Portami a ballare...

06 marzo 2015 ore 14:03 segnala
Ho da poco commentato il post di una mia "vecchia" amica. Un post di una bellezza ancestrale, di quelli che non si leggono più. Perchè tratta di uno dei più grandi temi e dei più grandi valori della storia dell'umanità; uno dei "mostri sacri" del sentire; l'intoccabile fra gli intoccabili. Stiamo parlando della mamma. Ormai è fuori moda parlarne. Lei rimane li a fare il suo dovere, in silenzio e nessuno...e dico nessuno si ricorda di spendere, veramente col cuore, una parola per lei. Sappiamo solamente spendere 20 euro per regalarle un mazzo di fiori preconfezionato, dal fiorista, o come si usa oggi, comprarle un'azzalea che sonnecchia su una piazza della nostra bella Italia; il giorno della festa della mamma e magari....abbiam fatto tacere ancora per un anno, la nostra coscienza.
No, amici miei. Io non ci sto. Ed anche se non ho mai avuto l'onore, la gioia e l'amore di conoscere la mia, io quando leggo qualcosa che riguarda quella creatura, sono pronto a mettermi in gioco, esprimendo la mia, umilissima, opinione.
Riporto qui, prima il suo bellissimo post. Quelle parole che mi hanno fatto saltare, un respiro dal mio ciclo vitale....Eccole...bellissime...immortali...


"Lo so sembrerò sciocca, ma niente mi intenerisce di più delle mani di una mamma, spesso mi succede di parlare in maniera distaccata con delle persone, ma se mi cade lo sguardo su un colletto ben stirato un rammendo in un jeans, mi prende subito una tenerezza infinita, perchè dietro quel lavoro, ci sono le mani di una mamma, di una donna....quelle mani che ci hanno accolti accarezzati, cullati e protetti, mani che quando si appoggiavano amorevolmente sulle nostre fronti calde, avevano il potere di alleviare la nostra febbre. Mani che ci hanno vestito, nutrito, mani che hanno accarezzato le nostre teste con la speranza di cacciarci via i dispiaceri. Mani che in ogni gesto quotidiano compiono un gesto d'amore. Sarebbe bello poter avere su di noi sempre la carezza di una mamma..."


Queste parole sono state scritte da una donna che ha due anime ed ha un nome dolcissimo come il battito impercettibile delle ali di una farfalla. Uno dei nomi di donna più belli esistenti: Giulia!

Quello che io posso aggiungere è solamente quello che, secondo me, come un figlio descriverebbe l'emozione di una madre perchè io la mia non l'ho mai conosciuta se non in foto (ecco perchè amo e rispetto profondamente l'universo femminile, in tutti i suoi aspetti):

Di mia madre conosco ogni singola smorfia, ogni piccola sfumatura, ogni piccolissimo dettaglio perché in lei amo il suo modo elegante di porsi al mondo. E conosco i suoi silenzi dove mi fermo sereno ad aspettarla, e la sua gioia sempre sobria ed elegante in cui ritrovo i miei sorrisi. I suoi profumi stampati nella mente che nell’aria avverto e mi acquieto. I suoi baci tempestivi a rialzarmi quando cado e le carezze del suo sguardo mentre porge, a me, la sua mano. Ed infine adoro i territori dove mi conduce quando mi cinge con le braccia perché in quell’abbraccio riesco a scorgere una sola emozione chiara, nitida ed eterna che grida in silenzio: non temere…..io ci sono!

Ho letto poi, da qualche parte una definizione di "amore puro" che ho subito fatta mia. E' di Michelangelo da Pisa (Milo) e dice così: "Ho cercato in dizionari, romanzi e poesie una valida definizione dell'amore, che ne potesse sviscerare l'essenza. Eppure ogniqualvolta incrocio lo sguardo di una madre al cospetto d'un figlio, realizzo che secoli di parole non sono riusciti a imbrigliarne l'esuberante dolcezza, l'incondizionata longevità, l'incosciente bellezza, la fiera fragilità.


In questa foto, infine, possiamo scorgere uno degli aspetti della natura di una madre, uno dei più suggestivi: il RIFUGIO!!!


Dai mamma... ti porto a ballare....


Ciao Giulia, grazie...
ff39f3e1-3b15-4de6-8999-a2642e867816
Ho da poco commentato il post di una mia "vecchia" amica. Un post di una bellezza ancestrale, di quelli che non si leggono più. Perchè tratta di uno dei più grandi temi e dei più grandi valori della storia dell'umanità; uno dei "mostri sacri" del sentire; l'intoccabile fra gli intoccabili. Stiamo...
Post
06/03/2015 14:03:11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    28

