Chatta. it.......grazie

26 maggio 2017 ore 08:50 segnala


Confesso che mi è di consolazione frequentare questo sito da tanti anni, quasi un modo per condividere la canizie che non distingue. Nel frattempo fanciulle rampanti poco più che ventenni compiono il giro di boa dei primi anta, ragazzotti imberbi, ormai muniti di solido pelo, scrivono da affermati manager e padri di famiglia sono diventati nonni. Molti sono emigrati, altri sono arrivati e qualcuno ci ha lasciato per sempre, nello stupore tardivo che ci assale quando ricordiamo che ogni luogo d’incontro è semplicemente un tassello di vita. In questo contenitore magico che non ha geografia, tutto si compone e disarticola, riduce le distanze trasformandoci da osservatori a osservati e poi partecipi nei modi e nelle misure che solo la coralità delle voci sa creare. Siamo fotogrammi di un’infinita pellicola, dove resta impresso qualcosa di noi, nelle liti forsennate, negli amori che nascono e si dissolvono, nelle amicizie che durano, nelle infinite diatribe a cui restiamo avvinghiati, nonostante i mille distinguo. Come in un porto, franco dai troppi vincoli che il quotidiano impone, qui siamo poeti, politici, mercenari, guerrieri, mercanti, amanti, playboy, coraggiosi, vili, opportunisti, generosi, azzardati, volgari, contenuti, importuni, importunati, brutti e belli. In questa cosmogonia, inevitabilmente l’essere nick diventa un amor proprio che calza come una seconda pelle, una personalità distinta e precisa per quanto virtuale. Ma non è della fenomenologia web o di sociologia che intendo parlare, il tema è assolutamente dibattuto da sempre. Quanto m’interessa è ricordare in uno sguardo d’insieme e per quanto ne sono capace, i fondamentali in cui mi riconosco e di cui faccio parte per essere con voi. Nel corso degli anni, dalle chat affollate, alle bacheche silenziose e poi ai blog, alle musicalità sui testi, alle messaggerie, ai gruppi che si sono costituiti, a ciò che resta come esperienza o memoria o contatto, emerge un filo conduttore, un legame comunque riconducibile a un’esperienza unitaria che non va banalizzata. Potrei raccontare centinaia di episodi, infiniti aneddoti o parlare di moltissime persone che hanno caratterizzato tutto questo, sempre e comunque sotto un profilo squisitamente umano. La considero una ricchezza, una felice opportunità di cui voglio ringraziare. Tutti, infatti, abbiamo più o meno sacramentato per grafiche che non ci piacevano, su aggiornamenti tecnici criticati, di foto e censori che ci avrebbero colpito, dimenticando la fatica costante di chi ci ha sempre accolto da amici in una comunità che non è certamente occasionale ed effimera. Conosco gli autori di questo sito quasi da sempre, e spesso mi sono chiesto come possano sopportarci in troppe occasioni, quando tutti reclamiamo e protestiamo per esigere, senza sapere esattamente cosa, di più e subito. Sono certo, che per quanto il loro lavoro possa essere configurato in una attività, nulla sarebbe nato se non sorretto da una passione e da un impegno costanti. Grazie quindi Chatta.it , senza piaggerie o ragioni che non siano la semplice riconoscenza per avere reso possibili infiniti incontri. Fino a quando ci saremo nessuno lo sa, la vita è un’incognita assoluta e tuttavia che tutto sia eterno fin che dura.

92ac6ea4-f530-4785-8a94-393e31425e2a
« immagine » Confesso che mi è di consolazione frequentare questo sito da tanti anni, quasi un modo per condividere la canizie che non distingue. Nel frattempo fanciulle rampanti poco più che ventenni compiono il giro di boa dei primi anta, ragazzotti imberbi, ormai muniti di solido pelo, scrivon...
Post
26/05/2017 08:50:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    22

Commenti

  1. Forever 26 maggio 2017 ore 09:27
    Tutto si accumula, niente si cancella, nemmeno i rospi che ho ingoiato e quelli che ingoierò, sperando che si trasformino in principi.
    Ecco!
  2. Marco 26 maggio 2017 ore 10:42
    Quello che è stato fatto, ciò che stiamo facendo e tutto quello che verrà ha un senso in più dopo aver letto queste parole.

    Orgoglioso di averti conosciuto.

    Marco
  3. AllegroRagazzo.Morto 26 maggio 2017 ore 16:44
    @Elazar
    Ogni bacino riflette in modo (inversamente o meno) proporzionale ogni aspetto (elemento) accolto in esso. Siano essi riflessi (elementi) oscuri, variegati, flebili, assolutamente miserabili, eterei, incisivi, perfettamente calibrati e addirittra unici.

