Quando Cerchi...

21 settembre 2019 ore 09:43 segnala


...e spesso non riesci a trovare. Eppure sei sicura di averla messa in quel cassetto, lo apri, lo riapri ma non c'è, qualcuno l'ha sicuramente spostata, chi si è permesso di aprire il mio cassetto, è una cosa che non accetto da nessuno l'andare a curiosare nelle mie cose, aprire i miei cassetti, spostare gli oggetti ma, vogliamo scherzare? Poi, all'improvviso, come una luce violenta si apre quel flash nella mente. Ero stata io quando mi era servita quel giorno e poi non l'avevo riposta nel solito luogo.

Squilla il telefono, pronto chi parla? Signora noi siamo qui sul luogo dell'appuntamento, dove ci aveva detto lei, ci scusi se la chiamiamo ma sono già trascorsi 15 minuti dall'orario stabilito e lei non c'è. Arrivo subito rispondo, mi scuso di non avere avvertito per tempo ma ho avuto un problema all'auto che per fortuna si è risolto, tra 10 minuti sono lì. Non era vero niente, avevo dimenticato di riportare sull'agenda quell'appuntamento.

Quel tailleur leggero, il mattino presto e la sera fa piuttosto fresco quindi è il momento di indossarlo. Apro l'armadio dove ripongo l'abbigliamento Autunno/Inverno, guardo e riguardo, sposto le grucce con gli abiti appesi ma quel tailleur non c'è, mi innervosisco, chi può averlo preso? Mia figlia no, mia nuora nemmeno, loro vestono in modo diverso non indossano tailleur, ma non sarà mica stata la signora che viene a far le pulizie? Come corporatura ci siamo ma non l'ho mai vista in tailleur. Però potrebbe indossarlo quando io non ho occasione di vederla, Ecco, chi ho per casa? Una che si appropria delle mie cose? Una ladra? Ne parlo a mio marito e lui mi dice di guardare bene, forse l'hai spostato e non te lo ricordi. Ho guardato e riguardato ma non c'è da nessuna parte. Mah.....forse, ecco si, credo di aver dimenticato di ritirarlo in lavanderia. E così era infatti.

Avevo 100 Euro nel portafoglio ieri e ora ne ho solo 50 e alcuni spiccioli, mi rivolgo a mio marito chiedendo se per caso li aveva presi lui, mi risponde di no, insisto, si incavola di brutto e con ragione, il solito flash mi apre la mente, gli chiedo scusa, i soldi che mancano sono serviti per pagare la bolletta del telefono dal tabaccaio. Allora si incavola ancora di più: quante volte ti ho detto di dare ordine alla Banca di pagare le bollette. Ma tu dura come il muro come al solito fai di testa tua.

Possiedo tre paia di occhiali, non mi piacciono e non mi trovo con quelli graduati che servono per tutte le occasioni. Ne ho un paio per vedere da lontano, un paio per leggere, un paio per il P.C e la TV. L'altra sera non trovavo quelli per guardare la TV dopo aver spento il PC e dopo aver cenato. Cerco nello studio, in camera da letto, svuoto la borsetta (che poi cosa ci fanno nella borsetta quegli occhiali) ma non si sa mai, magari ero distratta e ce li ho infilati per sbaglio. In cucina non c'erano, torno in salotto e guardo sopra i mobili, giro per tutta casa. Alla fine mio marito mi dice: Si può sapere cosa cerchi? Gli occhiali per guardare la TV rispondo. Ma non vedi che li hai sulla testa?

Maledetta età, si diventa sospettosi, dimenticoni e anche rincretiniti. Ma io lo so il perchè, ad una certa età ci vorrebbe tranquillità, serenità, non si dovrebbe più lavorare, non ci vorrebbero 20/30 telefonate al giorno, non si dovrebbe correre dietro ad un bambino di tre anni e nemmeno star dietro ad un marito che non deambula quasi più. Dovrei invece pensare un poco di più a me stessa, stare in poltrona a leggermi libri o ascoltare musica senza pensare ad altro. Anche con l'ultima visita in oncologia mi hanno buttata fuori a calci, ormai sono trascorsi 6 anni e mezzo la passiamo al suo medico curante, torni qui solo se dovesse avere una recidiva, al che ho fatto corna e bicorna, per fortuna non ho tempo per curare di nuovo anche il cancro. Ho ancora troppe cose da fare e va bene così.