Commenti

  1. julia.pink 06 marzo 2015 ore 15:23
    Grazie Marco.... :rosa Le tue parole mi hanno commossa...tanto :rosa
  2. Cicala.SRsiciliana 06 marzo 2015 ore 15:25
    Ho letto e commentato il post di Giulia ,ragazza
    splendida per il suo dedicarsi anima e corpo alla
    madre con un amore così profondo che a me
    personalmente commuove.
    Ma il commento che tu le hai scritto, credimi,
    è di una finezza e di una profondità che mi ha
    colpito a tal punto da leggerlo più volte. Le hai regalato
    una parte del tuo sentito così bella, che a Giulia, avrà
    sicuramente fatto battere forte, il cuore…. e luccicare
    gli occhi di gioia e commozione
    Ciao Marco :fiore


  3. Dr.Pentothal 06 marzo 2015 ore 15:32
    @julia.pink - Spesso sentiamo dire e leggiamo da qualche parte "grazie di esistere". Io quando sento o leggo quella frase rido sempre un po'. Ora invece ne ho preso piena coscienza. Quel "grazie di esistere" lo dico a te. Perchè se anche ce ne fosse una, come te, ogni milione di persone, allora il mondo avrebbe ancora....qualche speranza. Il mondo allora potrebbe davvero essere un po' meno "tondo" ed un tantino più..."quadrato". Grazie....con tutto il mio cuore. :rosa
    Marco.
  4. Dr.Pentothal 06 marzo 2015 ore 15:44
    @Cicala.SRsiciliana - Tanto che sono incmprensibile e pasticcione, quando si tratta di emozioni forti che hai bisogno di leggermi più volte per comprendere la mia architettura del sentire? Ahahaha....scherzo! Rita....Io davvero non ho parole per ringraziarti. E poi è vero...non solo il cuore di Giulia deve battere forte ma, il cuore di tutti coloro sentono la vita, le emozioni, il mondo...come te e come Juliet. Io....non posso fare altro che....imparare da voi. Il mio cuore è stato dilaniato troppe volte da quest'errore che molti si ostinano a definire ancora....umanità.
    Grazie....di essere qui. :rosa
    Marco.
  5. Dr.Pentothal 06 marzo 2015 ore 15:52
    @julia.pink - @Cicala.SRsiciliana - La volete smettere? Sono solo un "tenero vecchietto" intorpidito dagli anni e dal male inferto dalla vita; povero e inopportuno uomo avanti con gli anni. Quando leggo "umanità" come voi riesco ancora a provare delle emozioni che la pietra che porto nel petto riesce ancora a spostrasi di qualche millimetro come fosse spostata, anche impercettibilmente, dalla marea della vita. Una vita che magari esiste ancora...grazie anche a persone come voi. Sic transit gloria mundi.
    Un abbraccio ... :rosa :rosa
    Marco.
  6. Cicala.SRsiciliana 06 marzo 2015 ore 16:00
    Meglio, molto meglio un cuore
    dilaniato per la sua sensibilità
    e umanità, che un cuore freddo,
    sterile che non conosce emozioni,
    che non trasmette commozioni. Io
    imparo sempre, difficilmente un blog
    sfugge alla mia lettura. Ho imparato
    che l’amicizia è sacra, che tutti abbiamo
    bisogno di estrinsecare: necessità, bisogni,
    emozioni, vissuti personali; ho imparato che
    la gente ha bisogno di un sorriso, di una gratificazione,
    ho imparato che non esisto solo io, ma che senza gli
    altri, io non posso essere Rita :fiore
  7. Dr.Pentothal 06 marzo 2015 ore 16:17
    @Cicala.SRsiciliana - Bhè non hai considerato un terzo aspetto. Io preferirei di gran lunga un cuore freddo e sterile ad un cuore falso che cerca di vendere emozioni di plastica cinese in mercati rionali di "merce" a basso costo. Parlo di tutti coloro che fingono umanità, amicizia, amore solo ed esclusivamente per il loro nauseante tornaconto, di qualunque natura esso sia. Bhè davanti a sta' robaccia... Marco diventa davvero cattivo. Non lo riconosceresti più. Quindi accontentiamoci delle nostre care, vecchie, confortanti emozioni ed accettiamo anche un cuore freddo e sterile...purchè sincero.
    Grazie ancora, mia dolce amica. :rosa
  8. Dr.Pentothal 06 marzo 2015 ore 16:38
    Questo riconoscimento lo dedico alla mia dolcissima amica dalle due anime julia.pink senza la quale il post, probabilmente non sarebbe mai stato scritto.
    Grazie Giulia :rosa ...Grazie Staff di Chatta.

