Pasolini e il Cane

17 dicembre 2017 ore 00:18 segnala


Fu in una stagione di sole della passata età.
Lasciata Roma attraverso l’agro romano, ci portammo verso il Lido di Ostia, meta Idroscalo. Tra catapecchie degradanti sul mare, cercavo un’impronta di Pasolini sopravissuta al giorno dei morti del 1975. Mi dirigeva a quella spiaggia l'enigma che dalle spigolosità di un volto, o dai fotogrammi di un film, evocava gelidi versi avvinghiati all'infetta solitudine del vivere. Un pastrocchio informe come quel corpo devastato dalla morte, dove genio e pulsioni marcivano nell'ineluttabile terminale di grandezze e miserie. Pier Paolo Pasolini e la sua catarsi a rovescio, prima usignolo della Chiesa, cresciuto sui banchi dei preti, poi la dissacrante libertà dei ragazzi di vita. Le baracche erano rimaste come allora, con fantasmi rivestiti di stracci. Le stesse espressioni dei racconti scellerati, i toni gutturali, denti guasti, le antropologiche visceralità che se ne fottono della logica. Il monumento di circostanza, eretto a sua memoria, si dissolveva nelle stoppie incolte, con le ruggini e crepe di un calcestruzzo infelice. Subito dopo, sulla strada del ritorno, un cane traballante, si presentò fermo sull’asfalto, mi fermai istintivamente, mentre con un guaito si accasciava al suolo. Lei subito cercò di soccorrerlo, nell'angoscia di quel soffrire affranto, la fermai strattonandola sulla spalla. Non toccarlo, gli dissi, potrebbe morderti, lei insisteva, lo avrebbe voluto tra le braccia, allora le dissi… aspetta cretina... quindi con i guanti e dell’acqua ci accostammo lentamente, L’animale si riprese e subito fuggì, portando nei suoi occhi smarriti il tesoro di lacrime di chi avevo offeso. Tutto questo avvenne nel silenzio e poi ancora silenzio della strada assolata, tra file di platani allineati a tristezza. All'ingresso di Roma, semaforo rosso, lei improvvisamente aprì la porta dell’auto e corse via. Mentre accostavo, dispiaciuto e indispettito per quella reazione, la vidi tornare con un immenso tulipano che aveva acquistato da un bancarella di cinesi. Me lo porse come un richiamo al sorriso, alle parole, per scolpire nella memoria quel giorno passato insieme, perché fosse infinito. Pasolini e quel povero cane ne furono testimoni inconsci, nel molteplice passare delle cose e dei pensieri, negli accostamenti di visioni e sensazioni che un filo misterioso riunisce sia nella gioia, che nella desolazione. Un giorno e un tulipano legati insieme che tornano puntuali nel tempo, per essere miei, per essere tuoi.
0e4af150-3439-434a-b6a2-5061a63f80f1
« immagine » Fu in una stagione di sole della passata età. Lasciata Roma attraverso l’agro romano, ci portammo verso il Lido di Ostia, meta Idroscalo. Tra catapecchie degradanti sul mare, immaginavo un’impronta di Pasolini sopravissuta al giorno dei morti del 1975. Mi dirigeva a quella spiaggia l...
Post
17/12/2017 00:18:12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    3

Il suonatore Jones

15 novembre 2017 ore 23:16 segnala

Una sola impronta del Grande Spirito unisce Utah, New Mexico, Colorado e Arizona, terre dalle vertigini ocra del Grand Canyon, con tamburi Navajo sulle piste di Monument Valley e cervi a Mesa Verde. La mia ombra respira la polvere del deserto dipinto,come un chiodo trafigge i polmoni e l'altitudine che percuote le tempie reclama diazepine. Oltre le nuvole bianche, affogate d'azzurro, suoni e ricordi diventano strade alberate, tumuli di grano, cortili assolati, cancelli di scuola con voci d'argento, nelle distese inquiete della mia vita. A palpebre chiuse inseguo i racconti di vecchi incartapecoriti su sedie impagliate e un cielo sfacciato mi accompagna sulle grandi pianure d'Illinois fino a Lewistown, e Petersburg, infine una collina di Springfield, dove scorre una torrente, Spoon River.


