...pazienza (in)finita...

29 settembre 2013 ore 10:01 segnala
Mi sono accorta dal modo in cui hai aperto la porta, che ormai sei giunta ai tuoi limiti. Sapevo che la tua pazienza arrivava a dei livelli altissimi, nei quali riuscivi a giustificare persino l'ipocrisia, ma sapevo anche che un bel giorno avresti sbattuto la porta in faccia all'ennesimo tentativo di approfittarsi della tua bontà. Hai subito tanto, è vero, ne sono consapevole e addirittura mi chiedevo come facessi a restare calma dopo che si arrivo' a speculare sul tuo dolore. Te lo chiesi, cercando le parole adatte per non aggiungere ulteriore sale sulle tue ferite. La tua risposta fu di quelle che fanno riflettere, poichè usasti parole di comprensione per quell'individuo che ti mise sulla gogna. Dicesti che lo capivi, avendo egli compreso che non aveva altri argomenti su di te, che potesse arrivare ad attaccarsi alle illazioni. Fece della tua persona un pacchetto di stracci, lo diede in pasto ai suoi simili e dopo affondo' il coltello nella piaga, piu' e piu' volte, fino ad esasperarti, inevitabilmente. Ma anche in quell'occasione hai taciuto, non sei andata alla fonte per prenderti il diritto di difenderti. Hai lasciato correre cio' che di te si diceva, sapendo fra l'altro che chi appoggiava il soggetto che ti calunniava, era solo solidale, miserabile si', ma comunque solidale con colui che evidentemente attirava simpatie. In quei momenti la tua pazienza tocco' il limite forse, ma non eri ancora pronta ad arginare il dolore, per cui, senza infierire a tua volta, facendo pensare ad una vendetta o ad una rabbia interiore, hai lasciato per l'ennesima volta che si parlasse di te in modo denigratorio. Altri compagni del soggetto principale, arrivarono a giudicarti per la professione, per il sacrosanto tuo diritto di mantenere la privacy su cio' che concerne la tua vita privata, addebitandoti fra l'altro che usavi mezzucci infantili, quali fingerti diversa, per alimentare ulteriore rancore nelle persone che di te in realtà avevano timore. Ne riconoscevano la correttezza, ma proprio per questo si affidavano alle illazioni, per renderti meno credibile e quindi emarginarti fino al punto che terzi si assumevano il diritto di punire te e chi ti stava accanto.
Oggi la tua pazienza è finita, è giunta a limiti invalicabili, accettando di doverti difendere da persone che a te hanno sempre e solo chiesto attenzione. Tu dal canto tuo non hai mai chiesto nulla a nessuno, ma anche questo tuo comportamento è stato rivoltato, come una frittata, a favore di quelli che non hanno mai capito che dentro di te non vi era mai rabbia o rancore, semmai solo correttezza, pazienza infinita ed alcun pregiudizio, mai. Non hai mai giudicato a priori tu, sapendo perfettamente che per asserire qualcosa si ha bisogno di fatti e non di supposizioni, per cui nel rispetto della tua dignità di persona, personalmente ti riconosco un alto grado di comprensione umana. Resta cosi', con la tua bontà interiore, non lasciarti annientare dal livore che altri hanno nei tuoi confronti, poichè non saresti la persona che hai dimostrato di essere, in tutti questi anni di incontri e scontri virtuali...
cd837a67-fedd-44c8-bdbd-f45f2af29530
Mi sono accorta dal modo in cui hai aperto la porta, che ormai sei giunta ai tuoi limiti. Sapevo che la tua pazienza arrivava a dei livelli altissimi, nei quali riuscivi a giustificare persino l'ipocrisia, ma sapevo anche che un bel giorno avresti sbattuto la porta in faccia all'ennesimo tentativo...
Post
29/09/2013 10:01:21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    18

Commenti

  1. giusi62 29 settembre 2013 ore 10:35
    Buona domenica,credo che qui
    dentro non andrà mai
    bene nessun comportamento,
    comunque sia si viene sparlati :bacio
  2. adultocatanese 29 settembre 2013 ore 11:06
    Se vuoi dare un cambiamento al tuo di intendere la chat, parliamone.....
  3. malenaRM 29 settembre 2013 ore 11:28
    Nel virtuale mancano sempre i parametri per stabilire chi abbia ragione e chi torto: si va comunque a tentoni, rischiando sonore batoste se ci si fa coinvolgere troppo.
    :rosa
  4. GLARUS1955 29 settembre 2013 ore 12:40
    Capisco come ci si senta (sta succedendo anche a me) :-( Lascia che le persone ingiuste e cattive affondino nella propria palude, altro non faranno che indebolirsi e impoverirsi, perchè non sanno quanto siano terribili le leggi nei confronti di chi è servo del successo, del potere, dell'invidia.