    Marco.
  9. Cicala.SRsiciliana 06 marzo 2015 ore 17:43
    Quest'ultimo commento, scusa ma amo dire ciò che sento
    e che penso, non mi è piaciuto molto.Chi come te, ha
    imparato a volare in alto, vede tutto più piccolo, e
    non può dar peso alle bassezze, poiché non appartengono
    a chi è nato con la sensibilità di pochi. :fiore


    P.S. Hai provveduto a comprare un vaso dove mettere i miei fiori? :many
  10. Dr.Pentothal 06 marzo 2015 ore 18:15
    @Cicala.SRsiciliana - Probabilemnte hai ragione. Sei una donna riflessiva e sicuramente avrai ragione tu. Io sono leggermente più impulsivo, anche perchè ho dovuto imparare presto e a mie spese di affinare i tempi di reazione molto importanti se vivi e lavori in certi ambienti. Ma vedi Rita, anch'io amo dire le cose come le sento e posso dirti che tollero, benevolmente tutto, nella vita. Ormai, come si dice dalla mie parti: "ho fatto la schiena". Quello che proprio non riesco a tollerare è la falsità, l'inganno, la testardaggine, la puerilità, la falsa stupidità, e l'ingannevole bisogno....che tradotte in un solo termine abbiamo la più deprecabile mediocrità. Tolto questo riesco a sorridere a tutto e ad accettare tutto con benevolenza e ampia tolleranza. Credimi dolce amica. Solo questo.
    Ci stavo pensando a quell'acquisto e non è detto che lo farò al più presto. Ma se lo farò io, anche tu dovrai acquistare un bel vaso per le mie immancabuili rose. :rosa
    Sperando di aver spiegato meglio il mio punto di vista e soprattutto che tju abbia compreso il mio vero pensiero a riguardo, ti ringrazio ancora per la tua presenza e per i tuoi sempre ben accetti commenti.
    Grazie ancora.
  11. Cicala.SRsiciliana 06 marzo 2015 ore 19:25
    Comprendo la rabbia e la stizza di fronte a gente bassa e meschina,
    alle quale difficilmente ci si abitua, ma siamo sempre liberi di scegliere
    da che parte stare. Io ho scelto quella che percorrono le persone
    schiette e sincere, quelle che con gentilezza dicono sempre quel che
    pensano; quella della gente umile e semplice dalle quale ho solo da
    imparare. :fiore
    Sono donna, e di certo non possono mancare né piante né fiori in
    casa mia, quindi i vasi abbondano. Un caro saluto
  12. Dr.Pentothal 06 marzo 2015 ore 22:44
    @Cicala.SRsiciliana - É esattamente quello che ho scelto io. Percorrere la strada della verità...sempre! Anche a costo di diventare impopolare. L'unica differenza è che io essendo un sognatore ho sperato fino all'ultimo che certa "robaccia" esistesse solo nelle fiabe impersonando streghe cattive che interrogano specchi delle loro brame ed invece quelle streghe si sono rivelate poi chierichetti di S.Basilio rispetto a chi ogni giorno spezza le reni a persone ignare e incapaci anche di pensarlo il male. Ecco...solo questo. Io a queste persone... non offrire mai il caffè. Grazie Rita...grazie ancora. :rosa
  13. Cicala.SRsiciliana 06 marzo 2015 ore 23:17
    E allora sogna gli amori più belli, i sorrisi dei bimbi,
    dei vecchi sgangherati, sogna le stagioni con la bellezza
    dei suoi frutti e delle tradizioni che le caratterizzano, sogna
    le ninne nanne che tua madre ti cantava, sogna due braccia enormi
    che ti tengono stretto, sogna la luna che t’illumina d’immenso, sogna
    il mare che ti conduce per lidi lontani, sogna l’amico che vuole il tuo bene,
    sogna il tuo divenire, ma soprattutto sogna te stesso, perché nessun cuore
    è così bello, come chi, in questo commento ha scritto di sé, Rita :batacaldo
  14. LadyMestolo 07 marzo 2015 ore 00:04
    Le mani della mia mamma le rammento poco, posso dire pero' che le mie non si fermano mai ...Quando mi è concesso ( causa distanza) una carezza ai miei figli la faccio sempre,nonostante abbiano tutti oltr i 30 anni. E' sempre un gesto d'amore..
    Buonanotte :rosa Marta
  15. Dr.Pentothal 07 marzo 2015 ore 09:09
    @LadyMestolo - È vero. Una mamma è sempre presente anche quando sta male e non ne avrebbe la forza. Rientra nelle sue capacità, come dovrebbe rientrare nelle sue capacità discernere immediatamente ciò che è bene e ciò che è male...per i propri figli. Buona giornata a lei.
  16. Dr.Pentothal 07 marzo 2015 ore 09:22
    @Cicala.SRsiciliana - E tu credi che io potrei essere ancora qui se non sognassi e soprattutto vivessi quegli aspetti e quelle persone che hai descritto tu? Rita...Rita... ho saputo trarre a mio vantaggio gli aspetti negativi della vita tramutandoli da peggiori nemici a migliori maestri. Anzi più incontro male sulla mia strada più mi fortifico e mi accorgo di quanta poca cosa, spesso sia una gran parte di materiale umano da cui, ovviamente, me ne sto debitamente alla larga, sognando e vivendo proprio come hai descritto tu: a colori! Cosa che spero farai a che tu, immagino.
    Ciao Rita e grazie ancora. :rosa
  17. Cicala.SRsiciliana 07 marzo 2015 ore 13:38
    Caro Marco, se nel commento di ieri sera mi sono
    permessa di invitarti a sognare, l’ho detto di proposito,
    notavo nei tuoi commenti ed a ragione, che tu mal
    sopporti le persone mediocri, la gente meschina, i
    falsi, gli ipocriti con i quali giustamente non andresti
    mai a bere un caffè. Ma se ti avessi detto: “Marco,
    hai ragione da vendere, quelle persone è meglio perderle
    che trovarle, io personalmente non le digerisco, mi dà
    perfino fastidio averle accanto”, avrei commesso un grosso
    errore. Avrei fomentato la tua rabbia, il tuo dissenso, la
    tua disapprovazione. Cosa non giusta Marco, perché quando
    una persona scrive di un malessere che prova, l’altra persona
    deve spostare l’argomento e indirizzarlo in una direzione diversa.
    Ed è quello che ho fatto io, ti ho spronato a sognare e a non
    pensare a quella fetta di società che disturba tutti coloro che
    credono nella sincerità e nei “valori morali”. Mi spiace se ti sei
    offeso ma con molta probabilità mi sono espressa male e pertanto
    accetta le mie scuse. Io sogno dalla nascita e ti dirò che a volte è
    un male, perché non vengo capita e molti mi reputano utopica.
    Grazie a te per avermi risposto, una buona giornata, Rita :batacaldo