    Più il bacino è vasto più ciò che stia oltre di esso riflette in modo più efficiente ciò che nel bacino si trovi, anche qui, in modo più o meno esponenziale perché dipende tutto dal sempre sopravvalutato indice temporale.

    Ma il tempo passa che lo si consideri o meno, i riflessi mutano, le superfici si increspano e le tempeste vanno e vengono incessantemente. I legami si rafforzano o si infrangono allo stesso tempo eppure... le probabilità mantengono il loro potere su ciò che si creda essere pura coincidenza.

    Le coincidenze, è un mio assoluto perdona l'arroganza, non esistono... E tu come pochi, davvero pochi altri a mio modesto avviso, sei un dato di fatto.

    Cheers...
  4. semplicemente.1965 26 maggio 2017 ore 17:12
    Che bello e vero è questo scritto, grazie a te .....e la storia umana continua anche in questo spazio virtuale che a me pare , a volte, una scatola magica.
  5. ombra.dargento 26 maggio 2017 ore 18:37
    c'era una volta una mula che amava tanto il mare, la Bora e la vela. un giorno il sole la scottò così tanto che dovette rimanere a casa per tre settimane. durante quel periodo approdò in Chatta e decise di aprire il suo primo blog. era luglio del 2008, lei era maretraicapelli.
    nonostante siano passati tanti anni, un po' di nick e un po' di blog, nonostante certi aspetti della mia vita siano radicalmente cambiati, quella ragazza è sempre qui dentro di me e gioca, si commuove, si dispera, s'arrabbia e gioisce con la vecchia lupa che sono diventata.

    grazie ai blogger che mi leggono... al caro amico Skip... a quello lì, come cavolo si chiama... trampoliere no... bersagliere neanche... ah sì, Cavaliere :-p

    ... e grazie a te Silvano che mi sopporti oggi come allora, per la vicinanza, la gentilezza e l'affetto, per la tua amicizia, prezioso dono. punto, anzi, puntino :rosa
  6. CavaliereArcano 26 maggio 2017 ore 20:40
    Ne sono successe di cose dalla prima volta che sono approdato in Chatta. Qui ho aperto il mio primo blog e grazie ad esso ho conosciuto quella lì che non ricorda il mio nick :-p colei che è diventata la persona più importante della mia vita.
    Ho incontrato anche degli amici che nonostante non abbia mai visto di persona sono reali più che mai, blogger che stimo per i loro pensieri e la loro umanità.

    Ringrazio chiunque si prenda la briga di leggere i miei sermoni e di commentarli, ringrazio il Comandante, Moscan, la mia lupacchiotta e ringrazio te Silvano, di cuore.
  7. luc.ariello 27 maggio 2017 ore 02:14
    Abbiamo dato, abbiamo avuto.
    Ma a sera le nostre anime tutto hanno masticato,
    tutto,
    tranne solitudine.
  8. dolcecarrie 27 maggio 2017 ore 20:19
    Negli anni siamo diventati più grandi tutti
    e più capaci di comprendere quello che diamo e quello che riceviamo.
    Mi associo al tuo grazie. :-)) :rosa
  9. solo.xpoco 27 maggio 2017 ore 20:34
    Grazie a chi? Ad un sito che ha messo i blog alla berlina? Ad uno staff che si è occupato di riempire le bacheche di parolacce e di svuotare i blog di contenuti e di presenze? O vogliamo ringraziare @Marco per averci ospitati gratis per tanti anni? Allora grazie anche a chi ha speso tempo per districarsi fra le parole, quelle che mettevi tu Elazar, quelle che ti davano la dimensione di persona che è in grado di dipingere testi come un pittore famoso...quei tuoi post che valorizzavano il sito, che aprivano le porte ai pensieri per capire dove eri al momento in cui scrivevi....se in casa tua o fuori nel mondo. Allora grazie anche ai tanti blogger veterani, alcuni andati via poichè il sito che tu ringrazi li ha costretti all'angolo... grazie a coloro che son tornati a leggerti, a leggermi ed a leggere altri come te.
    Solo che io non mi sento di ringraziare nessuno in particolare, se non la scelta di aver voluto dei blog su questo sito, ma ovviamente non posso ringraziare piu' di averli affossati....poichè da quel momento sono andati perse tante occasioni qui dentro di trovare dei dialoghi costruttivi... di trovare persone disposte a leggere davvero e non per attirare attenzioni....non posso e non voglio ringraziare nessuno per questo, altrimenti li definirei colpevoli del degrado.
    Ma ringraziali tu, fai bene...e cosi' sia allora, se è questo che vuoi esprimere, io no, mi tengo fuori ma ringrazio te per aver ospitato questo mio intervento, probabilmente fuori dal coro.
    Saluti ... Soloxpoco
  10. Crazly 28 maggio 2017 ore 00:27
    Ci sei tu :rosa
  11. AccioMaria 28 maggio 2017 ore 08:18
    Ringrazio soprattutto te.
    E come disse qualcuno, tanti anni fa
    "Non ho alcun dubbio che ho meritato i miei nemici, 
    ma non sono sicura di aver meritato i miei amici."
  12. Xaspettando.tex 28 maggio 2017 ore 18:55
    ...lascio perdere la passione della quale parli perchè credo tu l'abbia buttata lì tanto per...sappiamo tutti che questo è un business e infatti non c'è attenzione ai contenuti ma soltanto ai numeri...poi credo che i blogger sanno bene cosa vorrebbero. non i nuovi che non conosco molto...leggo qualcosa ogni tanto e così è ai vecchi che penso...quelli scappati via...perchè fingere di non saperlo? questo post si ricollega a quello prima, in un punto che ti lascio scoprire...però una cosa è vera e cioè che siamo liberi di emigrare altrove...io poi non sono neanche blogger ma leggere una volta aveva senso almeno...ma sì è estate ormai e ce ne andremo tutti in vacanza dimenticando questo angolo del web sul quale ogni tanto apriamo la finestra...per blablablare.
  13. Epi.centro 30 maggio 2017 ore 16:23
    Mi unisco al grazie del Maestro... e colgo l'occasione di questo post per esprimerlo, con parole sicuramente meno belle da leggere, ma spero significanti.

