...nel mare delle delusioni...

02 febbraio 2014 ore 10:39 segnala
Maria conduceva una vita piatta, si occupava della casa e dei figli, mentre il marito la trascurava ormai da anni. Sentiva dentro il cuore tanto amore ancora da dare e accettando il consiglio di una sua amica, un bel giorno approdo' in una chat, forse cercando di riempire quei vuoti o forse solo per potersi confondere fra la folla. Timidamente entrava nelle stanze, nelle cosiddette "room", dove fra i vari saluti fra persone che si conoscevano, cercava di inserirsi con simpatia ed umiltà. La colpi' un nik in particolare, di un uomo che nel profilo portava la dicitura "laureato", un uomo alla ricerca di un'amicizia virtuale che lo poteva far ricredere sulle donne in generale. Maria penso' subito che fosse un uomo colto, anche per il modo di scrivere che aveva, sempre corretto e molto compito. Si scambiarono il contatto privato, per avere modo di fare conoscenza al di fuori di quelle room's sempre cosi' affollate. Maria parlo' di se', della sua vita e dei suoi desideri, mentre "Lui" leggeva, senza dare commenti, le tante parole che lei lasciava impresse nella sua posta. Arrivo' il giorno in cui anche "Lui" parlo' di se', della sua vita coniugale poco gratificante e conseguente separazione dalla donna che aveva condiviso con lui 15 anni di vita. Passavano notti intere a parlare dei loro sogni ad occhi aperti, come se stessero girando un film che li vedeva protagonisti di un'intensa storia d'amore. Lui si occupava tantissimo di lei, la faceva sentire al centro dei suoi pensieri e la ricopriva di attenzioni, sempre dedicate ad un eventuale futuro insieme. Maria dal canto suo era ormai come assuefatta da quel contatto virtuale, dove riponeva la speranza di essere ancora amata e confortata dalla presenza di un uomo che la desiderava. "Lui" ando' ancora oltre, chiedendole di potersi vedere in un incontro a metà strada fra le loro residenze, mentre Maria non aspettava altro che sentirsi stringere nell'abbraccio che egli le prometteva ormai da mesi. Un "sms" sul cellulare avviso' Maria che "Lui" la cercava, l'aspettava in chat per dirle qualcosa di importante, ma mentre lei riponeva il cellulare nella borsetta, questo con uno squillo imprevisto, la fece sobbalzare emotivamente. Era "Lui", la sua voce carezzevole, quel tono inconfondibile dell'uomo che le aveva promesso un nuovo amore. Le disse che voleva vivere con lei, di fare in modo di vedersi al piu' presto, poichè "Lui" non poteva piu' vivere senza di lei.
Maria era colma di felicità, aveva lo sguardo sognante e perso in quel sentimento che le aveva dato nuova vita. Un altro squillo sul cellulare, ancora il numero di "Lui" che forse la cercava per avere conferma, ma quando apri' la chiamata, una voce di donna fece crollare tutti i suoi sogni, tutte le sue speranze. Bastarono poche parole perchè a Maria si spezzasse il cuore. In quel momento non le resto' altro da fare che raccogliere i cocci del suo cuore ferito e gettarli nel mare infinito delle delusioni...

Certe delusioni possono essere veramente traumatiche, lasciano delle ferite gravissime nella mente di coloro che hanno creduto alle parole di chi ha solo voluto illuderli. "Dopo" si ha bisogno di un sostegno morale efficiente, per non cadere in quella depressione che nessuno puo' comprendere al di fuori di chi ha subito un "colpo" cosi' devastante.
3a2d239b-e67e-47af-b86c-5214243cb590
Maria conduceva una vita piatta, si occupava della casa e dei figli, mentre il marito la trascurava ormai da anni. Sentiva dentro il cuore tanto amore ancora da dare e accettando il consiglio di una sua amica, un bel giorno approdo' in una chat, forse cercando di riempire quei vuoti o forse solo...
Post
02/02/2014 10:39:10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    31

Commenti

  1. patty1953 02 febbraio 2014 ore 11:35
    Certe delusioni possono essere veramente traumatiche, lasciano delle ferite gravissime nella mente di coloro che hanno creduto alle parole di chi ha solo voluto illuderli. "Dopo" si ha bisogno di un sostegno morale efficiente, per non cadere in quella depressione che nessuno puo' comprendere al di fuori di chi ha subito un "colpo" cosi' devastante.