  18. Dr.Pentothal 07 marzo 2015 ore 14:43
    @Cicala.SRsiciliana - Assolutamente no. Non hai nulla da scusarti, anzi sono io che devo farlo con te, per non essere stato capace di farti capire che avevo compreso benissimo la tecnica dello "spostamento della negatività". Un po' ne mastico anch'io, sai? Ahahaha.... Quindi, ti prego, niente scuse tra noi che "sentiamo" ....diversamente. Ancora grazie per la tua confortante presenza. :rosa
  19. Cicala.SRsiciliana 07 marzo 2015 ore 15:44
    Nel leggere che non ti sei offeso, ho
    tirato un respiro di sollievo! Grazie Marco
    per avermi risposto, Buon sabato, Rita :fiore


  20. polifemetta 07 marzo 2015 ore 19:42
    bellissimo post :fiore
  21. Dr.Pentothal 08 marzo 2015 ore 00:31
    @Cicala.SRsiciliana Ancoraaaaa? Dormi sonni sereni e vivi giorni luminosi. Ma in che lingua devo scriverlo che non devi chiedere scusa perchè non hai mai scritto proprio nulla di strano. Anzi mi hai solo aiutato a razionalizzare ancora di più che non vale la pena neanche farne menzione di certe amenità che non ci appartengono. E poi, anche se lo avessi fatto, credi che io sia tanto stupido, puerile e ignobile da offendermi per delle pacatissime parole di un'amica tanto garbata e cortese? Allora mi hai leggermente sottovalutato. Ahahahah.... Grazie Rita...grazie con tutto il mio cuore. :rosa
  22. Dr.Pentothal 08 marzo 2015 ore 00:43
    @polifemetta - Grazie davvero a lei di essere passata e soprattutto fermata alla mia "bancarella" di emozioni vere di una volta. Qui non troverà mai "effetti speciali abbaglianti" ma, solo care, vecchie, calde emozioni che scaldano il cuore. Me la darebbe una spiegazione, per favore? Perchè polifemetta? É alta o vede poco? Grazie ancora. :rosa
  23. Cicala.SRsiciliana 08 marzo 2015 ore 13:57
    Non ti ho sottovalutato,
    sono una donna sensibile,
    che sa intuire e comprendere,
    ma che soprattutto teme di
    perdere gli amici cari!
    Six si chère à mon cœur
    mon ami! Rita :fiore
  24. Dr.Pentothal 08 marzo 2015 ore 16:10
    @Cicala.SRsiciliana - sono ad un bar del centro a mangiare un dolcino con un caffè e dal mio telefonino ho letto questo tuo ultimo..."accorato" messaggio. Non posso tanto dilungarmi con l'"INFERNOFONINO" tra le mie mani grandi ma so che frande sarà la nostra amicizia perchè sarà basata sempre sul rispetto e sulla verità.
    Grazie...mon nouveau et cher ami de l'identité ne imaginer le cosmos d'une humanité sans espoir.
    Bientôt :rosa
  25. Cicala.SRsiciliana 08 marzo 2015 ore 18:12
    Anch'io sto uscendo, per gustare una cassatina siciliana!
    Un nouveau et cher ami, se ouvre toujours la porte à l'espoir
    pour un monde meilleur, Rita :fiore
  26. Dr.Pentothal 08 marzo 2015 ore 23:59
    @Cicala.SRsiciliana - Vous êtes ce que vous comprenez ce que sont les émotions fortes de la vie . Enchantè! :rosa
  27. Cicala.SRsiciliana 09 marzo 2015 ore 00:13
    Je ai de la chance que je ai rencontré une fontaine d'émotions qui font mon âme danzare.Felicissima! :fiore
  28. Cicala.SRsiciliana 09 marzo 2015 ore 00:13
    Je ai de la chance que je ai rencontré une fontaine d'émotions qui font mon âme danzare.Felicissima! :fiore
  29. Dr.Pentothal 09 marzo 2015 ore 02:13
    @Cicala.SRsiciliana - Wow quanta emozione per una nuova amicizia. Sono felice di rendere ancora altissimo questo stupendo sentimento.
    Grazie Rita. :rosa
  30. c.ioccolatino111 21 aprile 2015 ore 12:31
    :ok Congratulazioni !

