Il canto delle mie catene

24 ottobre 2017 ore 16:30 segnala


Nulla per cui lottare,
nulla che abbia senso.
E adesso io sto toccando il fondo
di una solitudine, mascherata,
di giorno.
Non vedo ragioni
per coltivare sogni
che presto svaniranno.
Rinchiusa
fra queste quattro mura
e tra barriere mentali
che abbattere non so.
Prigioniera di me,
vita regalo a chi da me risucchia
e affonda nelle carni mie
l'avida bocca mai sazia.
Nulla per me rimane,
svuotata d'energia
non so nemmeno piangere.
A me dato non è d'essere felice,
sto asservita a quel falso bene
che toglie libertà e respiro,
rassicurata da queste catene.
Indispensabili ormai:
non so più camminare
senza udire, scandito
al ritmo dei miei passi,
il loro metallico canto.

Ho sposato il cielo

22 luglio 2017 ore 17:11 segnala



Non sei piú qui
ma io ti sento,
ci sei dentro le gocce del mio pianto
e in ogni mio respiro.
Il tuo nome tatuato sul mio cuore
lo fa battere forte,
fino a fargli male.
Si susseguono i giorni,
tornano l’ albe e tornano i tramonti
sei tu, che non ritorni…
Cosi sotto una pioggia di pianto
io ho sposato il cielo,
per farci stare in questo immenso amore
seppur fuori dal tempo.
Ombre e luci
filtrate appena da sottili trame di seta
ove l’anima mia giá ha avvolto il suo dolore
mai stanca di amarti,
io cerco ancora e sempre
tracce di te.

6911b5fd-3427-4485-916d-06f1df54dfe2
« immagine » Non sei piú qui ma io ti sento, ci sei dentro le gocce del mio pianto e in ogni mio respiro. Il tuo nome tatuato sul mio cuore lo fa battere forte, fino a fargli male. Si susseguono i giorni, tornano l’ albe e tornano i tramonti sei tu, che non ritorni… Cosi sotto una pioggia di p...
Post
22/07/2017 17:11:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment

Specchi

05 marzo 2017 ore 15:41 segnala
Vorrei essere bella
come al tempo in cui
specchiandomi
nel vetro di una vecchia finestra
della mia casa avita, mi vedevo.
Ero bella.
Riflesso il mio volto rotondo,
incorniciato da neri capelli,
nei miei occhi brillava
una luce di stella.
Di vita avevo fame,
fretta di spiccare il volo
e fra smorfie e sorrisi sognavo l’amore.
Ora ho uno specchio vero,
ma non vi indugio più con lo sguardo.
Mi rimanda impietoso
una nuova bellezza:
una me ancor sognante
con le rughe sulla fronte...


f4619bd6-c577-4884-9edb-10de029e0438
Vorrei essere bella come al tempo in cui specchiandomi nel vetro di una vecchia finestra della mia casa avita, mi vedevo. Ero bella. Riflesso il mio volto rotondo, incorniciato da neri capelli, nei miei occhi brillava una luce di stella. Di vita avevo fame, fretta di spiccare il volo e fra...
Post
05/03/2017 15:41:12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment

C'è ancora il Natale

23 dicembre 2015 ore 21:58 segnala
Lo vedi in uno sguardo,
ti giunge in un sorriso,
lo senti in un abbraccio,
in una mano calda che stringi
e negli occhi dei bimbi
che guardano incantati
un Bambinello, cullato da una Mamma dolce.
Natale c'è ancora!
C'è
nelle note di un antico canto, in un profumo,
un'emozione, un pianto.
In un fiocco di neve che ti sfiora il viso
poi si scioglie
e presto,
s'ode il rintocco di campane a festa
che tutti quanti invita
a recarsi al Presepe
e la pace e speranza
come pastori in viaggio ritrovare.
C'è ancora il Natale...
Possa la cometa raddolcire i cuori
per renderli capanna
in questo giorno e ancora, per la vita.
daa4cf51-9c73-4c13-8bca-10db8e6a1618
Lo vedi in uno sguardo, ti giunge in un sorriso, lo senti in un abbraccio, in una mano calda che stringi e negli occhi dei bimbi che guardano incantati un Bambinello, cullato da una Mamma dolce. Natale c'è ancora! C'è nelle note di un antico canto, in un profumo, un'emozione, un pianto. In un...
Post
23/12/2015 21:58:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    3

