Un giorno... una vita

15 settembre 2016 ore 16:44 segnala
Da un po’ di tempo, in questo periodo dell’anno, non so perché, forse per l’età, mi ritrovo a ripensare a ciò che è stata ed è la mia vita. Ci sono dei pezzi di essa per cui morirei mille volte per rinascere e riviverli ancora, anche una sola volta: (quel volto che si prese cura di quel bimbo; quegli occhi che davano serenità; quella donna che mi insegnò ad amare; i miei compagni di viaggio; il mio maestro che mi insegnò la vita; un amore grande come Dio, il lavoro con i giovani; i miei figli che rubarono il mio sonno ma non la mia forza …); come ci sono momenti che vorrei strappare dalla mente in modo da non riviverli neanche nei ricordi: (mani fendenti solo per aver respirato forte; grida disperate in difesa di un figlio che non sarà mai tuo; strade sconosciute e senza ritorno; occhi spenti dal niente; mani senza unghia per la fatica di una vita; amori freddi come notti di un inverno senza fine; un amore immenso vissuto troppo poco e strappato troppo presto ed infine…la vita che mi chiede il conto…)
Ma la voce più assordante è quella di un uomo che ancora oggi continua a ripetersi...PERCHE'?
Da quella risposta capisci che solo due giorni sono importanti nella vita: quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché. Solo quando l’avrai capito saprai che la vita non si misura attraverso il numero di respiri che fai ma, attraverso i momenti che ti lasciano senza respiro. Purtroppo la vita, anche se campi cent’anni, dura solo lo spazio di un sorriso ed è per questa triste verità che bisogna accettare in fretta di aver perso una partita, scaricare subito e senza appello chi ti ha ingannato e poi tradito; perdonare in fretta chi, in buona fede, ti ha ferito; baciare lentamente chi porti nel cuore; abbracciare lungamente chi senti accanto; ridere sempre con piacere, soprattutto di te stesso e non pentirsi mai di tutto ciò che ti ha fatto piangere o sorridere.
Peccato che tutti quei momenti della nostra vita andranno perduti, con noi, nel tempo, come lacrime nella pioggia e rimarrà sempre poco tempo, giusto il tempo di decidere, in un battito di ciglia, di guardare ancora avanti, senza mai voltarsi indietro se non una sola volta ancora, con quel ghigno che ho sul viso... e la gente che ho nel cuore e ripetermi sereno: ”Sì…è stata la mia strada.” “Sì, non credevo di potercela fare, non conoscevo la mia forza.”
Quella forza con cui, credo di aver fatto indietreggiare anche la morte a furia di soffrire, sbagliare, fallire, osare, cadere, perdere, ricominciare, dare, vincere , ridere …vivere!
Il resto? ...Tutto il resto, credetemi, sarà sempre...niente veramente!
Auguri ragazzo mio
.



e294c1bc-2f24-4faf-9dcc-e67e34c1a121
Da un po’ di tempo, in questo periodo dell’anno, non so perché, forse per l’età, mi ritrovo a ripensare a ciò che è stata ed è la mia vita. Ci sono dei pezzi di essa per cui morirei mille volte per rinascere e riviverli ancora, anche una sola volta: (quel volto che si prese cura di quel bimbo;...
Post
15/09/2016 16:44:55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10