    Immensa e splendida è Giulia :rosa
  31. Dr.Pentothal 21 aprile 2015 ore 12:36
    @c.ioccolatino111 - Ti è piaciuto? Spero di si. Si...immnesa e splendida è Giulia. Io mi sono limitato a trascrivere una sua emozione che ho sentito mia. Grazie. :rosa
  32. c.ioccolatino111 22 aprile 2015 ore 10:10
    Sì, molto questo tuo scritto, mi è piaciuto...e ciò che scrive Giulia, emoziona anche me :-)
    Un carissimo saluto :rosa
  33. Dr.Pentothal 22 aprile 2015 ore 10:23
    @c.ioccolatino111 - Un noto pensatore affermò che non sono le grandi cose, le grandi opere, i grandi fatti a dare una forte e durevole emozione quanto le cose semplici legate alla purezza dell'essenziale (l'essenziale in questo caso sono i sentimenti indelebili scolpiti dal tempo sull'eternità di ciascuno di noi). In poche parole esistono delle persone (poche in verità) che non ci lasciamo emozionare, ad esempio, da una cena lussuosa e sfavillante nel locale inn del momento, quanto da un panino caldo con mortadella mangiato piano su di un prato con un amico. Credo che tu possegga tutte le "carte in regola" per comprendere pienamente ciò che ho scritto e ne condivida il significato. Grazie. :rosa
  34. ema.nuelaa 22 aprile 2015 ore 10:32
    Scrivere solo Bello non descriverebbe Tutto quello che ho provato
    parola dopo parole sotto la mia pelle...
    Commossa, incantata dalla melodia di ogni intreccio di frase
    che fa cogliere ogni emozione del cuore e che emoziona...
    Poi il mio cuore è sobbalzato felice nel leggere un nome julia...
    allora le lacrime erano di felicità ... la Mia dolce e Adorata Julia :cuore
    Grazie di Tutto questo ... Dr.Pentothal !
  35. Dr.Pentothal 22 aprile 2015 ore 10:39
    @ema.nuelaa - Benvenuta Emanuela. La potenza delle tue parole mi hanno cullato un ricordo solo costruito nella mia mente ma reso tangibile e concreto dalle parole di voi amiche che capaci di costruire un'immagine sconosciuta ai miei occhi ma carissima al mio cuore e indelebile nell'anima. Un abbracio eterno alla Tua dolce e Adorata Julia chiunque essa sia. Dalle tue parole sento di doverglielo. Grazie. Ti prego...torna quando vuoi. :rosa
  36. ema.nuelaa 22 aprile 2015 ore 10:50
    Dr.Pentothal ... grazie passerò volentieri
  37. Dr.Pentothal 22 aprile 2015 ore 11:01
    @ema.nuelaa - Ci conto! Umanità come quella che appartiene a te è di sicuro arriccchimento per chi come me è sempre alla ricerca di essenzialità vere e non confuse con la pochezza delle cose che ci circondano. Grazie ed ancora benvenuta. :rosa
  38. c.ioccolatino111 24 aprile 2015 ore 10:23
    Oh, sì ! Il panino caldo con la mortadella mangiato con gusto su un prato con un amico...mi piace assai ! :-))
    L'essenziale, non è il luogo o quale cibo si gusta, l'essenziale è la persona con la quale dividi momenti nodali e di valore.
    :rosa
  39. Dr.Pentothal 24 aprile 2015 ore 10:38
    @c.ioccolatino111 - Wow....vedo che condividi la mia semplicissima ma immensa emozione e ne hai ampliato il significato. E' esattamente ciò che volevo evidenziare. Puoi mangiare anche delle semplici noccioline, passeggiando in un parco di periferia. L'importante è dividerle con la persona giusta, quella che è perfettamente sintonizzata sulla tua lunghezza d'onda; quella che sa indossare le tue scarpe e comprendere pienamente l'altro. Grandissima Cick. E' proprio vero che la semplicità è genialità. :rosa
  40. c.ioccolatino111 24 aprile 2015 ore 11:04
    ahahahahah Ma grazie a te Dr.Pentothal :-))