    Evelin, continua a rimanere la bella persona che 6 :fiore

    « Fama di loro il mondo esser non lassa ;
    misericordia e giustizia li sdegna :
    non ragioniam di lor, ma guarda e passa »


    by Dorian
  5. Evelin64 29 settembre 2013 ore 13:55
    x Giusy: per fortuna non tutti sono cosi'..c'è anche chi si rende conto di aver sbagliato e chiede scusa :rosa facendo cosi' finire una diatriba che non ha ragione di essere, se non in privato!

    x Adultocatanese: la chat per me è motivo di svago. altro non concedo piu' ormai... poichè andando anche un po' sul personale, poi si credono in diritto di giudicare il tuo operato, facendo esclusivamente illazioni, riguardo le proprie aspettative!
    Credo che l'amicizia virtuale, considerandola appunto come tale, vada al di sopra dei giudizi sommari, poichè effettivamente viene meno la realtà delle vite altrui.

    x Malena: il virtuale dovrebbe avvicinare le persone in realtà, cosa che credo sia lecita ed indispensabile per argomentare in modo costruttivo cio' che ne è la funzione, ma vi sono individui che per il solo fatto che una scriva un post metaforico per esempio, si sentano talmente colpiti, da inventarsi tante di quelle menzogne da far invida a Pinocchio! A me sinceramente non interessa quel tipo di "atto dovuto", poichè esso dimostra solo una immensa ipocrisia! Grazie Malena, ho colto cio' che si celava fra le righe :-)

    x Glarus: mi spiace se anche tu devi passare attraverso le cattiverie altrui, quando poi sarebbe auspicabile che delle persone mature parlino fra di loro senza coinvolgere terzi, questi ultimi colpevoli unicamente di aver dato spazio ad un'amicizia virtuale. Restero' certamente cio' che sono, per il motivo che non ho davvero nulla da rimproverarmi...anche se un soggetto ha fatto di tutto per mettermi allo sbando...non cado in simili trappole, dalla mia parte ho la coscienza pulita, dignità e sincerità....altro non serve per venire giudicati a priori :-)
  6. ViolaNeve 29 settembre 2013 ore 14:00
    Leggo. So naturalmente. E verità furono già scritte. Da te, da me. Poi chiudemmo, chiudesti la porta. L'egli, appoggiato da ella, continuò. Con le illazioni e talvolta con meschini attacchi al personale. Fu l'unica volta in cui reagimmo ed io, lo dico apertamente, con molta durezza: i nostri cognomi, i nostri paesi, i nostri ex mariti, i nostri figli. Intoccabili e assolutamente estranei a chatta. Privato. Lo staff giustamente intervenne.
    Comprendo il rifiuto di tutto questo livore. Ma il livore che qualcuno prova e nel quale continua a macerare se stesso forse è il suo castigo. E mi chiedo: un blog vale tanto? Tante energie, tanto tempo speso a studiare mosse e contromosse, tanta spazzatura buttata oltre il proprio steccato? Ho la risposta: no. Chi lo fa non vive che di questo. Che malinconia.
    Son qui per dire dimentica. La maggior parte di coloro che lessero e che oggi leggeranno, usciti da qui alzeranno le spalle e non ci penseranno più. Credo sia naturale, ognuno ha la propria vita e come dice Malena, giustamente, nel virtuale si va a tentoni e mai si hanno certezze. Anche la nostra vita è continuata. Qui e soprattutto nel reale e di consensi d'altrui, o complimenti o appoggi o....non c'è bisogno. Io non ne sento il bisogno. Siamo noi. Noi sappiamo. Chi ci ama sa. Tutto il resto pian piano viene sepolto dal tempo che inesorabile passa fino a non contare più nulla.