de19c475-2ff2-414d-b5b4-198fdcdd4b4f
« immagine » ...e spesso non riesci a trovare. Eppure sei sicura di averla messa in quel cassetto, lo apri, lo riapri ma non c'è, qualcuno l'ha sicuramente spostata, chi si è permesso di aprire il mio cassetto, è una cosa che non accetto da nessuno l'andare a curiosare nelle mie cose, aprire i mi...
Post
21/09/2019 09:43:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    2

La Torta Co' Bischeri

19 settembre 2019 ore 09:12 segnala


questa torta l'è una specialità del Pisano (un poteva essere altrimenti) viene preparata con un guscio di pasta FROLLA e riempito con un composto cremoso a base di RISO, cioccolato fondente, canditi, pinoli, uva PASSA.

Perché ”torta co’ bischeri“? E soprattutto: cosa sono i “bischeri”? In campo gastronomico i bischeri sono le puntine di pasta frolla che fuoriescono dallo stampo e che vanno a creare il bordo decorativo della torta. Nella tradizione popolare Toscana invece per “bischero” si intende una persona sempliciotta, alla buona, tant’è che spesso si dice “ troppo bono vol di’ bischero”.

Ma ci sono anche i bischeri furbetti che bischeri cercano di facci passà l'altri.

L’appellativo “bischero” deriva dalla famiglia fiorentina de' Bischeri, una famiglia facoltosa, proprietaria di vari immobili, alcuni dei quali posti tra P.zza del Duomo e Via dell’Oriuolo. Quando fu deciso di costruire la cattedrale di Santa Maria del Fiore, il governo dell’allora Repubblica Fiorentina propose alla famiglia dei Bischeri l’acquisto delle case adiacenti il cantiere per poterle poi demolire. I Bischeri però, vuoi per la paura di perdere parte del loro patrimonio immobiliare, vuoi per la voglia di mercanteggiare, cominciarono un tira e molla con la Repubblica Fiorentina, la quale, alla fine, procedette con esproprio forzato degli immobili lasciando la famiglia dei Bischeri con un palmo di naso.

Una volta pronta la torta co' bischeri deve essere servita FREDDA e spolverata con lo zucchero a velo.

Se volete la ricetta andate a copiarvela nel web, troppo lunga e farraginosa per i miei gusti, senza considerà che non mi piace, quando le cose sono troppo impiastricciate e manipolate non fanno per me. Per me che amo semplicità e chiarezza.

25444940-9aa9-4d31-bea6-fd4dd2e38536
« immagine » questa torta l'è una specialità del Pisano (un poteva essere altrimenti) viene preparata con un guscio di pasta FROLLA e riempito con un composto cremoso a base di RISO, cioccolato fondente, canditi, pinoli, uva PASSA. Perché ”torta co’ bischeri“? E soprattutto: cosa sono i “bische...
Post
19/09/2019 09:12:04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    6