Commenti

  1. crenabog 15 settembre 2016 ore 22:04
    un abbraccio da un desaparecido...
  2. Dr.Pentothal 16 settembre 2016 ore 08:25
    @crenabog - il mio grande amico Marco. Ciao vecchio mio, come stai? Bhè stai abbracciando il primo dei desaparecido. In tempi non sospetti (anni 70)già "fuggivo di gente in gente"...invece di "dare un calcio ad un pallone" C'est la vie!
    Bientot mon cher trez amì. Un sorriso.
  3. LadyMestolo 16 settembre 2016 ore 17:18
    E' difficile trovare le parole giuste, allora per non sbagliare lascio un saluto, buona serata ..Marta:rosa
  4. Dr.Pentothal 16 settembre 2016 ore 23:20
    @LadyMestolo - Perchè difficile? Basta trascrivere le parole che suggerisce il cuore. Il papà di una persona a me molto cara; un uomo grande davvero, diceva sempre se segui il cuore non sbagli mai. Ed io quello sto facendo. Seguo quello che il mio cuore grida. Lo faccia anche lei...vedrà, troverà le parole, le parole per ogni cosa.
    Grazie del passaggio.
    Un sorriso :-)
  5. LadyMestolo 17 settembre 2016 ore 00:30
    Difficile,perche' mi parrebbe di entrare in un vissuto non mio....Certo anch'io seguo il cuore in ogni cosa che faccio almeno ci provo.Buonanotte
  6. Dr.Pentothal 17 settembre 2016 ore 11:11
    @LadyMestolo - scrivere in un commento quello che si pensa non vuol dire certo entrare in un vissuti non nostro. Si esprime un'opinione che può essere di condivisione o critica e ciò credo non comporti null'altro che evidenziare lo spirito di un network come chatta: uno scambio semplice di opinioni.
    Grazie. Un sorriso.
  7. crenabog 17 settembre 2016 ore 20:57
    possa il sole scaldare sempre la tua ombra e la strada esserti liscia . con antica amicizia :ciao
  8. antioco1 18 settembre 2016 ore 11:35
    che dirti scrivi sempre bene da leggere e da pensare su ciao saf Ale
  9. Dr.Pentothal 18 settembre 2016 ore 15:38
    @crenabog - Grazie amico...sarebbe quasi ora che la mia ombra trovasse quel calore naturale e le mie strade da percorrere ancora fossero senza buche e perefettamente asfaltate. Possa il tuo augurio colpire nel segno e ritornare a te con la stessa amiciza con cui tu lo hai fatto a me.
    Hasta la vista compañero y asta pronto. ;-)
  10. Dr.Pentothal 18 settembre 2016 ore 15:42
    @antioco1 - Sei torppo buono tu, con me, nei tuoi giudizi. Già ti ho scritto che sono solo un fedele cronista delle mie emozioni e siccome queste sono molto potenti cerco di tradurle in parole semplici. Un cantastorie del terzo millennio. Nel medioevo si faceva nelle piazze dei villaggi e io lo faccio sui social tipo chatta o "feisbuk". Perchè? Perchè in questo modo riesco a dissipare ogni dubbio su quello che in quel momento avverte il mio cuore e la mia anima.
    Comunque grazie per il plauso.
    E prima che mi dimentico, amica salutata, stai tranquillo. Sas. Marco. ;-)
  11. c.ioccolatino111 18 ottobre 2016 ore 19:37
    Ma la voce più assordante è quella di un uomo che ancora oggi continua a ripetersi...PERCHE'?

    Perchè, mio caro, è la Vita ! Forse è troppo sempliciotta e scontata la risposta,
    ma è la vita che il Destino ha riservato ad ognuno di noi.
    Non esiste la felicità per sempre come non esiste il dolore per sempre, per questo motivo, (tra gli altri), la Vita è tanto amata e purtroppo, pure tanto odiata. Dovremmo imparare a lasciare andare, a dimenticare, i ricordi tristi e dolorosi e tenere nel proprio cuore solo quelli belli e gioiosi, ma chissà come e perchè, accade quasi sempre che rimangono incisi in noi, marchiati a fuoco, quelli penosi e tormentati, quelli che vorremmo buttare via.
    E' un bellissimo e a tratti dolente, il tuo scritto !
    :rosa

    PS.
    e bellissima la song cantata dalla Houston.
  12. Dr.Pentothal 19 ottobre 2016 ore 00:16
    @c.ioccolatino111 - E allora se è la vita, vuol dire che nessuno di noi ha capito ancora granchè. Non mi va di "subire" passivamente le sue decisioni. Ho voglia di fare qualcosa che vada contro i suoi piani ma...mi rendo conto che diventa impossibile: la sua forza è di gran lunga superiore alla nostra più forte volontà. Eh si...non c'è nulla da fare...abbiamo solo l'idea di modellarci la vita ma credo che come in un software come Matrix, il Grande Architetto già abbia scritto tutti codici di noi tutti. E a noi...non co resta altro che lasciarsi vivere e cullare da quel...."codice"
    Brava Panciock-....grazie. :-) :rosa
  13. vagarsenzameta 19 ottobre 2016 ore 18:36
    La coonsapevolezza che alla fine del viaggio abbiamo con noi il biglietto regolarmente timbrato.
  14. Dr.Pentothal 02 dicembre 2016 ore 08:29
    @vagarsenzameta - mi perdoni... solo adesso ho visto il suo commento. Ormai entro poco, giusto il tempo di postare (scaricare) l'emozione del momento e andar via.
    Dipende sempre dal "controllore" o dall'obliteratrice" do e abbiam timbrato il biglietto. Ci sono timbri sbiaditi come perla in bianca fronte e timbri dai contrasti netti e puri. Se hai questi...non morirai mai.
    Grazie ancora e ancora scuse. :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.