Ora che non sei più qui

31 maggio 2015 ore 16:22 segnala


Ora che non ti posso più vedere
dimmi almeno dove sei,
indicami, nelle geografie del cielo,
qual è il tuo angolo sereno
potrò così rivolgerti lo sguardo
e raccontarti di me.

Ora che non posso più posare un bacio
sulla tua guancia morbida
dimmi, ti prego,
quale raggio di sole a te conduce,
vi poserò le mie lacrime
e tu le asciugherai.

Ora che non ti posso più toccare
dimmi almeno
dov’è quella nuvola color pervinca
ove posi il capo la sera
così che io ti possa incontrare nei mie sogni
e fluttuare con te fra le stelle.
490fe896-a00f-4da2-be6d-6e84cdbce7f1
« immagine » Ora che non ti posso più vedere dimmi almeno dove sei, indicami, nelle geografie del cielo, qual è il tuo angolo sereno potrò così rivolgerti lo sguardo e raccontarti di me. Ora che non posso più posare un bacio sulla tua guancia morbida dimmi, ti prego, quale raggio di sole a te c...
Post
31/05/2015 16:22:03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment

Declino di un anno

06 novembre 2014 ore 20:33 segnala


Se non fosse
che le grigie nebbie
m’intristiscono l’anima,
l’amerei questo novembre
dai colori caldi e arrugginiti,
ma non posso …
Troppa tristezza provo
nell’inverno incipiente
e all’altro lato del viale
scorgo cespugli ormai brulli
e passerotti che, nei brevi voli,
cercano una bacca.
Già vedo, bianca,
la neve cadere dal cielo
ed ammantare il suolo
e sento dentro brividi di gelo.
Penso a finestre dai vetri appannati
a tavoli con fumanti minestroni,
alle caldarroste, al vino
che non mi scalda il cuore,
Penso al declino di un anno,
un altro anno che muore …
12cd6a01-9e9a-4688-b161-b44517b24d59
« immagine » Se non fosse che le grigie nebbie m’intristiscono l’anima, l’amerei questo novembre dai colori caldi e arrugginiti, ma non posso … Troppa tristezza provo nell’inverno incipiente e all’altro lato del viale scorgo cespugli ormai brulli e passerotti che, nei brevi voli, cercano una bacc...
Post
06/11/2014 20:33:51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Le donne innamorate

07 agosto 2014 ore 22:15 segnala



Le donne innamorate
Mettono nastri di seta fra i capelli
E margherite
Profumano d'estate
Hanno negli occhi stelle
Le donne innamorate
Sguardi estasiati
E labbra rosse, turgide drupe
Che donano sorrisi
Hanno le gote accese
Di petali di rose vellutate
Camminano danzando
Le donne innamorate
Incedono sicure
Regalano dolcezza
Diffondono l'amore
Hanno nel cuore un sogno
E nelle mani il sole.

aee1d830-ce7e-4219-961a-4f631aec16a2
« immagine » Le donne innamorate Mettono nastri di seta fra i capelli E margherite Profumano d'estate Hanno negli occhi stelle Le donne innamorate Sguardi estasiati E labbra rosse, turgide drupe Che donano sorrisi Hanno le gote accese Di petali di rose vellutate Camminano danzando Le donne innam...
Post
07/08/2014 22:15:22
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment
    6

Se pensi di essere sconfitto, lo sei

30 marzo 2014 ore 15:15 segnala

Se pensi di essere sconfitto, lo sei.
Se pensi di non osare, non lo farai.
Se vuoi vincere, ma pensi che non ce la farai,
è quasi certo che non vincerai.
Se pensi che perderai, sei perso.
Perché fuori nel mondo capiamo che
il successo COMINCIA con la VOLONTA' dell'individuo.
Tutto dipende dallo stato mentale.
Se pensi di essere un perdente, lo sei.
Per crescere hai bisogno di pensare in grande.
Hai bisogno di essere sicuro di te stesso per poter
vincere un premio.
La battaglia della vita non è sempre a favore
dell'uomo più forte o più veloce.
Ma prima o poi chi vince è colui
CHE SA DI POTERCELA FARE !

