La primula rossa

29 settembre 2018 ore 11:08 segnala
Non sapevo nulla della primula rossa. Pur essendo un amante dei fiori e delle piante, ho letto questo nome in un social, ma questo nome non mi diceva niente. Poi, vado a scriverlo su Google e mi esce una bella spiegazione. Primula rossa è un romanzo di un certa orzi, vattelapesca, che è considerato il romanzo che ha dato il via al genere narrativo dello spionaggio.
Ecco questa spiegazione ho trovato. Ovvio che il nome d arte era collegato ad un profilo apparentemente di donna, la foto era piccina e non si vedeva bene.
La mia mente si è fissata su quel termine spionaggio, e a quel tipo di gente criminale e manipolatrice
E così facile manipolare chi è fragile. Per problemi suoi, per la vita che ha, per l età,è per chissà quante altre ragioni. Poi ci sono gli stronzi e le stronze, qualcuno un po' snob un po' raffinato gli conia il termine di cinico., feticisti e altre cazzate simili. Ma io preferisco pezzi di merda.pIl mio pensiero è che esiste gente così, che la gente è così, che io purtroppo ho avuto anche a che fare con gente così. Io che non centro niente. Gente che se la suona se la balla, si prende sul serio, si fa i cazzi suoi, fa, dice, vive, si diverte.. Ma io che ho sempre fatto altro cosa centro con questa gente così misera per me. Credo che parlare di odio non basti. Quello che sento non può essere definito così è qualcosa di diverso, di tutto mio. Forse ogni sentimento e sensazione che cerchiamo di omologare di schematizzare di ricondurre ad un concetto unico, e solo una falsità. Perché quello che provo io solo io lo so, solo io...
c66e7e5a-b2a1-4f40-b605-4e89112192ac
Non sapevo nulla della primula rossa. Pur essendo un amante dei fiori e delle piante, ho letto questo nome in un social, ma questo nome non mi diceva niente. Poi, vado a scriverlo su Google e mi esce una bella spiegazione. Primula rossa è un romanzo di un certa orzi, vattelapesca, che è considerato...
Post
29/09/2018 11:08:18
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.