Erano Complessivamente 55

09 settembre 2019 ore 11:05 segnala


Ora è deserto. Pini marittimi con grandi chiome bellissimi sono stati tagliati su ordinanza del Comune, il mio. La zona è dove abita mia figlia vicino Livorno a poca distanza dalla raffineria ENI. Un gruppo di abitanti di cui anche mia figlia ne fa parte hanno costituito un comitato per dissuadere il Comune al taglio di questi pini. Inizialmente ne hanno tagliati 10 poi, a forza di riunioni e battaglie con il Sindaco, periti di parte, Forze dell'Ordine, il comitato era riuscito a fermare lo scempio. Erano in attesa della visita di un perito delegato dal Comitato ma prima ancora della perizia visto che vi erano di mezzo le ferie, una mattina sono tornati gli operai con i macchinari e i Carabinieri per tagliare anche tutti gli altri. Alcune persone hanno tentato di legarsi agli alberi ma non c'è stato niente da fare. I pini sono stati tagliati tutti. Mia figlia quando mi raccontava piangeva, le centinaia di tortore ed altri uccelli che vi soggiornavano non sapevano più dove volare e dove posarsi, nidi per terra con tutte le uova rotte senza considerare che tutte le panchine poste sotto di essi dove erano soliti giocare i bambini accompagnati dalle loro mamme o nonne per godere della loro ombra ora rimanrranno vuote quando ci sarà il sole che picchia forte. E poi con la raffineria poco distante servivano anche a depurare almeno in parte l'aria ed i fumi nocivi che questa emette. Dicono che al loro posto pianteranno querce e tigli alti 3 metri. E quando saranno davvero alberi da ombra? Sempre che vengano curati, cosa che tutti dubitano. E tutto questo solo per evitare che, in caso di temporali e venti forti venissero sradicati o perchè le loro radici spostavano uno stradello asfaltato di campagna. Erano li da anni e anni, alcuni anche centenari e non ne era mai caduto nemmeno uno. Ora gli abitanti di quella zona quando si affacciano alle finestre o ai terrazzi invece di vedere le chiome dei pini vedono le ciminiere della raffineria. Senza considerare che il valore delle abitazioni calerà almeno di un 30%, come se non bastasse il mercato già di per sé in calo visto i venti che soffiano sulla produzione di bioetanolo derivante da tonnellate di rifiuti e non solo della Toscana proprio all'interno della raffineria. Ma così dice il Presidente Regionale Rossi che dichiara:

«L'inceneritore è roba del secolo scorso», ha affermato Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, lodando l'iniziativa dell'Eni e sottolineando che «con questa decisione ci collochiamo al top delle indicazioni dell'Europa. Chi vuole guardare indietro dice inceneritore, chi vuole guardare avanti guarda allo sviluppo della scienza, della ricerca, di processi produttivi che chiudano nuovi cicli economici e vitali rispettosi dell'ambiente e della salute dei cittadini».

Immagino come saranno rispettosi della salute dei cittadini e dell'ambiente circostante, l'antipasto è stato servito con il taglio dei pini.

Povera Toscana … ma dove stai andando con tutte queste teste di ….....?
Evito di parlare di politica perchè se dovessi mettere per scritto ciò che penso dei Sindaci che si sono succeduti in questo Comune, presidenti di Regione e tutto ciò che ci viene obbligato ad accettare passivamente rischierei di essere arrestata.

f8109ff6-261a-43e2-aebd-1670713efcc4
« immagine » Ora è deserto. Pini marittimi con grandi chiome bellissimi sono stati tagliati su ordinanza del Comune, il mio. La zona è dove abita mia figlia vicino Livorno a poca distanza dalla raffineria ENI. Un gruppo di abitanti di cui anche mia figlia ne fa parte hanno costituito un comitato ...
Post
09/09/2019 11:05:50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    15

Tornare A Rinascere

03 settembre 2019 ore 15:21 segnala


ce la sto mettendo tutta per tornare ciò che ero non più tardi di alcuni mesi fa, eppure se mi guardo allo specchio mi faccio paura. Il volto bianco e ancora sofferente si nota da un miglio di distanza, chi mi conosce mi chiede inevitabilmente se per caso non sto bene, grazie rispondo, non benissimo ma sto lentamente riprendendo in mano la mia vita, quella di sempre, anche se i ricordi fanno ancora male, lui, il mio grande amico non c'è più. Mi manca ma, devo arrendermi all'evidenza, questa è la vita, una vita che comprende la nascita e la morte anche di un animale che ho tanto amato e che tutt'ora amo, di lui sono rimaste solo le ceneri ed un basso rilievo in legno regalatomi dalle mie nipotine in occasione del mio compleanno. Un'artista colei che lo ha fatto, sembra ancora vivo in quello sguardo profondo di quando i miei occhi incrociavano i suoi, l'ho appeso accanto al mio letto. A volte penso che avrei potuto tenerlo ancora in vita nonostante la paralisi la cecità e l'essere completamente sordo. Poi mia figlia mi guarda con occhi severi dicendomi che anche un cane ha la sua dignità e allora penso che si probabilmente ha ragione lei e sono io l'egoista.
E allora è il momento di ritornare a vivere, avrei potuto anche andare qualche giorno al mare ma non l'ho fatto e, coloro che sanno quanto io ami il mare forse può capire ciò che sentivo dentro me. Sto elaborando il lutto anche se qualcuno potrebbe prendermi in giro ma per me era un componente della famiglia, era il MIO cane. Colui che ha vissuto con me per ben 18 anni. Lui che capiva se ero triste, io che capivo quando stava male e cercavo di alleviare le sue sofferenze non solo con i medicinali, soprattutto con quelle tante coccole date con amore.
Mi si consiglia di prenderne un altro ma non lo farò, mi sembrerebbe di tradirlo.