… e dov’è Jones, quel vecchio suonatore Che giocò con la vita per tutti i suoi novant’anni affrontando la tormenta a petto nudo. Bevendo e piantando casino. Senza mai un pensiero né alla moglie,né ai parenti,né all’amore, né al denaro, né al cielo?...

Unisco quei nomi all'origine del tempo, passi di ghiaia con platani e case bianche, non ha colline la mia terra, ma piane distese di fiumi, pietre e laguna. Eppure uomini e donne d'America hanno gli stessi volti di chi beveva il vino di nebbia, nell'aia densa di fisarmoniche e violini.


in un vortice di polvere gli altri vedevan siccità,a me ricordava la gonna di Jenny in un ballo di tanti anni fa..

Jenny o forse era Denni, amata nel calore di un’estate che avvolgeva le nostre vite, e intorno il brulicare d’altri passi, un giudice, un ottico, un nano e poi un contadino, il muratore e il farmacista nel passare delle stagioni che liberano dal silenzio mille voci infinite. Vivono e parlano nella valle, dormono e parlano sulla collina.


libertà l’ho vista dormire nei campi coltivati a cielo e denaro,a cielo ed amore, protetta da un filo spinato. Libertà l’ho vista svegliarsi ogni volta che ho suonato, per un fruscio di ragazze ad un ballo, per un compagno ubriaco….


Libertà fra cielo e tastiera, nel tocco vivente che si fa memoria e cerca incroci e speranze a illuminare le solitudini. Ricordi fragili nella penombra degli anni che perdonano la colpa e la menzogna. Libertà in un vecchio libro di Edgar Lee Masters.


… mentre la baciavo sulle labbra e l’anima d’improvviso mi fuggì…
finì con i campi alle ortiche, finì con un flauto spezzato e un ridere rauco e ricordi tanti e nemmeno un rimpianto…
f8ab33bc-632c-4c67-bdd9-9559df45a085
« video » Una sola impronta del Grande Spirito unisce Utah, New Mexico, Colorado e Arizona, terre dalle vertigini ocra del Grand Canyon, con tamburi Navajo sulle piste di Monument Valley e cervi a Mesa Verde. La mia ombra respira la polvere del deserto dipinto,come un chiodo trafigge i polmoni e l...
Post
15/11/2017 23:16:22
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    8

Lights

04 novembre 2017 ore 12:30 segnala


Se spengo la lampada, i quarzi schermati di nero, rendono frequenze proprie, sono embrioni di luce che imprimono alla retina pulsazioni vive nelle tonalità dell’ultravioletto. Si accendono le rarefazioni del cromo, del rame e del nichel avvinghiate agli atomi di silicio e ossigeno nella danza misteriosa del tempo infinito. Sono memorie in lenta inesorabile trasformazione, equilibri tracciati su forme reticolari, piramidali o cristalline, prospettive di purezza esaltata dall'imperfezione dei contrasti. Le striature dell’ambra, le fessure smeraldo, le crepe dell’acquamarina, o le invisibili cicatrici del diamante diventano percorsi paralleli di un solo esistere, l’unica convergenza che le anima. Come uno sciame di fotoni, lo sguardo e il pensiero, i sensi e l’esatta coscienza che ci identifica, possono valicare le dimensioni ridotte della metamorfosi di cui siamo piccola parte. Per ansia o paura o nell'attesa ravvicinata del dopo, l’oscillazione tra il passato e quanto verrà è una dimensione in divenire che tutto include. Cambiano le percezioni nel moto incessante cui apparteniamo, e le vite, i secoli e i ricordi hanno la dolce cadenza di una quieta pioggia di colori che lacera le oscurità.
57a90ccd-49c7-477c-abc7-7f3bbb21410a
« immagine » Se spengo la lampada, i quarzi schermati di nero, rendono frequenze proprie, sono embrioni di luce che imprimono alla retina pulsazioni vive nelle tonalità dell’ultravioletto. Si accendono le rarefazioni del cromo, del rame e del nichel avvinghiate agli atomi di silicio e ossigeno ne...
Post
04/11/2017 12:30:28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    14
  • commenti
    comment
    Comment
    7

