la pena riportarla qui. Ho continuato a sfogliare pagine con scritti sempre rivolti a me non certo in modo simpatico, scritti di una dolce signora, dove leggo frasi in cui mi si augura la morte, dopo finalmente la libertà, non certo per me naturalmente, solo per lei. Poi ancora avanti, una che mi prende in giro per la mia età. Ancora avanti, offese in tandem, un lui ed una lei, e ancora chi si vantava del suo fascino soprattutto notturno e al mattino veniva a raccontarmelo. Ci sono donne di ogni Regione, e anche alcuni uomini che metaforicamente hanno dato il loro contributo nell'infamarmi, attaccarmi con provocazioni di ogni genere.
Mi è stato gettato addosso tutto il fango possibile in modo cinico e cattivo, sono stata riempita di vomito acido e purulento. Tutto questo da persone che si ritengono o ritenevano la crema della crema. Crema rancida da gettare alle ortiche. Una cattiveria che in alcuni casi rasentava malvagità e crudeltà d'animo. E certe anime sono così solo perchè in esse albergano infelicità invidia e solitudine.

Quando in alcuni post trovavo quelle cose che ferivano la mia persona le scrivevo su di una cartella con tanto di data e di chi l'aveva scritta. E ultimamente, considerando che non posso sapere quanto ancora resta della mia permanenza in questo sito perchè mi sono stufata e ho di meglio a cui pensare ecco che avevo deciso di riportare tutto quanto qui aprendo questo blog.

Poi, ritenendomi persona che, diversamente da altre, non manca di dignità , ho ritenuto opportuno astenermi da quanto era nelle mie intenzioni e sapete perchè? Mano mano che rileggevo quelle pagine mi veniva da ridere... e mi sono detta che tutto il brutto ed il cattivo che mi è stato riservato altro non è che gettare su di me quello che in realtà è stato ed è il loro guardarsi allo specchio.

Scriverò racconti, veri o inventati non ha importanza.....amo leggere così come amo scrivere.....

c7974365-eb59-4605-94f3-43cb2757e505
« immagine » Oggi ho aperto altre pagine del mio diario. A caso ne ho aperta una, offese ricevute da una blogger accompagnate dalla foto di una vecchia, mi son detta che non valeva la pena riportarla qui. Ho continuato a sfogliare pagine con scritti sempre rivolti a me non certo in modo simpatico...
Post
01/03/2017 18:16:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Orme...

28 febbraio 2017 ore 09:41 segnala


Pagina del mio diario aperta su di un giorno del 2013.

Ho camminato su spiagge deserte calpestando conchiglie frantumate lacerandomi i piedi ma proseguivo senza sosta e senza mai arrendermi, ignoravo stanchezza e ferite, durante il cammino conobbi la breve gioia del calore del sole e le tante sofferenze inflitte da venti sferzanti che bruciavano gote e anima. Nonostante questo non ho mai abbandonato quel cammino, nemmeno nei momenti di malinconia sofferenza e triste solitudine e così sono trascorsi mesi e stagioni senza che niente cambiasse, era solo il miracolo di quell'amore che viveva in me nel non farmi desistere dal proseguire quel cammino, passi incerti ma pieni di speranza, davanti a me la visione di un sogno da raggiungere.
E' giunto ora il tempo di arrendermi all'evidenza dell'impossibile, un traguardo che si allontanava sempre più, sempre di più fino a scomparire del tutto dietro un lontano orizzonte inesistente.
Ho camminato tanto nell'inutilità dei miei passi che si sono rivelati sbagliati deludenti dolorosi e senza alcuna possibilità di cancellare tutto ciò che è stato. Unica possibilità rimasta : Fermarsi e tornare indietro evitando di calpestare antiche orme.

22d774a1-2cb4-48b3-af47-91dc4671c363
« immagine » Pagina del mio diario aperta su di un giorno del 2013. Ho camminato su spiagge deserte calpestando conchiglie frantumate lacerandomi i piedi ma proseguivo senza sosta e senza mai arrendermi, ignoravo stanchezza e ferite, durante il cammino conobbi la breve gioia del calore del sole...
Post
28/02/2017 09:41:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

La contadina e il galletto...

27 febbraio 2017 ore 18:51 segnala


Apro a caso le pagine del mio diario, questo buffo scritto risale ad un giorno del 2012.