Bruce Lee
28ce4ba4-6006-4462-a9e3-dcbae56b0053
Se pensi di essere sconfitto, lo sei. Se pensi di non osare, non lo farai. Se vuoi vincere, ma pensi che non ce la farai, è quasi certo che non vincerai. Se pensi che perderai, sei perso. Perché fuori nel mondo capiamo che il successo COMINCIA con la VOLONTA' dell'individuo. Tutto dipende dallo...
Post
30/03/2014 15:15:13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment

Voglio un marzo così

02 marzo 2014 ore 17:12 segnala
Voglio un marzo dai mandorli in fiore
un marzo dai tenui colori,
dai prati cosparsi
di margheritine e viole,
un marzo portato dal vento
che inceda elegante
con cesti di raggi di sole,
che spazzi il grigior dell’inverno passato.
Voglio un marzo dal cielo sereno,
di promesse pieno
e festosi gridi
di rondini gaie che tornano ai nidi
presagio di bella stagione
che incanti ogni via,
un marzo leggiadro che avanzi festoso
togliendo dai cuori ogni malinconia.

c729d5b0-1039-4b92-9a2d-e9d14dd26746
Voglio un marzo dai mandorli in fiore un marzo dai tenui colori, dai prati cosparsi di margheritine e viole, un marzo portato dal vento che inceda elegante con cesti di raggi di sole, che spazzi il grigior dell’inverno passato. Voglio un marzo dal cielo sereno, di promesse pieno e festosi gridi di...
Post
02/03/2014 17:12:57
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Nel parco dei sogni (a Villa dei Cedri)

05 gennaio 2014 ore 14:05 segnala


Dolcemente posata eppur maestosa
nel parco verde vellutato sorge
Villa dei cedri.
Bella, accogliente avvolge nel suo abbraccio.
Luogo di sogno, terra di magia,
gelosamente, per curar l’incanto,
da mura cinto.
Alti gli alberi, e forti
al ciel turchino innalzano le braccia,
robusti rami che elevano il pensiero
di chi ai lor piedi lo stupore prova.
Ogni cedro a chi l’ode può parlare,
così gli abeti, i cipressi, platani e sequoie,
ogni magnolia ed odoroso tiglio
forti e possenti san narrar di vita,
della forza dell’uomo e dei prodigi
che solo la natura può inscenare.
Superbi lauri e fiori dagli intensi aromi
oppure delicati,
dai colori più adatti alle stagioni.
Forme di quella vita
che nel verde pulsa come grande cuore
parlando di bellezza e di mistero.
E l’acque tèpide, amiche, accolgono la gente
come lenzuoli di seriche armonie,
e tremule le luci riflesse dentro il lago
creano suggestioni e magie.
Luogo d’incanto fra i più belli al mondo
chi lo raggiunge quiete può trovare e l’armonia
godendo di tale meraviglia
all’ombra delle generose chiome
nel parco che somiglia al paradiso.

8b299af6-6547-4552-b2c0-9ed2b0f6b178
« immagine » Dolcemente posata eppur maestosa nel parco verde vellutato sorge Villa dei cedri. Bella, accogliente avvolge nel suo abbraccio. Luogo di sogno, terra di magia, gelosamente, per curar l’incanto, da mura cinto. Alti gli alberi, e forti al ciel turchino innalzano le braccia, robusti ram...
Post
05/01/2014 14:05:31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment