*** Momenti senza tempo ***

15 febbraio 2020 ore 09:08 segnala


"Ognuno di noi ha i suoi "momenti senza tempo" io li chiamo cosi', saranno tre o quattro in tutta la vita, momenti che si scolpiscono con una impronta emotiva talmente forte che quando li ricordiamo non percepiamo differenza fra il ricordo e la rievocazione, siamo quell'emozione nitida e immutata che
abbiamo provato in un momento speciale.
Non lo sai se un momento che stai vivendo diventera' senza tempo, ma capisci subito se e' speciale.
Oggi ho vissuto uno di quei momenti senza tempo, sono quegli istanti, brevi o lunghi, in cui sembra che tutto si fermi o si sia fermato, in cui assaporiamo profondamente quello che succede nel momento in cui succede."
(tratto dal libro "Il mio amico Nepal" di Andrea Scherini)




Ho letto questo libro poco tempo fa e vi confido che l'ho trovato entusiasmante e riflessivo. La storia di due scalatori, Nepal e Andrea, che insieme hanno scalato molte vette spingendosi oltre i 4000 mt.
Andrea e' un ragazzo di 25 anni
e Nepal un bellissimo esemplare di cane cecoslovacco.
Ho voluto condividere con voi il passo in cui lui ci racconta i suoi "momenti senza tempo" che vi confesso mi hanno fatto riflettere sul perche', anche a distanza di anni, i nostri ricordi sono forti
e ricchi di dettagli come se fossero appena vissuti.
Penso che non esisterebbero i ricordi senza emozioni perche' grazie alle sensazioni provate in un preciso momento riusciamo a memorizzare determinati eventi.




I “flashbulb memories” tradotto come ricordo fotografico o flash di memoria e' il termine esatto che identifica proprio
questa “magia” che il nostro cervello fa.
La nostra capacita' di ricordare a volte e' sbalorditiva.
Di solito ricordiamo situazioni che nascono da momenti importanti rispetto a qualcosa che ci capita tutti i giorni, ad esempio come il primo giorno di scuola, il giorno del matrimonio, il nostro primo bacio, la nascita di un figlio... eventi di sicuro importanti della nostra vita.
La cosa affascinante pero' e' ricordarsi addirittura dei dettagli, il vestito che indossavi, una canzone ascoltata in un determinato momento, il sapore del cibo o il profumo che c'era nell'aria.




L'emozione quindi e' l'ingrediente speciale
che ci permette di memorizzare tutto nei dettagli .
Quindi e’ importante emozionarsi !
A volte capita di vivere determinate situazioni decisamente importanti che pero' non vengono immagazzinati nei nostri ricordi ma addirittura rimosse.
Come i ricordi legati a incidenti, violenze, grandi spaventi che ci hanno procurato ansia, paura, e malessere fisico e/o mentale
vengono spesso rimossi dai nostri ricordi
proprio per evitare di rivivere quel determinato momento.
La nostra mente sembra che faccia una sorta di selezione e smistamento di cio' che vale la pena ricordare.
E' un'azione del tutto soggettiva e imprevedibile che
non decidiamo a nostro piacimento.
Molte volte i ricordi occupano la nostra mente in modo prepotente e ci tengono legati a cio' che abbiamo perso per sempre.




Che vita sarebbe senza i ricordi?
Sarebbe una vita non vissuta, vuota, anonima, senza una storia.
I ricordi belli o brutti sono la nostra storia individuale, familiare e collettiva, raccontano chi siamo, da dove veniamo, cosa abbiamo fatto.
A questo punto provo una profonda tristezza se penso alle persone affette di Alzheimer, una malattia irreversibile e devastante che cancella la memoria.
Ho grande rispetto e stima per quelle persone che vivono a contatto con pazienti affetti da questa malattia.