Disse la contadina al galletto: devo tirarti il collo. A quel punto dal cuore del povero gallo uscì tutto il dolore che aveva dentro; un momento di intensa disperazione. La contadina pazza era convinta che uccidendolo, in seguito sarebbe rinato da quelle ceneri in cui era precipitato per amore di una gallinella e così la contadina gelosa pretendeva di mettere in atto il suo proposito. Prima si muore disse al galletto, poi risorgerai e di lei più non ti ricorderai. Ma il galletto furbo nella sua possenza fisica le sfuggì dalle mani scappando velocemente, anzi imparò anche a volare alto. Così la contadina pazza restò da sola con un palmo di naso.

85b8df87-06b8-4ded-a7da-2fa799a62093
« immagine » Apro a caso le pagine del mio diario, questo buffo scritto risale ad un giorno del 2012. Disse la contadina al galletto: devo tirarti il collo. A quel punto dal cuore del povero gallo uscì tutto il dolore che aveva dentro; un momento di intensa disperazione. La contadina pazza era c...
Post
27/02/2017 18:51:39
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Pagina del mio diario datata 2009

26 febbraio 2017 ore 10:17 segnala


Ormai era un ricordo che stava sbiadendo, era stata solo una parentesi piacevole si ma assurda. Quel lui non era più niente per lei già da tanto, mesi? No no anni, erano almeno 5 anni che non sentiva più la sua voce né aveva ricevuto un messaggio. Per un paio di anni almeno nella ricorrenza del Natale lui le inviò gli auguri, poi più niente, niente di niente.
Il giorno che si erano sentiti l'ultima volta al telefono, lui le aveva chiesto un incontro almeno per conoscersi di persona. Lei dopo tanti no, stava quasi pensando di accettare quando una frase la bloccò. “Se accetti questo incontro e vedendoci, annusandoci, baciandoci dovessimo davvero provare quel sentimento che da un anno ci travolge e stravolge, non mi accontenterò di una volta, dovrai lasciare tutto e venire via con me, in caso contrario potrei lasciare tutto e trasferirmi su da te” Su nel senso che lui abitava 800 km a Sud di dove abitava lei.
No, non poteva accettare quelle condizioni, non su due piedi almeno e poi anche riflettendoci bene sapeva che non l'avrebbe mai fatto. E così la sua risposta immediata fu quella di chiedergli se per caso fosse impazzito. Si le rispose, è una pazzia a cui sto pensando da tempo ma se tu rifiuti a priori la mia proposta, come non detto. E riagganciò!
Lei aspettò una sua chiamata o almeno un messaggio per giorni settimane mesi ma il telefono rimase muto. Lei non lo chiamò mai, se lo avesse fatto probabilmente lui avrebbe creduto ad un ripensamento.
Dopo un paio di anni tramite una conoscente comune lei seppe che lui si era separato dalla moglie ed era tornato a vivere dalla madre.
Comunque ormai era tutto finito e non pensava certo a lui quando quella mattina finiva di vestirsi, un tailleur pantalone nero e camicetta leggera, iniziava a fare caldo, al limite avrebbe tolto la giacca ma il suo lavoro le imponeva un abbigliamento classico e sobrio.
Chiuse la porta dietro di se ed uscì per andare ad un appuntamento di lavoro, entrò in auto ma prima di mettere in moto inserì un CD , tra non molto non avrebbe più funzionato tante erano le volte che lo aveva ascoltato.......”Non ti scordar mai di me , delle mie abitudini”....accidenti il telefono, vuoi vedere che il cliente vuole annullare l'appuntamento o ritarda? Abbassò il volume e come sempre .non riusciva a trovare quel maledetto telefono nell'immancabile caos che regnava dentro la sua borsa. Lo trovò e per la fretta di rispondere non ebbe il tempo di indossare gli occhiali per vedere il numero di provenienza . Schiacciò il pulsante di risposta.........Una voce inconfondibile.....Pronto, pronto.....ci sei? Mi senti? Si, sentiva quella voce, una voce che non aveva dimenticato, una voce che tremava dall'emozione . A quel punto il suo cuore iniziò a battere forte ma solo per la sorpresa inaspettata. …...infine disse: ciao, si ci sono ma devo salutarti perchè ho un impegno di lavoro e sono già in ritardo. Sentì solo il click della comunicazione che si interrompeva e proseguì felice nel sentirsi libera da quel pensiero che l'aveva seguita per tanto tempo.

Quella volta che...