E ora cara estate è il momento che tu te ne vada, il tuo caldo e la tua afa senza tregua non mi aiutano tutt'altro, ho bisogno di rinfrescarmi le idee, ho bisogno di vento freddo che porti via con se ciò che ancora è rimasto nel cuore, ho bisogno di veder cadere le foglie, quelle che in Giugno erano verdi e che stanno diventando marroni, ho bisogno che l'autunno che sta avanzando si porti via tutto quello che mi ricorda un tempo non gradito.
Me ne andrò al mare quando pioverà e sarò ancora capace di parlare alle onde, chiederò loro di perdonarmi per non essere stata presente con il corpo e con la mente come in un tempo lontano quando mi tuffavo tra il loro andare e venire. Un tempo allora felice e spensierato.

0ce51f77-67f5-4a01-a8fd-f071032a116f
« immagine » ce la sto mettendo tutta per tornare ciò che ero non più tardi di alcuni mesi fa, eppure se mi guardo allo specchio mi faccio paura. Il volto bianco e ancora sofferente si nota da un miglio di distanza, chi mi conosce mi chiede inevitabilmente se per caso non sto bene, grazie rispond...
Post
03/09/2019 15:21:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    15

Vorrei...

11 luglio 2019 ore 12:12 segnala


Vorrei, vorrei tanto dimenticare quel tempo ormai trascorso, un tempo ormai lontano, parlare solo dei ricordi gioiosi evitando quelli tristi riuscendo a dimenticare anche quello che non ho e non avrò più. Ma intanto tu raccontami quello che avrebbe potuto essere e che invece non sarà, usa la fantasia, inventa, ed io crederò a tutto ciò che dirai, però voglio che mi racconti solo storie belle, quelle con un lieto fine come succede quasi sempre nelle fiabe. Raccontami di come sarà quel lasso di tempo che ancora mi attende ma per me difficile immaginare. Non so farlo, non ci riesco, quella vita che ho sempre amato, i desideri che avevo di raggiungere obiettivi sempre nuovi, quella voglia impellente di riuscire a rovesciare il mondo è andata piano piano spegnendosi. Forse è solo un momento di stanchezza fisica e psicologica, l'apatia non ha mai fatto parte di me ma ora devo riconoscere che sta invadendo quel tempo che mi sfugge dalle mani e dalla mente. Non amo più questo universo che sta stritolando il mio vivere ed il vivere altrui. Mancano la pace, la serenità, la solidarietà o forse il mio attuale sentire è solo il frutto del passare e dell'età. Quella età che non riesco ad accettare perchè non mi permette più di poter fare ciò che vorrei nonostante io cerchi in ogni modo di reagire perchè so che la tristezza e l'apatia portano alla morte dell'anima.

69deba7e-997b-46b4-ab67-2cd8200b53b5
« immagine » Vorrei, vorrei tanto dimenticare quel tempo ormai trascorso, un tempo ormai lontano, parlare solo dei ricordi gioiosi evitando quelli tristi riuscendo a dimenticare anche quello che non ho e non avrò più. Ma intanto tu raccontami quello che avrebbe potuto essere e che invece non sarà...
Post
11/07/2019 12:12:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment
    9

E.........

