Lezioni.

24 novembre 2010 ore 20:03 segnala

Sono avida di sigarette e caffè,

Ho imparato con la frusta che i sentimenti sono intrisi di veleno

che non si deve piangere sul latte versato,

che bisogna sempre leccare ferite e ricucire con punti di sutura da soli,

che è l'ultima volta che ricomincio da qui,cosi..

che la carne al sangue è meglio di tutto il resto..

Ebbene si,

il dolce senza l'amaro non è poi cosi dolce.

Non ditemi che mi sono scordata una lezione.

Pagine di lui.

24 novembre 2010 ore 19:58 segnala

Amava osare quel decoltè che io non potevo fare a meno di guardare;

morbido e delicato ma nello stesso tempo maledetto istante provocante e minaccioso.

Giocava con quela collalina al collo a forma di cuore ,probabilmente di qualche ex ancora importante che però se l'è fatta sfuggire.

Giocavo con pensieri assurdi su un corpo che non conoscevo e mi sentii stuprarlo.Ignobile quel pensiero sul suo seno.mi punii per questo.Ripresi la conversazionecercando di fare colpo su di lei,come si fa,nonostante gli amici vicini,guardandola negli occhi.

Eppure la mente vagava su quella donna cosi piena e complicata,carica di energia che amavo, seppur di lei non sapevo altro che il nome.

Donne

17 novembre 2010 ore 19:39 segnala

Dopo un anno passato fra lezioni  e feste universitarie ci siamo fermate,parlammo per un ora intera senza trarre mai un respiro e senza distrazione alcuna.Toccavamo temi di vita vissuta e sofferta con una facilità disarmante,che mai avrei creduto possibilie,senza alcun bisogno di un perchè,l'unico portante motivo era che avevamo bisogno di parlare e parlammo  senza nemmeno renderci conto che stavamo facendo scongelare a fuoco lento parti del nostro io.parti che di norma tendiamo a tenere fra le quattro mura della nostre camere o del nostro ristretto cerco di amici.

Parti che denudano l'anima e raccolgono la sua vera e più candida essenza.

11820693
Dopo un anno passato fra lezioni e feste universitarie ci siamo fermate,parlammo per un ora intera senza trarre mai un respiro e senza distrazione alcuna.Toccavamo temi di vita vissuta e sofferta con una facilità disarmante,che mai avrei creduto possibilie,senza alcun bisogno di un perchè,l'unico p... (continua)
Post
17/11/2010 19:39:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    9

Il medesimo finto addio.

14 novembre 2010 ore 13:58 segnala

Mi sciolgo lentamente come cream caramel,si stranamente sdolcinata,talmente tanto da lasciare scivolare via l'orgoglio e vedere solo il suo viso e le sue parole che scavano dentro me e trovano pace in un animo che per lui è ancora ricco d'amore.

Lo saluto prima di voltargli le spalle e le nostre labbra si sfiorano..ma no.non ci fu nessun bacio.Quell'abbraccio malinconico e la sua frase buttata là fra tante fece sussultare il mio cuore  come nessuno sa fare,come nessuno sapra mai dire.."mi manchi,mi manchi ancora,mi manchi sempre"...camminando verso la lunga strada verso casa sentendo solo il rumore dei miei tacchi scrissi questo e molto di piu e non solo pensando ancora perdutamente a lui ma ritrovando  la medesima fine di sempre..

un finto addio che si conclude tra un bacio e una carezza.

Libera

10 novembre 2010 ore 21:57 segnala

La chiama incoerente.

Rifletto.

Mi chiedo il perchè...

Libertà di parola e di pensiero.non sno diritti dell'uomo?

Una società critica che non guarda se stessa,avara di finti prestigi e lussuosi averi futili.Mi sento l'anticonformista che non sono,mi sento una donna che si avvale del suo legittimo diritto.

11813088
La chiama incoerente. Rifletto. Mi chiedo il perchè... Libertà di parola e di pensiero.non sno diritti dell'uomo? Una società critica che non guarda se stessa,avara di finti prestigi e lussuosi averi futili.Mi sento l'anticonformista che non sono,mi sento una donna che si avvale del suo legittimo d... (continua)
Post
10/11/2010 21:57:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Tu chiamale se vuoi ....EMOZIONI

