...gli occhi della vita...

15 marzo 2014 ore 08:42 segnala
La prima cosa che ricordo di aver visto ed amato di Lei, di mia Madre, non è il seno caldo che mi nutriva, nè le braccia culla e nemmeno la voce che mi aveva galleggiata nel suo tepore. No, la prima cosa furono i suoi occhi: grandi, color della terra, ridenti. Più tardi, ogni volta che correvo per i sentieri della campagna intorno a casa, pensavo: - corro negli occhi di mamma -. Invece, se mi rotolavo nell'erba alta lungo il fiume, verde dalle mille sfumature, ero immersa negli occhi di mio padre.
Ho passione per gli occhi ed i loro colori. Sono tanti e così diversi ed ognuno contiene un'anima. Li leggo, cercando di non sbagliare. Scendo giù, fino in fondo, come lanciandomi in precipizi di pensieri e sentimenti. Dolci pendii a volte. Talora più aspri. Ma tutti densi, e mi viene la voglia matta di afferrare quegli azzurri, quei neri, quei verdi, quei castani dorati...e farne sfondi per la mia vita. Ho compiuto viaggi in tanti mondi attraversando iridi tranquille o in tempesta, dolci o tristi, fosche di dolori lì trattenuti o aquiloni gonfiati da gioie improvvise. Negli occhi c'è la vita, con le sfumature più impensabili a renderla preziosa e infinite diramazioni da e verso l'anima, ad incatenarla. La prima volta, avevo sette anni, che mio padre mi regalò un libro, Piccole donne, i suoi occhi luccicavano come se mi stesse donando una pietra preziosa. Mi incoraggiavano. Lo aprii e ad alta voce cominciai a leggere. Ecco, ora il suo verde era muschio soffice: amai quel libro e ancor oggi associo la mia passione per la lettura al verde degli occhi di mio padre. L'amore per la poesia nasce invece dagli occhi della mia maestra, Rosa: erano solenni nel loro morbido nero di velluto e le spesse lenti dei suoi occhiali me li facevano apparire felicemente stralunati quando, girando tra i banchi, recitava "X Agosto" o "M'illumino d'immenso"... E negli occhi del mio primo amore, un azzurro chiarissimo, navigavo come sulle acque di quel lago dove spesso ci recavamo in barca.
E di recente, Evelin, nei tuoi occhi di smeraldo, ho scorto la generosità che ti spinge verso chi soffre. Li tendi quei tuoi occhi come fossero braccia lunghissime e calde, per donare carezze dal cuore. Un cuore puro e generoso che neppure le delusioni più cocenti riescono a fermare...questo ho amato e amo di te e i tuoi occhi sono un dono prezioso.
Occhi, colori, parole, in prosa e in versi. Conoscenza, bellezza: mantello appassionatamente bianco della mia vita.
"Qualcosa che resti su di me, un abbaglio dal tuo volto, perché brillino di bellezza i miei occhi.Qualcosa che resti del tuo sguardo nel mio sguardo..."

Scritto da ViolaNeve il 14.3.2014
cb8e79a4-b05b-42f2-95cd-7c970d461ef1
La prima cosa che ricordo di aver visto ed amato di Lei, di mia Madre, non è il seno caldo che mi nutriva, nè le braccia culla e nemmeno la voce che mi aveva galleggiata nel suo tepore. No, la prima cosa furono i suoi occhi: grandi, color della terra, ridenti. Più tardi, ogni volta che correvo per...
Post
15/03/2014 08:42:40
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    31