Nel segno de Leone

23 giugno 2017 ore 13:45 segnala


Le ombre del tramonto placavano la guerra di sole nella pace che regala la sera, quiete di finestre aperte sul brusio dei cortili, quasi un velo di seta che avvolge la fatica con voci e suoni consueti alla dolcezza delle mura di casa. Fuori e intorno, orti e strade di ghiaia, siepi e alberi circondavano aie affogate nella calura, in attesa dei riti d'acqua. Più tardi si spegnevano le ultime luci, affidando alle stelle di una notte d’estate le pulsazioni delle vite, come un universo che obbedisce alla quantistica dell’amore. Prima dell’alba, mia madre, accarezzata dagli impulsi di una vita incipiente, si affacciava sull'uscio di casa, oltre il prato udì dei rumori, e lei quasi divertita e intrepida chiamò mio padre. Dei ruba galline, dopo avere divelto la rete, stavano vuotando il pollaio della casa di fronte. Avvisarono i vicini, qualcuno strillò dove fosse il fucile, un altro minaccioso si rivolse agli ospiti inattesi apostrofandoli …via di qua, figli di cani ! Tutto si risolse in una rapida fuga dei malandrini e qualche pennuto già insaccato, che sarebbe poi mancato alla conta. Ridevano quei due ragazzi che aspettavano il loro bambino, era in ritardo rispetto ai tempi previsti, ma tutto procedeva bene. Mia madre disse, gliela racconteremo questa storia un giorno, al pigrone che non vuole arrivare, poi guardando l’orologio aggiunse , sono le tre, è ormai il trenta luglio, quindi di nascere il 29, come il Duce, non ne ha voluto sapere il furbacchione. Lui la baciò e considerò come questo dovesse essere considerato il mio primo dispetto. Dopo due ore, alle cinque, con la levatrice Gina precipitosamente trasportata sul motorino di papà, arrivavo in questa strana baracca che è la vita, tra le braccia eterne dei miei genitori. Mi chiamarono Silvano Costantino, nato nel segno zodiacale del Leone, ascendente Leone. Chissà, forse avrei voluto presentarmi con un ruggito...ma era solo un vagito.
b36f3922-eb4c-445f-aa83-c5fdaf500b0f
« immagine » Le ombre del tramonto placavano la guerra di sole nella pace che regala la sera, quiete di finestre aperte sul brusio dei cortili, quasi un velo di seta che avvolge la fatica con voci e suoni consueti alla dolcezza delle mura di casa. Fuori e intorno, orti e strade di ghiaia, siepi e...
Post
23/06/2017 13:45:20
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    7

Chatta. it.......grazie

26 maggio 2017 ore 08:50 segnala


Confesso che mi è di consolazione frequentare questo sito da tanti anni, quasi un modo per condividere la canizie che non distingue. Nel frattempo fanciulle rampanti poco più che ventenni compiono il giro di boa dei primi anta, ragazzotti imberbi, ormai muniti di solido pelo, scrivono da affermati manager e padri di famiglia sono diventati nonni. Molti sono emigrati, altri sono arrivati e qualcuno ci ha lasciato per sempre, nello stupore tardivo che ci assale quando ricordiamo che ogni luogo d’incontro è semplicemente un tassello di vita. In questo contenitore magico che non ha geografia, tutto si compone e disarticola, riduce le distanze trasformandoci da osservatori a osservati e poi partecipi nei modi e nelle misure che solo la coralità delle voci sa creare. Siamo fotogrammi di un’infinita pellicola, dove resta impresso qualcosa di noi, nelle liti forsennate, negli amori che nascono e si dissolvono, nelle amicizie che durano, nelle infinite diatribe a cui restiamo avvinghiati, nonostante i mille distinguo. Come in un porto, franco dai troppi vincoli che il quotidiano impone, qui siamo poeti, politici, mercenari, guerrieri, mercanti, amanti, playboy, coraggiosi, vili, opportunisti, generosi, azzardati, volgari, contenuti, importuni, importunati, brutti e belli. In questa cosmogonia, inevitabilmente l’essere nick diventa un amor proprio che calza come una seconda pelle, una personalità distinta e precisa per quanto virtuale. Ma non è della fenomenologia web o di sociologia che intendo parlare, il tema è assolutamente dibattuto da sempre. Quanto m’interessa è ricordare in uno sguardo d’insieme e per quanto ne sono capace, i fondamentali in cui mi riconosco e di cui faccio parte per essere con voi. Nel corso degli anni, dalle chat affollate, alle bacheche silenziose e poi ai blog, alle musicalità sui testi, alle messaggerie, ai gruppi che si sono costituiti, a ciò che resta come esperienza o memoria o contatto, emerge un filo conduttore, un legame comunque riconducibile a un’esperienza unitaria che non va banalizzata. Potrei raccontare centinaia di episodi, infiniti aneddoti o parlare di moltissime persone che hanno caratterizzato tutto questo, sempre e comunque sotto un profilo squisitamente umano. La considero una ricchezza, una felice opportunità di cui voglio ringraziare. Tutti, infatti, abbiamo più o meno sacramentato per grafiche che non ci piacevano, su aggiornamenti tecnici criticati, di foto e censori che ci avrebbero colpito, dimenticando la fatica costante di chi ci ha sempre accolto da amici in una comunità che non è certamente occasionale ed effimera. Conosco gli autori di questo sito quasi da sempre, e spesso mi sono chiesto come possano sopportarci in troppe occasioni, quando tutti reclamiamo e protestiamo per esigere, senza sapere esattamente cosa, di più e subito. Sono certo, che per quanto il loro lavoro possa essere configurato in una attività, nulla sarebbe nato se non sorretto da una passione e da un impegno costanti. Grazie quindi Chatta.it , senza piaggerie o ragioni che non siano la semplice riconoscenza per avere reso possibili infiniti incontri. Fino a quando ci saremo nessuno lo sa, la vita è un’incognita assoluta e tuttavia che tutto sia eterno fin che dura.

92ac6ea4-f530-4785-8a94-393e31425e2a
« immagine » Confesso che mi è di consolazione frequentare questo sito da tanti anni, quasi un modo per condividere la canizie che non distingue. Nel frattempo fanciulle rampanti poco più che ventenni compiono il giro di boa dei primi anta, ragazzotti imberbi, ormai muniti di solido pelo, scrivon...
Post
26/05/2017 08:50:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    27
  • commenti
    comment
    Comment
    28

