difendiamo i gatti dagli svizzeri

02 settembre 2011 ore 14:31 segnala




















La raccolta firme non convince il governo svizzero, cacciare i gatti randagi resta legge. Erano state raccolte quasi 14mila firme per fermare la “libera mattanza” dei felini, ma nonostante questo Luc Barthassat (deputato del Cantone di Ginevra) e promotore dell’iniziativa “Diciamo basta alla caccia dei gatti erranti” non è riuscito nel suo intento.

Non è valsa una campagna promossa per sensibilizzare i cittadini svizzeri, imbracciare un fucile e sparare sui randagi resta “a norma di legge”. Questa pratica appare ancora più crudele se si considera il fatto che raramente gli animali vengono uccisi sul colpo, ma molto più spesso vengono soltanto feriti: il risultato sono gatti che muoiono dopo giorni di sofferenze a causa del dissanguamento o che si ritrovano a vivere con menomazioni causate dalla perdita di mobilità a uno o più arti.

Eppure Luc Barthassat ha davvero opposto numerose obiezioni, tutte assolutamente logiche e non pretestuose, ma l’inflessibile Bundersrat (il Consiglio Federale svizzero) ha rifiutato ogni intervento scaricando sui singoli Cantoni ogni responsabilità legislativa. É stato esposto, oltre alla barbarie che questa pratica produce, anche il fatto che pur possedendo i gatti domestici un microchip sia difficile riconoscere un randagio da un micio allontanatosi da casa. Nulla di fatto.


A quel punto Barthassat ha sottolineato come permettere la caccia in aree urbane potrebbe mettere a rischio l’incolumità di altri cittadini (umani), ma neanche questo ha prodotto risultati. Era stata avanzata persino la proposta di non eliminare del tutto la legge, ma di renderla operativa solo in caso di emergenze sanitarie come ad esempio per le epidemie di rabbia.

Non sono valse a nulla neanche le immagini della piccola testimonial della campagna “Diciamo basta alla caccia dei gatti erranti”, la gattina Lara Croft, ferita da un colpo di fucile che la ha fatto perdere l’uso di una delle zampine sinistre.

c93789f6-2144-4f22-a96e-3c250f8df25a
« IMMAGINE: http://a8.sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-ash4/311446_275232085820890_100000023015801_1214237_3694635_n.jpg » « IMMAGINE: http://img.over-blog.com/600x450/3/75/63/88/gatto-e-coccinella.jp...
Post
02/09/2011 14:31:05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6

Commenti

  1. Nidhoggr 02 settembre 2011 ore 14:37
    :micio
  2. draghettina86 02 settembre 2011 ore 14:41
    :micio :micio :micio :micio :parmalat :parmalat :parmalat :parmalat sempre dalla parte degli animali!!!
  3. Nidhoggr 02 settembre 2011 ore 14:42
    :parmalat :amen
  4. crenabog 06 settembre 2011 ore 22:28
    be' questa non la sapevo, a parte che non so se la Svizzera sia infestata da milioni di gatti randagi - cosa che mi pare abbastanza improbabile - trovo che sarebbe stato più logico - se proprio si fosse dovuta fare - usare gli accalappiagatti comunali, portarli in appositi canili e gasarli in modo rapido e pietoso. dare la possibilità alla cittadinanza di andare in giro a sparare qua e là è demenziale, sai in quanti coglierebbero l'occasione per vendette personali mascherate da "ho sbagliato la mira"? e anche l'idea di guardie gattofile che vanno in giro sparando in città la trovo pazzesca. a questi la cioccolata gli ha dato alla testa sul serio...(però mi pare che in Cina abbiano già da un pezzo decretato lo sterminio degli animali casalinghi, direi che sarebbe il caso di dirgliene quattro anche a loro)
  5. draghettina86 07 settembre 2011 ore 08:25
    crenablog purtroppo la cina rispetto zero per gli animali.. su internet girano dei video da far accapponare la pelle, che io non sono riuscita a vedere nemmeno i primi 50 secondi.... sarebbero da sterminare come fanno con gli animali!!! nel modo crudele che usano loro!!!!! :inkazz :inkazz :inkazz :inkazz :cow :cow :cow :bugabuga :bugabuga :bugabuga :micio :micio :micio :parmalat :parmalat :parmalat :caccavallo :caccavallo :caccavallo

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.