30 giugno 2019 ore 11:07 segnala


sono le parole semplici, quelle dette e ascoltate con il cuore che consolano un dolore che non si è ancora sopito, parole che bevi come un viatico, ne cogli la pacatezza la dolcezza, parole che hanno l'effetto di una piccola scossa elettrica che attraversa il corpo, emozione infinita.
Leggo quelle parole tra le lacrime che raddoppiano triplicano quei segni scuri sullo sfondo bianco, tutto si moltiplica e si confonde in mille sensazioni diverse, coraggio nell'accettare la mancanza di chi non c'è più, cercare in ogni modo di placare la nostalgia che sento dentro, sentimento che non vuole svanire. Passerà lo so, come so che ci sono cose peggiori in questo mondo e forse dovrei pensare anche un poco di più a me stessa, la tristezza e la malinconia non sono buone terapie per nessuno, cercherò, farò in modo di essere più serena in seguito.
Di pagine tristi nel libro della mia vita ve ne sono state tante e questa è una di quelle, ma ciò che consola è sapere che da qualche parte, anche lontano, c'è qualcuno che ti porta nel cuore e vuole la tua pace e il tuo benessere.
E come sempre, grazie di esserci.

Chiedo scusa se sono tornata sullo stesso argomento precedente, se mi ripeto, non chiedo scusa a chi non ama gli animali e li accusa di essere solo dei veicolatori di malattie. A queste persone dico: Mi fate tanta pena ma fuori dal mio blog!

6373cfa0-cb22-4e06-9806-9e321fcb5674
« immagine » sono le parole semplici, quelle dette e ascoltate con il cuore che consolano un dolore che non si è ancora sopito, parole che bevi come un viatico, ne cogli la pacatezza la dolcezza, parole che hanno l'effetto di una piccola scossa elettrica che attraversa il corpo, emozione infinita...
Post
30/06/2019 11:07:55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Mi Manchi E Mi Mancherai.....

15 giugno 2019 ore 21:13 segnala
Non sai quanto, mi mancheranno le nostre passeggiate, il tuo sguardo adorante, averti accoccolato ai miei piedi quando ero al PC , mi mancheranno le tue stiracchiate improvvise al guinzaglio quando incrociavi un altro cane e avresti voluto raggiungerlo. Mi mancherà tutto di te, mi mancherà un componente della famiglia perchè questo eri, dopo 18 anni di convivenza da quando mio figlio ti portò a me e avevi solo 40 giorni.
Cinque anni fa venisti operato di tumore e quindi eri senza milza ma quello riuscisti a sconfiggerlo. Tre anni fa ti colpì un ictus ma con cure appropriate ritornasti alla normalità, dopo un anno te ne tornò un altro e dopo le cure anche quella volta tornasti quasi alla normalità, ti era rimasta solo una zampa posteriore un po' traballante ma camminavi ugualmente. Questa volta purtroppo il terzo e non c'è stato niente da fare, sei rimasto completamente paralizzato nella parte posteriore mentre le cure questa volta non sono state efficaci e così, con grande dolore e sgomento mio e di tutta la famiglia abbiamo dovuto farti sopprimere. La tua testa nell'incavo del mio braccio mentre ti riempivo di baci , una zampa anteriore tra le mani del tuo adorato padrone e sotto lo sguardo commosso di mio figlio che ti accarezzava in tutto il corpo. Lacrime scendevano copiose dai nostri occhi mentre ti addormentavi per sempre. Mi sono rimasti il guinzaglio il tuo collare e tutti i bellissimi ricordi che ho di te.
Grazie mio bellissimo e dolcissimo Tequila, grazie di aver fatto parte della mia vita, sarai sempre con me, ti cullerò con il pensiero come quando eri cucciolo e nelle notti scure quando ci sarà un temporale non avere paura, io sarò accanto a te accarezzandoti come ho sempre fatto.
Ora vai, e corri per i prati del cielo, lassù potrai farlo amore mio, non ti dimenticherò fin quando avrò vita.


qui eri con la mia nipotina più grande che oggi ha 19 anni.

