...non DEVE piu' accadere !!

12 aprile 2013 ore 18:29 segnala
Era una mattina come tante, in cui le cose da fare ti sembravano senza fine: il bimbo da portare all'asilo, andare alla lavanderia per ritirare il vestito buono, dal panettiere, dall'estetista, una sosta di un'ora in palestra e poi la corsa a casa per preparare il pranzo. Ma prima c'erano le faccende di casa, le quali come al solito facevi in fretta per andare incontro a tutti gli appuntamenti della giornata. Il nervosismo era tangibile, pero' come sempre hai fatto il possibile per occuparti di tutto. Bene, è tutto pronto, ora finalmente puoi uscire per i compiti della giornata. Il bimbo rigorosamente nel seggiolino a norma di legge, lo scontrino per la lavanderia, il portafoglio, la scheda per la palestra, il telefonino e le chiavi...c'era tutto. La sosta dal panettiere ti ha fatto ritardare di un bel po', poichè il mal funzionamento del forno ha rimandato la cottura del pane. Non ti scoraggi e pensi già alla prossima tappa, la quale mentalmente speravi fosse piu' breve. Con mezz'ora di ritardo, riguardo al solito orario in cui entravi in palestra, hai preso posto sul tapis roulant per quei 30 minuti di corsa che ti concedevi giornalmente. Mentre correvi pero' un flash ti ha fatto fermare la corsa; non riuscivi a ricordare il momento in cui hai lasciato il bimbo all'asilo!! Una corsa fuori, dove hai lasciato l'auto parcheggiata al sole, e dentro di essa il tuo piccino ormai agonizzante....

In simili situazioni la mente subisce un trauma devastante, a volte irreversibile, poichè lo shock per aver dimenticato qualcosa di vitale, non riesce ad attraversare i meandri della comprensione. Ci sarà un lunghissimo percorso da fare dopo, senza mai lasciare sola la persona che ha avuto una mancanza finita in tragedia. Sarà il tempo ad attenuare il dolore, e nello stesso modo sarà sempre il tempo a far si che il senso di colpa non si cancelli mai...

Non DEVE piu' accadere che gli oneri di una giornata facciano dimenticare in auto i bimbi e gli animali. Restiamo coscienti tutti quanti, visto che stanno per arrivare le giornate calde, e se vediamo degli esseri viventi chiusi in un'auto parcheggiata al sole, diamo immediatamente l'allarme onde evitare il peggio!


( Torno a scrivere dopo una sosta che mi sono imposta per venire a capo di una situazione divenuta insostenibile, in cui una donna, ora cancellatasi, mi ha gravemente assillata con proposte a dir poco inopportune, rendendosi onnipresente nella mia bacheca e nel mio blog. Ho scelto il silenzio per superare l'esasperazione causatami, ma ora rivendico con forza la mia libertà di scelta, sia nel campo sentimentale che in quello dell'amicizia. Rifuggo totalmente tentativi meschini di sottopormi a stalking virtuale! )
65856732-1a98-4867-9c23-a8ffd5e53891
Era una mattina come tante, in cui le cose da fare ti sembravano senza fine: il bimbo da portare all'asilo, andare alla lavanderia per ritirare il vestito buono, dal panettiere, dall'estetista, una sosta di un'ora in palestra e poi la corsa a casa per preparare il pranzo. Ma prima c'erano le...
Post
12/04/2013 18:29:29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    35

Commenti

  1. tecerco 12 aprile 2013 ore 18:49
    Importantissimo il tuo richiamo a genitori ed a chiunque allevi animali, affinchè siano sempre presenti a se stessi. Il motivo è il rispetto per la vita, soprattutto di chi è così tanto dipendente da noi, come i nostri bimbi ed i nostri amici animali. Molto bella e tenera la tua descrizione dell'inizio della giornata di una mamma. Poi, mi è preso un colpo! Tocca che, prima di leggerti, mi munisco di un ansiolitico, non ci dovessi rimettere le pennine, un giorno di questi....
    Bentornata, Evelinnnnnnnn. Mi dai una grande gioia, nel rileggerti e nel verificare che sei di nuovo tra noi, decisa a farti rispettare da chi non ha una consuetudine al rispetto del prossimo.
    Un abbraccio. :bacio :rosa
  2. Semper.Volant 12 aprile 2013 ore 19:13
    Buona serata, ho letto con vivo interesse il tuo post, sicuramente sono fatti accaduti che hanno lasciato il segno, sia nei diretti interessati che in noi che li abbiamo letti solo sui giornali. Sono fatti tristissimi, hai quali non ci si può mai abituare e per i quali l'attenzione deve essere alta. Leggendo questo post mi è ora più chiaro il concetto che hai espresso in quello precedente. Ti auguro un buon fine settimana. :-) :bye
  3. giac.omino 12 aprile 2013 ore 19:17
    buona serata Evelin lettura interessante complimenti :rosa
  4. Cicala.SRsiciliana 12 aprile 2013 ore 20:09
    Stavo leggendo con leggerezza e piacevolezza la semplice giornata di una donna comune che pensa a se stessa, alla casa, alla spesa, al pranzo, insomma una donna completa, quando ad un tratto mi si è fermato il respiro. Come farà questa donna a sopravvivere con un dolore così grande, con un senso di colpa che la divorerà. Per la creatura morta tra atroci sofferenze provo un sofferenza e un’angoscia lacerante. Non bisogna mai correre nella vita, perché le stesse cose che si fanno procedendo velocemente, si possono fare ugualmente con parsimonia. Spero che questa donna si faccia aiutare, un peso così grande non lo si può superare da soli, impossibile. Se fosse accaduto a me con il carattere fragile che ho, non ce l’avrei fatta.
    Finalmente sei ritornata Evelin, mi sei mancata, resta per favore…
    Ciao piccola, a presto, Rita :rosa
  5. giosima.re 12 aprile 2013 ore 20:09
    Eccoti...Un abbraccio :rosa
    BUON W.E. :ok
  6. ViolaNeve 12 aprile 2013 ore 20:22
    Una tragedia. Un bimbo che non conoscerà domani e una madre che, oltre al dolore, porterà con sè temo per sempre un senso di colpa devastante. Non so dire se a tutto questo ella riuscirà un giorno a trovare sollievo. Credo sia compito di sensibili e capaci analisti aiutarla a recuperare un minimo di serenità.
    Le cronache degli ultimi anni ci hanno un poco abituati, ed è terribile, a simili avvenimenti. I bambini, i nostri figli, devono essere priorità assoluta. Ad essi, soprattutto quando piccoli ed indifesi, deve andare ogni attenzione. Su di essi deve convergere un Amore senza dimenticanze. Certo anche noi genitori possiamo attraversare periodi difficili nei quali, per vari motivi, ci sentiamo sotto pressione, stanchi, demotivati, un po' esauriti. Allora ricorriamo senza timori e senza vergogne all'aiuto di chi ci vuole bene: nonni, familiari, amici. Magari il nostro medico.
    Proteggiamo i nostri figli.
    E naturalmente occupiamoci sempre con affetto dei nostri amici a quattro zampe. Ci amano disinteressatamente. Sono compagni fedeli e fidati. Diamo loro una vita serena e sicura.

    Ho voluto esserci oggi, Evelin, perchè il tuo ritorno è importante per gli amici veri e per tutti coloro che hanno stima e affetto per te e che da te hanno avuto in ogni circostanza parole buone. Il virtuale è pieno di insidie. Ci "vivono" anche persone, poche per fortuna, che senza alcuno scrupolo morale e con assoluto sprezzo dell'altrui libertà, si comportano in modo da arrecare danni anche gravi. Con tali soggetti, quando l'indifferenza non funziona, quando la tolleranza non serve, quando allontanarli è inutile poichè si ripresentano con altri nick, è BENE, è GIUSTO agire con decisione e durezza. Cito Rousseau, non per spocchia, ma perchè ciò che dice mi pare appropriato: "mon ame est la seule que les hommes ne puissent pas m'oter" (la mia anima è la sola cosa che gli uomini non possono togliermi).
    Bentornata Evelin :rosa :rosa
  7. smemorella65 12 aprile 2013 ore 20:35
    Bentornata Eve...ti aspettavo.Tvb. :bacio...........( non riesco a commentare)Sono felice per te se la persona che ti assediava si sia cancellata,no so al momento se sia colei che credo io,ma penso di si. :-)
  8. giusi62 12 aprile 2013 ore 20:41
    :clap Bentornata eve che piacere leggerti nu vas ti mando
    mi spiace che hai avuto problemi meno male si sono :bacio risolti
  9. 69leone69 12 aprile 2013 ore 20:42
    Ciao e Bentornata :clap :rosa In primis, concordo con Te per il tema del Post, cerchiamo di non farci prendere totalmente dai marasmi della Vita stressante della quotidianità e fermiamoci ogni tanto a riflettere. Per il discorso dello stalking, nessuno ha o deve avere la presunzione di comandare o permettersi di giudicare altri, ma prima di tutto deve giudicae se stesso/a. Sono felice di rivederti qui :clap Dolce serata e Felice week-end :rosa
  10. dolcecarrie 12 aprile 2013 ore 20:53
    Speriamo che non accada mai più!
    Poi speriamo che i disturbatori vadano altrove.
    Dolce serata :rosa :bye
  11. cortana1965 12 aprile 2013 ore 22:32
    Evviva sei ritornata , siiiiii , bravissima.
    Baciotto Evelina :rosa
  12. Cicala.SRsiciliana 13 aprile 2013 ore 08:57
    Buona giornata Evelin, grazie per essere tornata tra chi ti apprezza, stima e ti vuole bene, ciao piccola, Rita :rosa

    http://i832.photobucket.com/albums/zz245/orchideablu/buon%20weekend/8fca5e0f-buon-fine-settimana-a-tutti-3.jpg
  13. james54 13 aprile 2013 ore 09:29
    è un vero piacere leggerTi... :clap un sorriso... :bye
  14. Hamsho 13 aprile 2013 ore 10:11
    Negligenza e tragedia si fondono
    in un giorno funesto dove
    l'io prevale su ogni cosa
    passando ...
    sopra ogni cosa.
    Buon dì Evelin.
  15. ultimocirano 13 aprile 2013 ore 13:36
    Siamo tutti bravi a giudicare una persona che sbaglia,ma non sappiamo mai cosa c'è dietro ad ogni sbaglio,nel caso descritto vi è (a mio parere) un ritmo frenetico e stressante che la vita moderna ci impone,non voglio giustificare tale comportamento,vi sono attimi che pensieri e tempo fanno si che la mente subisca uno stop,a volte sono cose banali a volte devastanti e non si ha il controllo per gestirli. Quello che ha subito la piccola creatura credo che sia pari al rimorso e senso di colpa che la mamma porterà con se fino alla fine dei suoi giorni.

    Altro discorso è quello dello stalking,quello che ti è successo (e che continua ad essere in atto) è frequente in qst tipo di contesto,vi sono soggetti che riescono a rientrare in canoni ,diciamo,"normali" e si defilano,altri invece sono proprio malati nel vero senso di parola,non credo che serva uno specialista per capire che quel soggetto che ti assilla è disturbato,e continua a farlo nei modi più disparati,cambiando nik e altro,non parlo a caso ,so quello che dico e ne sono testimone (come sai). In una bacheca scrissi a questo soggetto di fare una cosa utile per se stessa e per gli altri....la corda gliela regalo io !! 8-) :bacio
  16. iopensierino50 13 aprile 2013 ore 14:11
    Felice week end... :rosa
  17. huskygrigio 13 aprile 2013 ore 16:03
    hai stigmatizzato episodi che non dovrebbero accadere e purtroppo accadono.Giustificazioni non ce ne sono ma attenuanti si,come evidenzi nella descrizione fatta poc'anzi. la vita convulsa,il volere chiedere troppo a se stessi,dimenticando che siamo soltanto esseri umani con i limiti ad essi connessi.Ingiustificati totalmente e da punire in modo esemplare,come alcuni casi di cronaca hanno riportato,genitori che vanno alle slot,alle corse dei cavalli,etc. dimenticando figli o animali di compagnia in auto a morire di asfissia.per lo stolking ti sono a fianco e felice dell'impennata d'orgoglio nel rivendicare il diritto alla libertà e all'esercizio del tuo legittimo diritto di non essere molestata da alcuno e ancora meno da una incontinente mentale.Con stima e cordialità grandissima.
  18. Edelvais63 13 aprile 2013 ore 16:03
    Bentornata cara amica...giustizia è fatta..chi esce...finalmente e chi meritatamente... rientra. :clap Un abbraccio..Ros
  19. tontone 13 aprile 2013 ore 18:37
    :rosa :rosa :rosa
  20. dillam58 13 aprile 2013 ore 19:09
    :bacio :bacio :bacio :bacio
  21. Evelin64 14 aprile 2013 ore 19:26
    Questa storia qui narrata è purtroppo simile a tante storie accadute nel mondo, dove purtroppo sono venute a mancare delle vite umane ed animali. Sono accadimenti che devastano la mente, fra l'altro difficili anche da curare, poichè il peso che porteranno nella coscienza è cosi' gravoso da non lasciare spazio al perdono.
    Grazie a tutti per essere intervenuti, e grazie anche per il sostegno morale dimostratemi...Evelin :rosa
  22. Edelvais63 14 aprile 2013 ore 19:28
    Buona serata Evelin..con affetto e vicinanza..Ros :rosa
  23. Cicala.SRsiciliana 14 aprile 2013 ore 19:37
    Grazie a te piccola e buona serata, Rita :rosa
  24. dillam58 14 aprile 2013 ore 19:52
    E vero Evelin la sento un po anche mia. :bacio :bacio
  25. huskygrigio 14 aprile 2013 ore 20:14
    Il perdono ,a chi si pente,ti contraddico,non va mai negato.La punizione è giusta ,ma quando è stata espiata, e la persona si è redenta ,perchè togliergli la speranza.L'umano è imperfetto in tutte le sue manifestazioni,e se c'è il sincero desiderio,di migliorarsi perchè negargli il perdono. ricordi Fra Cristoforo dei -PROMESSI SPOSI- di :A. Manzoni.
  26. Evelin64 14 aprile 2013 ore 20:40
    x Huskygrigio: intendevo il perdono per se' stessi...difficilmente si perdoneranno di aver causato la morte di un loro caro.
    Merci' :rosa
  27. huskygrigio 14 aprile 2013 ore 20:56
    credo che aiutati si perdonano. certamente queste persone sono le più altruiste e dispensatrici di bene,Nella chiesa ,ci sono santi che da errori grandi tipo quelli descritti da te ( simili o più gravi) perdonatisi sono diventate sante. bisogna aiutarli a perdonarsi,facendo sparire il vittimismo.nel letame crescono fiori profumatissimi.Vedi i casi di infanticidio,matricidioetc.etc. ciao.ciao.
  28. Evelin64 14 aprile 2013 ore 20:59
    Ovvio Husky....il mio post riguardava appunto l'aiuto del quale avranno bisogno :-) , e del quale modestamente mi occupo giornalmente.
  29. Elazar 14 aprile 2013 ore 23:20
    Le ragioni del tuo ritorno siano un manifesto, voglio firmarlo
  30. cavaliererrante66 15 aprile 2013 ore 09:49
    Non deve più accadere! solo se al primo posto mettiamo sempre ciò che abbiamo di più caro al mondo ogni volta... fossero i figli, la nostra compagnia/o, oppure noi stessi... :bacio
    Bentornata cara... come l'estate spero di leggerti splendente e radiosa...
    un abbraccio forte
    max :rosa
  31. gattina1950 15 aprile 2013 ore 15:16
    Questo post mi è passato, scusami Evelin, e bentornata.
    Mi spiace per quello che ti è accaduto personalmente, ma hai fatto bene a rivendicare la tua libertà.
    Troppi casi come quello che hai raccontato, troppe cose da fare, troppo stress molte volte fanno fare al cervello un blakout totale.
    Io penso che ci sia bisogno di staccare, di riposarsi, di non accumolare tante cose.
    Scusami ancora, un caro saluto :rosa :fiore :bye
  32. newentry2 15 aprile 2013 ore 22:25
    finalmente Evelin! :kissy alla faccia di chi ti "Perseguita" spero non ritorni più. bel quesito in questo tuo post. fai bene a ricordare ciò, ora con il caldo può succedere e noi dobbiamo avvisare chi di competenza, se ci accorgiamo di qualcosa. grazie che sei ritornata, scrivi sempre cose intelligenti, sensate, e reali, e io ti leggo sempre volentieri. ciao :rosa
  33. astro42 16 aprile 2013 ore 14:22
    Sembra assurdo che possa capitare ciò, ma purtroppo le cronache ogni tanto ce ne parlano. La cura dei figli ha la precedenza su tutti gli altri impegni in particolare sull'estetista e la palestra.....Non so se se ne potrà uscire da questo senso di colpa. Spero che la si possa aiutare in qualche modo.
    Lieta di rileggerti. :rosa
  34. ombromanto05 17 aprile 2013 ore 01:15
    Intanto...bentornata carissima...è un piacere rileggerti. :rosa :rosa
    Avevo intuito che qualcosa non andasse, ed ora che lo hai scritto ne ho avuto la conferma.
    Purtroppo, ahimè, il virtuale è anche questo, e bisogna mettere in conto che si possono incontrare persona senza morale, senza dignità, senza rispetto per gli altri, ma prima di tutto per se stessi.
    Perchè chi si comporta nel modo che tu hai descritto manca in primis di rispetto verso se stesso e la sua natura di essere umano, dotato di anima, cuore e cervello.
    Fortunatamente questi sono solo incontri passeggeri, e come come arrivan vanno via, ma indubbiamente, e a dir poco, fastidiosi. Bene hai fatto a non rispondere, perchè qualunque parola spesa verso costoro non solo sarebbe stata inutile, ma gli avrebbe dato quella importanza che invece non meritano :-))