and time goes by

20 maggio 2017 ore 19:37 segnala


In Sunset Boulevard, William Holden guarda sul tavolo di un bar le impronte circolari lasciate dai bicchieri vuoti. In Casablanca altri calici infranti fissano un tempo introverso sull'indifferenza del mondo. A chi gli chiede …che hai fatto ieri sera ? Humphrey risponde...non ricordo, è passato molto tempo.. a chi lo incalza….stasera che farai ? Lui replica ….non lo so, non faccio mai programmi a lungo termine. A suo dire si era recato nel Sahara per una cura delle acque, ma evidentemente lo avevano male informato. Così si passa da gennaio a maggio, senza dover togliere i fogli del calendario, basta il vento che una bomba d’acqua sprigiona dalla finestra aperta e le carte che svolazzano. Sono farfalle d’inchiostro, scarabocchi tracciati nei percorsi obliqui delle contabilità obbligate. Dare qualcosa, ricevere altro, parlare, ascoltare, tutto qui e intorno scorrono oggetti, luoghi e persone, pause e movimenti nella dialettica sconosciuta di cui facciamo parte. In effetti disponiamo di autocoscienza smisurata, rispetto ai nostri piccoli ruoli. Manca sempre la controprova, la traccia precisa di continuità ripetibili per cui da gennaio ci si ritrova a maggio. L'immagine iniziale dei vetri vuoti è solo un labile indizio, non un fenomeno sperimentale, ma semplice ipotesi. Ricordo quando dissi con gioia ...è maggio, ma probabilmente anch'io ero male informato nel voler credere a cause ed effetti così ravvicinati, densi di uno stupore che potesse durare. Da bambino resistevo al sonno per cogliere l’esatto momento del suo giungere, afferrare i suoni e le immagini di una così diversa dimensione per trattenere il percorso di altre conoscenze. I meccanismi tuttavia non lo consentono e inevitabilmente alla veglia sopraggiunge il mattino, nel rinnovarsi di altre attese probabili e scontate. La via di fuga è talvolta la sensazione di sentirmi quasi levitare, staccato dalla stessa consuetudine di me stesso, come fossi un osservatore esterno senza parte in gioco. A maggio dovrebbero esserci le lucciole, fiorire le rose e le lunghe giornate definire i margini della luce con il cinguettio di uccelli. Alcuni amici mi hanno scritto, aggiungo quasi spontaneamente un post, percorro le stradine di campagna sotto il cielo di un azzurro africano, mi ricollego a me stesso.
E' davvero maggio.
ab2048d4-c123-466d-855b-51a5c93a34f6
« immagine » In Sunset Boulevard, William Holden guarda sul tavolo di un bar le impronte circolari lasciate dai bicchieri vuoti. In Casablanca altri calici infranti fissano un tempo introverso sull'indifferenza del mondo. A chi gli chiede …che hai fatto ieri sera ? Humphrey risponde...non ricordo...
Post
20/05/2017 19:37:41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    10

Gennaio

06 gennaio 2017 ore 15:01 segnala


Il naso incollato sul vetro e oltre la strada, i nidi di sole e le stoppie ingiallite. Bianco il mattino avvolge di carta velina gli alberi spogli e la brina disegna il vivo splendore di gemme addormentate. Ricordo altre stagioni, inerti di pallide luci gelate, quando il cristallo dell'aria spezzava le volute di fumo di un tempo amato e perduto. Allora le campane avevano un suono che continua acceso in questo giorno d'inverno. Alle spalle le formule astruse e il calore degli enigmi che solo tu conosci. Respiro vicino dal sapore di un caffè bevuto insieme.
6a877e87-fe43-4efb-a859-d31f872ba45f
« immagine » Il naso incollato sul vetro e oltre la strada, i nidi di sole e le stoppie ingiallite. Bianco il mattino avvolge di carta velina gli alberi spogli e la brina disegna il vivo splendore di gemme addormentate. Ricordo altre stagioni, inerti di pallide luci gelate, quando il cristallo de...
Post
06/01/2017 15:01:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    15
  • commenti
    comment
    Comment
    10