    Penso che non ci siano parole da aggiungere a quello che tu hai già scritto, tranne che confermarle, da parte di chi ci è passato, ognuno con la sua storia, ognuno con le sue ferite, ognuno con una vita da reinventare......e la fiducia da ritrovare! Buona domenica Evelin :flower
  2. 69leone69 02 febbraio 2014 ore 11:51
    purtroppo nella Vita, sono + le Delusini che le Gioie, che possano segnare per sempre il proprio cuore. Ma penso che possano servire anche a rinforzarlo e temprare il proprio carattere ;-) L'importante è reagire sempre e non smettere mai di credere nell'Amore vero e non smettere mai di sognare ;-) dolce domenica :rosa
  3. perlaa60 02 febbraio 2014 ore 11:59
    Bisogna viverle certe delusioni per capire cosa si prova ,perchè per chi provoca un danno cosi importante all'anima e al cuore non ha certo nè sensibilità nè rispetto verso chi le ha aperto le porte del cuore e dell'anima....

    io l'ho vissuto sulla mia pelle e la cosa piu' grave è che certi soggetti spariscono dopo aver fatto i danni senza nemmeno chiedere scusa....
  4. Cicala.SRsiciliana 02 febbraio 2014 ore 14:10
    Io ho bisogno di vivere
    Il mio amore nella realtà.
    Ho bisogno di carezze,
    di coccole, di abbracci, di baci.
    La virtualità non mi offre
    questi desideri, e tanta passione.
    Non è da escludere che possa
    innamorarmi in chat, tutto è
    possibile, ma durerebbe molto poco,
    poiché il vero amore lo si incontra
    nella REALTA’
    Ciao Evelin, Buona domenica a tutti, :rosa
    Rita
  5. ViolaNeve 02 febbraio 2014 ore 15:21
    Quando si è fragili e perciò bisognosi di sentirsi apprezzati, desiderati, amati l'incontro con una persona che mostra interesse eppoi, via via, partecipazione, affetto o comunque sentimenti più profondi (di solito conditi da troppe parole in cui si vogliono leggere promesse), si lasciano, è umano, cadere tutte le barriere, fidandosi e affidandosi.
    E' capitato e capita a molte/i, soprattutto nel virtuale dove è più difficile distinguere il reale dallo "spettacolo", il volto di carne dalla maschera, il vero dalle bugie. Facile diventa il lasciarsi andare alla nuova occasione con tutte le difese azzerate. Talvolta ci si innamora. O sembra di innamorarsi perchè si vede nell'altro/a un riscatto possibile dopo tante amarezze vissute come sconfitte.
    Vi sono, diciamolo, anche storie realizzate dal virtuale al reale, seppur poche rispetto a quelle fallimentari. Occorrerebbe, credo, attivare il sesto senso che tutti abbiamo per non incorrere in delusioni che poi è difficile curare ed anche imparare a fare affidamento su se stessi in primis e non su altri specialmente se sconosciuti. Lo so bene, è arduo, ma ogni tanto far prevalere la ragione non è male, affinchè una devastazione non devasti ulteriormente un cuore già devastato.
    :rosa :rosa
  6. patty1953 02 febbraio 2014 ore 15:59
    . Occorrerebbe, credo, attivare il sesto senso che tutti abbiamo per non incorrere in delusioni che poi è difficile curare ed anche imparare a fare affidamento su se stessi in primis e non su altri specialmente se sconosciuti. Lo so bene, è arduo, ma ogni tanto far prevalere la ragione non è male, affinchè una devastazione non devasti ulteriormente un cuore già devastato.