    Si, grazie a Chatta.it per avermi permesso di provare un'altra esperienza. Umana e di scrittura. Umana per aver avuto l'onore di conoscere persone per bene. ELazar, il Cavaliere, Ombra che mi hanno citato così carinamente. E molte altre che non sto qui a scrivere, la lista sarebbe lunga. Questi 10 anni di chatta non sono stati rosa e fiori, naturalmente. Ma le esperienze negative, forse, sono quelle che mi hanno insegnato di più. E a cui devo, nonostante tutto, molto.

    Di scrittura perchè mai e poi mai avevo messo nero su bianco i miei pensieri.. i miei racconti. Questo blog è come se avesse squarciato il velo delle mie remore e mi avesse invitato a farlo... Che sia stato un bene o un male, non lo so.
    Ai posteri l'ardua sentenza....

    Grazie ancora, Maestro.

    Semper Fidelis
  14. Chamanit 31 maggio 2017 ore 05:26
    Ognuno di voi, indistintamente ha dato qualcosa all'altro, io sono una semplice spettatrice e lettrice di tutti coloro che hanno attirato la mia attenzione. Certo, ho avuto le mie delusioni nascoste in menti complicate e contorte ma anche plausi e amicizie che ancora durano nel tempo. Un mondo fatto di colori e sfumature impervie che spesso sfociano in affetti, e voglio pensare che nonostante tutto e tutti, prevalga sempre, qui come ovunque il senso di responsabilità e amor proprio che permetterà negli anni un percorso sereno, senza malesseri o diatribe riduttive e sterili. Buona continuazione a te, blogger di spessore e alla capacità di leggere oltre le parole. Il mondo del linguaggio è un mondo complesso che nasconde una serie infinita di sorprese. Tu lo sei!
    Claudia
  15. methos1phd 03 giugno 2017 ore 20:46
    Quando ho scoperto il mondo virtuale mi sono iscritta a diverse chat ... dopo alcuni anni ho preferito chiudere con tutte optando per Chatta.it perchè è qui che ho trovato belle persone con le quali ancora oggi ho contatti e uno di questi sei tu Silvano. Il mondo cambia continuamente ma i valori quali il rispetto, l'affetto e l'amicizia restano. So di ripetermi all'infinito ma è piacevolissimo leggerti :-) un caro saluto by Angie
  16. calypte 13 giugno 2017 ore 23:41
    ... e poi ci sono quelli che si dileguano...tanto da non ricordarli piu'! Caro amico di tastiera ti confesso che da tempo che non aprivo piu' chatta e un po' ne avevo paura digitando il mio nick....a dir poco arrugginito! Pensavo non entrassi piu'...
    Terribile. Come perdere la propria identita'!
    E invece no! Sbircio tutti gli amici che ricordo sempre con infinito affetto.
    No...non e' banale qui! Non si perde il tempo!
    Sono cresciuta confrontandomi. Litigando...sorridendo e anche piangendo.
    Sono diventata grande oggni volta e per tutte quelle volte che in certe sere d'inverno ti rileggevo e rileggevo(a volte anche per 3 volte!)....DOVEVO CAPIRE!
    Il senso delle parole..le mie e le tue...quelle sue...loro. dovevo misurarmi...soprattutto per quelle volte che non mi ritenevo all'altezza.
    Quando mi sentivo inadeguata per una grammatica semplice che voleva spiegare il senso dei miei giorni.
    Non me lo perdono mai, ancora oggi, di aver cancellato in una sera triste tutto il mio blog!
    Tutto passa...la vita inevitabilmente ci cambia.
    Ma quello in cui credi non passera' mai! E tu lo sai quanto ci ho creduto!
    Chatta e le nostre parole spianate come appuntamento a farci compagnia...e mancava solo il vino!
    C' era il calore ed il conforto. La compagnia. Molte divergenze...quasi gelosie. Ma il tutto aveva sempre lo stesso fine: insieme.