    Non aprire la porta. Con serenità lasciala chiusa e se dietro trame miserabili continuano, fregatene. Vai avanti, perché essere te stessa come sempre sei stata, buona leale sincera dignitosa, alla fine paga e comunque è la tua ricchezza :rosa :rosa
  7. Evelin64 29 settembre 2013 ore 14:34
    x Viola: forse dovrei spiegare il motivo della nascita di questo post, poichè ritengo sia corretto nei confronti di chi inconsapevolmente è stato coinvolto. Tu sai, come lo sanno altri, che all'origine di questo "fatto" ci fu un mio post metaforico, il quale suscito' le successive, quanto ignobili "mosse" dei colpiti dalla coda di paglia. Ma tutto cio' io l'avevo messo nel dimenticatoio, solo che negli ultimi giorni, mi son vista "giudicata" da persone che non c'entravano e non c'entrano nulla con cio' che successe allora. Bene, in questo caso la mia pazienza è davvero finita, poichè non permetto a persone sconosciute di farsi dei giudizi sulla mia e tua persona, Viola cara, per il solo fatto che son amici di "sappiamo chi". Si sentono in diritto di dubitare di me, della mia professione, della tua figura di donna simile a me ma comunque diversa....per quale scopo? Cosa gliene viene a queste persone, appollaiate li' alla ricerca di attenzioni altrui? Che pensino alla loro di vita, alle loro di posizioni nel sociale e nel virtuale, e che lascino fuori me e chi mi sta' vicino! Per il resto, non ho intenzione di riaprire la porta a chi ha speculato su di un mio dolore, sapendomi disperata e confortandomi, ai tempi, con immensa ipocrisia!
    Riguardo alle nostre di vite mia cara, non abbiamo di certo bisogno di conferme; esse ci giungono ogni giorno attraverso gli abbracci morali di chi ci ama veramente :-)
    Colui che ha solo il blog come punto di riferimento della sua vita, vuota di altro, faccia pure il suo percorso come meglio crede, ma spero che arrivi quel giorno in cui capirà di aver ampiamente esagerato con il suo fare, dandosi piu' volte la zappa sui piedi. Amen!
  8. ViolaNeve 29 settembre 2013 ore 15:02
    Allora, vadano a quel paese. Se parlano tanto di altre, a loro totalmente sconosciute, e le giudicano significa che 1- hanno qualcosa da nascondere su se stesse 2- conducono una vita grama e si distraggono stando qui ad argomentare sul niente.
    Amen!
  9. abacogreco 29 settembre 2013 ore 18:00
    Contro le infamie della vita le armi migliori sono ilcoraggio, l'ostinazione e la pazienza. Il coraggio fortifica, l'ostinazione diverte e la pazienza dà pace.
    Hermann Hesse, Lettere 1895-1962 (postumo 1973-1986)

    Questa citazione mi sembra adatta per lodarti e adatta come avvertimento al miserabile,si miserabile perche è di miseria umana che si parla,ho elementi per farmi un'idea di come possa essere tale individuo,ma non riesco proprio a capire come possa arrivare a tanto per un semplice blog (che fra l'altro non è un granchè) . Mia cara,ho come la sensazione che i suoi post siano un modo come un'altro per attirare l'attenzione che non ha mai avuto ,se non chiedendo esplicitamente commenti e "mi piace" e poi diciamolo,alle volte nemmeno il traduttore di Google non ce la fa a decifrare quei suoi pseudo-dialoghi,o forse siamo troppo retrogradi noi? Mhà...mi auguro che si renda conto che è ora di finirla,alle volte si vince o si perde,dipende come si giocano le proprie carte,mi sento di suggerire di scrivere com'è capace,di non strafare,e che commenti e consensi non si chiedono per educazione,umiltà ed educazione potrebbero portare ad una stima verace ed esserne orgoglioso di chiamarsi "uomo". Un grosso
    :bacio
  10. dolce.foryou 29 settembre 2013 ore 23:04
    Attraverso un monitor sono tutti bravi :fiore
  11. dolcecarrie 29 settembre 2013 ore 23:38
    Un saluto buona notte Eve
    e buon inizio settimana :fiore
  12. Evelin64 30 settembre 2013 ore 06:43
    x Abaco: si tratta di un immorale in effetti, per cui difficile pensare che possa arrivare a capire che non si passa sui sentimenti delle persone. Comunque sia, se per lui è cosi' importante il suo blog, forse dovremmo unirci ed aiutarlo ad arrivare al traguardo...magari cosi' la smette di infangare le persone per proprio tornaconto! Ne ha scritte tante anche di te, ma forse ti aspetta al varco per misurarsi con la forza fisica, visto che anche a te l'intelletto non manca! ;-)

    x dolceforyou: Certo, tutti bravi e corretti....ma c'è anche chi fa perdere la pazienza ad un Santo, credimi! ;-)

    x dolcecarrie: buon inizio settimana anche a te cara.. :rosa
  13. cavaliererrante66 30 settembre 2013 ore 17:34
    La pazienza... c'è chi dice sia una virtù.... :-)
    Buona settimana cara.. :rosa
  14. allbrain68 30 settembre 2013 ore 18:15
    ancora una volta vittime di uno scontro virtuale che non ha leggi ma solo padroni.

    Buon inizio di settimana amica mia...Paolo:)
  15. Evelin64 01 ottobre 2013 ore 06:36
    x Cavalliereerrante: si', è una virtu', una fra le piu' importanti nei rapporti interpersonali :-)

    x Allbrain: sai Paolo, in realtà il virtuale arriva ad acutizzare i caratteri labili, ci son persone che fanno di tutto per accattivarti, ma che poi, al primo diniego ti si rivoltano contro. Non son capaci di razionalizzare i propri comportamenti, andando a pescare nel torbido, sperando di uscirne puliti. Ma la gente non è stupida, le dimostrazioni sono sotto gli occhi di tutti, di quanto questo soggetto, secondo me anche ridicolo, abbia perso terreno man mano che si arrampicava sugli specchi. Ma tant'è....che giunga al suo traguardo e bon...chissenefrega!!

    Buon inizio settimana a tutti..Evelin :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.