09 novembre 2010 ore 16:19 segnala

L'odore del caffè che dalle scale giunge sino alla camera,svegliandomi in modo delicato,la tosse di tuo padre che non gli da tregua,colpa di troppe camel blue,l'acqua che scorre in bagno mentre tua sorella sedicenne si fa bella per quel ragazzo che c'è a scuola,uscire dal letto ormai caldo e avere i brividi di freddo in tutti il corpo,scaldare la macchina prima di partire,la prima sigaretta,il primo sorriso,il primo bacio a lui,ancora,l'unico e imparagonabile uomo della mia vita :papa,un treno perso e un altro preso,osservare la citta dei matti dall'altitudine di un palazzo mentre una noiosa e vecchia prof stanca parla di Euripide,quando una tua compagna dorme e l'altra sbadiglia,il terzo caffè finita la lezione,osservare la camminata dei passanti o l'acqua del mare,oggi cosi chiara,fare due risate cn sconosciuti napoletani,osservare un rolex d'oro,pensare che lui avrebbe potuto baciarti e invece non l'ha fatto,fantasticare sui se e sui ma,,,pensare che se quell'amica non fsse proprio cosi com'è non sarebbe LEI,credere che dormire in treno sia inutile quando c'è un paesaggio che scorre ogni giorno diverso sebbene il percoroso si ail medesimo,non c'è nulla di meglio che sentire il campanello suonare,aprire sapendoche è lei,ed è venuta solo perchè le mancavi,gustare la pasta al sugo che fatta dal tuo uomo sembra la piu buona al mondo,credere ancora,fermamente che l'amore esista,vivere di attimi colorati e di pianti animati,sorrisi anestetizzanti,giornate storte e lune contrarie.

mi sento viva.

scelte.

08 novembre 2010 ore 13:06 segnala

A volte anche la Regina deve scegliere,

fuggire su un cavallo bianco con il principe azzurro

o

seguire su un castello per un avventura  il cavaliere nero?

la mia indole è nera e non puo far altro che...guardare il buio.

 

 

Amaro ricordo

05 novembre 2010 ore 16:01 segnala

E' l'unico uomo che guardo di rado negli occhi e quando lo faccio vedo lo schifo in me.

Mi sorride come se fosse un nulla e in realta credo nasconda solo troppo dolore.

Un gioco era il mio,come un altro.

Un amore ero io,come pochi.

E anche ora che mi dice che è felice e aspetta un bimbo sono cosi egoista da pensare al mio di dolore,al mio di figlio perso e non riesco a negare a lui e a me stessa la sofferenza di un amore per la vita mai avuto eppure cosi vicino.Mi chiedo ancora il perchè.e condanno me stessa e il mio corpo e verso ancora lacrime di un vuoto incolmabile,di un cuore fermo a meta e tremo..ancora dalla paura di attimi che spero non tornino...

Ci sono giorni che non accadono mai....

-Dove loro riposano-

31 ottobre 2010 ore 17:48 segnala

Il silenzio era pesante.

C'è chi ha paura dei luoghi estremamente spirituali;I lumini illuminavano tombe e anime,

i fiori coloravano corpi ormai sepolti,consumati,sofferenti..

C'è chi ha paura del buio e la tristezza di questi prati che accolgono resti.

amabili resti.

Ci sono le tombe dei ricchi,ornate di oro

Ci sono le tombe dei poveri ornate d'amore,

Ci sono le tombe dei "dimenticati" ornate di malinconia e solitudine.

.......

E poi,poi c'è la TUA azzurra,come lo sfondo della tua fotografia,rilassante e serena come il tuo sguardo verso il cielo.Ti saluto e inevitabilmente scende la mia lacrima "La tua juve ha vinto" ti aggiorno sempre delle vittorie della tua passione,inconsapevole del fatto che tu lo sai già,e il tuo volto mi pare sorridere sempre piu,Ti bacio e immagino i tuoi occhi schiudersi in un amore rimasto là..sospeso...

ti amo amore mio,ti amo semplicemente, ti amo ancora.

..........

E poi cè la TUA rossa,ornata di,vittoria,orgogliosa e fiera di ciò che hai lasciato qui,fiduciosa e affettuosa,Emani calore...un fuoco che scalda il mio cuore e il mio corpo da ogni brivido.

Ciao mamma...ti bacio.

C'è chi ha paura dei morti.Io guardando loro ritrovo,finalmente la parte mancante di me.

11800488
Il silenzio era pesante. C'è chi ha paura dei luoghi estremamente spirituali;I lumini illuminavano tombe e anime, i fiori coloravano corpi ormai sepolti,consumati,sofferenti.. C'è chi ha paura del buio e la tristezza di questi prati che accolgono resti. amabili resti. Ci sono le tombe dei ricchi,or... (continua)
Post
31/10/2010 17:48:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Come il sole e la luna...

29 ottobre 2010 ore 17:52 segnala

Un dibattito si accese ..

un cielo grigio prendeva colore...

due orizzonti diversi,completamente,

due ragioni d'essere perfettamente uguali.

Gli animi caldi e ricchi di sapere,il sole che sorge alto.

le menti lucide e profumate di sapere,

la luna non abbandona mai il suo immenso mondo blu.

conversazioni dure,ardue imprese non ancora compiute..

e mani che gesticolano

e occhi che parlano...

11798205
Un dibattito si accese .. un cielo grigio prendeva colore... due orizzonti diversi,completamente, due ragioni d'essere perfettamente uguali. Gli animi caldi e ricchi di sapere,il sole che sorge alto. le menti lucide e profumate di sapere, la luna non abbandona mai il suo immenso mondo blu. conversa... (continua)
Post
29/10/2010 17:52:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment