...polvere di ricordi...

11 febbraio 2014 ore 09:17 segnala
Eri seduto su quella panchina nel parco dei tuoi pensieri, intento ad aspettare di rivedere il tuo sogno. Un cammino insieme a lei, mano nella mano lungo le sponde del destino. Innumerevoli gesti a raccontare l'affetto che vi legava, erano come collante indelebile per le vostre anime sempre unite. Avete dato vita ai vostri figli, avete dato valori alle vostre vite, senza fermarvi mai a chiedere di piu'. Una famiglia unita, cresciuta ai margini di una società che non vi integrava, ma con una grande dignità che vi distingueva in quella voragine di discriminazione. Giorno dopo giorno si schiariva il colore della pelle, lasciando quel grigio spento a dei volti ancora sereni.
Lei ha intrapreso il suo ultimo viaggio e tu non hai potuto accompagnarla, pero' hai fatto del suo desiderio la tua sosta su quella panchina. Desiderava che le sue ceneri venissero sparse su di un viale, in modo che tu calpestandole potessi lasciare li' delle orme. Il vento solleva le polveri che tu dalla tua panchina puoi osservare nell'arcobaleno di quell'amore che vi ha uniti per tanti anni. Piccole particelle di pensieri che colorano il tramonto della vita. Una scia di luce in quell' ultimo cammino terreno, dove lei ti ha lasciato solo su quella panchina, ma nelle tue lacrime che solcano il viso, c'è ancora lei a stringerti il cuore, quel cuore che ha saputo contenere un amore immenso, l'amore assoluto....
Non hanno colore i sogni, non hanno dolore, bisogna forse saperli spolverare di tanto in tanto, facendo attenzione alle orme lasciate da un amore indelebile.

...e sarà amore se amore hai dentro di te... :cuore
d10dc139-5b93-4c81-9f9e-652c66030fb3
Eri seduto su quella panchina nel parco dei tuoi pensieri, intento ad aspettare di rivedere il tuo sogno. Un cammino insieme a lei, mano nella mano lungo le sponde del destino. Innumerevoli gesti a raccontare l'affetto che vi legava, erano come collante indelebile per le vostre anime sempre unite....
Post
11/02/2014 09:17:49
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    26

Commenti

  1. ViolaNeve 11 febbraio 2014 ore 10:35
    Esistono amori così. Riempiono la vita e varcano i confini della vita stessa. E quando uno dei due se ne va creano sì una voragine di tristezza in chi resta, ma seppur non fisicamente, continua a vivere dentro legando indissolubilmente le anime. Lui lo sa e quella panchina è il luogo in cui ogni volta la ritrova e le sue lacrime sono parole: "aspettami, verrò".
    Esistono. Ed esiste l'amore. Quello scevro da egoismi. Quello che permette, insieme, di superare gli ostacoli, le difficoltà, persino l'indifferenza o addirittura la cattiveria altrui che relega in un angolo pieno di ombre, non sapendo che in quell'angolo, comunque, v'è una luce che spazza via ogni dolore e che sopravviverà persino alla morte.
    :rosa
  2. allbrain68 11 febbraio 2014 ore 12:08
    Un amore vero, che su quella panchina lui rivivrà ogni giorno nella certezza che prima o poi saranno di nuovo insieme felici l'uno accanto all'altra.... :rosa
  3. patty1953 11 febbraio 2014 ore 13:02
    e sarà amore se amore hai dentro di te..