    Quoto tutto ! :-*
  41. Dr.Pentothal 24 aprile 2015 ore 11:58
    @c.ioccolatino111 - Grazie a te delle tue sempre gentili parole e della tua presenza in questi "suburbani avelli". :rosa
  42. julia.pink 12 maggio 2015 ore 10:48
    Ogni tanto torno qui, a leggere il post più bello secondo me.... :cuore e non poteva mancare il commento di Emanuela , una delle persone più belle conosciute qui...@ema.nuelaa :cuore
  43. Dr.Pentothal 12 maggio 2015 ore 14:47
    @julia.pink - Che bello sapere che passi, ogni tanto di qui. Lo faccio anch0io sai? Magari solo per sentire un "profumo", ahimè solo immaginato. E mi dico... dai Marco...è bello anche così...solo immaginarne i profumi.
    Un saluto alla tua dolcissima amica @ema.nuelaa con un piccolissimo ma gentile rimprovero: non è passata più a leggermi. Dille che lo facesse... è pari alla tua intesità nel sentire le cose del mondo e persone così, persone care a Dio e a rara umanità sono sempre le benvenute e le più attese. :rosa :rosa (una per te ed una per lei) - Grazie Giulia.
  44. ema.nuelaa 12 maggio 2015 ore 17:14
    @julia.pink ... Sei Nel Mio Battito :cuore
  45. ema.nuelaa 12 maggio 2015 ore 17:17
    @Dr.Pentothal ... Passo poco da Chatta ... Le persone strane come me... Quando sentono troppo sentono il bene e il male ... Il bene lo regalo ... il male me lo tengo ... Quando lo digerisco ripasso ... e saprò farmi perdonare Grazie a TE :cuore
  46. Dr.Pentothal 12 maggio 2015 ore 17:18
    @ema.nuelaa e @julia.pink ... Ehi la smettete voi due? Mi rendete geloso dei vostri affetti e della vostra stima reciproca. Ahahahaha....
    Molto bello il mio salotto.. vero? Tornate a trovarmi quando volete. Siete due persone eccezionali e particolari, di animo nobile, pensiero svelto e tecniche avanzate di umanità. Quelle che prediligo... Grazie. :rosa e :rosa
  47. Dr.Pentothal 12 maggio 2015 ore 17:23
    @ema.nuelaa - Allora avevo visto bene. Una persona davvero eccezionale e non poteva essere che non conoscevi Giulia. Molta gente dovrebbe imparare da voi, da quelle meravigliose tecniche che hai appena descritto: "persone che sentono troppo e sentono il bene e il male ... Il bene lo regalano ... il male se lo tengono..."
    Qui...io vedo un mare di umanità...Beate voi! :rosa
  48. ema.nuelaa 12 maggio 2015 ore 19:53
    @Dr.Pentothal ... Io sono una fra tanti e per qualcuno un "Una" particolare ...
    ... ed anche io come umana posso far male ... sono anche un granchiolino
    mi ritiroo ogni tanto nella mia corazza ... quando sono malinconiaca e triste ....
    Caro Amico Se sei capace di vedere in noi tutto questo ...
    è perchè sta anche in TE questa bellezza chiamatà umanità :-)
  49. Dr.Pentothal 12 maggio 2015 ore 23:32
    @ema.nuelaa - Eh no. Io non sono come voi. Magari lo fossi. Mi occorreranno almeno 3 reincarnazioni per diventare come voi. Io, come voi sento si, il bene ed il male, anzi forse lo sento in modo più intenso e devastante, perchè...la vita mi ha voluto far dono di un qualcosa che non so ancora se sia un dono o una maledizione ma, credo di questo non importa a nessuno. Ciò che importa è che voi regalate quel bene come lo regalo io però, come da te scritto, tenete il male per voi. Io no! Io lo riverso sull'autore che l'ha causato anche se passano decenni...io lo restitusco con i dovuti interressi e...purtroppo sono spietato; applico la legge di Dio: ttutto ciò che farai agli altri ti sarà reso 100 volte di più. Ed io rendo fino all'ultimo...centesimo! Beate voi, beate voi che sapete trattenere tutto per voi, cadere in trance e risvegliarvi con la schiena a pezzi. Beate voi... Daltronde si legge: beati gli assetati di giustizia perchè saranno saziati! Ed io sazio...non lo sono per niente! Buonanotte. :rosa & :rosa
  50. eva.100 17 giugno 2015 ore 17:21
    Meravigliosa la foto in b/n ...
    Mi interrogo ..ma lo avrai fatto un milione di volte anche tu, suppongo;" Come sarebbe stata la mia vita cob la mia agognata Mamma a fianco? Una fiabia, una magia, una xulla, un fiaciglio, un faro, uno scoglio, un poeticciolo sicuro, un valsamo per le mie ferite, un abbraccio infinito e molti altri aneliti ancora, di piu' "