24 febbraio 2017 ore 11:14 segnala


Diversi anni sono trascorsi da quella sera, una sera come tante in cui lei era solita entrare in chat, di solito in quelle pubbliche dove conosceva ormai diverse persone con le quali dialogava in chiaro, era bello allora quando quasi tutti i frequentatori, non molti a quel tempo, le chat erano solo quattro e suddivise per età. Esisteva la buona ironia di alcuni che sapevano rendere le serate divertenti, erano sempre i soliti, l'educazione in primis che a differenza di oggi era di rigore, altrimenti schizzavi subito fuori, ogni chat aveva il suo moderatore o la sua moderatrice che non accettavano battibecchi e offese, anche se queste ultime erano rare. Poi qualcuno/a poteva essere chiamata in privato e a sua discrezione accettare o meno l'invito. E poi così come oggi c'era la posta privata. Quella sera lei vi ricevette il messaggio di un signore che aveva già notato tra tutta quella gente che frequentava il sito ed ogni tanto tra i due vi era stato uno scambio di saluti ma quella sera, quando venne contattata sulla posta, dopo il solito convenevole, lui si espresse con parole che non potevano non colpire l'animo di una persona sensibile come era lei “ sono solo e la solitudine di questa sera mi è insopportabile, unico compagno il cielo pieno di stelle ma non basta, ho bisogno di qualcuno con cui poterle ammirare assieme“ . Lei capì le intenzioni di lui, così rispose soltanto che era dispiaciuta per quel suo sentire ma nello stesso tempo cercò una scusa per accomiatarsi, anche se quelle parole le erano rimaste nella mente e nel cuore. Lei da allora anche se sporadicamente continuò per un certo lasso di tempo e in poche occasioni a ricevere alcuni messaggi accompagnati sempre da una rosa. Poi il tempo passa e con il tempo cambiano anche le cose, cambiano i sentimenti, cambiano i rapporti ma soprattutto cambiano le persone.

a8296bc0-09d2-4269-8305-e1bb56f62e9e
« immagine » Diversi anni sono trascorsi da quella sera, una sera come tante in cui lei era solita entrare in chat, di solito in quelle pubbliche dove conosceva ormai diverse persone con le quali dialogava in chiaro, era bello allora quando quasi tutti i frequentatori, non molti a quel tempo, le ...
Post
24/02/2017 11:14:04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Il Diario Del Mio Passato

19 febbraio 2017 ore 17:03 segnala


Perchè un altro nick ed un altro blog...semplice, la vita continua e innanzi a noi si apre il futuro. Nessuno saprà mai cosa troveremo lungo questo cammino che ci accompagna giorno dopo giorno e quanto ancora durerà. Il bello della vita è proprio quello di sapere ciò che è stato dalla nostra nascita ad oggi ma ignoriamo quanto tempo ancora resta della nostra esistenza su questa terra.
Il presente è quasi inesistente poichè nel momento in cui avrò finito di scrivere questo post sarà già entrato nel passato mentre da questo momento in poi tutto sarà solo futuro.
Ed il futuro non mi interessa, non mi piace sapere cosa mi aspetterà domani, forse qualcosa di bello o anche no, inoltre sarebbe troppo facile intuire, sapere e avere la possibilità di modellarlo a nostro piacimento. Quindi c'è poco da dire, c'è solo da attendere sperando non succedano cose troppo spiacevoli.
Allora che dire a questo punto, quello che è certo è solamente il passato e quello nessuno lo può cancellare. A me personalmente ha lasciato alcune cose belle e altrettante meno belle come per tutti del resto ma questo è il mio diario e quindi parlerò di me e di accadimenti che hanno riguardato la mia persona.
Cose belle … altre molto meno non tralasciando il virtuale..,che in alcuni casi ha avuto su di me un impatto non trascurabile in 14 anni di mia permanenza qui.


Vecchi post, vecchie frasi , vecchie foto, vecchi video, vecchi balli......insomma tutto ciò che è passato ma mai dimenticato!

c6d0ef79-c27d-48a3-8e83-4d7f0f9f4516
« immagine » Perchè un altro nick ed un altro blog...semplice, la vita continua e innanzi a noi si apre il futuro. Nessuno saprà mai cosa troveremo lungo questo cammino che ci accompagna giorno dopo giorno e quanto ancora durerà. Il bello della vita è proprio quello di sapere ciò che è stato dall...
Post
19/02/2017 17:03:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    9