    Viola posso darti solo ragione in quello che ho riportato qui sopra, ma come giustamente dici è arduo proprio perchè un cuore devastato non riesce ad attivare nessun sesto senso, è un cuore "ingenuo" che vuol credere che quello che gli viene detto sia vero, è un cuore che ha bisogno di essere riaminato, è proprio li che sfruttando la fragilità possono intervenire questo tipo di persone, giocando sui sentimenti e sulla debolezza del momento. La persona che ci incappa è certamente responsabile ma credo che chi "gioca" con i suoi "bisogni" per sui scopi e fini, non certo nobili, lo sia ancora di più. Rimango cmq del parere che qua ci sono , grazie a Dio, anche Belle Persone, sensibili e altruiste. Ciao Patrizia :rosa
  7. dani.campos 02 febbraio 2014 ore 17:13
    Questa è una storia romanzata ma purtroppo ce ne sono e non poche anche nella realtà...persone che si divertono a giocare coi sentimenti degli altri...non credo ci sia un modo per definirli,non uno che si possa scrivere qui senza esser bannati perlomeno :-)
  8. crenabog 02 febbraio 2014 ore 17:40
    quoto e condivido. per far fronte ad eventuali situazioni del genere io personalmente ho adottato un altro sistema. ho sempre sviscerato e mostrato me stesso a tutti, restando negli anni sempre uguale, raccontando tutti i cavoli miei. il che ha fatto sì che tutti e tutte mi conoscano. dall'altro canto, a parte due o tre rarissime volte nelle quali mi sono lasciato coinvolgere nel blando minuscolo spuntare di un amichevole sensazione di affetto seppur virtuale, non mi sono mai fidato di nessuno. restando così amico con tutti senza creare più rapporti personali concreti. e ancora adesso, dopo anni, c'è gente che mi manda kiss con profili da finta donna, o messaggi con nick che durano mezz'ora per cercarmi su facebook e poi lì nemmeno rispondono, evidentemente mandati dai soliti scassapalle che da anni passano i giorni appollaiati come scimmie sulle mie spalle. una bella vita, oh yeah, una di quelle in cui i giorni scivolano quieti nel vedere gli altri inventarsi grandi amori, furiose liti, amicizie eterne, e poi rivelarsi tutti una carrettata di cialtroni. mah. quindi sì, meglio soli che male accompagnati. cari saluti.
  9. Giovannad.arcore74 02 febbraio 2014 ore 22:25
    Una storia come tante altre che si sono consumate in un social network. Le persone qui dentro perdono facilmente di vista i sentimenti reali così da illudersi di vivere una vita parallela e che li porta a fingere con se stessi.
    Bel post Evelin, come sempre :rosa
    Saluti, G. :batarosa
  10. Anassagora.70 03 febbraio 2014 ore 09:57
    Quando una persona non ha rispetto per sè stessa, per la quale i sentimenti sono una questione utilitaria, da baratto e da sistemare magari in un fine settimana, e l'amicizia è solo un sinonimo per allacciare rapporti che possano portare ad un preciso obiettivo e basta ... L'aumentare vertiginoso dell'egoismo e della mancanza di rispetto del pubblico e del prossimo, la preferenza del contatto virtuale ripsetto a quello personale, cercando di limitare al minimo possibile, all'indispensabile, l'ascoltare l'altro/a e condividere i nostri mondi, e guardare insieme verso l'orizzonte, il futuro ... Forse è anche per questo, che chi ha in mano il processo del mondialismo ( leggi globalizzazione ), ha così interesse ad uniformare tutto e tutti, ed eliminare le peculiarità, le tradizioni e l'identità delle singole persone, vuole cancellare la loro coscienza ed ogni tipo di valore, in nome dell'illusorio Ego e del dio denaro . A questo punto, tocca ad ognuno di noi cosa scegliere, come il mito di Ercle al bivio, su cosa focalizzare la nostra esistenza in questa dimensione, sull'illusione della nostra ombra, o sulla realizzazione del nostro Sè . Ciao, ed a presto .
  11. allbrain68 03 febbraio 2014 ore 12:36
    Il rispetto verso il prossimo credo sia una cosa fondamentale....purtroppo qui, nel mondo virtuale, mote persone dimenticano che dietro un video ed una tastiera, ci sono delle persone vere....e molti altri sono qui dentro solo per giocare con i sentimenti delle persone senza rendersi conto del male che in pochi piccoli gesti e parole riescono a fare....

    Non ci sono altri commenti da fare a questa storia che hai spiegato in modo esplicito e particolarmente esauriente, ma c'è solo da auspicarsi che non accada più...