    Depauperato nella tua gioia, nella tya completezza, nel tuo bisogno di Amore, di identita:, di certezze...
    Anche idealizzato, io credo
    Io non conosco quel tipo di Amore esclusivo e neanche un surrogato di quell' amore.
    Ci sono anche mani di madre che tagliano come artigli, ti squarciano l' anima, ti offendono, ti deridono, ti picchiano senza pieta, ti escludono completamente dalla loro cita affettiva e sociale.
    Questa e' stata mia madre.
    Ma per carita', nessuna pieta' nei miei confronti, grazie.
    La vita deve andare avanti, gli " attori ' devono continuare a recitare, il pubblico ti vuole ironixo, sereno, realizzato, un vincente, insomma!
  51. eva.100 17 giugno 2015 ore 17:29
    Chiedo venia x gli errori di battitura ma ho scritto di getto e pubblicato senza volutamente rileggere. Se lo avessi fatto, sono certa che avrebbe prevalso ancora una volta la parte troppo razionale di me, che fondamentalmente sono anche timida, riservata....Bisous, Garcon!
  52. Dr.Pentothal 17 giugno 2015 ore 18:01
    @eva.100 - Ti comprendo benissimo Eva. Ho vissuto una storia molto simile alla tua con un "amorevole papà". Ma lasciamo perdere. Solo il piacere di farti arrivare la mia...comprensione, un abbraccio ideale per dirti che ti sono vicino e ringraziarti delle tue parole. :rosa
    Scusa...quali errori? :rosa
  53. eva.100 17 giugno 2015 ore 18:16
    Merc....
  54. bialy 16 gennaio 2016 ore 07:53
    I due giorni più belli della mia vita hanno un nome e un cognome. Ancora oggi quando mi sento stanca, dolente, insoddisfatta, preoccupata, quando mi verrebbe la tentazione di cedere lo scettro alla depressione ecco...mi basta sentire il loro profumo, mentre stiro una maglietta di lei oppure riordinare la scrivania di lui (ebbene si...sono all'antica..)..alzarmi all'alba a preparare cose buone per colazione...e non mi importa se a fine giornata guardandomi allo specchio vedo ogni giorno un capello bianco in più, mi sento felice solo sapendo che esistono. Sono la mia vita, il mio punto debole quello dove ogni barriera cade, da loro accetto tutto (nel rispetto) mi faccio strapazzare, prendere in giro, faccio finta di essere tonta e non capire, ascolto le loro emozioni non dette, raccontate a metà ma a me manifeste perché ho imparato a misurarli a percepirli nel corso degli anni anche se ogni giorno si affaccia sempre qualcosa di nuovo...una volta una psicologa dove lavoravo mi chiese se mi sentivo più donna o mamma...mi sembrò una domanda senza senso, o meglio rivestita di quel senso sbagliato che divide, che separa. Le risposi che io mi sento una persona che ha avuto il grandissimo privilegio di nascere donna e diventare mamma.
  55. Dr.Pentothal 18 gennaio 2016 ore 00:38
    @bialy - Sei riuscita ad emozionarmi con quel tuo commento. E ti spiego perchè. Perchè semplicemente hai descritto in modo particolarissimo, ciò che distingue una Donna da una femmina: il preivilegio di essere prima Donna e il piacere, poi di diventare mamma. E in questo modo...che si celebra Dio.
    Eccellente amica mia...eccellente . :-) :rosa
  56. felicit.evole 19 gennaio 2016 ore 10:24
    bel post: toccanti le tue parole e nessuno può toglierti il desiderio di accarezzare questa immagine che ti sei costruito. però a volte quello che percepisci nel quotidiano può non piacere, perché tra l'ideale e il reale spesso intravedi un abisso. qui si gioca la partita vera, credo. e comunque continua a portarla a ballare nei tuoi sogni: fa bene a lei e a te. grazie, :rosa
  57. Dr.Pentothal 19 gennaio 2016 ore 11:29
    @felicit.evole - Bhè che dirle? Grazie delle sue parole anche se, mi deve perdonare per questo, ho intravisto una nota polemica sulla figura di cui si tratta; come se lei avesse un'opinione non tanto idilliaca e perfetta di quella figura. Magari mi sbaglierò ma, a prima vista ho colto questo. Indubbiamente ci sono state mamme cd. degeneri ma, credo si tratti di casi limite e di persone
    non perfettamtne in equilibrio con se stesse.
    Rimango dell'idea chè è una figura... unica al mondo.
    E' stato un piacere leggerla. Spero di rileggerla ancora. Torni quando vuole e scriva, la prego. Per il momento accetti un mio sorriso :-) e i miei ringraziamenti :rosa
  58. felicit.evole 19 gennaio 2016 ore 15:19
    non sbaglia e comunque non voleva essere una critica. ciascuno di noi fa il possibile, sempre,ed è giusto riconoscere agli altri il merito di aver dato tutto ciò che, in un determinato momento, era possibile. Forse ci sono tanti modi di amare quante sono le persone che si prendono la 'responsabilità' di farlo. grazie a lei :rosa
  59. Dr.Pentothal 19 gennaio 2016 ore 15:44