...E pur mi giova
la ricordanza, e il noverar l’etate
del mio dolore.
Oh come grato occorre
nel tempo giovanil, quando ancor lungo
la speme e breve ha la memoria il corso,
il rimembrar delle passate cose,
ancor che triste, e che l’affanno duri!
(Giacomo Leopardi)


Leopardi nella sua poesia “Alla luna” scritta nel 1820 dice:
non importa che il ricordo sia triste, non importa che la sua vita perduri nell'affanno: sempre occorre grato al poeta il ricordo
del suo passato e della sua giovinezza.
L'importanza dei ricordi e' fondamentale, che siano essi positivi o negativi, perche' in ogni caso servono sempre.
Abbiamo ricordi che ci fanno sorridere, altri che ci emozionano,
altri dolorosi che ci fanno male.
I ricordi negativi ci servono da esempio per non sbagliare di nuovo, quelli positivi invece hanno il potere di ricaricarci e rievocare momenti felici puo' farci superare tristezze improvvise.




La nostra generazione ha “indebolito” il nostro ricordo perche' attingiamo ad una memoria esterna nel web, sempre disponibile.
Avere una foto sul cellulare, ascoltare e vedere una registrazione audio o video ha cambiato notevolmente il concetto di memoria e del ricordo.
Questa forma di indebolimento la noto anche quando vedo un film e faccio il paragone al libro letto che narra la stessa storia.
Indubbiamente io ritengo che la lettura sia piu' emozionante e ricca di dettagli che alimentano in me un ricordo piu' intenso.


Abbiamo tutti le nostre macchine del tempo. Alcune ci riportano indietro, e si chiamano ricordi.
Alcune ci portano avanti, e si chiamano sogni. (Jeremy Irons)




(Chissa', se in futuro, la lettura di questo mio post la ricorderai?)
39f23fd1-6a6d-433b-8a04-a65f5fcd8b1a
« immagine » "Ognuno di noi ha i suoi "momenti senza tempo" io li chiamo cosi', saranno tre o quattro in tutta la vita, momenti che si scolpiscono con una impronta emotiva talmente forte che quando li ricordiamo non percepiamo differenza fra il ricordo e la rievocazione, siamo quell'emozione niti...
Post
15/02/2020 09:08:09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10

Commenti

  1. crenabog 15 febbraio 2020 ore 13:01
    post molto giusto e molto vero, grazie di averlo scritto
  2. dodicicmdidonna 15 febbraio 2020 ore 13:12
    @ crenaborg...grz a te del passaggio.
  3. oOfiucOo 15 febbraio 2020 ore 14:07
    Sempre bello leggere i tuoi post. Un saluto cara.
  4. crenabog 15 febbraio 2020 ore 15:03
    è sempre un piacere, felice fine settimana
  5. leggendolamano 15 febbraio 2020 ore 18:52
    quanto hai scritto dimostra che il tempo è una pura convenzione la cui percezione è soggettiva e non oggettiva.
    Vivere il tempo è viversi, vivere il tempo è navigarlo utilizzando sogni e ricordi.
    vivere il tempo è anche riconoscere il presente hic et nunc anche se nel momento stesso in cui lo vivi non è più "nunc".
    La memoria è la vera immortalità, perchè l'immortalità esiste vichè vivono i ricordi.
  6. paolorm60 16 febbraio 2020 ore 23:42
    Certi amori ti lasciano un'emozione per sempre,momenti belli che restano,cosi',impressi nella mente.....
    Per Te che ami la musica questa canzone avra' un significato....le mozioni sono come spingere il REC del registratore....rieempiono i nostri spazi vuoti e li tracciano in maniera indelebile,
    Negative o positive...ci formano e ci spingono sempre piu' avanti nell'apprezzare le sorprese della vita quotidiana.
    <
    <sempre stupendi i tuoi post Raffa
  7. neutrino.smarrito 21 febbraio 2020 ore 14:25
    Per tutti una serie di motivi entro più poco e niente in questo sito, ma uno dei pochi motivi per cui vale la pena ogni tanto un accesso a chatta è trovare questo BLOG ... i suoi post ....sempre strariparti di quell'intelligenza emotiva che cattura la mente, che ti fà riflettere e che ti rende per riflesso una persona migliore. Un grazie, e per davvero, per questo all'autrice ......

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.