    Non e' poco.... :rosa :rosa :rosa :rosa :rosa
  17. Lessien 17 giugno 2017 ore 00:44
    non potrò mai perdonare l'esistenza di un non luogo come questo in cui da molti anni rimpiango il mancato incontro, il distacco forzato per non soffrirne,la malinconia di ogni sorriso che nasce nel leggere, nel sapere che amerò perdutamente un sogno di pixel con un cuore.
  18. antioco1 19 giugno 2017 ore 17:22
    ciao è sempre un piacere leggerti spero tutto bene a te e famiglia ciao SAF caro silvano
  19. Lady.Wilde 22 giugno 2017 ore 17:53
    Ciao! mai avrei pensato che un giorno avrei scritto qualcosa sotto un tuo post....ma gli anni trascorrono si cresce si rielabora e conserva..si stinge l'amaro del passato per aprire l'orizzonte ad una sfumatura che adesso, fa piacere ricordare.Quello che hai scritto credo sia il pensiero di molti che hanno trascorso parte minima o eccessiva qui.....come coinvolgimento quasi anestetico a delle cose che poi nel quotidiano non saturi. Le tue parole Silvano,sono quelle che stavo per scrivere una volta, in un momento in cui ho avuto nostalgia di un posto che mi ha dato la possibilità di conoscere persone che resteranno per sempre nel mio cuore,è che èstato per me me nido e porto sicuro... anche se adesso con la bellezza che caratterizza l'esperienza quando passa il tempo,ha un profumo diverso quasi inesistente......era Marquez che diceva: tutto è eterno finchè dura??? e si.....beh.....non l'ho mai accettato e mai concordato con lui:-)..non so se sia bello riconoscere una asetticità nello scrivere che mai avrei pensato arrivasse...eppure ecco sto digitando in un posto da cui x anni fuggii......a cui ho legato qualcosa che mi ha fatto crescere ed amare di più Stefania. La magia del Tempo è che ti dimentichi come ti allontani dalle persone..........e pensi solo che è stupendoo poterle salutare con altra ottica!. Margherita....Teresa.....il resto è vita
    Stefania..ex Fata1.
  20. Lady.Wilde 22 giugno 2017 ore 17:56
    e scusa gli errori!!!!!!!!! mi sono disabituata al blog :-))
  21. Elazar 24 giugno 2017 ore 00:47
    Era Vinicius De Moraes, ma fa lo stesso. Grazie
  22. Lady.Wilde 26 giugno 2017 ore 12:19
    santo cielo..............!!.....crolla un mito tra le mie certezze di memoria.
    Scusa la replica..anzi grazie x la replica....mi sarei portata nella tomba sta cosa!.
  23. rebelsong 27 giugno 2017 ore 22:52
    Parole verissime... d'altra parte sono scritte da una persona vera.. tu :rosa
  24. xspirito.liberox 09 luglio 2017 ore 06:00
    questa volta spero davvero di aver imparato i tuoi preziosissimi insegnamenti !
    ci provero' ancora ,si a volare alto
    ho sempre pensato che chatta e' la casa di tutti quelli che la sanno rispettare e sanno rispettare gli altri
    che e' un ponte che permette alle persone di andare verso le altre persone, ma spesso mi sono imbattuta in distorsioni del senso di un social
    il segreto e' non lasciarsi coinvolgere
    usare il silenzio si ...ma in alcuni casi
    bisogna difendersi ,perche' la stupidita' e' incurabile
    tu come altri blogger hai reso bello e dignitoso questo spazio
    quindi grazie a te :rosa
    buon vento maestro!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.