    Ci sono amori che, pur separati dagli eventi della vita, si ritrovano sempre perchè legati indissolubilmente, possono volare solo insieme, insieme hanno un paio d'ali.
    E quelli ali resteranno per sempre, sono le ali dell'amore che li ha uniti al di la di ogni cosa, di ogni evento, veramente un amore assoluto, puro, solo certe anime lo riconoscono e lo vivono. Buona giornata Patrizia :rosa
  4. isabel.diGio 11 febbraio 2014 ore 13:07
    Ciao Evelin cosa dirTi....Tu lo sai già....lo sto viveno..una sola cosa egoisticamente purtroppo desidero....di non sopravvivere a Lui....non credo proprio di farcela....ad aspettare su quella panchina ;-(
  5. Cicala.SRsiciliana 11 febbraio 2014 ore 14:16
    Esistono amori così grandi in cui corpo e anima si fondono in una cosa sola. Sono legami indissolubili che vanno oltre la vita. Basta pensare a Giulietta Masina e a Sandra Mondaini e come loro quanti uomini e quante donne!
    Morta l’anima del compagno di viaggio, muore anche quella dei consorti. Nonostante le amabili compagnie e l’aiuto amorevole delle persone che non li hanno mai lasciati soli, essi si cibavano solo di ricordi inscindibili di un amore senza confini. Fin quando quel muscolo involontario batteva, il loro corpo vegetava, ma quando il cuore stesso, mosso a compassione, non ha più opposto resistenza, la loro energia è venuta meno e felici come tanti aquiloni si sono alzati sempre più in alto, laddove una mano tesa, era pronta ad aspettarli per continuare a vivere insieme in un’anima sola ,in una vita, oltre la vita. Incantevole post! Ti abbraccio, Rita :bye :rosa
  6. malenaRM 11 febbraio 2014 ore 17:42
    L'amore che continua oltre la morte è il più totale che si possa immaginare e non esiste solo nelle poesie: alcuni privilegiati lo costruiscono e lo vivono.
    :rosa
  7. charlyzx 11 febbraio 2014 ore 19:09
    .....................
  8. antioco1 11 febbraio 2014 ore 19:23
    se hai amore dentro sarà amore: molto bello questo passaggio è un piacere leggerti sul blog , ciao Ale
  9. serenella21 11 febbraio 2014 ore 21:10
    amori cosi veri ke nemmeno la morte puo' separare
    amori ke danno senso a tutta una vita
    buona serata:staff
  10. gppsol 11 febbraio 2014 ore 21:45
    Storia bellissima e di una dolcezza struggente. Ci fa solo desiderare che l'amore divenga il nutrimento quotidiano di tutti.
  11. isabel.diGio 12 febbraio 2014 ore 07:19
    :rosa :fiore
  12. abacogreco 12 febbraio 2014 ore 12:45
    Mia cara,raramente le nostre idee si contrastano,questa è una di quelle rare volte.
    Non sono daccordo che i sogni non hanno colore ne dolore,i miei sono pigmentati,imbrattati,sono l'espressione verace di una tavolozza,ho anche quelli che stimolano sensazioni di dolore,sono quelli più intensi,quelli che fanno più male ma sono i soli che mi permettono di vivere la realtà,di stare con i piedi per terra,io,eterno Peter Pan. I sogni non sono tutto ma sono "molto". Dici bene quando ti riferisci allo spolvero attento,le orme di un'amore vissuto non spariscono ed è pericoloso....molto pericoloso sottovalutare l'emozione che emanano. ;-)
  13. Evelin64 12 febbraio 2014 ore 20:04
    L'amore assoluto non conosce egoismi, non vive di aspettative ed è senz'altro un amore che vive oltre i propri desideri o sogni. Nel caso dei protagonisti, è stato un amore di quelli che non hanno mai conosciuto "io e te", ma sempre e solo "noi" :-)
    Grazie a tutti...Evelin :rosa
  14. patty1953 12 febbraio 2014 ore 20:09
    Nel caso dei protagonisti, è stato un amore di quelli che non hanno mai conosciuto "io e te", ma sempre e solo "noi


    Questo è per me il vero amore, ma non nasce dal nulla è una strada che si percorre in due, da soli non si va molto lontano una rimane indietro. Anche se ho 60 anni, spero di poterlo incontrare, forse rimarrà solo un sogno, ma come dico io io ci credo e voi? Buona serata Evelin :bye :-)
  15. sinceropreciso 16 agosto 2016 ore 02:25
    Quando due si amano ed uno dei due parte per il viaggio senza ritorno, lascia senza dubbio un vuoto incolmabile che stringe il cuore della persona che rimane come in una morsa che certe volte la impedisce di vivere. Quando mio padre andò via, era sotto gli occhi di tutti che il desiderio di mamma era quello di seguirlo nel viaggio senza ritorno. Lo seguì a dieci mesi di distanza. Chissà se l'ischemia cerebrale la stroncò a causa dei forti pensieri rivolti al suo compagno di vita?

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.