    Per quanto riguarda il post, è un giusto e comprensibile richiamo all'attenzione da parte di chi ha delle responsabilità verso altri.
    Il marasma della quotidianità non deve mai e poi mai distrarci da quelle che invece sono le nostre priorità.
    Speriamo che ora, con l'arrivo della stagione calda, non si ripetano scene come quella che tu hai descritto, perchè con la vita non si scherza.
    Ed in particolar modo con quella degli altri.

    Un grande abbraccio cara Eve, e buona serata. :-))
    E bentornata ancora :cuore :cuore
  35. Evelin64 17 aprile 2013 ore 08:11
    x Elazar: firma pure, ogni sostegno morale è importante :-) merci' :rosa

    x Cavaliereerrante: non DEVE piu' accadere, hai ragione....merci' :rosa

    x Gattina: grazie cara, certe volte anche il silenzio fa rumore :rosa

    x Newentry: Ben tornato anche a te Enzo :-) merci' :rosa

    x Astro: sicuramente sarà per lei un percorso irto di ostacoli, dove il dolore non darà spazio alla rassegnazione. merci' cara :rosa

    x Ombromanto: grazie Giu', ho scelto il silenzio per non dar modo ad altri di interferire, sperando che il soggetto capisse che il rispetto per il prossimo è indispensabile in ogni caso! merci'
  36. malenaRM 17 aprile 2013 ore 18:48
    Conta anche la mia, di firma, Evelin.
    Quanto al post, perdonami, ma non riesco ad essere indulgente né propositiva di fronte a questo tipo di errore.
    Ci sono priorità imprescindibili e i "ritmi frenetici" non si creano da soli.
    Avere un figlio, significa che la priorità diventa una soltanto.
    Bentornata
    :rosa
  37. Evelin64 17 aprile 2013 ore 18:52
    x Malena: grazie per il sostegno :rosa
    In realtà occorre superare l'indulgenza, poichè non basterà una vita per perdonarsi di una simile tragedia. Il bisogno di aiuto diventa indispensabile in simili casi, e se non si supera l'indulgenza, non si puo' neanche iniziare un percorso di recupero. Merci' cara :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.