AMEN

22 luglio 2018 ore 05:10 segnala
Cu lacrimi, sangu e duluri
m’arrancai pi sta via scurusa
picchì nun ebbi tempu
di parrari cu li santi

Mancu l’ancili ru cielu
sunarunu li trumma
quannu n’cielu ci arrivarunu
li solenni canti

C’un bastuni strascicai li peri stanchi
Tanta strata fatta pi nenti
Sulu io sapia lu veru
e nuddu s’arrisicau a parrari

Stanca sugnu e assittarimi vulissi
Cu li irita e l’ugnia arrascu sta terra scura
Na fossa davanti mi si para
e cu lussuria ci ettu rintra u sintimentu ri l’amuri
Amen
Miriam 2018

e8ead68a-c193-4ae7-825a-6aae20569303
Cu lacrimi, sangu e duluri m’arrancai pi sta via scurusa picchì nun ebbi tempu di parrari cu li santi Mancu l’ancili ru cielu sunarunu li trumma quannu n’cielu ci arrivarunu li solenni canti C’un bastuni strascicai li peri stanchi Tanta strata fatta pi nenti Sulu io sapia lu veru e nuddu...
Post
22/07/2018 05:10:47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. leggendolamano 22 luglio 2018 ore 08:04
    bella ed il dialetto la rende più viva
  2. DOLCEMAIRIM 22 luglio 2018 ore 08:59
    leggendolamano@ grazie del commento. Il dialetto siciliano non è comprensibile per molti :-)
  3. Relax.Beach 22 luglio 2018 ore 09:40
    Bella, sorrido pensando che per alcuni sarà come se fosse arabo!! :rosa
  4. DOLCEMAIRIM 22 luglio 2018 ore 10:26
    Relax.Beach@ sorrido anch'io al pensiero ;-) pur essendo di Palermo, non so se il dialetto è corretto, l'ho scritta di getto stanotte. Comunque grazie del commento
  5. Relax.Beach 22 luglio 2018 ore 11:03
    Diciamo che a tratti sembra Calabrese (alcune parole sono uguali, altri si capisce benissimo che è siciliano) prego. :-)
  6. felicementesposata 22 luglio 2018 ore 20:31
    Ho provato a capirci qualcosa ma mi sono arresa, con Camilleri capisco di più :-)
  7. Occhiridenti73 25 luglio 2018 ore 04:20
    Meravigliosa. Come la Sicilia ed i suoi abitanti. Grazie per averla condivisa.
    P.S. È comprensibilissimo il testo per me che sono napoletana, immagino sia per la cultura che ci accomuna.
  8. DOLCEMAIRIM 28 luglio 2018 ore 22:03
    Il dialetto siciliano ha diverse cadenze ed idiomi a seconda delle città, comuni, paesi... il dialetto palermitano è uno dei più forti, più astruso, più marcato. Camilleri (ottimo scrittore per alte narrazioni ma non per i racconti di Montalbano)deve per forza usare un dialetto molto soft, per far comprendere alle rimanenti regioni italiane ciò che il lettore legge e lo spettatore segue meglio i racconti di Montalbano. :-)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.