in un pomeriggio di inizio Ottobre

02 ottobre 2015 ore 18:12 segnala
Dedicato a me

Non mi piace sentire qualcuno piangere
e odio vedere persone tristi
mi sento coinvolta nella loro malinconia e sto male
come se venisse richiamato qualcosa che fa parte di me
come se fossimo legati da qualche energia a noi
superiore.
E in un momento
in uno dei tanti momenti di solitudine e malinconia
tra un'illusione e un'altra, tra un affetto e l'altro,
tra una delusione e l'altra...che si ripetono
e si ripetono
e si ripetono
e si ripetono
...inizio a scrivere qui, non a tutto c'è un motivo
ma odio quella parte di me che
cambia ma non va via.
Sono destinata a restare sempre la stessa
nonostante i contorni
e l'unica cosa da fare sarebbe accettarlo...
Abbraccio l'Universo perchè, in fondo, siamo vicini.
5f35b48b-0c04-4459-a96a-3e3ddbd74b15
Dedicato a me Non mi piace sentire qualcuno piangere e odio vedere persone tristi mi sento coinvolta nella loro malinconia e sto male come se venisse richiamato qualcosa che fa parte di me come se fossimo legati da qualche energia a noi superiore. E in un momento in uno dei tanti momenti di...
Post
02/10/2015 18:12:20
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10

Commenti

  1. Luce.Oscura2015 02 novembre 2015 ore 02:30
    Ogni persona è fatta di sentimenti che, anche noi, viviamo o abbiamo vissuto... Io la chiamo sensibilità d'animo, cioè quell'immedesimarsi nello stato emotivo altrui e farlo proprio al punto da far riemergere emozioni personali dentro noi stessi.
    Certe emozioni, come appunto la solitudine e la malinconia, o anche la paura di ricevere delusioni da persone che ci circondano ci fanno chiudere in noi stessi facendoci, spesso, detestare quella parte di noi che ci rende così vulnerabili e soggetti a continui e diversi stati d'animo... A volte, comprendersi ed accettare quello che viviamo è la cosa più difficile che possiamo fare nella nostra vita... Ma bisogna comunque affrontarla perchè, come dici tu, nell'abbraccio dell'universo vi si possono trovare più vicinanze di quelle che possiamo immaginare... Buona serata.
  2. com.menta 24 gennaio 2016 ore 21:40
    Sì, si rimane sempre gli stessi, non c'è modo di cambiare. Accettarsi, nel bene e nel male, volersi bene nonostante quelli che riteniamo difetti e, magari, riderci su.
  3. eternite3 24 gennaio 2016 ore 21:42
    che bella questa cosa che avevo scritto...non ricordavo
  4. com.menta 24 gennaio 2016 ore 21:43
  5. Cyr1989 24 febbraio 2016 ore 20:25
    Mi è piaciuto molto quello hai scritto.
    Essere coerenti con se stessi comporta un prezzo , lo si deve accettare senza compromessi . Come ho già scritto una volta , non si tratta di giusto o sbagliato ,ma di come le sono sono. L'empatia è una brutta bestia , come vivere gli eventi a nervi scoperti ...e se il diretto risultato è il dolore ben venga , meglio il dolore che un freddo cinismo sterile .
  6. eternite3 24 febbraio 2016 ore 22:12
    questo sempre...ma a volte è insopportabile. "La morte è insopportabile per chi non riesce a vivere."
  7. Cyr1989 25 febbraio 2016 ore 12:09
    oh bè , come parlare di corde in casa dell'impiccato...
  8. itellyoustopped 13 marzo 2016 ore 11:48
    Ogniuno di noi è una stella dell'universo con le sue particolarità,ogniuna bella nella sua diversità.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.