Questa è per Te

08 dicembre 2010 ore 10:41 segnala
Ci sono persone che entrano nella nostra vita nei modi più impensati,

un attimo, una parola, un giorno qualsiasi in un posto qualunque, un momento preciso che non scorderai mai.

E ti chiedi se esistano gli angeli, o se è il sortilegio di qualche strano folletto,  fortuna che tu, proprio tu, sia passato di qua.

Vorrei chiederti resta, ma nessuno può chiederlo a nessuno, posso solo pregare, perché tu mi voglia, e mi voglia ancora, ogni giorno e in ogni giorno, della tua vita.

Cos’ho da offrirti?

Piccole mani, piccola bocca, un dolore che non passa mai, vestita a festa, mi offro, ma tu sai guardare oltre l’apparenza, sai del mio petto che sarà il tuo letto, sai delle mie mani, di come ti terranno, stanco e addormentato, sul mio corpo sfinito, in un  letto qualsiasi, ovunque sarà il nostro Paradiso.

E voglio essere il tuo pensiero felice, voglio essere il tuo scoglio, la tua spiaggia, la tua salvezza.

Voglio che mi cerchi quando vuoi spaccare tutto, quando hai voglia di urlare e di buttare via , voglio esserci, voglio calmarti piano, tra le mie gambe.

Voglio stare distesa, distesa e nuda nel letto, voglio che giochi per ore, come ti piace, sai che puoi fare tutto, sul mio corpo che ti appartiene.

Voglio essere quel tuo respiro spezzato, l’unica donna con la quale ti sei permesso tanto, quella che non dice no, e se lo dice, ti basterà guardarla, e si accuccerà .

E voglio passeggiare, con il tuo braccio attorno alla mia vita., e la mia testa sulla tua spalla, su foglie stanche e gialle, e silenzio, e parlare, e un bacio , e ancora silenzio.

E poi voglio ridere, ridere e farti ridere, in un letto disfatto, o per strada, voglio essere felice, e voglio renderti felice.

“ Un bellissimo spreco di tempo, un’impresa impossibile… l’invenzione di un sogno, una vita in un giorno, un tenda aldilà delle dune…un errore perfetto, un diamante un difetto, uno strappo che non si ricuce, un respiro profondo per non impazzire, una semplice storia d’amore, la tua vera natura, la giustizia del mondo, che punisce chi ha le ali e non