Lights

04 novembre 2017 ore 12:30 segnala


Se spengo la lampada, i quarzi schermati di nero, rendono frequenze proprie, sono embrioni di luce che imprimono alla retina pulsazioni vive nelle tonalità dell’ultravioletto. Si accendono le rarefazioni del cromo, del rame e del nichel avvinghiate agli atomi di silicio e ossigeno nella danza misteriosa del tempo infinito. Sono memorie in lenta inesorabile trasformazione, equilibri tracciati su forme reticolari, piramidali o cristalline, prospettive di purezza esaltata dall'imperfezione dei contrasti. Le striature dell’ambra, le fessure smeraldo, le crepe dell’acquamarina, o le invisibili cicatrici del diamante diventano percorsi paralleli di un solo esistere, l’unica convergenza che le anima. Come uno sciame di fotoni, lo sguardo e il pensiero, i sensi e l’esatta coscienza che ci identifica, possono valicare le dimensioni ridotte della metamorfosi di cui siamo piccola parte. Per ansia o paura o nell'attesa ravvicinata del dopo, l’oscillazione tra il passato e quanto verrà è una dimensione in divenire che tutto include. Cambiano le percezioni nel moto incessante cui apparteniamo, e le vite, i secoli e i ricordi hanno la dolce cadenza di una quieta pioggia di colori che lacera le oscurità.
57a90ccd-49c7-477c-abc7-7f3bbb21410a
« immagine » Se spengo la lampada, i quarzi schermati di nero, rendono frequenze proprie, sono embrioni di luce che imprimono alla retina pulsazioni vive nelle tonalità dell’ultravioletto. Si accendono le rarefazioni del cromo, del rame e del nichel avvinghiate agli atomi di silicio e ossigeno ne...
Post
04/11/2017 12:30:28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    14

Commenti

  1. xspirito.liberox 04 novembre 2017 ore 17:58
    tutto assume aspetti nuovi ,diversi ....o perche' siamo noi a percepirne il cambiamento o perche' siamo cambiati noi rispetto alle cose ....
    quello che ci appariva limpido e illuminava le nostre oscurita' adesso si e' offuscato , si e' allontanato...
    eppure c'e' ed appartiene sempre a chi ha saputo coglierne la luce
    bentornato Maestro !
  2. sinceropreciso 05 novembre 2017 ore 08:22
    Quando ascoltiamo un argomento di una persona, spesse volte ci schieriamo affrettatamente a favore o contro. La fretta è una brutta cosa, è come guardare un diamante in modo fisso non potendo intravedere tutta la sua bellezza. La bellezza di un diamante si può apprezzare solo guardandolo da diverse angolazioni, sotto diverse fonti di luci. Se paragoniamo le idee delle persone a delle pietre preziose che facciamo girare, ossia le guardiamo da altre angolazioni, potrebbe succedere che cambiamo idea. Trovo assurdo quando sento dire da diverse persone:"io non cambio le mie idee..."
  3. Semplicemente.ANNA 05 novembre 2017 ore 14:45
    La vita stessa è un continuo divenire per gli esseri viventi e anche per alcune cose come il fiume il mare o un qualsiasi tipo di sentire dettato dalla nostra psiche. la staticità è prerogativa solo delle cose solide e immobili come una montagna una pietra e anche queste non è detto che con il trascorrere del tempo restino sempre inalterate.
    Ma l'argomento principale di questo post è la luce, quella luce che riesce a trasmettere alle nostre retini quei meravigliosi colori da cui siamo circondati. Solo in seguito a svariate motivazioni ci accorgiamo che quella luce che temevamo ormai spenta in realtà può regalarci nuovamente l'esplosione di mille colori, quelli che fino a poco tempo prima a causa di paure recondite non riuscivamo più a percepirne l'esistenza e la bellezza.
    Bel post...come sempre!
  4. ombra.dargento 05 novembre 2017 ore 20:12
    ho perso di vista i confini del presente, ebbra d'aure scintillanti e troppo ossigeno, di lacrime e di luna, teneramente confusa tra memoria e speranza. sono ostaggio del labirinto, straniera nella famigliare dimensione, impaurita da un millesimo di tempo per volta e vuoti infiniti, stupita da calore e tenebre, confortata tra forti braccia e ombre d'argento, nutrita d'energia e favole. bramo buia nebbia, liquido soffio che oscuri l'arcobaleno. che la luce aspetti, il varco è altrove, è futuro, non esiste.

    :rosa
  5. Epi.centro 06 novembre 2017 ore 18:02
    Bentornato, Maestro.

    Semper Fidelis
  6. cignonero999 08 novembre 2017 ore 11:13
    Bello leggerti...al di là anche dei significati.
  7. CavaliereArcano 11 novembre 2017 ore 19:41
    Cari saluti Silvano.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.