8b198a60-ce97-4abe-abb3-c1c8b5fecfb2
Non sai quanto, mi mancheranno le nostre passeggiate, il tuo sguardo adorante, averti accoccolato ai miei piedi quando ero al PC , mi mancheranno le tue stiracchiate improvvise al guinzaglio quando incrociavi un altro cane e avresti voluto raggiungerlo. Mi mancherà tutto di te, mi mancherà un...
Post
15/06/2019 21:13:16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    8

Un Percorso Libero E di Rinnovamento E'

13 giugno 2019 ore 17:45 segnala


non vedere bene da lontano ma con un bel paio di occhiali risolvo la situazione. Quando inizio ad avere meno rimpianti e mi viene da sorridere nel ricordare quali erano questi importanti rimpianti. Quando mi è proibito mangiare certi tipi di cibo perchè non li digerisco, magari quelli che mi piacciono da morire come i pomodori belli, rossi, maturi ben conditi con un poco di sale e un buon olio, pazienza, risolvo con uno zucchino e una patata bolliti. Cercare di amare di più la mia persona concedendomi il riposo dovuto, facendo una ginnastica leggera, curando di più il mio corpo con delle buone creme, vestendomi con abiti e scarpe adatti e comodi ,curare il mio cuore ed il mio spirito frequentando un nuovo percorso di vita e di insegnamento per un vivere sereno e più gioioso.
Credere anche di avere ormai imparato nel selezionare quelle persone che più si adattano al mio modo di essere senza tralasciare, quando ve ne fosse necessità, di dare una mano a chi avesse estremo bisogno nonostante abbiano niente in comune con me. Avere capito una cosa importante è quella di non ritenermi mai nel dire quello che penso realmente senza usare inutili ipocrisie che non servono a niente e a nessuno, tanto meno a me stessa e niente e nessuno potranno impedirmi di essere me stessa sempre, in ogni occasione della vita e questa si chiama liberazione. Smettere finalmente di sentirmi in colpa per un no se un si dovesse crearmi problemi interiori forzando la mia volontà interiore. Sentirmi in dovere di ringraziare solo le persone che meritano quel “grazie” senza doverlo dire forzatamente solo per educazione a chi penso non abbia fatto niente per riceverlo. Imparare inoltre a non salutare più chi non saluta me, quante volte l'ho fatto di donare un saluto accompagnato da un sorriso incontrando una persona e non ricevere niente in cambio, nemmeno per semplice educazione. E queste persone non lo avranno più il mio saluto, e non solo, mi sentirò nel pieno diritto di usare quell'indifferenza che meritano. Sono una persona disponibile che ha ricevuto una severa educazione ma da qui a passare da scema ce ne corre. Se qualcuno mi offende pesantemente senza alcuna motivazione vi potrà essere il perdono solo nel caso mi si chieda scusa spiegandomi la causa che ha scatenato la sua ira su di me .Concedere meno tempo ai lavori di casa dando più importanza ad altre cose, quelle che mi donano soddisfazione nel farle come la lettura, la musica e qualche passeggiata in solitaria lasciando l'altro compito ad altra persona.
Un'ultima cosa, avere imparato che nella vita devo esserci per coloro che ci sono per me.
E poi ho imparato che non si finisce mai di imparare soprattutto nella conoscenza delle persone anche se mi rendo conto di essere ormai giunta ad un buon livello e la delusione in alcuni casi è forte.

Però!!..., devo riconoscere che questo percorso di rinnovamento che sto facendo si sta rivelando molto utile. Mi permette di essere LIBERA e l'essenziale esserlo nella mente, i movimenti poi vanno come vanno...

Posto questi video del Maestro Ezio Bosso, libero …...meravigliosamente LIBERO di essere in ogni senso!



a53a7997-122a-491b-9c3c-83ae841b06f4
« immagine » non vedere bene da lontano ma con un bel paio di occhiali risolvo la situazione. Quando inizio ad avere meno rimpianti e mi viene da sorridere nel ricordare quali erano questi importanti rimpianti. Quando mi è proibito mangiare certi tipi di cibo perchè non li digerisco, magari quel...
Post
13/06/2019 17:45:28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Dopo Il Post Di Crenabog

12 giugno 2019 ore 09:56 segnala
Mi è tornato in mente questo fatto, chissà se potremmo chiamarlo femminicidio indotto...ma non solo questo.