Nevicava

17 dicembre 2016 ore 00:06 segnala


Dei "pattini d’argento" ricordo la copertina sgualcita illuminata dall’incerto chiarore di una lampada, negli ultimi giorni a Dicembre. Quel fatale imbrunire che scivola nel viola e blu delle notti spietate, quando la vita inganna purché si cresca in fretta. Ma "Davy Crockett", lo lessi il giorno di Natale, fra i panni ghiacciati che ponevano sulla panca e le piccole gioie d’arancio e torrone sparse fra la cucina e la mia camera troppo fredda per poter leggere. Fuori nevicava, nella lentezza dolce delle esistenze che passano, come il ricordo di chi è svanito, la malinconica attesa di quanto non sarà più. Rivedo quei fiocchi di neve, mentre scrivo e li affido alla tastiera, nel disegno di un augurio lieve come una carezza. Del domani non so, ma oggi :rosa
4b8f2374-1656-4b6a-a08c-4337b4f8b4b0
« immagine » Dei "pattini d’argento" ricordo la copertina sgualcita illuminata dall’incerto chiarore di una lampada, negli ultimi giorni a Dicembre. Quel fatale imbrunire che scivola nel viola e blu delle notti spietate, quando la vita inganna purché si cresca in fretta. Ma "Davy Crockett", lo le...
Post
17/12/2016 00:06:04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    14
  • commenti
    comment
    Comment
    11

Teresa

13 dicembre 2016 ore 00:05 segnala


Amo scrivere in silenzio, nella traccia ideale che unisce cielo e tastiera, eppure stanotte questa canzone di De Andrè m’insegue, come una corrente di mare che anticipa i pensieri.

Teresa parla poco
ha labbra screpolate
mi indica un amore perso
a Rimini d'estate.


Sono note che chiedono un ricordo, parole semplici, tratteggio delicato che raccolga l’emozione di un giorno di sole, un momento preciso, qualcosa vissuto. E’ facile collezionare gli stimoli improvvisi della vanità e confinarli in una vetrina polverosa, altro è conservare un messaggio sommesso e lieve per ringraziare di un minuto trascorso insieme. Sono contatti d’ombra, soavi e intensi, chiaroscuri intravisti, soltanto sfiorati.

Ora Teresa è all'Harry's Bar
guarda verso il mare
…………………………….
di lei ho saputo poco
ma sembra non inganni.


Scorrevano sul nastro d’asfalto gli alberi d’estate e i tunnel assetati di luce, nella strada dolce e dolorosa che gli appartiene. Raccontava di un amore cercato nell’abbandono della sensualità, dei labirinti confusi da cui trovare scampo inseguendo la voce di un bambino. Della solitudine e del riscatto, della forza che la rende così bella. Molto altro, per quanto non detto, è percepito, compreso, voluto, con l’intensità delle cose irripetibili. Forse a Rimini o sul Tirreno, o a New York, in questo momento o alla fine di un sogno e dura la meraviglia dei suoi occhi accesi, sul tiepido calore di una foto che vive.
c88dee56-befe-4b79-aa19-20e93ac68e83
« immagine » Amo scrivere in silenzio, nella traccia ideale che unisce cielo e tastiera, eppure stanotte questa canzone di De Andrè m’insegue, come una corrente di mare che anticipa i pensieri. Teresa parla poco ha labbra screpolate mi indica un amore perso a Rimini d'estate. Sono note che c...
Post
13/12/2016 00:05:10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10
  • commenti
    comment
    Comment
    7

Sguardi

11 dicembre 2016 ore 01:56 segnala


Gli occhi che ci guardano gettano ponti, riuniscono i legami che la ragione recide, fondono i metalli e sciolgono i giorni dalle reti del tempo. Sono colori che emergono da circostanze strane, occasioni mancate, maledette come un pentimento. Sono ansia profonda di spazi inquieti, altre vite
378285b1-a756-49c6-b20a-6d727690c5e1
« immagine » Gli occhi che ci guardano gettano ponti, riuniscono i legami che la ragione recide, fondono i metalli e sciolgono i giorni dalle reti del tempo. Sono colori che emergono da circostanze strane, occasioni mancate, maledette come un pentimento. Sono ansia profonda di spazi inquieti, alt...
Post
11/12/2016 01:56:57
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    14
  • commenti
    comment
    Comment
    13