    @felicit.evole - Un rapporto difficile con quella figura importante nella vita di ciascuno di noi? Bhè se la cosa la può consolare, io non l'ho mai conosciuta; eppure mi perdo ogni qual volta incrocio lo sguardo di una madre al cospetto d'un figlio e realizzo che secoli di parole non sono riusciti a imbrigliarne l'esuberante dolcezza, l'incondizionata longevità, l'incosciente bellezza, la fiera fragilità e la possente forza dell'amore.
    Grazie ancora. :-) :rosa
  60. bialy 15 febbraio 2016 ore 16:07
    Ho dovuto leggere questo post con due cuori, quello di figlia e quello di mamma. Il primo è abbastanza freddo, non è stato mai riscaldato da carezze, abbracci, parole confortevoli ma piuttosto da critiche costanti da sguardi inquisitori e da fuggevole presenza...però non cambierei la mia mamma con nessuna al mondo perché a modo suo qualcosa mi ha tramandato e qui passiamo al secondo cuore, quello di mamma, fatto di overdose di abbracci, baci e carezze, cercando nei figli il riscatto per ciò che non ho avuto io. Leggendo le parole di Giulia (bellissimo nome, concordo, l'ho dato a mia figlia) mi sembra di sentire l'odore di "mamma" quell'odore buono che sa di pulito e qualche volta di cibo cucinato e mi sembra anche di sentire un seno morbido dove appoggiare la testa per ritrovare la forza ed il coraggio....bellissimo, immenso direi. Grazie. :rosa
  61. Dr.Pentothal 19 febbraio 2016 ore 23:17
    @bialy - Beata te che ce l'hai fatta in sole due volte. Io, per imbrigliarnle, l'esuberante dolcezza lo devo rileggere spesso. Magari in quelle parole...rivedo mia madre che non ho mai conosciuto. E un pò ...sorrido anch'io nel solo immaginarla non nella mente...ma nel mio cuore.
    Grazie. :rosa
  62. bialy 20 febbraio 2016 ore 08:56
    Io vorrei tanto che un giorno almeno uno dei miei rampolli potesse scrivermi un pensiero così bello come hai fatto tu per tua mamma. Sarebbe ipocrita dire che ti comprendo, non posso, il tuo vuoto è qualcosa di delicato e inviolabile. Mia nonna aveva perso sua mamma mentre la stava allattando...non l'aveva mai conosciuta, mia nonna amava ridere, scherzare, era una battagliera, di quelle che comandano e oscillava sempre tra il serio e lo scherzo ma quando, raramente, le usciva un ricordo per la mamma che non aveva mai conosciuto, i suoi occhi assumevano uno sguardo diverso da tutti gli altri e sapevo che dietro quelle finestre c'era una stanza vuota che nessun abbraccio, nessuna risata, nessuna parola poteva solo parzialmente colmare...l'unica cosa che potevo fare era seguire..con rispetto...seguire e basta
  63. RICHI67 15 marzo 2016 ore 15:08
    Bellissimo post.... mi ha molto colpito.
    Complimenti, scrivi molto bene.
  64. Dr.Pentothal 15 marzo 2016 ore 16:09
    @RICHI67 - Seì gentile, grazie. Ma, ti assicuro, niente di che. SOlo il mio modo di razionalizzare totalmente una mia emozione. Un discretissimo cronista di emozioni. Solo questo! Ma grazie di esserti fermato.
    Un saluto :bye
  65. amicotuo913 05 aprile 2016 ore 10:08
    Dr.pentothal...si capita nei blog per caso, come è successo a me per il tuo...si legge di tutto, molte cose anche belle e sorprendenti.
    Per questo, non ho seguito tutti i commenti, mi sono fermato al post che tu hai riportato e scrivo solo che mi ha commosso, perchè anche io ricordo mia mamma...e tutto quello che lei, da mamma all'antica, ha fatto per me....lei c'era sempre, si accontentava di poco o di nulla ed il suo scopo era solo quello di esserci, sempre e comunque, non solo nei miei confronti, ma anche verso mio padre...ed anche altri.
    Ma non è vero che "Sarebbe bello poter avere su di noi sempre la carezza di una mamma..." le sue mani ci accompagnano sempre, sono sempre lì, nella nostra mente, od almeno nella mia (ma credo che molti altri se le sentiranno vicine)
    Vorrei scrivere altre cose di lei, ricordi, emozioni, impressioni, foto di lei rimaste dentro di me, ma non lo faccio, non serve, sarebbe tutto un di più.
    Grazie di avere riportato quel post, grazie per avermi dato modo di pensare a lei, una volta di più.
  66. Dr.Pentothal 05 aprile 2016 ore 10:43
    @amicotuo913 - Non mi dici nulla di nuovo. Stai parlando della creatura più speciale mai creata su questa terra: la madre. In lei sono racchiusi tutti i simboli per eccellenza conosciuti: amore, affetto, emozione, amicizia, dedizione, invincibilità... e chi più ne ha ne metta. Della madre non è possibile neanche accennarli certi discorsi; si finisce per scadere nel "già detto", nel "già sentito". Ma l'emozione più grande che io vorrei descrivere qui, almeno l'effetto che fa a me, è quando mi trovo a guardare quando si incrociano quei due sguardi: mamma/figlio/a, non riesco mai ad imbrigliarne la potente bellezza...devo distogliere lo sguardo per non arrivare all'origine delle lacrime e della commozione....come dice una nota canzone.
    Grazie della tua testimonianza.
    Un sorriso ;-)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.