Commenti

  1. 65Claudia 15 marzo 2014 ore 08:59
    Associare gli occhi di una madre a te Evelin è un atto bellissimo che Viola ha voluto lasciarti...
    E non solo gli occhi di Evelin parlano...
    Parla il suo cuore, il suo trasmettere anche nei silenzi, la pazienza di ascoltare, il dolore dignitoso, trattenuto, quasi a voler nascondere per paura di essere ferita ancora... Parla il suo animo...la comprensione...la dignità...
    Evelin tu mi dici spesso che sono una persona speciale. Lo accetto come il più bel complimento, non perché lo sia davvero ma perché detto da TE vale molto più di mille complimenti effimeri...
    Resta sempre la persona splendida che sei... Fallo per te...per tutti noi e per Viola....
    Ed io continuerò a lasciarti il mio sorriso...
    Contaci... Non ci molleremo io e te eh?
    :fiore Claudia :fiore
  2. pennabianca10 15 marzo 2014 ore 09:02
    Bello.
    Gli occhi parlano ancor di più della bocca.
    Anche io ho tanti ricordi di occhi, mi ricordo di un amore tempo fa , e m'ero persa nei suoi occhi azzurri, si chiamava Federico, penso però che si chiami ancora così,belli come un mare , profondi e dentro vi si leggeva di tutto, cose meravigliose, e che qualche volta di una dolce malinconia.
    Quelli di mia Madre invece li ho impressi nel cuore, color cioccolato, di un cioccolato caldo, dolce, zuccherato e pieni d'amore. :rosa
  3. GioBon 15 marzo 2014 ore 10:06
    Gli occhi contengono tutto, sono lo specchio dell'anima ed il diario del corpo. Ogni occhio può essere letto, ma non tutti possono leggerlo ... se sei sensibile, sincero, conosci i valori dell'amore, dell'amicizia, della vita, negli occhi puoi vedere le cose stupende descritte da Viola, se sei introverso, opportunista, falso e materialista, negli occhi forse non solo non vedi le sfumature, ma probabilmente neppure il loro colore principale e se una persona ti guarda, gli abbassi o sposti lo sguardo per paura che siano i tuoi ad essere letti ... come ho premesso gli occhi sono però anche il diario del corpo ... il mio dottore ... l'unico per me perchè incarnava la severità, la sapienza, l'antica figura del medico di famiglia, sempre pronto con una risposta sicura a tutto senza ricorrere a specialisti in capo al mondo e ti veniva a visitare a casa se stavi troppo male per andare in ambulatorio, ti toglieva il dente senza mandarti dal dentista o l'unghia incarnita senza farti andare all'ospedale ... ora, dopo aver seguito tutta la mia infanzia ed anche i primi anni di vita dei miei figli, purtroppo lontano, chiuso in una casa di cura per malati di alzheimer ... ma per tornare agli occhi ... tante volte non aveva neppure bisogno di farti spogliare ti guardava intensamente negli occhi con i suoi grandi occhioni castani, portava gli occhiali, ma per quell'operazione li toglieva, ti faceva dirigere lo sguardo verso la finestra e ti abbassava la palpebra ... beh per precauzione ti alzava la maglietta e ti appoggiava il suo freddo stetoscopio fra le scapole battendo qua e la come fossi un tamburo, facendoti fare qualche respiro profondo ... ma aveva già pronta la sua diagnosi, gli occhi avevano già parlato con lui e non mentivano mai ...
  4. patty1953 15 marzo 2014 ore 11:22
    Stupendo scritto, buona giornata :rosa
  5. libellulach 15 marzo 2014 ore 11:42
    Sono sempre stata convinta che gli occhi parlano prima delle parole,da uno sguardo possiamo capire tanto quelli della mia Evelyn erano occhi grandi neri ancora oggi rivedo il suo sguardo.
    Ciao carissima passa una serena giornata. :rosa
  6. malenaRM 15 marzo 2014 ore 12:32
    Ho letto le prime due righe e mi sono detta: "L'ha scritto Viola"
    Non mi sono stupita di averne conferma, perché l'espressione delle parole è l'impronta digitale di chi le scrive: unica, indelebile e riconoscibile, proprio come uno sguardo.
    :rosa
  7. ninfeadelnilo 15 marzo 2014 ore 18:16
    Un bel post scritto con dolcezza e nostalgia.
    Guardo sempre gli occhi quando parlo con una persona. Mi trasmettono più essi delle parole. Non a caso gli occhi sono lo specchio dell'anima. Buon fine settimana Evelin. :fiore Raffy :fiore
  8. Elazar 15 marzo 2014 ore 18:17
    Sguardi che colmano i vuoti, tracciano scie e forniscono i ponti.
    Scrivere è una firma.
  9. zakspadaccino58 15 marzo 2014 ore 22:24
    Conosco poco Viola...ma se leggo non posso fare altro che volerle bene...
    Siete due anime belle :rosa :rosa
  10. isabel.diGio 16 marzo 2014 ore 08:48
    Bellissimo post Evelin...di Violaneve....complimenti...
    ho sempre asserito che gli occhi sono il cuore dell'Anima....
    dolce giornata :rosa a Te e Violaneve
  11. serenella21 17 marzo 2014 ore 14:43
    bellissimo questo post
    gli okki di una madre sono la luce della vita
    e quando si spengono ..è come camminare nelle tenebre
    buona giornata:staff
  12. abacogreco 17 marzo 2014 ore 20:46
    Un mio pensiero datato,un periodo non proprio felice,uno stato d'animo dettato da un'ispirazione....gli occhi.
    gli occhi

    Si dice che gli occhi sono lo specchio dell'anima,attraverso di loro si
    possono capire e vedere cose che le semplici parole non sanno spiegare,ecco,
    vorrei avere la forza e la possibilità di vedere anche io i tuoi occhi ma la
    paura di vedere l'indifferenza o il vuoto, mi fa girare la testa dall'altra
    parte per non soffrire,vigliaccheria o sofferto troppo? Non so ma in questi
    casi preferisco vivere di ricordi,fanno meno male!

    Certo non sono sempre negativo,per esempio....se vedessi un paio d'occhi....magari verdi....sorridenti....sinceri....naaaaaaaaaaaaa!!!!!non posso dire!!! bel post Viola! %-)
  13. Evelin64 19 marzo 2014 ore 06:19
    Gli occhi che accarezzano un volto, quel volto che spesso ci torna in mente quando pensiamo all'Amore, all'Affetto, all'Amicizia... sono gli occhi sinceri di chi nel cuore ha tanto calore e bontà da donare.
    Grazie Viola, grazie di aver posato i tuoi occhi sul mio volto quel di' e grazie a tutti di aver lasciato lo sguardo su questo post che parla d'Amore e di Amicizia. :rosa
  14. patty1953 19 marzo 2014 ore 06:24
    :-) :rosa :cuore :bacio
  15. pennabianca10 19 marzo 2014 ore 08:03
    :batarosa
  16. Aquila.danzante 27 marzo 2014 ore 07:30
    :rosa
  17. cavaliererrante66 27 marzo 2014 ore 17:24
    :rosa l'anima si rivela attraverso gli occhi....
    un abbraccio cara... :bacio

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.