Non poteva essere solo colpa della rabbia del momento se lei si uccide uccidendo anche i figli. Possiamo chiamarlo femminicidio indotto? Lei forse pensò che uccidendo solo se stessa, all'uomo che le aveva appena detto che l'avrebbe lasciata non sarebbe importato poi molto allora decise per quel piano diabolico che mise in atto, portare con se anche i figli avuti da lui. Da tempo i vicini sentivano litigate, discussioni, pianti di bambini, lui aveva trovato un'altra, la terza, decidendo così di allontanarsi da lei. Infatti lui prima di formare una famiglia con lei aveva lasciato una prima compagna dalla quale aveva avuto un figlio e questo figlio abitava spesso in questa famiglia insieme ai due fratellini e questa nuova mamma.
Quel giorno i vicini sentirono urla e pianti di lei mentre lui ad un certo punto prese la sua auto e se ne andò portandosi via il primo figlio, si seppe poi che era stata lei a chiedergli di portarlo via.
Dopo un'oretta i vicini videro lei e i suoi bambini, una di 11 anni e l'altro di 3 salire sulla sua bmw e partire, un'ora insolita in estate ma niente faceva presagire quello che poi sarebbe successo.
Dalle telecamere di un distributore di benzina nelle vicinanze dell'abitazione, a quell'ora chiuso, videro in seguito che si era fermata riempiendo due taniche di benzina, le mise in bauliera e partì. Dopo un paio d'ore alcuni contadini che abitavano in piena campagna di un paese vicino videro da lontano una colonna di fumo e poi uno scoppio. Chiamarono i vigili del fuoco ma quando questi arrivarono si trovarono davanti uno spettacolo terribile. Uno di loro disse che non si era mai trovato ad un fatto del genere. Tre cadaveri abbracciati e bruciati sul sedile posteriore dell'auto. Lei aveva inondato di benzina tutto l'abitacolo, chiuso le portiere con la sicura e poi aveva azionato l'accendino. Posso immaginare ciò che provarono i bambini soprattutto quella di 11 anni, a quell'età si capisce quello che sta accadendo.
Sul tavolo di casa trovarono un flacone che conteneva sonnifero, evidentemente lei lo aveva fatto ingurgitare ai bambini ma dall'autopsia risultò che al momento della morte i bambini erano coscienti.
Di questi fatti ne sentiamo spesso, per punire il compagno o la compagna si uccidono anche i figli. Come diceva Crenabog nel suo post alcuni/e portano le persone all'esasperazione in modo che siano essi stessi ad uccidersi ma alcune volte si portano dietro anche i figli in modo che non rimanga più niente di un amore finito, sbagliato, un amore di cui non deve più rimanere traccia.

Mi è rimasto impresso questo fatto perchè quella casa dove abitavano la vendemmo noi come agenzia e quindi in ufficio li avevo visti spesso tutti quanti. Ma, per quella donna al momento della notizia non ho provato nessuna pietà, anzi, tanta rabbia nei suoi confronti, i figli si fanno, si allevano ma non si uccidono per nessun motivo al mondo, non sono noi, hanno il pieno diritto di vivere la loro vita.
994a0d1c-bd70-41ee-8eba-7157c4dbe8ad
Mi è tornato in mente questo fatto, chissà se potremmo chiamarlo femminicidio indotto...ma non solo questo. Non poteva essere solo colpa della rabbia del momento se lei si uccide uccidendo anche i figli. Possiamo chiamarlo femminicidio indotto? Lei forse pensò che uccidendo solo se stessa,...
Post
12/06/2019 09:56:48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Non Sono Superstiziosa

24 maggio 2019 ore 08:21 segnala


ma non posso proprio fare a meno di celebrare questo giorno, il farlo ogni anno è diventato come un rito, fino ad oggi è stato propizio si insomma mi ha portato bene quindi la mia intenzione è continuare visto che non mi costa nulla se non causare un certo fastidio in chi mi legge ma sarò perdonata, almeno credo.
24 Maggio 2013 – 24 Maggio 2019 e......sonoseisonoseisonosei, si, da allora sono passati sei anni ed io sono ancora qui.

Cin-cin … alla mia ed alla Vostra!

f9d736cd-3e20-4c9d-bcfa-363b523478a7
« immagine » ma non posso proprio fare a meno di celebrare questo giorno, il farlo ogni anno è diventato come un rito, fino ad oggi è stato propizio si insomma mi ha portato bene quindi la mia intenzione è continuare visto che non mi costa nulla se non causare un certo fastidio in chi mi legge ma...
Post
24/05/2019 08:21:48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    8