    Buona giornata a te mia cara Evelin....Paolo:)
  12. Conversione1 03 febbraio 2014 ore 13:26
    Mi piace molto cio che scrivi non ci sono verita' più pura di questa...
  13. serenella21 03 febbraio 2014 ore 17:23
    Le delusioni fanno male,specialmente se prevengono dalle persone ke amiamo
    ma insegnano a non
    fidarsi più di tanto della gente.
    Le delusioni lasciano ferite indelebili,
    ke alle volte ti cambiano
    dentro x tutta la vita
    buona serata:staff
  14. Evelin64 04 febbraio 2014 ore 06:38
    I sentimenti, quelli veri, tangibili e forse anche unici, possono nascere anche attraverso il virtuale. In ogni caso, quando si parla di sentimenti, a mio avviso non bisogna mai calpestarli, poichè di essi son vivi i sogni, si consumano desideri e a volte si lasciano cadere le barriere del buon senso. Le persone che giocano con i sentimenti altrui, secondo me hanno dei gravi problemi esistenziali. Lo dimostra il fatto che con facilità passano dal torto a farsi ragione: additando colei o colui che è caduto nella "trappola", come presuntuoso o come persona che non valeva poi molto! Ecco, molti poi non sono neanche in grado di capire il danno che hanno fatto e continuano imperterriti a farsi gioco delle persone che si fidano di loro...
    Grazie a tutti...Evelin :rosa
  15. Aquila.danzante 04 febbraio 2014 ore 07:50
    Ma che post importante, sei una blogger davvero brava, ho conosciuto anni fa un uomo che è scomparso dopo aver recitato amore infinito e ho cercato di capire anche se non era la mia situazione, dopo anni ho saputo che era un uomo con problemi mentali che nascondeva bene a tutti ed è morto solo, lo hanno trovato i vigili due giorni dopo in casa sua perché i vicini notavano il volume del televisore alto anche di notte. Non mi è importato nulla di lui, ho pregato l'anima di mia madre morta per lui dopo tante sofferenze.
  16. Cicala.SRsiciliana 04 febbraio 2014 ore 09:25
    Non amo calpestare i sentimenti altrui per il grande rispetto che ho della “Persona”, ma non trovo corretto far soffrire per lunghi periodi, persone che hanno bisogno d’amore e hanno creduto per un lungo periodo di essere amati, senza avere la minima idea che dall’altra parte c’era solo finzione.
    Pertanto, rimango della mia opinione: l’Amore sboccia, s’innaffia e cresce tutti i giorni, nella realtà della vita, in tutti i dì che affrontiamo, laddove nasce la vera Conoscenza che nel tempo, può mutarsi in Amore.
    Buona giornata a te Evelin e a tutti coloro che ti scrivono
    mettendo a nudo i loro punti di vista e parlandoTi con il cuore
    Rita :rosa
  17. malenaRM 04 febbraio 2014 ore 14:54
    Quando si è fragili e perciò bisognosi di sentirsi apprezzati, desiderati, amati l'incontro con una persona che mostra interesse eppoi, via via, partecipazione, affetto o comunque sentimenti più profondi (di solito conditi da troppe parole in cui si vogliono leggere promesse), si lasciano, è umano, cadere tutte le barriere, fidandosi e affidandosi.


    Penso che il fulcro del discorso sia in questa analisi di Viola e che la delusione si inneschi rovinosa quando fragilità ed entusiasmo fanno sì che affermazioni superficiali e generiche vengano lette come promesse; insomma, la tempesta perfetta che unendo eventi singolarmente quasi innocui, produce immensi danni.
    E non esiste una ricetta per evitarli, purtroppo, perché la prudenza è la negazione della fiducia che un rapporto comporta.
    In questo, reale e virtuale non sono distanti...
    :rosa
  18. baffocorto 05 febbraio 2014 ore 15:32
    chi offre amore con delusioni del genere,non e' degno della società civile,e' non e degno di avere una donna a fianco,per il tutta la sua vita,questi non sono uomini che portano i pantaloni,ma portano sconfitti nel cuore di una persona che ha creduto in lui. questo e il mio pensiero,e' non l'ho cambio..............ciao evelin. :rosa :rosa :rosa :bacio :cuore

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.